USA : Mantenere il caos mondiale = califfato mondiale

0
1606

Il Medio Oriente è in fiamme con uno Stato assente, una nuova ferocissima ondata dei jihadisti salafiti – Libia, Iraq, Siria, Yemen si sta rapidamente riaccendendo in Afghanistan, infiammando l’Asia centrale, la Cecenia della Russia, della Cina Xinjiang, sud-est asiatico e anche la Corea del Sud.

Questa settimana, la Corea del Sud ha ricevuto minacce di attentati da un gruppo collegato allo Stato Islamico (IS) che voleva far saltare in aria un negozio vicino COEX, un grande complesso commerciale nel ricco quartiere di Gangnam di Seoul. Nel mese di aprile, viene attaccato nella Corea del Sud l’ambasciata della Libia uccidendo almeno due persone.

Sembra che il contagio negativo degli US – sponsor di cambiamenti di regime – nel Medio Oriente, autorizzando il sorgere dello jihadismo  salafita, sta facendo perno ad est e destabilizzando l’Asia.
Dopo un anno di guida Usa nella campagna anti-IS, il califfato islamico è sempre più forte e in marcia, distruggendo il vecchio ordine mondiale e stabilendone uno nuovo con l’appoggio implicito dell’Arabia Saudita, Qatar, e soprattutto della Turchia di Erdogan.

La Turchia ha tenuto le elezioni il 1 ° novembre, un giornalista pro-AKP ha anche affermato che con un nuovo sistema presidenziale, Erdogan sarebbe “califfo” dei musulmani sunniti in tutto il mondo, con il  nuovo palazzo presidenziale da 1005 stanze che ospita “i rappresentanti di nazioni sotto il califfato “.

Distratto da un zuppa alfabetica di diversi gruppi jihadisti salafiti come :

  •  Al Qaeda in Iraq (IS),
  • Al Qaeda in Siria (Al Nusra),
  • Al Qaeda nella Penisola Arabica (AQAP),
  • Al Qaeda in Nord Africa (AQIM),
  • Al Qaeda nelle Filippine (Abu Sayyaf),
  • Al Qaeda in Cina (Turkestan Islamic Party),
  • Boko Haram,
  • Taiban,
  • rete Haqqani

e così via,  cercando di separare “buoni terroristi” da “cattivi terroristi”, Washington è accecata da il fatto che alla fine essi condividono lo stesso fine di stabilire un califfato globale sotto la Sharia, solo diversa nei mezzi e la velocità per raggiungere l’obiettivo.

Scrivendo sul Wall Street Journal, Henry Kissinger ha avvertito che  “mirano a sostituire la molteplicità del sistema internazionale di Stati con un califfato, un unico impero islamico di diritto della Sharia”.

Come tale, ha sostenuto “la distruzione di IS è più urgente che il rovesciamento di Bashar Assad, che ha già perso oltre la metà del territorio che controllava nel passato.
Fare in modo che questo territorio non diventi un rifugio permanente per terroristi  deve avere la precedenza. ”

Tuttavia, i suoi avvertimenti sembrano cadere nel vuoto nell’amministrazione Obama, con il segretario Kerry continua a convergere con la linea Sauditi / Qatar / Turchia di un mandato di cambiamento di regime perchè “Assad deve andare” (e sostituito dai loro estremisti islamici), piuttosto che un mandato antiterrorismo con la priorità alla lotta contro IS e altri jihadisti salafiti per ripristinare la stabilità regionale.

Jihad esportazione ‘anti-IS alleati di Obama

Non è sorprendente che l’IS e altri jihadisti salafiti in Siria e altrove stanno rapidamente diffondendosi come il virus Ebola, dato che le autocrazie arabe che beneficiano degli aiuti stanno aumentando ed ora sono nella coalizione anti-IS  di Obama . ”

Scrivendo nel 2014, lo stratega indiano professor Brahma Chellaney dal centro for Policy Research ha notato come il Qatar e l’Arabia Saudita versando armi e fondi per gli estremisti sunniti in Siria alla fine hanno creato un terreno fertile che ha generato l’IS.

Questo modello nefasto di sostenere jihadisti violenti è ulteriormente dimostrato dal  rafforzamento dei talebani afghani, che hanno accelerato la trasformazione della Libia in uno stato fallito tramite lo sviluppo di una milizia islamica ed il Qatar che con il suo dispiegamento, di nascosto, di truppe  all’interno della Libia nella campagna 2011 per cacciare Gheddafi.

Constatato che i Sauditi / Qatar / Turchia – hanno appoggiato i ‘ribelli siriani’ che non sono nemmeno siriani; il servizio di intelligence tedesco BND stima che il 95% dei combattenti sono pagati – mercenari stranieri.
Assurdo solo pensarlo ma sembra un fatto che l’amministrazione Obama abbia aderito come una forza mercenaria per promuovere Doha / Ankara / Riyadh nell’agenda regionale.

Riyadh e Ankara son ossessionati dal soppiantare l’autocrazia laica della Siria con un estremista teocrazia islamica sotto il loro controllo – nel 2013 il Regno ha inviato più di 1.200 condannati a morte provenienti da Yemen, Sudan, Giordania, Somalia, Afghanistan, Pakistan, Iraq, Kuwait, e Arabia Saudita per condurre la jihad siriana.

Recenti rapporti da due deputati  nel parlamento turco confermano testimonianze precedenti cheil famigerato attacco al gas sarin a Ghouta era una bandiera falsa orchestrata dai servizi segreti turchi, disposti a commettere un crimine di guerra e sacrificare 1.300 civili innocenti per pungolare Stati Uniti in guerra siriana per rovesciare Assad.

Chellaney è stato ulteriormente castigato della coalizione anti-Assad nel tentativo di distinguere tra ‘moderati’ e jihadisti ‘radicali “, perchè ” il termine’ jihadisti moderati “è un ossimoro:. Quelli che fanno la jihad con la pistola non possono mai essere moderati”

Infatti questi terroristi “buoni” infestati di stranieri / contraffazione dei “ribelli siriani” hanno mostrato lo stesso livello di barbarie dell’ IS e sono fatti della stessa stoffa jihadista.
Uno degli eventi più disgustosi è stato il video nel 2013 di un comandante ribelle che fa un atto di cannibalismo mangiando l’organo di un soldato siriano morto.
Ahimè, è un’ironia contorta che l’amministrazione Obama voglia imporre il controllo delle armi negli Stati Uniti e mettere le pistole lontane dai cittadini americani, ma armare questi barbari cannibali in Siria è perfettamente funzionale!!!

Si tratta di una minaccia non solo per la Russia che è entrato nella guerra siriana, ma anche a Cina e India.

Siria: Frontline contro il terrorismo

In un recente articolo dell’Huffington Post, l’ex agente MI-6 Alastair Crooke ha sostenuto che la Russia considera la Siria come la sua prima linea contro un domino da erodere e gli jihadisti coloro che infestano gli  stati vicini alla Russia.

A meno che IS ei suoi alleati wahabiti vengano arrestati con decisione, la Russia teme una ripetizione del 1980, quando radicali jihadisti wahhabiti in Afghanistan, infiammati dalla CIA e sauditi, sono stati utilizzati nella rivolta cecena per indebolire la Russia.

Questa minaccia è altrettanto condivisa dalla Cina con la sua insurrezione a Xinjiang, e ulteriormente rafforzata da un articolo del febbraio 2014  sulla rivista Proceeding della US Naval Institute.

Nell’articolo intitolato ‘Prevenire il Drago’, l’autore, un comandante di marina in pensione, ha proposto l’invio di forze operative speciali per armare le minoranze cinesi recalcitranti nello Xinjiang e del Tibet in un momento in cui Pechino è affetto dai suoi peggiori attacchi terroristici da parte di militanti uiguri.

L’autore ha inoltre proposto la posa di mine subacquee offensive lungo la costa della Cina per chiudere i principali porti della Cina e distruggere le sue linee marittime di comunicazione, creando un ulteriore sfiducia nella corrente Sino-US dallo stallo militare nel Mar Cinese Meridionale, con il comandante navale cinese ammiraglio Wu Shengli che ha avvertito gli omologhi statunitensi che un piccolo incidente potrebbe innescare la guerra se gli Stati Uniti non si fermano con i loro “atti provocatori” di posizionamento delle navi da guerralungo le vie navigabili contestate della regione.

A torto oa ragione, Beijing percepisce questo come parte integrante della strategia degli Stati Uniti per circondare e contenere l’ascesa cinese, breando un bordo sul  suo fianco orientale attraverso alleanze di difesa nel Pacifico occidentale e destabilizzando il suo fianco occidentale in Eurasia centrale con rivoluzioni e movimenti separatisti.

E quando Pechino vede Washington appoggiare Turchia / Qatar /Sauditi armando e finanziando migliaia di militanti anti-cinese Uyghur in Siria “gruppi ribelli”, questo “scoraggiare il drago” crea una combinazione di rischi di escalation in un conflitto militare tra Pechino e Washington.

L’India  partener strategico degli Stati Uniti condivide seri sospettic sul sostegno di Washington verso gli alleati wahhabiti.
Chellaney da un punto di vista, vede il supporto degli US agli estremisti wahabiti come un contribuito al problema del terrorismo in India, dando  “finanziando con miliardi di dollari di aiuti militari della CIA  i ribelli afghani nel 1980,  sono stati dirottatei dal  Pakistan Inter-Services Intelligence (ISIS ) per attivare le insurrezioni nel Kashmir indiano e del Punjab … eppure, paradossalmente, gli Stati Uniti avevano utilizzato l’antiterrorismo come uno strumento fondamentale per costruire un partenariato strategico con l’India. ”

Infatti Delhi ora lancia l’allarme sul wahabismo saudita-sponsorizzato a dominare l’India.

In un riesame della difesa indiana , il generale in pensione Afsir Karim ha espresso il timore che i sauditi wahhabiti stanno cercando di esercitare il dominio su altri filoni dell’Islam (sufi , sciiti, etc.) pompando milioni di petrodollari in madrase e moschee per propagare la teologia wahhabita che “nessuno al di fuori della setta wahhabita è un eretico e brucerà all’inferno”.

Questa dottrina saudita di intolleranza e violenza sta polarizzando la società indiana e radicalizzando i suoi musulmani, le poiezioni del Pew Research evidenzia che sarà la più grande popolazione musulmana al mondo entro il 2050 superando anche l’Indonesia, e aprendo la strada al costante reclutamento in India.

Di fronte all’invasione dell’ IS e de radicali dell’islam dell’Eurasia che stanno destabilizzando la Russia, la Cina e l’India, tutte e tre le parti interessate dovrebbero essere inclusi nei futuri colloqui su Siria.

Dato che la lotta contro IS è l’unificatore delle grandi potenze, mentre il cambio di regime siriano è il divisore, gli Stati Uniti dovrebbero ricalibrare la sua strategia sunnita wahhabita e iniziare a lavorare con le altre parti leggittimamente interessate nel Medio Oriente per contrastare l’estremismo islamico.

In assenza di questo, sarà doveroso, per le potenze eurasiatiche al di fuori della coalizione guidata dagli Usa,  seguire il consiglio di Kissinger, e cominciare forgiare la propria coalizione con SCO e CSTO per contrastare il terrorismo in Siria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.