Dipendenza da Pornografia : La Scienza dice – è Improbabile

0
2124

Anche se ci è stato detto che la pornografia è una dipendenza, si scopre che non è il caso a tutti.
Un nuovo studio dice che l’attività cerebrale dei “tossicodipendenti del porno” diminuisce in realtà quando si visualizzano immagini a luci rosse.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Biological Psychology “, fornisce una chiara evidenza che il porno non assomiglia ad altre dipendenze” – Dr Nicole Prause, psicofisiologo sessuale, neuroscienziato e autore principale dello studio lo ha detto a Medical Daily.

Prause ei suoi colleghi hanno esaminato 122 uomini e donne, 55 dei quali hanno riportato un “problema porno.”
Mentre un EEG registra l’attività cerebrale dei partecipanti, i volontari hanno visto foto classificati come piacevole, neutro, e sgradevole.
La metà delle foto piacevoli erano erotiche.

In particolare, i ricercatori si sono concentrati su qualcosa chiamato il “tardo potenziale positivo (LPP)”, che è una misura comune per l’intensità della risposta emozionale del cervello in un dato momento.

“La dimensione del potenziale ritardo positivo riflette l’intensità di una risposta emotiva,” Dr. Dean Sabatinelli, co-autore e professore associato presso l’Università della Georgia, lo ha spiegato in un comunicato stampa.

Così, per esempio, se qualcuno dipendenti dalla nicotina dovesse visualizzare una foto di una sigaretta, il livello di  LPP si intensificherebbe.
Lo stesso vale per cocainomani, che avrebbero sperimentare un “aumento della LPP per immagini legati alla cocaina”.

Ma questo semplicemente non accade con il porno.
Infatti, coloro che si sono identificati come tossicodipendenti porno ha mostrato un minore – tardo potenziale positivo – durante la visualizzazione di immagini sessualmente esplicite – quindi non superiore.

Anche coloro che hanno detto di aver vissuto “grandi problemi” con il loro uso del porno “hanno mostrato diminuita le reazioni cerebrali quando gli sono state mostrate delle immagini sessuali, invece di misurare un accresciuta attività” – questo  secondo la ricerca.

Secondo Prause, questo risultato ” significa che non è appropriato chiamare porno come un qualcosa che crea dipendenza ed emozionalità dal punto di vista scientifico.”

Mentre lo studio osserva che “i tossicodipendenti porno” possono avere problemi a causa delle loro abitudini, i ricercatori sottolineano che non sembrano avere la stessa risposta neurologica come altri tossicodipendenti.

“Molte persone hanno frainteso la nostra ricerca come dicendo che la gente sta fingendo questi problemi”, ha detto Prause The Daily Beast.
“Non abbiamo mai fatto tale affermazione.”

La dimensione dello studio è stato il più grande del suo genere, composto da più del doppio del numero di partecipanti rispetto alle ricerche più recente pubblicazione.

I risultati si allineano con la posizione della American Psychiatric Association (APA), che ha accettato che non ci sono prove sufficienti per sostenere la diagnosi per la dipendenza da sesso e porno.

Nel frattempo la “porno dipendenza” continua ad essere “trattata” in diversi centri di recupero di tutto il mondo, molti dei quali gestiti da organizzazioni religiose.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.