REPORT – ISRAELE : Pronti a richiamare molti riservisti

0
1234

L’Esercito israeliano inizia un ampio richiamo dei riservisti da distribuire sulla riva occidentale nel 2016
Sei settimane dopo l’inizio dei disordini sembra chiaro che questa è una guerra di logoramento; l’ipotesi di lavoro è che passeranno molti mesi prima che la violenza si abbassi.
L’esercito si sta preparando per la possibilità di schierare ben 70 battaglioni di riserva su attività operativa pianificate in Cisgiordania il prossimo anno, con un costo di circa 300 milioni di shekel ($ 77 milioni).
I primi ordini di convocazione per obblighi operativi in Cisgiordania saranno nel mese di gennaio e sono stati ricevuti questa settimana da quattro battaglioni di riserva.
Ma i 2016 piani elaborati dalle Forze di Difesa israeliane ne chiedono molti altri di tali battaglioni.
Lo Stato Maggiore non sa per quanto tempo dureranno gli scontri in corso con i palestinesi.
Ma la sua ipotesi di lavoro è che molti mesi passeranno prima che la violenza rifluisca.
Se è così, avrà bisogno di molti riservisti, in parte per sostituire le truppe regolari in modo che possano allenarsi come da programma.
Sei settimane sono passati da quando Eitam e Naama Henkin furono uccisi il 1 ° ottobre, l’incidente l’IDF ritiene sia stato l’inizio della attuale ondata di violenza.
Ciò che sembra essere chiaro è che non finirà in un KO.
Israele è coinvolta in una guerra di logoramento che ricorda le due intifada precedenti, anche se di minore intensità.

Durante la seconda intifada, Israele ha commesso qualche errore, specialmente vincendo dopo oltre cinque anni di conflitti….
Da allora, gli attentati suicidi palestinesi hanno smesso quasi del tutto, e la maggior parte altre violenze pure.
Ma Israele è stata spinta in una significativa concessione diplomatica: il ritiro unilaterale dalla Striscia di Gaza e quattro insediamenti della Cisgiordania.

In un documento pubblicato dal servizio di sicurezza Shin Bet di questa settimana, con il suo primo tentativo di profiling degli autori dei recenti attacchi, ha detto che il loro movente era “un sentimento di oppressione nazionale, economico e personale, così come i problemi personali o psicologiche.”

Questo è un dettaglio complementare , cosa che il capo intelligence militare Herzl Halevi ha detto al gabinetto – poiché è una delle ragioni delle violenze in corso è la rabbia e la frustrazione sentita dai palestinesi, soprattutto dalle giovani generazioni, che sentono di non avere più niente da perdere.
Queste spiegazioni non corrispondono alla linea ufficiale del governo, che identifica l’origine del terrorismo come il desiderio di distruggere Israele, piuttosto che la frustrazione per la situazione di stallo nel processo di pace.

Il  problema di Israele coinvolge non solo trovare un modo per sconfiggere il terrorismo, ma gli altri due elementi della sua dottrina di difesa tradizionale: avvertimento anticipo e deterrenza.
Poiché la maggior parte dei terroristi sono giovani che agiscono da soli, con la fedina dei reati pulita e senza legami con le organizzazioni terroristiche, per cui il metodo tradizionale di contrastare gli attacchi (che utilizzano segnali umani o di intelligence per ottenere dei preavvisi) è meno utile.
Un passo che potrebbe fornire un pò più di preavviso è lo stazionamento di ulteriori telecamere lungo le strade e le intersezioni in Cisgiordania ea Gerusalemme Est. Queste potrebbero consentire di prevedere la volontà di attaccare individuando in anticipo gli attori delle azioni terroristiche.
Un altro passo cruciale sta nel monitorare Internet, sia perché gran parte dell’incitamento accade sul web, sia perché gli aggressori spesso inviano note delle loro intenzioni sui social (come Facebook –  annunciando che hanno intenzione di commettere un attacco o uccidersi).

Per quanto riguarda la deterrenza, Israele è apparentemente in difficoltà per capire le loro intenzioni e menti.

Dopo quasi un decennio in cui l’establishment della difesa ha opposto la demolizione delle case dei terroristi, ora ha cambiato idea nel corso dell’ultimo anno e  raccomanda di demolizione come misura deterrente estrema.
Un altro passo ordinato dal gabinetto – il rifiuto di restituire i corpi dei terroristi uccisi – si è rivelata estremamente controversa.
La maggior parte dei professionisti del settore della difesa, tra cui il ministro della Difesa Moshe Ya’alon e alti ufficiali dell’esercito israeliano, con veemenza si oppongono all’idea, ritenendola inutile e persino controproducente.
Essi, infatti, attribuiscono alcune delle violenze in corso in Hebron alla rabbia palestinese sulla mancata restituzione corpi.
Ma il primo ministro Benjamin Netanyahu sta avendo difficoltà a revocare la decisione a causa di pressioni politiche da destra.
A parte la questione dei corpi, i funzionari della difesa di alto livello hanno in genere risposto alla violenza con giudizio.
Il pericolo sul lato israeliano deriva dai soldati semplici costantemente sottoposti dalle azioni di accoltellamento  e dagli attacchi di speronamento don le automobili.

Ciò potrebbe portare a loro di non far rispettare la politica di contenimento dettata dagli ufficiali superiori, soprattutto data la retorica incendiaria da parte dei politici.
Israele si sta anche preoccupato per due sviluppi sul versante palestinese.
In primo luogo, il ritmo e l’intensità degli attacchi sono convenienti per l’Autorità palestinese, perché pagare un pedaggio giornaliero su Israele senza mettere in pericolo il controllo della PA sulle città palestinesi.
Di conseguenza, la leadership palestinese non ha un vero interesse a lavorare per fermare la violenza.
Il secondo è  che Hamas sta cercando chiaramente di perpetrare un attacco più drammatico in Cisgiordania, sia la fucilazione di massa o un attentato suicida.
Un tale incidente potrebbe innescare una grave escalation.
Nonostante i quotidiani siano pieni di cattive notizie, quello che sta accadendo oggi non è peggio di quello che l’IDF ha già affrontato ed è pronta ad affrontare.

Sembra anche come se il pubblico da entrambe le parti abbia iniziato ad abituarsi.
Ma è difficile ignorare la somiglianza tra le ultime sei settimane e lo stesso periodo di 15 anni fa, all’inizio della seconda intifada: L’esaurimento dei comandanti sul campo, le lunghe giornate di corsa l’una nell’altra, la serie di incidenti che hanno già cominciato ad offuscare (qualcuno si ricorda se l’attacco di Lunedi è stato un accoltellamento o un’auto-speronamento?)
Entrambi i funzionari dei servizi segreti ed i PA anziani israeliani insistono sul fatto che l’attuale ondata non è un intifada.
Ie intifada precedenti sono stati caratterizzati da piani d’azione con obiettivi chiari relativamente, il rapido emergere di una leadership organizzata e la partecipazione di massa.
Nessuno di questi tre elementi esiste nella violenza corrente.
I funzionari della difesa israeliana ritengono pertanto che non durerà a lungo come hanno fatto i intifada.
Ci sono anche ragioni politiche per questo punto di vista: riconoscendo l’esistenza di una nuova situazione a lungo termine potrebbe richiedere per entrambe le parti di fare cambiamenti di politica che non vogliono attuare.

Gli esperti non hanno torto sui fatti.
Gli attacchi sono infatti provenienti dal basso, con nessun comando centrale.
Violente manifestazioni in Cisgiordania stanno infatti mostrando molti meno partecipanti rispetto a quelli di inizio della prima e seconda intifada.
Il numero di vittime palestinesi è poco più di metà di quello che era nello stesso punto della seconda intifada (il numero di morti israeliani, al contrario, è circa lo stesso).
La violenza a Gerusalemme, dove tutto è cominciato, ha gli ebbed – arabi israeliani che non hanno aderito a questa fase, e non il tutto non si è diffuso a Gaza.
La maggior parte degli incidenti sono ora in Cisgiordania, soprattutto la zona di Hebron.

Eppure siamo chiaramente in una nuova situazione dal quale sarà difficile emergere. Anche se la maggior parte dei palestinesi rifiuta la violenza, nuovi attaccanti stanno emergendo da quasi tutti i segmenti della società, dai bambini di 12 anni
a una vecchia nonna di 73 anni nonna (le cui intenzioni sono ancora controverse).
Tuttavia, dal punto di vista di Israele, la situazione ha alcuni vantaggi rispetto intifada precedenti.
L’establishment della difesa è relativamente ben preparata, invece di essere colta di sorpresa.
La PA mantiene ancora un certo grado di cooperazione di sicurezza con Israele.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.