Report – Boko Haram uccide più persone dell’ ISIS

0
1462
Una schermata del 9 novembre 2014 da un nuovo video di Boko Haram rilasciato dal gruppo estremista islamico nigeriano Boko Haram e ottenuto da AFP mostra combattenti di Boko Haram che sfilano su un carro armato in una città non identificata. © AFP Photo

Un nuovo rapporto ha mostrato che gli incidenti mortali del terrorismo sono ad un livello record ed ora con due soli gruppi, Boko Haram e Stato islamico responsabili per la metà di tutte le azioni.
I militanti nigeriani uccidono più persone rispetto ai loro alleati iracheni-siriani.

I due gruppi terroristici sono stati responsabili di oltre la metà degli omicidi nel 2014 – con sede in Nigeria Boko Haram e Stato islamico (IS, ex ISIS), che mirano ad espandere la propria influenza e basi operative in Iraq e  Siria per poi agire a livello globale.
Insieme sono stati responsabili per il 51 per cento di tutti i decessi a livello mondiale nel 2014 rivendicati da qualsiasi gruppo, e quasi il 40 per cento di tutte le vittime, secondo l’Index terrorismo globale pubblicato dall’Istituto per i problemi economici e la Pace (IEP).

Gli jihadisti nigeriani, che hanno giurato fedeltà all’IS nel marzo 2015, hanno ucciso più persone che i loro compagni islamici, uccidendo 6.644 vite rispetto alle 6073.
La Nigeria di conseguenza ha subito un incredibile aumento dei decessi del 300 per cento derivati dal terrorismo nel 2014, anche se altri gruppi militanti hanno una colpa parziale per l’aumento.
In particolare, i militanti hanno ucciso 1.229 Fulani in Nigeria.

Sono state uccise più persone in combattimento che in atti di terrorismo nel 2014.
Almeno 20.000 morti sul campo di battaglia nel corso dell’anno in scontri con combattenti tra i vari stati e non stati.

I talebani,  il gruppo più mortale nel 2013, si è classificata terza nel 2014, nonostante abbia ucciso 3.477 persone negli attacchi terroristici, con un aumento del 38 per cento di incidenti mortali.
Il gruppo rimane il secondo più mortale in termini di uccisioni nel campo di battaglia – lo dice il rapporto.

Rispetto all’anno precedente, il numero di morti per terrorismo in tutto il mondo è aumentato dell’ 80 per cento nel 2014.
Nel corso dell’ultimo anno 32,658 persone sono state uccise, rispetto a 18.111 nel 2013.
e’ il valore più alto mai registrato ed è quasi dieci volte superiore a quello del 2000, quando 3.329 persone sono state uccise dai terroristi.

Solo cinque paesi soffrono la maggior parte degli atti terroristici – l’Iraq, la Nigeria, l’Afghanistan, il Pakistan e la Siria – che rappresentano il 78 per cento di tutti i decessi nel 2014.
Iraq ne sopporta il fardello più pesante con 9.929 decessi terroristici nel 2014.

© static.visionofhumanity.org

La minaccia si sta diffondendo.
Il numero dei Paesi che presentano più di 500 decessi legati al terrorismo è passato da cinque a 11 nel 2014, con l’aggiunta della Somalia, Ucraina, Yemen, Repubblica Centrafricana, Sudan meridionale e Camerun.

Il rapporto non include gli attacchi terroristici di quest’anno, come la violenza delle armi in Francia, il bombardamento del piano russo in Egitto, gli attentati di alto profilo in Libano e in Turchia e altri incidenti che riflettono la crescente minaccia del terrorismo.

© static.visionofhumanity.org

Oltre alla perdita di vite umane il terrorismo prende un tributo economico pesante per i paesi interessati.
IEP fa stime prudenti dei danni delle attività terroristiche nel 2014 si attesta a $ 52900000, un aumento del 61 per cento rispetto all’anno precedente e un aumento di 10 volte dal 2000.

Combattere il terrorismo rimane più costoso rispetto ai danni diretti causati .
Si stima che circa $ 117.000.000.000 sono stati spesi a livello globale per fornire la sicurezza nazionale da minacce terroristiche.

Paesi occidentali rimangono relativamente al sicuro dal terrorismo.
Negli ultimi 15 anni il 2,6 per cento di tutti i decessi legati al terrorismo è accaduto in Occidente e la percentuale scende al 0,5 se si escludono gli attentati del settembre 2001 negli Stati Uniti.

Gli attacchi  definiti da ‘Lupo Solitario’ rappresentano il 70 per cento di tutti i decessi terroristici in Occidente dal 2006 e l’80 per cento di queste morti può essere attribuito a estremismo di destra, il nazionalismo, supremazia, l’estremismo anti-governativi e altri tipi di ideologie politiche, piuttosto che islamico fondamentalismo.

Nonostante il trend allarmante il terrorismo rimane una parte relativamente piccola della minaccia per la vita, la relazione lo sottolinea.
Globalmente il rapporto è 13 volte il numero di persone vengono uccise da omicidi piuttosto che morire in attacchi terroristici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.