Operazione militare Statunitense-Turca nel Nord Siria – di fatto una invasione

0
1536

Gli Stati Uniti e la Turchia hanno annunciato una operazione volta a mantenere il controllo durante gli ultimi 98 chilometri del confine turco-siriano, tra Jarabulus e Afrin; questa zona si sovrappone con il corridoio principale attraverso cui gli islamisti, tra cui ISIL e al-Nusra ricevono armi e combattenti, Tony Cartalucci lo sottolinea.

In contrasto con le sue promesse di “sconfiggere ISIL,” le azioni della coalizione anti-ISIL guidata dagli Stati Uniti dimostrano il desiderio di preservare il gruppo terroristico, lo ha scritto l’analista geopolitico con sede a Bangkok Tony Cartaluccilo .

“La finta ‘guerra al ISIS’ da parte della NATO ha contribuito ad aprire la porta per il recente intervento militare russo.

Con l’entrata della Russia in guerra, l’Occidente non può più permettersi di trascinare le sue operazioni inesistenti contro ISIS [ISIL], sperando in un possibilità di dividere e distruggere finalmente il paese ” – Cartalucci lo scrive nel suo recente articolo per il nuovo Outlook orientale.

Nel frattempo, la Russia e l’esercito arabo siriano hanno quasi chiuso il corridoio.
A sua volta la NATO si premura di realizzare una parziale occupazione della Siria.
Secondo l’analista, la corsa è quasi finita.

Cartalucci sottolinea che l’attacco terroristico di Parigi ha dato alla NATO una “mano forte” e molto probabilmente ha aiutato gli Stati Uniti e la Turchia a giustificare la loro imminente operazione militare nel nord della Siria.

Tuttavia, “il fatto che gli Stati Uniti e la Turchia stanno cercando di garantire il confine della Turchia con la Siria dal lato siriano invece che all’interno del territorio stesso NATO, rivela la vera natura di questo conflitto in svolgimento,” – le osservazioni degli analisti, aggiungono che l’operazione sarà de facto un’invasione della Siria da parte della NATO.

Funzionari occidentali insistono che l’operazione avrebbe tagliato fuori l’ISIL dalle sue vie di sostentamento.
Sorprendentemente, per alcuni anni, sono rimasti in silenzio sul sospetto del flusso di armi, sui combattenti e sul denaro che sono stati a fluire nello Stato islamico attraverso la Turchia.

“Tutti gli attaccanti di Parigi, allo stesso modo, sono passati attraverso la Turchia sul loro modo di addestrarsi, i collegamenti, i combattimenti in Siria, e poi attraverso la Turchia di nuovo sulla via del ritorno verso l’Europa. Le tonnellate di armi e centinaia di combattenti inviati segretamente in Siria dagli Stati Uniti nella capitale terrorista libica di Bengasi, anche loro arrivati prima in porti turchi prima di procedere, a quanto pare con la conoscenza e la cooperazione del governo turco, ” – Cartalucci lo sottolinea.

In questa luce, se si vuole veramente tagliare le linee di sostentamento dell’ ISIL, si dovrebbe iniziare a fare questo in Turchia –  lo suggerisce l’analista.

Nello stesso modo in Arabia Saudita, Qatar e altri regni del Golfo sono state sostenute e finanziate il terrorismo in Siria e Iraq fin dall’inizio della guerra siriana.

Gli Stati del Golfo costituiscono anche la “fonte” dell’ ISIL.

Tuttavia, nessuno di questi stati sono stati sanzionati per le loro attività illecite.

Invece, le maggiori potenze occidentali sono stati immischiate per concludere contratti molto lucrativi  con la vendita di armi lucrativi alle monarchie del Golfo.

“Combattere ISIS [ISIL] alla fonte, per l’Occidente, significa mettere la lama alla sua gola”, sottolinea l’analista.

Secondo Cartalucci, i governi occidentali sono “chiaramente responsabile” per l’aumento di espansione e potenza dello stato islamico.

Il gruppo islamico noto è emerso non solo come mera conseguenza di azione o inazione dell’Occidente: il gruppo è stato creato dallo sforzo intenzionale e dell’establishment politica occidentale .
I politici occidentali prevedono di utilizzare gli islamisti come un “eccezionale esercito in delega” in Medio Oriente e  Nord Africa.

“ISIS [ISIL] non solo è destinato a dividere e distruggere la Siria e l’Iraq.
Se l’Occidente ha il suo modo, l’organizzazione terroristica è destinata a muoversi in Iran, la regione del Caucaso del sud della Russia e Asia centrale dopo”.
L’idea di creare un esercito islamico non è uno nuova, riferendosi alla collaborazione Usa-Arabia con i radicali islamici in Afghanistan nel 1980 e l’uso di British Empire i fanatici wahhabiti nella sua guerra contro l’Impero Ottomano oltre un secolo fa.

“Quando l’Occidente chiama questa un ‘lunga guerra’, intendono proprio questo.
E sarà ancora più lunga fino a che i popoli occidentali non capiranno che i loro governi non stanno conducendo una ‘guerra al terrore’, loro stanno conducendo una ‘guerra del terrore ‘”, sottolinea l’analista geopolitico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.