L’idea sbagliata che i giovani siano più immuni al COVID-19 è pericolosa

0
266

Dato che i casi COVID-19 continuano a salire a livello globale, un malinteso comune che si diffonde con la malattia è che colpisce principalmente gli anziani risparmiando i giovani.

Ormai, la maggior parte delle persone ha sentito le statistiche dalla Cina che affermano che l’80% dei casi COVID-19 sono lievi , solo il 20% è grave o critico e che la stragrande maggioranza dei decessi si verificano negli anziani e in quelli con condizioni di salute di base.

Ma questi numeri credono quanto la malattia possa essere malata da chiunque, di qualsiasi età.

 “Questa è la sfida di guardare i numeri in forma aggregata”, ha dichiarato Kirsten Bibbins-Domingo, Ph.D., MD, MAS, internista generale e presidente del Dipartimento di epidemiologia e biostatistica dell’UC San Francisco.

Nuovi numeri dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccontano una storia diversa su chi si ammala, specialmente negli Stati Uniti.

Abbiamo parlato con Bibbins-Domingo, lo specialista in malattie infettive Peter Chin-Hong, MD, e il geriatra Kenneth Covinsky, MD, MPH, per dare un’occhiata più da vicino ai numeri e a ciò che rivelano di chi si ammala, di cosa fa il virus all’organismo e quando sapremo se il distanziamento sociale funziona.

Chiunque può ammalarsi gravemente a causa di COVID-19

“Tutti sono in grado di avere una forma grave di questa malattia. Ogni fascia d’età può finire in ospedale “, ha detto Bibbins-Domingo. In effetti, nei rapporti dalla Cina, i casi “lievi” comprendevano una serie di gravità, da nessun sintomo alla polmonite.

Un nuovo rapporto del CDC conferma che COVID-19 non risparmia millennial e Gen Z. Tra i primi 4.226 casi negli Stati Uniti, oltre la metà dei pazienti ricoverati in ospedale aveva meno di 65 anni e uno su cinque aveva 20 anni a 44.

Chin-Hong, ha affermato che il rapporto era “un campanello d’allarme che può accadere a tutte le età” e che aveva già visto pazienti giovani e in condizioni critiche all’UCSF.

“Non avevano fattori di rischio medico, nessuna storia medica passata e sono andati direttamente in terapia intensiva”, ha detto.

In California, la maggior parte dei casi confermati finora si è verificata in persone di età inferiore ai 50 anni.

Sebbene sia vero che i giovani hanno meno probabilità di morire a causa della malattia, potrebbero comunque aver bisogno dei ventilatori e dei letti in terapia intensiva scarsi.

Bibbins-Domingo teme che “abbiamo enfatizzato gli effetti dannosi negli anziani, e quindi gli adulti più anziani stanno prendendo precauzioni, mentre gli adulti più giovani non stanno prendendo precauzioni”.

“È importante che i giovani adulti capiscano che fanno parte della soluzione”, ha detto.

La Gen Z potrebbe guidare la trasmissione

Se le spiagge affollate di vacanze primaverili sono indicative, gli adulti più giovani si sentono meno vulnerabili al COVID-19 e molti non ascoltano le richieste di allontanamento sociale.

Non solo stanno rischiando la propria salute, ma potrebbero essere un fattore determinante nel determinare le velocità di trasmissione, ha affermato Bibbins-Domingo.

In Corea del Sud, dove i test diagnostici sono stati diffusi e disponibili per le persone senza sintomi, quasi il 27% dei casi confermati è rappresentato da persone di 20 anni, di gran lunga la fascia di età con il maggior numero di infezioni. Ciò suggerisce che i giovani adulti potrebbero diffondere COVID-19 senza accorgersene.

“È chiaro che parte dell’epidemiologia comprende persone asintomatiche o lievemente sintomatiche in grado di trasmettere”, ha affermato Bibbins-Domingo.

Ha indicato un recente articolo di Science, che ha stimato che, prima che fossero introdotte restrizioni di viaggio in Cina, l’86 percento delle infezioni non erano state diagnosticate perché non presentavano sintomi gravi, eppure erano la fonte dell’infezione per il 79 percento delle infezioni diagnosticate.

L’elevata percentuale di infezioni non diagnosticate “sembra aver facilitato la rapida diffusione del virus in tutta la Cina”, hanno scritto gli autori.

Agisci come se fossi già infetto

“Assolutamente ci sono persone in giro che non hanno idea di averlo”, ha detto Bibbins-Domingo. “Alcuni continueranno ad avere sintomi tra tre giorni, e altri non avranno mai sintomi”.

La convinzione della maggior parte dei professionisti della salute pubblica è che molti, molti americani sono già infetti. Tuttavia, poiché non sono ancora disponibili test diffusi, è impossibile sapere chi sono.

Ecco perché misure di distanziamento sociale come l’ordine di ricovero sul posto della California sono essenziali per rallentare la diffusione e appiattire la curva, ha affermato Chin-Hong. “Tutti dovrebbero agire come se fossero già infetti.”

Cosa fa il nuovo coronavirus all’organismo?

Il nuovo coronavirus è trasmesso da goccioline respiratorie che possono viaggiare per diversi piedi nell’aria e sopravvivere su alcune superfici per tre giorni.

Il virus entra nel corpo attraverso le aree della mucosa come la bocca, il naso o gli occhi.

A differenza dei virus che causano il raffreddore comune, che tendono a rimanere nel tratto respiratorio superiore, il nuovo coronavirus può “ridimensionare i polmoni”, ha detto Chin-Hong.

Nei polmoni, il virus si attacca a specifici recettori sulle cellule, chiamati recettori ACE2.

Il virus utilizza i recettori ACE2 per ottenere l’ingresso all’interno delle cellule, dirottando i macchinari delle cellule per produrre più virus.

L’invasione virale può portare a una grave infiammazione dei polmoni, nota come polmonite, caratterizzata da tosse, febbre e mancanza di respiro.

Parte del danno, ha detto Chin-Hong, è causato dal tuo stesso corpo che cerca di combattere l’infezione, inviando un esercito di cellule immunitarie che rilasciano segnali infiammatori noti come citochine.

Recettori ACE2 si trovano anche in altre parti del corpo, compresi i sistemi cardiovascolare e gastrointestinale, e possono spiegare alcune delle complicanze associate a COVID-19, ha detto Chin-Hong.

Bibbins-Domingo ha affermato che il romanzo coronavirus è insolito in quanto contagioso, ancor più dei virus dell’influenza A che hanno causato pandemie influenzali. È anche insolito per lo spettro di malattie che provoca, tra cui un più alto tasso di morte e la sua capacità di trasmettere in modo asintomatico, ha detto.

Chin-Hong ha convenuto che il romanzo coronavirus è insolito in quanto si diffonde rapidamente. “Il virus è davvero furbo e prospera grazie alle persone che lo diffondono quando non sono malati”, ha detto.

L ‘”alto rischio” comprende molte persone

I fattori di rischio noti per lo sviluppo di malattie gravi da COVID-19 includono malattie cardiache, malattie polmonari, cancro, diabete e qualsiasi condizione che indebolisca il sistema immunitario.

Probabilmente ci sono altri fattori di rischio che non conosciamo ancora, ha detto Chin-Hong.

Inoltre, è difficile dire chi è ad alto rischio. “Non sai chi tra le persone che ti circonda ha una condizione di base, e anche le persone che non hanno una condizione di base identificabile possono ancora finire gravemente malati”, ha detto Bibbins-Domingo.

Un recente rapporto della Kaiser Family Foundation ha scoperto che il 40% degli americani potrebbe essere ad alto rischio di malattie gravi se infetto da COVID-19.

Ciò include chiunque abbia più di 60 anni, circa 76,3 milioni di americani, così come i più giovani con condizioni di salute di base, altri 29,3 milioni di americani.

Se le spiagge affollate di vacanze primaverili sono indicative, gli adulti più giovani si sentono meno vulnerabili al COVID-19 e molti non ascoltano le richieste di allontanamento sociale. Non solo stanno rischiando la propria salute, ma potrebbero essere un fattore determinante nel determinare le velocità di trasmissione, ha affermato Bibbins-Domingo.

Con l’avanzare dell’età, il nostro sistema immunitario diventa più lento e meno in grado di combattere le infezioni, ha affermato Covinsky.

Ed è quasi impossibile districare il rischio stesso della vecchiaia dalle condizioni di salute sottostanti che tendono a venire con esso.

Più della metà degli americani di età superiore ai 60 anni e quasi i due terzi di quelli di età superiore agli 80 anni hanno una condizione di salute di base, secondo il rapporto della Kaiser Family Foundation.

“Sappiamo che qualsiasi malattia nelle persone anziane tende ad essere più grave”, ha detto Covinsky. “La malattia acuta in una persona anziana che è fragile ha maggiori probabilità di avere un esito negativo.”

Molti adulti più anziani dipendono dall’aiuto di familiari o caregiver più giovani, soprattutto ora che il CDC ha invitato chiunque abbia più di 65 anni a rimanere a casa.

“Per le persone anziane che fanno affidamento su operatori sanitari, cosa succede se gli operatori sanitari si ammalano?”, Ha affermato Covinsky. “COVID-19 può avere un effetto diretto, ma se perdono operatori sanitari e supporto, anche questo può avere un effetto devastante.”

“È uno sforzo della comunità e siamo tutti insieme”, ha detto.

Il distanziamento sociale funzionerà?

Gli esperti sono certi che senza misure di allontanamento sociale, il virus si diffonderebbe rapidamente e infetterebbe un’alta percentuale della popolazione. Sono d’accordo che ci sono già più casi di quelli che sappiamo.

“I casi che vediamo oggi riflettono la trasmissione avvenuta da una a due settimane fa. Vediamo sempre solo la punta dell’iceberg – l’iceberg che sappiamo per certo è molto più grande ”, ha detto Bibbins-Domingo.

Ciò significa anche che il successo delle misure di allontanamento sociale – se le persone rispettano – diventerà evidente solo dopo circa due settimane.

Chin-Hong teme che anche se iniziamo ad appiattire la curva, le persone potrebbero affaticarsi a causa del distanziamento sociale a lungo termine e abbassare la guardia, causando un secondo picco di infezioni.

Covinsky ha confrontato queste misure preventive con la consulenza di un paziente per smettere di fumare.

“Non è probabile che tu abbia notizie di quel paziente 30 anni dopo, dicendo” grazie “per gli attacchi di cuore che non ho mai avuto”, ha detto. “Se funziona come speriamo, nessuno ringrazierà le autorità sanitarie pubbliche per le epidemie che non abbiamo mai avuto.”


I risultati

Dal 17 gennaio al 1 marzo 2020, 36 bambini (età media 8 · 3 [SD 3 · 5] anni) sono stati identificati come infetti da sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2.

La via di trasmissione è avvenuta a stretto contatto con i familiari (32 [89%]) o con una storia di esposizione all’area epidemica (12 [33%]); otto (22%) pazienti avevano entrambe le esposizioni. 19 (53%) pazienti avevano un tipo clinico moderato con polmonite; 17 (47%) presentavano un lieve tipo clinico ed erano asintomatici (dieci [28%]) o presentavano sintomi respiratori acuti superiori (sette [19%]).

I sintomi più comuni all’ammissione erano febbre (13 [36%]) e tosse secca (sette [19%]). Di quelli con febbre, quattro (11%) avevano una temperatura corporea di 38,5 ° C o superiore e nove (25%) avevano una temperatura corporea di 37,5-538 ° C.

Tipici risultati anormali di laboratorio sono stati elevati MB di creatina chinasi (11 [31%]), diminuzione dei linfociti (11 [31%]), leucopenia (sette [19%]) e elevata procalcitonina (sei [17%]). Oltre alle presentazioni radiografiche, le variabili associate in modo significativo alla gravità di COVID-19 erano la diminuzione dei linfociti, l’elevata temperatura corporea e alti livelli di procalcitonina, D-dimero e creatina chinasi MB.

Tutti i bambini hanno ricevuto interferone alfa per aerosolisazione due volte al giorno, 14 (39%) hanno ricevuto sciroppo di lopinavir-ritonavir due volte al giorno e sei (17%) hanno avuto bisogno di inalazione di ossigeno. Il tempo medio in ospedale è stato di 14 (SD 3) giorni. Entro il 28 febbraio 2020, tutti i pazienti erano guariti.

Prove prima di questo studio

Abbiamo cercato PubMed dal 1 ° novembre 2019 al 1 ° marzo 2020 per studi pubblicati in qualsiasi lingua utilizzando i termini “COVID-19”, “malattia coronavirus 2019”, “romanzo coronavirus”, “pazienti pediatrici”, “bambini”, “Trasmissione”, “caratteristica clinica” e “caratteristiche epidemiologiche”. Abbiamo trovato 13 studi sulla malattia di coronavirus nel 2019 (COVID-19) nei bambini.

Questi studi erano correlati a raccomandazioni terapeutiche, caratteristiche della TC in 15 bambini, casi clinici e COVID-19 nei neonati. Per quanto ne sappiamo, nessuno studio è stato condotto per indagare in modo completo una coorte di pazienti pediatrici con COVID-19 e le loro caratteristiche cliniche distintive.

Il lavoro pubblicato su pazienti adulti ha dimostrato che le manifestazioni variano in modo sorprendente da individuo a individuo. Poiché i bambini sono diversi dagli adulti in molti aspetti, come lo sviluppo immunologico, abbiamo mirato a studiare le caratteristiche cliniche ed epidemiologiche dei pazienti pediatrici con COVID-19.

Valore aggiunto di questo studio

Tra il 17 gennaio e il 1 marzo 2020, 661 casi di COVID-19 sono stati segnalati a Ningbo e Wenzhou (provincia di Zhejiang, Cina). Di questi casi, 36 erano nei bambini. Tutti i bambini con COVID-19 erano stati infettati da stretto contatto con adulti infetti da sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) o dall’esposizione all’area epidemica.

Sebbene la febbre, la tosse e la polmonite fossero i segni più comuni, circa la metà dei bambini presentava una lieve malattia senza presentare sintomi. Un minor numero di bambini con COVID-19 presentava sintomi evidenti rispetto ai pazienti adulti con COVID-19 e ai pazienti pediatrici con influenza H1N1 descritti in studi precedenti.

Implicazioni di tutte le prove disponibili

Contrariamente ai risultati negli adulti, i bambini con COVID-19 avevano manifestazioni cliniche più lievi; quasi la metà dei pazienti pediatrici era asintomatica (cioè senza febbre e tosse). Questa condizione asintomatica è rilevante se la trasmissione acquisita in comunità diventa la modalità primaria; l’identificazione di pazienti pediatrici senza presentare sintomi diventerà una grande sfida.

Fortunatamente, il numero di bambini infetti da SARS-CoV-2 rappresentava una piccola percentuale del totale delle persone infette e anche i pazienti pediatrici avevano chiare informazioni epidemiologiche. È molto importante definire misure per proteggere i bambini dalle infezioni con SARS-CoV-2.

Risultati

Tra il 17 gennaio e il 1 marzo 2020, 661 casi COVID-19 sono stati segnalati a Ningbo e Wenzhou in Cina; di questi casi, 36 (5%) erano in bambini (di età compresa tra 1 e 16 anni; età media 8 · 3 [3 · 5] anni). 13 (36%) su 36 pazienti erano donne (tabella 1).

La via di trasmissione per i pazienti pediatrici è stata o da stretto contatto con i familiari con COVID-19 (32 [89%]) o una storia di esposizione ad aree epidemiche (12 [33%]), o entrambi (otto [22%] ). 17 (47%) di 36 bambini presentavano un lieve tipo clinico, con dieci (28%) pazienti asintomatici e sette (19%) che mostravano sintomi respiratori acuti superiori. I rimanenti 19 (53%) pazienti pediatrici presentavano un tipo clinico moderato, caratteristico di lieve polmonite (tabella 1).

Non sono stati osservati casi gravi e critici.

Tabella 1 Caratteristiche epidemiologiche e cliniche dei pazienti pediatrici con COVID-19 stratificati per due tipi clinici

Totale (n = 36)Casi lievi (n = 17)Casi moderati (n = 19)valore p *
Dati epidemiologici
Pazienti di sesso femminile13 (36%)7 (41%)6 (32%)0·70
Male patients23 (64%)10 (59%)13 (68%)..
Età, anni (SD, intervallo)8·3 (3·5, 1–16)7·5 (3·2, 1–16)9·0 (3·6, 3–16)0·099
Età ≤5 anni10 (28%)8 (80%)2 (20%)..
Storia di esposizione all’area epidemica12 (33%)5 (29%)7 (37%)0·70
Membri della famiglia con COVID-1932 (89%)16 (94%)16 (84%)0·60
Sintomi
Tosse secca7 (19%)3 (18%)4 (21%)..
Dispnea o tachipnea1 (3%)..1 (5%)..
Congestione faringea1 (3%)1 (6%)....
Gola infiammata2 (6%)1 (6%)1 (5%)..
Vomito o diarrea2 (6%)..2 (10%)..
Temperatura corporea, ° C37·8 (0·4)37·6 (0·3)38·0 (0·4)0·0020
Febbre (temperatura corporea> 37 ° C)13 (36%)4 (24%)9 (47%)..
Mal di testa3 (8%)1 (6%)2 (10%)..
Test di laboratorio (valori di riferimento)
Globuli bianchi (4–10 × 10 9  cellule per L)6·1 (2·1)6·5 (2·3)5·8 (1·9)0·32
Diminuzione (n)725..
Linfociti (1 · 1–3 · 2 × 10 9  cellule per L)2·4 (0·8)2·8 (1·0)2·0 (0·7)0·0083
Diminuzione (n)1129..
Procalcitonina (<0 · 5 ng / mL)0·24 (0·17)0·15 (0·13)0·32 (0·19)0·0039
Aumentato (n)615..
Proteina C reattiva (<8 mg / L)5 (2)4 (1)5 (2)0·072
Aumentato (n)101..
D-dimero (<0 · 5 μg / mL)0·29 (0·20)0·21 (0·18)0·36 (0·21)0·028
Aumentato (n)312..
Velocità di eritrosedimentazione (0–20 mm / h)7 (2)6 (2)7 (2)0·14
Aumentato (n)000..
Creatine kinase (55–170 U/L)96 (47)80 (44)110 (56)0·085
Aumentato (n)101
Creatina chinasi MB (<18 U / L)19 (10)14 (9)24 (12)0·0084
Aumentato (n)1147..
Alanina aminotransferasi (<40 U / L)21 (14)21 (12)20 (13)0·82
Aumentato (n)220..
Trasferimento di aspartati (<40 U / L)30 (11)32 (10)28 (11)0·26
Aumentato (n)321..
Creatinina (40-110 μmol / L)56 (12)58 (11)54 (13)0·32
Aumentato (n)000..
Azoto ureico nel sangue (3-7 mmol / L)3·8 (0·5)3·7 (0·4)3·9 (0·5)0·20
Aumentato (n)000..
Saturazione di ossigeno (92–100%)98·1 (0·4)98·2 (0·3)98 (0·3)0·054
Diminuzione (n)000..
Radiografia
Opacità polmonari del vetro smerigliato19 (53%)..19 (100%)..
Trattamento
Inalazione di ossigeno6 (17%)1 (6%)5 (26%)..
Interferon alfa36 (100%)17 (100%)19 (100%)..
Lopinavir-ritonavir14 (39%)2 (12%)12 (63%)..
Tempo impiegato per diventare SARS-CoV-2 PCR-negativo, giorni (SD, intervallo)10 (2, 7–22)9 (2, 7–12)11 (2, 8–22)0·0050
Durata della febbre dopo l’ammissione, giorni (DS, intervallo) 3 (2, 2–5)2 (2, 2–4)3 (2, 2–5)0·14
Durata del ricovero, giorni (DS, intervallo)14 (3, 10–20)12 (3, 10–16)15 (4, 12–20)0·017

I dati sono n (%) o media (DS), se non diversamente indicato. COVID-19 = malattia coronavirus 2019. SARS-CoV-2 = sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2. * I valori p indicano la differenza tra pazienti pediatrici con lieve tipo clinico (infezione asintomatica o respiratoria superiore) e quelli con tipo clinico moderato con polmonite. † Dati per 13 pazienti.

Al momento del ricovero, i sintomi frequenti erano febbre (13 [36%]) e tosse secca (sette [19%]). Dei 13 pazienti con febbre, quattro (11%) avevano una temperatura corporea di 38,5 ° C o superiore e nove (25%) avevano una temperatura corporea di 37,5-38,5 ° C.

Altri sintomi sono stati registrati raramente, tra cui mal di gola (due [6%]), congestione faringea (uno [3%]), dispnea o tachipnea (uno [3%]) e vomito o diarrea (due [6%]).

Non sono stati registrati né sintomi neurologici né segni di insufficienza cardiaca, epatica o renale. In generale, sono stati osservati due tipi di presentazioni radiografiche anormali: opacità multiple e opacità irregolari. 19 (53%) pazienti pediatrici presentavano opacità polmonari del vetro smerigliato alla TAC, suggerendo polmonite (figura 1).

La polmonite più la febbre o la tosse sono state osservate in 11 (30%) pazienti pediatrici e otto (22%) avevano la polmonite come unico sintomo. Dieci (28%) bambini non hanno mostrato sintomi di polmonite, cinque (14%) hanno riferito solo febbre e due (5%) hanno avuto solo una tosse secca.

Figura miniatura gr1
Figura 1 TAC toracica da due pazienti pediatrici con malattia coronavirus 2019

La Tabella 1 mostra i risultati degli esami di laboratorio relativi alle risposte immunologiche e al danno cardiaco, epatico e renale, in base al tipo clinico lieve o moderato.

Risultati anormali nei pazienti pediatrici sono stati un aumento della creatina chinasi MB sierica (11 [31%]), una diminuzione dei linfociti (11 [31%]), leucopenia (sette [19%]) e un aumento della procalcitonina (sei [17%]). Alcune caratteristiche differivano significativamente tra il tipo clinico lieve e moderato di COVID-19, inclusi i linfociti diminuiti (p = 0 · 0083), l’aumento della temperatura corporea (p = 0 · 0020) e gli alti livelli di procalcitonina (p = 0 · 0039), D-dimero (p = 0 · 028) e creatina chinasi MB (p = 0 · 0084).

Anche i bambini con un tipo clinico moderato hanno avuto un risultato di PCR positivo più a lungo (p = 0 · 0050) e hanno trascorso più giorni in ospedale (p = 0 · 017) rispetto a quelli con tipo clinico lieve.

La tabella 2 mostra i risultati degli esami di laboratorio relativi alle risposte immunologiche e al danno cardiaco, epatico e renale, in base alla fascia di età.

Dieci pazienti avevano 5 anni o meno e 26 pazienti avevano 16 anni o meno ma più di 5 anni. I bambini più grandi avevano diminuito i linfociti (p = 0 · 029), elevata procalcitonina (p = 0 · 032) e diminuzione della creatinchinasi (p = 0 · 032) rispetto ai pazienti più giovani Tabella 2 Confronto delle caratteristiche cliniche tra pazienti pediatrici, per fascia d’età

Età da 0 a ≤5 anni (n = 10)Età> 5 a ≤16 anni (n = 26)valore p
Dati epidemiologici
Pazienti di sesso femminile4 (40%)9 (35%)..
Male patients6 (60%)17 (65%)..
Storia di esposizione all’area epidemica2 (20%)10 (38%)..
Membri della famiglia con COVID-1910 (100%)22 (85%)0·60
Sintomi
Tosse secca1 (10%)6 (23%)..
Temperatura corporea, ° C37·7 (0·3)37·9 (0·4)0·16
Febbre (temperatura corporea> 37 ° C)3 (30%)10 (38%)..
Radiografia
Opacità polmonari del vetro smerigliato6 (60%)13 (50%)0·70
Test di laboratorio (valori di riferimento)
Globuli bianchi (4–10 × 10 9  cellule per L)6·5 (2·2)5·9 (2·0)0·44
Diminuzione (n)25..
Linfociti (1 · 1–3 · 2 × 10 9  cellule per L)2·9 (1·1)2·2 (0·7)0·029
Diminuzione (n)29
Procalcitonina (<0 · 5 ng / mL)0·13 (0·15)0·28 (0·19)0·032
Aumentato (n)15..
Proteina C reattiva (<8 mg / L)4 (1)5 (2)0·14
Aumentato (n)01..
D-dimero (<0 · 5 μg / mL)0·20 (0·18)0·32 (0·20)0·11
Aumentato (n)03..
Creatine kinase (55–170 U/L)124 (54)85 (44)0·032
Aumentato (n)10..
Creatina chinasi MB (<18 U / L)21 (14)18 (7)0·40
Aumentato (n)56..
Saturazione di ossigeno (92–100%)98·2 (0·3)98·1 (0·3)0·38
Diminuzione (n)00..
Casi lievi4 (40%)13 (50%)0·70
Terapia e risultati
Inalazione di ossigeno1 (10%)5 (19%)..
Interferon alfa10 (100%)26 (100%)>0·99
Lopinavir-ritonavir1 (10%)13 (50%)..
Tempo impiegato per diventare SARS-CoV-2 PCR-negativo, giorni (SD, intervallo)9 (2, 7–14)11 (2, 8–22)0·011
Durata del ricovero, giorni (DS, intervallo)13 (3, 10–18)15 (4, 13–20)0·16

I dati sono n (%) o media (DS), se non diversamente indicato. COVID-19 = malattia coronavirus 2019. SARS-CoV-2 = sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2. * I valori p indicano la differenza tra pazienti pediatrici con lieve tipo clinico (infezione asintomatica o respiratoria superiore) e quelli con tipo clinico moderato (polmonite lieve ).

Sono stati rintracciati trattamenti e manifestazioni primarie per valutare la progressione e l’esito della malattia e sono stati identificati quattro tipi di casi: asintomatico, sintomi respiratori superiori o solo febbre, solo polmonite e sia polmonite e sintomi respiratori superiori o febbre (figura 2). 

Al momento del ricovero, tutti i bambini sono stati trattati con interferone alfa per aerosolisazione due volte al giorno, 14 (39%) hanno ricevuto sciroppo di lopinavir-ritonavir due volte al giorno e sei (17%) hanno avuto bisogno di inalazione di ossigeno (tabella 1). 

Nei 13 pazienti con febbre, la durata media della febbre era di 3 (SD 2) giorni. Il miglioramento della polmonite è stato visto 4-10 giorni dopo l’inizio del trattamento. I risultati di SARS-CoV-2 RT-PCR sono diventati negativi dopo una media di 10 (SD 2) giorni di trattamento, indipendentemente dalle varie manifestazioni iniziali dei pazienti (figura 2). 

Il numero medio di giorni in ospedale è stato di 14 (SD 3) giorni. Entro il 28 febbraio 2020, tutti i pazienti sono stati guariti, secondo i criteri per l’esito della guarigione, e messi in quarantena per altre 2 settimane. 

Il follow-up continua ogni settimana, con campioni prelevati per misurare le IgG e le IgM sieriche e la SARS-CoV-2 nel sangue, nelle feci e nei tamponi rinofaringei.

Figura miniatura gr2
Figura 2 Traiettoria della progressione della malattia COVID-19 e trattamento in quattro pazienti pediatrici con manifestazioni diverse

Il confronto di pazienti pediatrici con COVID-19 con pazienti adulti con COVID-19 nella stessa città ( tabella 3) ha mostrato che i pazienti pediatrici presentavano una prevalenza significativamente più bassa di valori anomali di diverse variabili indicanti la gravità della malattia, come febbre (36% per i bambini e 86% per gli adulti), tosse (19% e 62%), polmonite (53% e 95 %), elevata proteina C-reattiva (3% e 49%) e tipo di malattia grave (0% e 23%; p <0 · 0001 per tutte le caratteristiche). Tuttavia, non sono state osservate differenze tra i bambini e gli adulti nella prevalenza di leucopenia, linfopenia ed elevati enzimi miocardici. Rispetto ai bambini con SARS, i pazienti pediatrici con COVID-19 avevano una malattia molto più lieve in termini di prevalenza di febbre, tosse, polmonite e tipo di caso grave. Rispetto ai bambini con influenza H1N1, i pazienti pediatrici con COVID-19 presentavano meno sintomi respiratori superiori (p. Es., Tosse e congestione faringea) ma la polmonite era più frequente. In particolare,

Bambini con COVID-19 (n = 36)Adulti con COVID-19 (n = 175) 17Bambini con SARS (n = 44) 10Bambini con influenza H1N1 (n = 167) 19
Età, anni8·3 (3·5)45 (14)12·2 (4·1)4·1 (3·5)
Febbre13 (36%)150 (86%)44 (100%)153 (92%)
Tosse7 (19%)109 (62%)28 (64%)138 (83%)
Congestione faringea o mal di gola1 (3%)8 (5%)6 (14%)159 (95%)
Dispnea1 (3%)23 (13%)4 (9%)12 (7%)
Asintomatico *10 (28%)<5%0<5%
Polmonite19 (53%)166 (95%)40/62 (65%)18 (11%)
Comorbidità o complicanze (tranne polmonite e bronchite)010 (6%)5 (11%)7 (4%)
Casi lievi e moderati36 (100%)136 (77%)35 (79%)135 (81%)
Casi gravi039 (23%)9 (21%)32 (19%)
Leucopenia7 (19%)44 (25%)15 (34%)65 (39%)
La linfopenia11 (31%)61 (35%)34 (77%)NA
Enzimi miocardici elevati11 (31%)39 (22%)3 (7%)18 (11%)
Enzimi epatici elevati2 (6%)32 (18%)21 (48%)12 (7%)
Elevata proteina C-reattiva1 (3%)86 (49%)NA42 (25%)
Terapia antivirale14 (39%)170 (97%)42 (96%)167 (100%)

I dati sono n (%) o media (SD). COVID-19 = malattia del coronavirus 2019. SARS = sindrome respiratoria acuta grave. NA = non disponibile. * Nessuna polmonite, nessun sintomo respiratorio superiore e nessuna febbre. † La prevalenza di presentazioni radiografiche anormali nei bambini con SARS è stata ottenuta dal riferimento  18 .

Riferimenti

  1. Shi Z – Hu ZA review of studies on animal reservoirs of the SARS coronavirus.Virus Res. 2008; 133: 74-87
  2. Donnelly CA – Ghani AC – Leung GM – et al.Epidemiological determinants of spread of causal agent of severe acute respiratory syndrome in Hong Kong.Lancet. 2003; 361: 1761-1766
  3. Cauchemez S – Fraser C -Van Kerkhove MD 
    • et al.Middle East respiratory syndrome coronavirus: quantification of the extent of the epidemic, surveillance biases, and transmissibility.Lancet Infect Dis. 2014; 14: 50-56
  4. Wu P – Hao X – Lau EHY – et al.Real-time tentative assessment of the epidemiological characteristics of novel coronavirus infections in Wuhan, China, as at 22 January 2020.Euro Surveill. 2020; 252000044
  5. Hamming I  – Timens W  – Bulthuis ML – Lely AT – Navis G – van Goor HTissue distribution of ACE2 protein, the functional receptor for SARS coronavirus: a first step in understanding SARS pathogenesis.J Pathol. 2004; 203: 631-637
  6. WHOCoronavirus disease 2019 (COVID-19): situation report—41.https://www.who.int/docs/default-source/coronaviruse/situation-reports/20200301-sitrep-41-covid-19.pdf Date: March 1, 2020Date accessed: March 12, 2020
  7. Novel Coronavirus Pneumonia Emergency Response Epidemiology TeamThe epidemiological characteristics of an outbreak of 2019 novel coronavirus diseases (COVID-19) in China.Zhonghua Liu Xing Bing Xue Za Zhi. 2020; 41: 145-151
  8. Dagan R – Bhutta ZA  – de Quadros CA – et al.The remaining challenge of pneumonia: the leading killer of children.Pediatr Infect Dis J. 2011; 30: 1-2
  9. Campbell H – Nair HChild pneumonia at a time of epidemiological transition.Lancet Glob Health. 2015; 3: e65-e6
  10. Leung CW – Kwan YW  – Ko PW – et al.Severe acute respiratory syndrome among children.Pediatrics. 2004; 113: e535-e543
  11. Al-Tawfiq JA – Kattan RF – Memish ZAMiddle East respiratory syndrome coronavirus disease is rare in children: an update from Saudi Arabia.World J Clin Pediatr. 2016; 5: 391-396
  12. Feng K – Yun YX – Wang XF – et al.Analysis of CT features of 15 children with 2019 novel coronavirus infection.Zhonghua Er Ke Za Zhi. 2020; 58: E007
  13. National Health and Health Commission of the People’s Republic of ChinaDiagnosis and treatment guidelines for 2019 novel coronavirus pneumonia (draft version 5).http://www.nhc.gov.cn/yzygj/s7653p/202002/3b09b894ac9b4204a79db5b8912d4440.shtmlDate: Feb 4, 2020Date accessed: March 12, 2020(in Chinese).
  14. Wang D – Hu B – Hu C – et al.Clinical characteristics of 138 hospitalized patients with 2019 novel coronavirus-infected pneumonia in Wuhan, China.JAMA. 2020; (published online Feb 7, 2020.)DOI:10.1001/jama.2020.1585
  15. National Institute for Viral Disease Control and PreventionNovel primers and probes for detection of novel coronavirus 2019.http://ivdc.chinacdc.cn/kyjz/202001/t20200121_211337.htmlDate: Jan 21, 2020Date accessed: March 12, 2020(in Chinese).
  16. Chen Z – Fu J  – Shu Q – et al.Diagnosis and treatment recommendation for pediatric coronavirus disease-19.Zhejiang Da Xue Xue Bao Yi Xue Ban. 2020; 49 (in Chinese).: 1-8
  17. Chen D – Li X  – Song Q  – Hu C – Su F – Dai JHypokalemia and clinical implications in patients with coronavirus disease 2019 (COVID-19).https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.02.27.20028530v1Date: Feb 29, 2020Date accessed: March 12, 2020
  18. Babyn PS – Chu WC – Tsou IY – et al.Severe acute respiratory syndrome (SARS): chest radiographic features in children.Pediatr Radiol. 2004; 34: 47-58
  19. Wang Z – Li X  – Li D – Li YClinical features of 167 children with the novel influenza A (H1N1) virus infection in Xi’an, China.Turk J Pediatr. 2012; 54: 99-104
  20. Tang B – Bragazzi NL  – Li Q  – Tang S – Xiao Y – Wu JAn updated estimation of the risk of transmission of the novel coronavirus (2019-nCov).Infect Dis Model. 2020; 5: 248-255
  21. Wardlaw T – Salama P  – Johansson EW – Mason EPneumonia: the leading killer of children.Lancet. 2006; 368: 1048-1050
  22. Standage SW – Wong HRBiomarkers for pediatric sepsis and septic shock.Expert Rev Anti Infect Ther. 2011; 9: 71-79
  23. Ling Y – Xu S-B  – Lin Y-X  – et al.Persistence and clearance of viral RNA in 2019 novel coronavirus disease rehabilitation patients.Chin Med J. 2020; (published online Feb 28, 2020.)DOI:10.1097/CM9.0000000000000774

Source:
UCSF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.