Circa una persona su cinque con COVID-19 è anche infettata da altri virus respiratori

0
215

Circa una persona su cinque con COVID-19 è anche infettata da altri virus respiratori, secondo un’analisi preliminare condotta da Ian Brown, MD, professore associato di medicina di emergenza presso la Stanford School of Medicine.

Inoltre, dall’analisi è emerso che circa una persona su 10 che presenta sintomi di malattie respiratorie in un pronto soccorso e successivamente diagnosticata un comune virus respiratorio, è co-infettata dal virus COVID-19.

I risultati contestano l’assunto che è improbabile che le persone abbiano COVID-19 se hanno un altro tipo di malattia respiratoria virale.

“Attualmente, se un paziente risulta positivo per un diverso virus respiratorio, riteniamo che non abbiano COVID-19 ” , ha detto Nigam Shah, MBBS, Ph.D., professore associato di medicina e di scienza dei dati biomedici presso il medico scuola.

“Tuttavia, dati i tassi di coinfezione osservati in questo campione, si tratta di un presupposto errato.”

Sono necessari test precisi e rapidi per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, per identificare coloro che sono infetti e rallentare la diffusione della malattia. Comprendere la probabilità di coinfezione è un passo importante in questo processo.

“Gli ospedali non hanno accesso illimitato ai test COVID”, ha detto Brown. 

“In alcuni casi, un paziente con sintomi respiratori può prima essere testato per un virus non COVID.

Se esiste una diagnosi di influenza o rinovirus o altri virus respiratori, un ospedale può dimettere il paziente senza test COVID, concludendo che la diagnosi alternativa è la ragione dei sintomi. “

Brown e i suoi colleghi hanno analizzato 562 persone recentemente sottoposte a test per COVID-19 presso il dipartimento di emergenza Marc and Laura Andreessen di Stanford Health Care. Quarantanove di queste persone sono risultate positive all’infezione da SARS-CoV-2.

Delle 562 persone, 517 sono state anche testate per la presenza di altri virus respiratori comuni, come influenza A e B, virus respiratorio sinciziale, rinovirus, adenovirus e diversi tipi di polmonite.

Centoventisette hanno ricevuto un risultato positivo per uno di questi altri virus respiratori.

Delle persone testate sia per la SARS-CoV-2 che per altri virus respiratori, undici persone – o circa il 22% dei 49 casi confermati di COVID-19 e l’8,7% delle 127 persone con altri virus respiratori – sono risultate coinfette con entrambi i tipi di virus.

I ricercatori hanno condiviso le loro scoperte il 18 marzo su Medium.com, una piattaforma di pubblicazione online, su richiesta del Dipartimento della sanità pubblica della California.

Al 29 marzo, ci sono stati 136.880 casi confermati o presunti di COVID-19 negli Stati Uniti e 2.409 morti risultanti dalla malattia, secondo il Coronavirus Resource Center della Johns Hopkins University.

Più di 33.500 persone in tutto il mondo sono morte a causa della malattia, che causa malattie respiratorie da lievi a gravi. La malattia è particolarmente pericolosa per le persone anziane e quelle con condizioni di salute preesistenti, tra cui malattie cardiache, diabete e malattie polmonari.


Con lo scoppio in corso della malattia di Coronavirus 2019 (COVID-19), i pazienti infetti all’interno e al di fuori dell’area epidemica, Wuhan, Cina, hanno mostrato diverse caratteristiche epidemiologiche e cliniche. Vi è una scarsità di dati riguardanti la coinfezione con altri comuni patogeni respiratori nei pazienti COVID-19 al di fuori di Wuhan.

Metodi: Abbiamo condotto uno studio a doppio centro che ha reclutato 68 pazienti con infezione da coronavirus 2 respiratorio acuto grave (SARS-CoV-2) confermata dai test dell’acido nucleico a Qingdao e Wuhan dal 17 gennaio al 16 febbraio 2020.

L’immunofluorescenza indiretta è stata eseguita per rilevare l’anticorpo IgM specifico contro i patogeni respiratori comuni nel siero della fase acuta raccolto. Risultati: Dei 68 pazienti con infezione da SARS-CoV-2, 30 (44,12%) provenivano da Qingdao.

L’età media dei pazienti di Qingdao e Wuhan era di 50 (IQR: 37-59) e 31 (IQR: 28-38) anni, rispettivamente, e la maggior parte dei pazienti era di sesso femminile a Qingdao (60,00%) e Wuhan (55,26%).

Tra i pazienti COVID-19 a Qingdao, 24 (80,00%) di loro avevano anticorpi IgM contro almeno un patogeno respiratorio, mentre solo uno (2,63%) dei pazienti a Wuhan ha avuto risultati positivi per il rilevamento di anticorpi IgM sierici (P <0,0001) .

I patogeni respiratori più comuni rilevati nei pazienti COVID-19 di Qingdao sono stati il ​​virus dell’influenza A (60,00%) e il virus dell’influenza B (53,33%), seguiti dal micoplasma pneumoniae (23,33%) e dalla legionella pneumophila (20,00%).

Mentre il modello per la coinfezione nei pazienti con polmonite acquisita in comunità a Qingdao era abbastanza diverso, con un tasso positivo di solo il 20,90%. Interpretazione: Abbiamo riportato una grande percentuale di pazienti COVID-19 con coinfezione di agenti patogeni respiratori stagionali a Qingdao, nel nordest della Cina, che differivano notevolmente dai pazienti di Wuhan, nella Cina centrale.

Sono necessarie precauzioni quando si tratta di pazienti COVID-19 oltre il centro epidemico che hanno coinfezione con altri agenti patogeni respiratori.

Consigliamo vivamente di aggiungere SARS-CoV-2 ai test diagnostici di routine in ospedali in grado di prevenire il rilevamento errato del virus.


Segui le ultime notizie sull’epidemia di coronavirus (COVID-19)
Altre informazioni:  tassi di co-infezione più elevati in COVID19. medium.com/@nigam/higher-co-in… covid19-b24965088333

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.