Le persone che usano glucocorticoidi hanno un rischio maggiore di sviluppare gravi sintomi di COVID-19

0
144

Le persone che assumono una classe di ormoni steroidei chiamati glucocorticoidi per condizioni come asma, allergie e artrite su base regolare possono non essere in grado di innescare una normale risposta allo stress e sono ad alto rischio se sono infettati dal virus che causa COVID-19 , secondo un nuovo editoriale pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society  .

I glucocorticoidi sono una classe di farmaci usati per trattare una varietà di condizioni infiammatorie e somministrati da molte vie diverse, tra cui compresse, creme per uso topico e farmaci per inalazione.

I pazienti che assumono questi farmaci possono essere più sensibili al COVID-19 a causa della soppressione del sistema immunitario.

Possono anche sperimentare una malattia più grave una volta infettati perché questi farmaci sopprimono la propria risposta steroidea all’infezione.

La terapia con glucocorticoidi supplementari iniettabili in questo contesto può invertire il rischio di insufficienza surrenalica potenzialmente fatale e deve essere considerata in ogni caso.

Gli individui con nota insufficienza surrenalica primaria, nota anche come malattia di Addison e insufficienza surrenalica secondaria che si verificano nell’ipopituitarismo dovrebbero anche prendere ulteriori precauzioni.

Se i pazienti sviluppano sintomi come tosse secca secca e febbre, devono immediatamente raddoppiare la dose orale di glucocorticoidi e continuare a farlo fino a quando la febbre non si è attenuata.

Anche loro richiederanno una terapia glucocorticoide iniettabile se le loro condizioni dovessero peggiorare.

Gli endocrinologi possono svolgere un ruolo chiave nel riconoscere, gestire e attuare queste misure, secondo gli autori.

Secondo le organizzazioni sanitarie mondiali, ci sono più di 719.000 casi confermati di COVID-19 . Più di 33.000 persone sono morte a causa della malattia al 31 marzo.

I glucocorticoidi sono una classe di farmaci usati per trattare una varietà di condizioni infiammatorie e somministrati da molte vie diverse, tra cui compresse, creme per uso topico e farmaci per inalazione. L’immagine è di dominio pubblico.

“Nella nostra vita professionale, non abbiamo assistito a una crisi sanitaria di questa portata e gravità”, hanno scritto gli autori.

Tra gli individui con diabete che contraggono COVID-19, la gravità della malattia sembra essere peggiore rispetto agli individui che non hanno il diabete, secondo gli autori.

Ricerche pubblicate dalla provincia di Wuhan in Cina hanno scoperto che le persone con diabete e ipertensione erano sovrarappresentate tra i pazienti gravemente ammalati e quelli che erano morti.

Gli scienziati hanno già contribuito a scoprire come il virus responsabile di COVID-19 entra nelle cellule e si diffonde da un individuo all’altro.

Alcuni hanno già fatto osservazioni preliminari sulle interazioni del virus con il sistema endocrino.

“Gli obiettivi correlati al sistema endocrino sono in prima linea nella scienza della scoperta mentre affrontiamo collettivamente questa pandemia”, hanno scritto gli autori.


L’attuale focolaio di coronavirus è il terzo grave scoppio globale di coronavirus negli ultimi due decenni. In passato i glucocorticoidi per via orale e parenterale sono stati utilizzati nella gestione di gravi sintomi respiratori nei pazienti con infezione da coronavirus.

Tuttavia, non ci sono prove definitive in letteratura a favore o contro l’utilizzo di glucocorticoidi sistemici in pazienti gravemente malati con malattia respiratoria grave correlata al coronavirus, o addirittura in altri tipi di malattie respiratorie gravi.

 In questo studio, speriamo di scoprire prove a supporto o contrarie alla somministrazione terapeutica sistemica di glucocorticoidi nei pazienti con malattia coronavirus grave 2019 (COVID-19).

REGISTRAZIONE DI PROVA:

ClinicalTrials.gov, ChiCTR2000029386, http://www.chictr.org.cn/showproj.aspx?proj=48777.


L’insufficienza epatica è una malattia pericolosa per la vita caratterizzata dalla presentazione di ittero, encefalopatia epatica (HE), ascite e meccanismo di coagulazione del sangue disturbato, ovvero attività del tempo di protrombina (PTA) inferiore al 40% ( 1 ).

In Europa e negli Stati Uniti, la droga e l’alcool sono le principali cause di insufficienza epatica; tuttavia, la causa principale dell’insufficienza epatica è il virus dell’epatite B (HBV) in Cina ( 2 ). L’insufficienza epatica correlata all’HBV è stata una grave sindrome clinica, causando alti tassi di morbilità e mortalità in Cina ( 3 – 5 ).

In effetti, gli approcci convenzionali, così come i trapianti di fegato e i dispositivi di supporto al fegato artificiale con medicina di supporto, non possono produrre risultati soddisfacenti ( 6 ). Sebbene in alcuni casi, gli analoghi dell’interferone e dei nucleosidi impediscano la progressione della malattia fino all’insufficienza epatica ( 7 ).

Pertanto, dobbiamo esplorare il meccanismo dell’insufficienza epatica correlata all’HBV e trovare terapie potenzialmente più efficaci per risolvere i problemi.

Le prove mostrano che l’HBV causa principalmente danni al fegato attraverso l’induzione di percorsi citolitici mediati dai linfociti T citotossici negli epatociti infetti da HBV ( 8 ,  9 ).

L’effetto speciale dei corticosteroidi per inibire le risposte immunitarie e prevenire la citolisi negli epatociti infetti è una strategia ragionevole, che supporta glucocorticoidi più la terapia convenzionale ( 10 ,  11 ).

Diversi studi hanno suggerito che la terapia di combinazione con corticosteroidi potrebbe ridurre il tasso di mortalità ( 12 – 18 ). Tuttavia, alcuni rapporti pubblicati hanno messo in dubbio i risultati promettenti dei corticosteroidi ( 19 ).

Gli effetti avversi dei corticosteroidi (infezione, iperglicemia, psicosi, ulcerazione peptica e scarsa guarigione ossea) e fattori di rischio associati alla riattivazione dell’HBV sono ben documentati ( 20 – 22 ).

Le linee guida cinesi per il trattamento dell’insufficienza epatica raccomandano che l’insufficienza epatica possa essere trattata con glucocorticoidi nelle epatopatie autoimmuni indotte da insufficienza epatica o in una fase precoce dell’insufficienza epatica causata da eziologie infettive non virali quando la malattia si sviluppa rapidamente senza gravi complicazioni ( 1 ).

D’altra parte, le linee guida dell’Associazione Asia-Pacifico ( 2 ), dell’American Association ( 23 ) o dell’Associazione Europea ( 24 ) per lo studio del fegato non hanno raccomandato glucocorticoidi più terapia convenzionale. Di conseguenza, sembra ragionevole presumere che la gestione dell’insufficienza epatica con glucocorticoidi più la terapia convenzionale vari con le posizioni geografiche.

 2. Obiettivi

Abbiamo condotto questa meta-analisi per valutare l’efficacia e la sicurezza dei corticosteroidi più la terapia convenzionale nei pazienti cinesi con insufficienza epatica correlata all’HBV e per delineare le prove per il processo decisionale clinico.

 3. Fonti di dati

3.1. Strategia di ricerca

Abbiamo cercato diversi database nazionali e internazionali, tra cui PubMed, Embase, la biblioteca Cochrane, China National Knowledge Infrastructure, database Wanfang e Google Scholar fino ad aprile 2017.

La strategia di ricerca era limitata ai documenti in lingua cinese / inglese. La strategia di ricerca elettronica è stata generata utilizzando i seguenti termini, “insufficienza epatica”, “epatite B”, “glucocorticoide”, “idrocortisone”, “desametasone”, “prednisone”, “prednisolone”, “metilprednisolone” (Appendice 1). In alternativa, i riferimenti degli articoli recuperati sono stati cercati manualmente.

 4. Selezione dello studio

I criteri di inclusione nella selezione di studi pertinenti erano:

(1) revisioni sistematiche limitate a studi controllati randomizzati;

(2) pazienti precedentemente diagnosticati ( 1 ,  25 ) con insufficienza epatica correlata al virus dell’epatite B (ALF, SALF, ACLF e CLF);

(3) tracce hanno fornito le registrazioni del trattamento convenzionale (trattamento di supporto, trattamento analogico nucleosidico, trattamento anti-infezione, inibitori della pompa protonica per la prevenzione del sanguinamento gastrointestinale, con / senza supporto epatico artificiale);

(4) studi clinici sull’uso dei glucocorticoidi senza controindicazioni;

(5) hanno riportato dati di efficacia e / o complicanze della terapia primaria.

I criteri di esclusione erano:

(1) studi pubblicati come case report, recensioni, farmacologia, farmacocinetica e altre ricerche non cliniche o in forma astratta senza dati grezzi;

(2) pazienti con epatite indotta da farmaci, epatite autoimmune, epatopatia alcolica o altre cause di insufficienza epatica;

(3) pazienti coinfettati con altri virus dell’epatite (epatite E, A, D o C) e / o virus dell’immunodeficienza umana (HIV).

Due investigatori (Ran, Luo) hanno valutato indipendentemente i criteri di inclusione ed esclusione e le discrepanze tra loro sono state risolte per consenso. Il protocollo di studio di questa meta-analisi è stato registrato (numero di registrazione CRD42019122976) nel “Registro prospettico internazionale delle revisioni sistematiche”.

4.1. Risultati primari e secondari

L’outcome primario era il tasso di miglioramento e mortalità. Il tasso di miglioramento è stato valutato attraverso cambiamenti nelle manifestazioni cliniche, parametri biochimici della funzionalità epatica, livelli di acido desossiribonucleico del virus dell’epatite B (HBV-DNA) e attività protrombinica (PTA). Inoltre, il tasso di mortalità negli studi corrispondenti è stato misurato durante il trattamento. Gli esiti secondari erano l’incidenza di complicanze, tra cui sanguinamento gastrointestinale, infezione polmonare, peritonite batterica, encefalopatia epatica, sindrome epatorenale, squilibrio elettrolitico e ascite.

 5. Estrazione dei dati

Due autori (Luo e Zhang) hanno estratto indipendentemente i dati dagli studi inclusi e rivisto il testo completo. Successivamente, hanno discusso e verificato i disaccordi con il terzo membro del team di revisione (Da-Zhi Zhang).

I dati sono stati estratti considerando:

(I) studio: titolo, autore, anno e posizione, diagnosi dei pazienti, design e dimensioni del campione;

(II) interventi: tipi e dosaggio di corticosteroidi, tempo di somministrazione e tempo di follow-up;

(III) trattamento convenzionale: tipi di farmaco antivirale;

(IV) risultati dello studio: tasso di miglioramento, tasso di mortalità e incidenza di complicanze.

5.1. Punteggio di qualità

Abbiamo usato la scala Jadad modificata per valutare la qualità degli studi selezionati, in base alla generazione della descrizione della sequenza di allocazione, occultamento di allocazione, doppio accecamento, deviazioni e prelievi.

5.2. Analisi statistica

La meta-analisi è stata effettuata utilizzando il software Stata 12.0 (Stata Company, College Station, Texas, USA). I rapporti di probabilità (OR) con intervalli di confidenza al 95% (IC al 95%) sono stati calcolati per confrontare il risultato nei glucocorticoidi più il gruppo convenzionale e il gruppo convenzionale.

Il test Q di Cochran e l’indice I-quadrato sono stati valutati per valutare l’eterogeneità tra i gruppi. Quando P> 0,05 nel test Q di Cochran e I 2  <50%, l’eterogeneità era assente. Il metodo Mantel-Haenszel è stato applicato per un modello a effetti fissi e P <0,05 è stato considerato statisticamente significativo. La parzialità della pubblicazione è stata esaminata usando il test di Begg e Egger. Quando P <0,05, il bias era considerato significativo.

 6. Risultati

6.1. Caratteristiche degli studi inclusi

In questa meta-analisi, 1259 articoli sono stati inizialmente identificati nella ricerca iniziale come descritto sopra (Figura 1), quindi dopo aver rimosso gli elementi duplicati, sono stati valutati e proiettati 1187 articoli per quanto riguarda il titolo e l’abstract. Di questi articoli, 72 studi full-text sono stati ulteriormente valutati per quanto riguarda i criteri di inclusione ed esclusione. Infine, 10 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione e sono stati inclusi nella meta-analisi.

Processo di selezione dello studio.  Dei 1259 studi inizialmente identificati dalle nostre ricerche elettroniche, 10 soddisfacevano i criteri di inclusione.  RCT: trial controllato randomizzato.

Figura 1. Processo di selezione dello studio. Dei 1259 studi inizialmente identificati dalle nostre ricerche elettroniche, 10 soddisfacevano i criteri di inclusione. RCT: trial controllato randomizzato.

Le principali caratteristiche degli studi inclusi sono elencate nella Tabella 1. Degli 891 pazienti, 446 pazienti hanno ricevuto terapia di combinazione e 445 pazienti hanno ricevuto terapia convenzionale. Tutti gli studi provenivano dalla Cina e pubblicati tra il 2011 e il 2016.

Le informazioni dettagliate riguardanti il fegato marcatori biochimici è mostrata in file supplementare Appendice 1. Tra i 10 studi, tasso di miglioramento (827 pazienti) è stata riportata in nove studi ( 12 – 19 ,  26 ), il tasso di mortalità (439 pazienti) è stata riportata nel studi sette ( 14 – 19 ,  27 ); tuttavia, nessuno degli studi ha riportato una percentuale di trapianti di fegato.

Inoltre, sanguinamento gastrointestinale (599 pazienti) è stato riportato sei studi ( 13 ,  14 ,  16 – 19 ). Infezione da polmoni (405 pazienti) in tre studi ( 13 ,  17 ,  27 ). Peritonite batterica (465 pazienti) è stata segnalata in quattro studi ( 13 ,  14 ,  17 ,  27 ). Encefalopatia epatica (663 pazienti) è stata riportata in sette studi ( 13 ,  14 ,  16 – 19 ,  27 ). La sindrome epatorenale (510 pazienti) è stata segnalata in quattro studi ( 13,  14 ,  18 ,  19 ). Lo squilibrio elettrolitico (159 pazienti) è stato riportato in due studi ( 17 ,  18 ). L’ascite (389 pazienti) è stata riportata in tre studi ( 13 ,  16 ,  17 ).

Il tipo e la dose di glucocorticoide ricevuti dai pazienti nel gruppo di combinazione erano diversi. I pazienti in quattro studi sono stati randomizzati a ricevere desametasone (2,5 – 10 mg / giorno).

I pazienti in due studi hanno usato metilprednisolone (1 mg / kg / giorno). I pazienti in due studi sono stati trattati con prednisone (da 20 mg / die a 50 – 60 mg / die). I pazienti di uno studio hanno iniziato metilprednisolone 1 mg / kg / die e sono passati a prednisolone 0,5 mg / kg / die. I pazienti di un altro studio hanno usato idrocortisone 25 mg / die.

Le caratteristiche del trattamento con glucocorticoidi incluse in questa meta-analisi sono mostrate nella Tabella 2. Sulla base della scala di Jadad, abbiamo valutato i dati di qualità metodologica dei percorsi inclusi elencati nell’Appendice 2. File supplementare Tabella 1. Caratteristiche di base degli studi inclusi nella Meta-analisi: parametri demografici a

Primo autore, rif.AnnoPosizioneEtà, y, (media ± DS)Gender, Male/FemalePazienti, No.Design dello studio
Wu, ( 12 )2011Cina(31.9 ± 7.7)/(32.5 ± 8.2)32/3643/44SQR
Shu-Sheng, ( 13 )2014Cina(47.25 ± 13.15)/(45.31 ± 12.22)127/135150/150SQR
Lei, (14)2015CinaNANA30/30SQR
Hui-Zhen, ( 15 )2012CinaNA30/3040/36SQR
Lin-Fang, ( 16 )2016Cina(48.61 ± 12.41)/(47.26 ± 14.13)NA26/22SQR
Xiu-Mei, ( 17 )2012Cina(39.765 ± 5.101)/(41.054 ± 5.998)13/1221/20SQR
Bo, ( 18 )2016CinaNANA59/59SQR
Jin-Hui, ( 19 )2014CinaNANA12/20SQR
Wei-Mi, ( 26 )2012CinaNANA33/32SQR
Long Yun, ( 27 )2016CinaNANA32/32SQR

Abbreviazioni: SD, deviazione standard; NA, non disponibile; RCT, studio randomizzato controllato.

a I valori indicano i pazienti nei glucocorticoidi più il gruppo di terapia convenzionale (prima della barra) e quelli nel gruppo di terapia convenzionale (dopo la barra).

Tabella 2. Caratteristiche del trattamento con glucocorticoidi incluso in questa meta-analisi

Primo autore, rif.AnnoType, DoseDurata, giorniFollow-up, tempo, giorni
Wu, ( 12 )2011Desametasone, 10 mg / giorno7NA
Shu-Sheng, ( 13 )2014Desametasone, 10 mg / giornoDa 3 a 528
Lei, (14)2015Metilprednisolone, 1 mg / kg / giorno, gradualmente ridotto e cambiato in Prednisolone, 0,5 mg / kg / giorno, gradualmente ridotto5656
Hui-Zhen, ( 15 )2012Prednisolone, 50 – 60mg / die, gradualmente ridotto5684
Lin-Fang, ( 16 )2016Metilprednisolone, 1 mg / kg / die, gradualmente ridotto1428
Xiu-Mei, ( 17 )2012Prednisolone, 20 mg / die, gradualmente ridotto5656
Bo, 2016 ( 19 )Idrocortisone, 25 mg / giorno2828
Jin-Hui, ( 19 )2014Desametasone, 2,5 mg / giorno1456
Wei-Ming, ( 26 )2012Desametasone, 10 mg / die, gradualmente ridotto2128
Yun, ( 27 )2016Metilprednisolone, 1 mg / kg / die, gradualmente ridotto3030

Abbreviazione: NA, non disponibile.

6.2. risultati

6.2.1. Il risultato principale

6.2.1.1. Il tasso di miglioramento

Nove studi contenenti 827 pazienti hanno riportato tassi di miglioramento. I pazienti trattati con glucocorticoide più terapia convenzionale hanno raggiunto un tasso di miglioramento maggiore rispetto ai pazienti trattati con terapia convenzionale (OR = 3,98; IC al 95% [2,80, 5,66]; P = 0.000, Figura 2). Nessuna eterogeneità significativa esisteva tra gli studi (P = 0,158; I 2  = 32,5%); quindi è stato applicato il modello a effetto fisso.

Confronto aggregato del tasso di miglioramento nel gruppo di terapia con glucocorticoidi e nel gruppo di controllo

Figura 2. Confronto aggregato del tasso di miglioramento nel gruppo di terapia con glucocorticoidi e nel gruppo di controllo

6.2.1.2. Tasso di mortalità

Sette studi contenenti 439 pazienti hanno riportato tassi di mortalità in cui tre studi hanno riportato le informazioni sulla mortalità a 4 settimane, 3 hanno riportato le informazioni sulla mortalità a 8 settimane e quella ha riportato le informazioni sulla mortalità a 12 settimane.

Analizzando insieme questi sette studi, il nostro risultato ha dimostrato che il glucocorticoide più la terapia convenzionale hanno ridotto il tasso di mortalità nei pazienti con insufficienza epatica correlata all’HBV e la differenza era statisticamente significativa (OR = 0,38, IC al 95% [0,20, 0,74], P = 0,004, figura 3). Non è stata rilevata eterogeneità statistica tra gli studi e abbiamo scelto il modello a effetti fissi (P = 0,648, I 2  = 0,0%).

Trama della foresta che mostra il verificarsi della mortalità

Figura 3. Trama della foresta che mostra il verificarsi della mortalità

6.2.2. Risultati secondari

6.2.2.1. complicazioni

Abbiamo condotto un’analisi delle complicanze per confrontare l’incidenza delle complicanze tra il gruppo di combinazione e il gruppo di controllo (Tabella 3).

I nostri dati hanno mostrato che l’aggiunta di glucocorticoide ha ridotto il tasso di encefalopatia epatica (OR = 0,34, IC 95% [0,19, 0,60], P = 0.000), sindrome epatorenale (OR = 0,22, IC 95% [0,10, 0,47], P = 0.000), squilibrio elettrolitico (OR = 0,27, IC 95% [0,12, 0,62], P = 0,002) e ascite (OR = 0,50, IC 95% [0,28, 0,90], P = 0,021).

Non sono state rilevate differenze statisticamente significative tra i due gruppi per quanto riguarda l’incidenza di complicanze per infezione polmonare (OR = 0,76, IC 95% [0,27, 2,10], P = 0,595), sanguinamento gastrointestinale (OR = 0,48, IC 95% [0,23, 1,00], P = 0,050) e peritonite batterica (OR = 0,70, IC 95% [0,31, 1,58], P = 0,396).

I risultati non hanno mostrato eterogeneità statistica nell’analisi delle complicanze di cui sopra (P> 0,05, I 2  <50%) ed è stato applicato il modello a effetto fisso.

Tabella 3. Risultati dell’analisi delle complicanze Valutazione delle differenze tra il gruppo di combinazione e il gruppo di controllo a

complicazioniStudi, No.Pazienti con complicanze, No.O95% CIValore PIo 2
Encefalopatia epatica717/490.34Da 0,19 a 0,600.00048.3%
Sindrome epatorenale38/350.22Da 0,10 a 0,470.00037.9%
Squilibrio elettrolitico210/270.27Da 0,12 a 0,620.0020.0%
ascite321/360.50Da 0,28 a 0,900.0210.0%
Infezione polmonare37/90.76Da 0,27 a 2,100.5950.0%
Sanguinamento gastrointestinale613/240.48Da 0,23 a 1,000.0508.8%
Peritonite batterica411/150.70Da 0,31 a 1,580.3960.0%

Abbreviazioni: CI, intervallo di confidenza; O, rapporto di probabilità.

a I valori indicano i pazienti nei glucocorticoidi più il gruppo di terapia convenzionale (prima della barra) e quelli nel gruppo di terapia convenzionale (dopo la barra).

6.3. Analisi di bias della pubblicazione

Il test di regressione di Begg e Egger è stato utilizzato per valutare la tendenza alla pubblicazione della letteratura e in questa meta-analisi non è stata rilevata alcuna tendenza alla pubblicazione (File Supplementare Appendice 3).

 7. Conclusioni

Diverse associazioni per lo studio delle malattie del fegato (l’Asia-Pacifico, l’American Association o l’Associazione Europea) non hanno raccomandato glucocorticoidi più terapia convenzionale in forma combinata per l’insufficienza epatica, ad eccezione delle linee guida cinesi. Il nostro studio ha studiato i dati pubblicati sui glucocorticoidi più la terapia convenzionale e ha scoperto che la terapia di combinazione riduce il tasso di mortalità senza aumentare l’incidenza di complicanze nei pazienti cinesi.

Sebbene l’insufficienza epatica sia riconosciuta come entità clinica nell’epatite virale cronica, il suo impatto continua ad essere associato a una maggiore morbilità e mortalità ( 28 ,  29 ). Il trattamento clinico dell’insufficienza epatica comprende il trattamento medico standard, il trattamento del fegato artificiale, il trapianto di cellule staminali e il trapianto di fegato.

Il trapianto di fegato è la terapia definitiva ed efficace per i pazienti con insufficienza epatica senza neoplasie che hanno progredito in grave deterioramento del fegato ( 30 ). Anche il fegato artificiale, in particolare il fegato bioartificiale, svolge un ruolo importante nel trattamento dell’insufficienza epatica.

Tuttavia, la carenza di donatori di fegato in Cina e l’inaccessibilità del fegato artificiale in aree economicamente arretrate hanno enfatizzato il trattamento medico piuttosto che il trapianto di fegato. Pertanto, è necessaria la valutazione del trattamento medico standard per i pazienti con epatite B con grave esacerbazione.

I glucocorticoidi come agenti immunomodulatori sono stati applicati per trattare malattie infiammatorie allergiche e croniche, come l’asma, la dermatite e l’artrite reumatoide dagli anni ’50 ( 31 ,  32 ).

Diversi studi randomizzati recenti hanno dimostrato che una combinazione di glucocorticoidi e trattamento convenzionale era superiore alla monoterapia convenzionale ( 33 – 36 ); tuttavia, altri rapporti hanno affermato che le mono-terapie e la terapia di combinazione avevano risultati simili ( 37 ).

I nostri dati implicavano che la terapia di combinazione (glucocorticoide più convenzionale) mostrava un tasso di miglioramento e un tasso di mortalità migliori rispetto alla monoterapia convenzionale. Le azioni antinfiammatorie dei glucocorticoidi potrebbero essere utili per fermare il deterioramento progressivo del fegato ( 10 ).

Inoltre, anche la loro capacità di prevenire la citolisi degli epatociti infetti ( 11 ) e di regolare i livelli plasmatici di TNF, IL-6, CXCL8 (IL-8) e CCL2 (MCP-1) può svolgere un ruolo vitale ( 38). ). È importante sottolineare che questa tendenza positiva potrebbe imputare l’uso clinico di prodotti sanguigni, antibiotici, inibitori della pompa protonica e analoghi nucleosidici (acidi) nel trattamento dell’insufficienza epatica.

L’insufficienza epatica può portare a infezione, sanguinamento e sindrome epatorenale ( 39 ), suggerendo se la terapia con glucocorticoidi possa indurre o aggravare le complicazioni di cui sopra.

I nostri risultati hanno dimostrato che l’aggiunta di glucocorticoide alla terapia convenzionale non ha comportato un aumento dell’incidenza di encefalopatia epatica, sindrome epatorenale, squilibrio elettrolitico o ascite in pazienti con insufficienza epatica correlata all’HBV.

Un motivo per spiegare l’efficacia della terapia di combinazione nel presente studio rispetto ad altri potrebbe essere la somministrazione di corticosteroidi per una durata più lunga e la presenza di infezione o replicazione dell’HBV.

Ci sono alcune limitazioni a questa meta-analisi. Innanzitutto, ci sono differenze nel tipo, nella dose e nella durata del glucocorticoide tra gli studi inclusi. In secondo luogo, la durabilità, la sicurezza e gli effetti collaterali a lungo termine dei corticosteroidi non sono stati stabiliti.

In terzo luogo, la patofisiologia e le condizioni dei pazienti variavano in diversi tipi di insufficienza epatica, tra cui ALF, SALF, ACLF e CLF. Questi pazienti avrebbero manifestazioni ed esiti variabili.

Tuttavia, non c’erano dati sufficienti per eseguire l’analisi dei sottogruppi. Inoltre, poiché tutti i dati della nostra meta-analisi provengono dalla Cina, i futuri studi RCT sull’uso della terapia di combinazione da tutto il mondo forniranno una migliore comprensione.

Infine, non è noto il momento ideale per iniziare questo trattamento nel decorso clinico della malattia. Quindi dobbiamo ancora accumulare più dati in questo campo per determinare l’ora, il tipo, la dose e la durata ottimali di inizio dei corticosteroidi.

In sintesi, i corticosteroidi migliorano l’efficacia nei pazienti con insufficienza epatica correlata all’HBV senza aumentare il rischio di mortalità o complicanze. Il nostro studio fornisce prove complete sull’avvio di glucocorticoide e terapia convenzionale come strategia ragionevole nel trattamento di pazienti con insufficienza epatica correlata all’HBV.


Fonte:
The Endocrine Society

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.