Trasmissione sessuale: i ricercatori non hanno trovato prove di COVID-19 nel seme o nei testicoli degli uomini

0
161

È improbabile che COVID-19 si diffonda attraverso lo sperma, secondo gli scienziati della University of Utah Health che hanno partecipato a uno studio internazionale su uomini cinesi che recentemente hanno avuto la malattia.

I ricercatori non hanno trovato prove del virus che causa COVID-19 nel seme o nei testicoli degli uomini.

Lo studio non era abbastanza completo da escludere completamente la possibilità che la malattia potesse essere trasmessa sessualmente.

Tuttavia, le probabilità che ciò accada, sulla base di questa scoperta limitata, sembrano essere remote.

“Il fatto che in questo piccolo studio preliminare che appaia il virus che causa COVID-19 non si manifesti nei testicoli o nello sperma potrebbe essere un risultato importante”, afferma James M. Hotaling, MD, coautore di lo studio e un professore associato di urologia di U of U Health specializzato in fertilità maschile.

“Se una malattia come COVID-19 fosse sessualmente trasmissibile, ciò avrebbe importanti implicazioni per la prevenzione delle malattie e potrebbe avere gravi conseguenze per la salute riproduttiva a lungo termine di un uomo”.

Lo studio appare in  Fertility & Sterility , una rivista peer-review pubblicata dalla American Society of Reproductive Medicine.

Il team internazionale di ricercatori provenienti dalla Cina e dagli Stati Uniti ha lanciato lo studio in risposta alle preoccupazioni che SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, potrebbe essere trasmesso sessualmente come Ebola, Zika e altri patogeni virali emergenti.

Per scoprirlo, hanno raccolto campioni di sperma da 34 uomini cinesi un mese (in media) dopo la diagnosi di casi lievi o moderati di COVID-19. I test di laboratorio non hanno rilevato SARS-CoV-2 in nessuno dei campioni di sperma.

Ma solo perché il virus non era presente nello sperma esistente non era necessario escludere che non fosse entrato nei testicoli dove si formano le cellule spermatiche.

“Se il virus è nei testicoli ma non nello sperma, non può essere trasmesso sessualmente”, afferma Jingtao Guo, Ph.D., scienziato post dottorato presso l’Huntsman Cancer Institute dell’Università dello Utah che ha anche scritto lo studio .

“Ma se è nei testicoli, può causare danni a lungo termine allo sperma e alla produzione di sperma.”

Per risolvere questa parte del puzzle, i ricercatori hanno analizzato un set di dati generato da un atlante mRNA a singola cellula da donatori di organi giovani sani che era disponibile da precedenti lavori.

Questo atlante consente loro di esaminare l’mRNA, il materiale genetico utilizzato per produrre proteine, in ogni singola cellula testicolare. In questo caso, lo scienziato lo ha usato per esaminare l’espressione di una coppia di geni associati a SARS-CoV-2.

Questi due geni, l’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) e la transmembrana serina proteasi 2 (TMPRSS2) agiscono come recettori, permettendo a SARS-CoV2 di penetrare nelle cellule e replicarsi.

Affinché il virus possa accedere efficacemente alle cellule, entrambi i recettori devono essere presenti nella stessa cellula.

Quando gli scienziati hanno esaminato il set di dati, hanno scoperto che i geni che codificano per queste due proteine ​​sono stati trovati solo in quattro delle 6.500 cellule testicolari, suggerendo che è improbabile che SARS-CoV-2 invaderà le cellule testicolari umane, dice Guo.

Nonostante questi risultati, i ricercatori riconoscono che il loro studio ha diversi limiti importanti tra cui una piccola dimensione del campione e il fatto che nessuno dei donatori era stato gravemente malato con COVID-19.

“Potrebbe essere che un uomo gravemente malato di COVID-19 possa avere una carica virale più elevata, il che potrebbe portare a una maggiore probabilità di infettare il seme. Al momento non abbiamo la risposta a questa domanda “, afferma Hotaling.

“Ma sapere che non abbiamo trovato quel tipo di attività tra i pazienti in questo studio che si stavano riprendendo da forme lievi a moderate della malattia è rassicurante.”

Tuttavia, Hotaling avverte che il contatto intimo può ancora aumentare il rischio di diffondere la malattia attraverso la tosse, lo starnuto e il bacio. Inoltre, alcune persone infette sono asintomatiche e possono apparire sane, anche se trasmettono il virus ad altri.

Oltre ai dott. Hotaling e Guo, altri ricercatori di U of U Health coinvolti in questo studio, intitolato “No Evidence of SARS-CoV-2 in Semen of Males Recovering from COVID-19”, sono stati Darshan Patel, MD e Adam Spivak, MD.

Finanziamento:  la ricerca è stata sostenuta dalla National Natural Science Foundation of China e dalla Huazhong University of Science & Technology.


Contesto: dall’11 marzo 2020, l’epidemia di COVID-19 è stata dichiarata come una pandemia. Spendere la nostra comprensione delle vie di trasmissione dell’infezione virale è cruciale nel controllo dell’epidemia.

Non è chiaro se il romanzo coronavirus del 2019 (2019-nCoV) possa infettare direttamente i testicoli o il tratto genitale maschile ed essere trasmesso sessualmente dai maschi. Metodi: dal 31 gennaio al 14 marzo 2020, 12 pazienti in recupero e un paziente deceduto per COVID-19 sono stati inclusi in questo studio descrittivo.

Sono state registrate le caratteristiche cliniche, i risultati di laboratorio, le scansioni TC toraciche e i risultati. Per esaminare se vi è una trasmissione sessuale dal maschio, abbiamo impiegato test di reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR) per rilevare 2019-nCov nel seme o campione di biopsia testicolare.

Risultati: la fascia di età dei 12 pazienti in recupero era di 22-38 anni. Nessuno dei pazienti ha sviluppato grave polmonite COVID-19.

A partire dal 14 marzo 2020, dieci pazienti sono stati dimessi dall’ospedale mentre gli altri 2 si erano sviluppati in fase di recupero. Tutti i pazienti in recupero sono risultati negativi per l’RNA 2019-nCoV nei campioni di sperma.

Un altro paziente deceduto aveva 67 anni, deceduto il 10 marzo 2020 e il campione di tessuto mediante biopsia testicolare è risultato negativo per l’RNA virale.

Conclusione : Nessun risultato positivo RT-PCR è stato trovato nel seme o nel campione di biopsia testicolare. I risultati di questo studio non mostrano alcuna prova della trasmissione sessuale di 2019-nCov dai maschi .


Fonte:
University of Utah Health

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.