COVID-19: L’allontanamento sociale si oppone alla nostra reazione naturale ai rischi incombenti – i contatti sociali non sono un extra

0
222

Di fronte al pericolo, gli umani si avvicinano. L’allontanamento sociale ostacola questo impulso. La professoressa Ophelia Deroy della Ludwigs-Maximilians Universitaet di Monaco (LMU) e colleghi sostengono che questo dilemma rappresenta una maggiore minaccia per la società rispetto al comportamento apertamente antisociale.

La crisi della corona presenta ai paesi di tutto il mondo quella che è forse la più grande sfida che la maggior parte ha dovuto affrontare dalla seconda guerra mondiale. Per prima cosa, il virus costituisce una vera minaccia globale.

In assenza di un vaccino, la nostra principale difesa contro di esso consiste in quello che ora viene chiamato “distanziamento sociale” – minimizzando i nostri contatti con gli altri negli spazi pubblici. 

In un saggio che appare sulla rivista leader  Current Biology , un team interdisciplinare di autori che comprende la professoressa Ophelia Deroy, che detiene una cattedra di Filosofia della mente presso la LMU ed è affiliata al Munich Neuroscience Center, sottolinea il dilemma posto dalle misure progettate promuovere il distanziamento sociale.

“Le condizioni pericolose ci rendono più – non meno – sociali”, afferma Deroy. “Affrontare questa contraddizione è la più grande sfida che affrontiamo ora.”

Visto da questo punto di vista, il nostro problema attuale non risiede nelle reazioni egoistiche alla crisi o nel rifiuto di riconoscere i rischi, come vorrebbe farci credere alle immagini di banche di scaffali vuoti nei supermercati o di folle di passeggini nei nostri parchi pubblici.

Deroy e i suoi co-autori Chris Frith (un noto neurobiologo sociale con sede presso l’University College di Londra) e Guillaume Dezecache (uno psicologo sociale presso l’Université Clermont Auvergne) sostengono che tali scene non sono rappresentative.

Sottolineano che le persone tendono istintivamente a rannicchiarsi di fronte a un grave pericolo – in altre parole, cercano attivamente contatti sociali più stretti. 

Studi nei campi della neuroscienza, della psicologia e della biologia evolutiva hanno già dimostrato che non siamo egoisti come pensano alcune discipline.

Continuano a produrre prove che dimostrano che le situazioni minacciose ci rendono ancora più cooperativi e hanno maggiori probabilità di essere socialmente favorevoli di quanto non siamo normalmente.

Quando le persone hanno paura, cercano sicurezza nei numeri. Ma nella situazione attuale, questo impulso aumenta il rischio di infezione per tutti noi. Questo è l’enigma evolutivo di base che descriviamo “, afferma Dezecache.

Le richieste ora poste dai governi di autoisolarsi e seguire le linee guida sul distanziamento sociale sono fondamentalmente in contrasto con il nostro istinto sociale e rappresentano quindi una seria sfida per la maggior parte delle persone.

“Dopo tutto”, dice Deroy, “i contatti sociali non sono un” extra “, che siamo liberi di rifiutare. Fanno parte di ciò che chiamiamo normale. ” 

Gli autori del saggio sostengono quindi che, poiché il distanziamento sociale si oppone alla nostra naturale reazione a rischi incombenti, le nostre inclinazioni sociali – piuttosto che reazioni antisociali a minacce razionalmente riconosciute – ora rischiano di esacerbare il pericolo.

Come potremmo quindi sfuggire a questo dilemma?

Secondo Deroy, dobbiamo rivedere ciò che Internet può offrire. L’argomento è il seguente. Nel mondo pre-pandemico, Internet e i social media erano spesso considerati decisamente non sociali.

Ma in tempi come il presente, forniscono un’alternativa accettabile ed efficace al contatto fisico, nella misura in cui consentono interazioni sociali in assenza di contiguità fisica. I social media consentono a un gran numero di persone di raggiungere virtualmente vicini, parenti, amici e altri contatti.

“Le nostre inclinazioni innate sono cooperative piuttosto che egoistiche. Ma l’accesso a Internet ci consente di far fronte alla necessità di un allontanamento sociale “, afferma Chris Frith.

“Resta da vedere, e per quanto tempo, il nostro bisogno di contatto sociale può essere soddisfatto dai social media”, afferma Deroy. Ma lei e i suoi coautori hanno due importanti raccomandazioni per i responsabili politici.

Prima di tutto, devono riconoscere che la richiesta di allontanamento sociale non è solo politicamente molto insolita: va contro la struttura evoluta della cognizione umana. In secondo luogo, al giorno d’oggi, il libero accesso a Internet non è solo un prerequisito per la libertà di parola.

Nella situazione attuale, sta anche apportando un contributo positivo alla salute pubblica. “Questo è un messaggio importante, dato che i settori più vulnerabili della società sono spesso quelli che, a causa della povertà, dell’età e della malattia, hanno pochi contatti sociali”.


Quali sono alcuni impatti psicologici che derivano dal distanziamento sociale e dal riparo sul posto?

Il distanziamento sociale è vitale per rallentare la diffusione di COVID-19, ma spinge anche contro il bisogno fondamentale degli esseri umani di collegarsi tra loro. Soprattutto nei momenti difficili, le persone sentono il bisogno di commiserare, confortare e confortarsi a vicenda.

Gli esperimenti dimostrano che il supporto dei propri cari ammorbidisce la nostra risposta allo stress e persino la risposta del nostro cervello a dolorose scosse elettriche. Al contrario, la solitudine è psicologicamente velenosa; aumenta l’insonnia, la depressione, nonché i problemi immunitari e cardiovascolari. In effetti, la solitudine cronica produce un rischio di mortalità simile al fumo di 15 sigarette al giorno.

Dobbiamo fare la cosa giusta per la salute pubblica e il riparo sul posto adesso, ma se così facendo si produce una solitudine cronica e diffusa, una crisi di salute fisica e mentale a lungo termine potrebbe seguire questa virale.

La solitudine può essere prevenuta?

Penso che dovremmo iniziare riformulando ciò che stiamo facendo in questo momento. “Distanziamento sociale” era il termine sbagliato per cominciare. Dovremmo pensare a questo momento come “distanziamento fisico” per sottolineare che possiamo rimanere socialmente connessi anche se siamo separati. 

In effetti, incoraggio tutti noi a praticare la “socializzazione a distanza”. Ironia della sorte, le stesse tecnologie che spesso diamo la colpa alla demolizione del nostro tessuto sociale potrebbero essere la nostra migliore possibilità, ora, di tenerlo insieme.

Quali sono alcune strategie per far fronte al sentirsi soli? In che modo amici e parenti possono rimanere in contatto?

FaceTime, Zoom e altri strumenti come questi sono i nostri amici in questo momento. Sappiamo di usare questi strumenti per riunioni e insegnamento, ma perché fermarsi qui? A mio avviso, dovremmo usarli anche per interazioni molto meno formali: il “baldoria” digitale.

Quando ci incontriamo di persona, non ci aspettiamo che ogni minuto sia produttivo o scintillante. Kibitz, dondoliamo e scherziamo, e quei “momenti intermedi” sono vitali per un senso di connessione. Trova modi per replicarli online.

Nel mio laboratorio, ad esempio, abbiamo una sala da caffè dove le persone si riuniscono e fanno delle pause insieme. Abbiamo creato un canale Zoom chiamato “the coffee room” destinato esplicitamente a non fare nulla insieme. 

Allo stesso modo, considera di cucinare lo stesso pasto con qualcuno su FaceTime e virtualmente i bicchieri tintinnanti o di avere date di gioco online in cui i bambini possono giocare gli stessi giochi o trarre dalla stessa immagine di riferimento.


Fonte:
LUM

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.