Solo 16 ore di terapia cognitivo comportamentale (CBT) possono avere effetti molto positivi sugli ipocondriaci fino a 10 anni dopo il trattamento

0
110

Le persone che soffrono di ansia per la salute ( Ipocondriaci ) usano molto del loro tempo e delle loro energie per verificare se hanno o meno una malattia grave. 

Ciò ha spesso effetti negativi sulla loro vita sociale, lavorativa e familiare, nella misura in cui la loro qualità di vita è fortemente ridotta.

I ricercatori dell’Università di Bergen hanno scoperto che solo 16 ore di terapia cognitivo comportamentale (CBT) possono avere effetti molto positivi sugli ipocondriaci 10 anni dopo il trattamento.

“Questo è il primo studio che segue gli ipocondriaci per un periodo così lungo. Dimostra che la CBT ha buoni effetti sia a un anno che a 10 anni dalla terapia “, afferma la psichiatra Kari-Elise Veddegjærde, Ph.D. candidato presso il Dipartimento di Scienze cliniche dell’Università di Bergen (UiB). Lo studio è pubblicato sul British Journal of Psychiatry.

Nello studio, Veddegjærde ha seguito 50 pazienti che avevano lottato con l’ansia per la salute per lungo tempo. Ciascuno ha ricevuto 16 ore di CBT dal noto terapista norvegese, il professor Ingvard Wilhelmsen presso l’UiB.

I pazienti hanno risposto a questionari sulla loro qualità di vita prima, durante e dopo il trattamento. Sono state prese in considerazione altre terapie e il loro uso di droghe.

“Sappiamo che la CBT è un trattamento efficace contro l’ansia da salute, ma non sapevamo per quanto tempo sarebbe durato l’effetto. Questo studio dimostra che il trattamento mantiene il suo effetto positivo per un lungo periodo di tempo “, afferma Veddegjærde.

Veddegjærde spera che i risultati dello studio condurranno a un numero maggiore di psicologi e psichiatri che offriranno CBT in futuro. Dalla sua pratica, ha sperimentato che solo un paio d’ore è sufficiente per alcuni pazienti.

“Poiché lo studio mostra che solo poche ore con la CBT hanno effetti positivi fino a 10 anni dopo il trattamento, spero che medici e specialisti più regolari inizieranno a offrire questo tipo di trattamento”, afferma Kari-Elise Veddegjærde.

Fatti: ansia per la salute e terapia cognitivo comportamentale

  • L’ansia per la salute (ipocondria) è caratterizzata dalla convinzione che uno abbia una malattia grave o ne avrà una. Spesso, il paziente si concentra su una specifica malattia. I più comuni sono il cancro, le malattie cardiache e le malattie neurologiche.
  • I pazienti usano molto del loro tempo per controllare i sintomi della malattia.
    Circa il 3 percento delle persone che visitano il proprio medico di famiglia soffre di ipocondria in Norvegia.
  • Lo scopo della terapia cognitivo comportamentale (CBT) è quello di rendere i pazienti più attenti alla loro mentalità inconscia, confrontando i pazienti con domande. Quando i pazienti diventano più consapevoli dei propri schemi di pensiero, diventa possibile cambiarli.

Disturbo ipocondriaco Il disturbo
ipocondriaco, o un’eccessiva ansia per la salute, comporta una preoccupazione persistente con eccessiva preoccupazione di avere o contrarre una malattia grave.1

I pazienti si concentrano sui sintomi fisici, tengono traccia di tutti i cambiamenti corporei e di solito li interpretano erroneamente come segni di una malattia grave.1 , 2

La preoccupazione e la preoccupazione corporea persiste nonostante un’adeguata valutazione medica e rassicurazione. 2,3

La prevalenza del Disturbo Ipocondriaco varia notevolmente tra gli studi, ma è stata trovata fino al 5,7% per il Disturbo Ipocondriaco a vita e al 3,4% per il Disturbo Ipocondriaco attuale. 2,4,5

La prevalenza è sostanzialmente più elevata nelle strutture di assistenza primaria rispetto alla popolazione generale.2 Da notare, nell’ultima revisione del DSM (DSM-5), la diagnosi di Disturbo Ipocondriaco o ipocondria è stata sostituita dal disturbo d’ansia da malattia.

Il Disturbo ipocondriaco non trattato ha un impatto negativo significativo sulla vita delle persone colpite, con studi che mostrano livelli più elevati di comorbilità, angoscia, compromissione funzionale e aumento del rischio di congedo per malattia per i pazienti che riportano Disturbo ipocondriaco.5

I pazienti con Disturbo Ipocondriaco hanno anche un livello più elevato di utilizzo dell’assistenza sanitaria, fino al 78% in più rispetto ai pazienti con condizioni mediche ben definite. rappresenta anche un costo considerevole per la società

Ciò è stato supportato dalla constatazione in un ampio studio della popolazione norvegese che il Disturbo ipocondriaco era un potente fattore di rischio per la futura pensione di invalidità permanente.9

Trattamento del disturbo ipocondriaco Il disturbo
ipocondriaco è stato a lungo considerato come una condizione non trattabile e permanente. Tuttavia, negli ultimi decenni diversi studi hanno dimostrato un effetto benefico a breve termine della terapia cognitivo-comportamentale (TCC) per il Disturbo ipocondriaco10,11, ma vi è ancora una scarsità di studi che esaminano se gli aumenti del trattamento vengono mantenuti nel tempo.

Per quanto ne sappiamo, solo uno studio ha seguito i pazienti con Disturbo Ipocondriaco oltre 1,5 anni dopo il completamento del trattamento.11–13 In uno studio di follow-up di 5 anni su 444 pazienti nel Regno Unito con Disturbo Ipocondriaco, Tyrer et al. Hanno scoperto che la CBT era un trattamento altamente efficace nel ridurre i livelli di ansia per la salute, nonché i sintomi di ansia e depressione al follow-up.11

Scopo dello studio
Sulla base di queste considerazioni, lo scopo di questo studio era di valutare sia l’effetto a breve (18 mesi) che a lungo termine (10 anni) della CBT sul Disturbo Ipocondriaco attraverso diversi esiti di salute mentale. Lo studio è stato registrato su clinictrials.gov con l’identificatore del protocollo NCT00959452.

Discussione
Lo scopo di questo studio di trattamento piccolo e incontrollato era di studiare l’effetto a breve e lungo termine della CBT sul disturbo ipocondriaco. In breve, i pazienti trattati (n = 50) hanno mostrato miglioramenti significativi in ​​tutte le misure di esito e i guadagni del trattamento sono stati ben mantenuti anche 10 anni dopo il completamento del trattamento, suggerendo che la CBT potrebbe avere benefici duraturi per questo gruppo di pazienti. Alcune importanti limitazioni dello studio indicano che occorre prestare attenzione quando si generalizzano i risultati.

Diversi studi clinici controllati hanno scoperto che la CBT ha un effetto positivo a breve termine nei pazienti con Disturbo Ipocondriaco. In un singolo intervento di CBT di sei sessioni, Barsky e Ahern hanno scoperto che l’effetto positivo sul Disturbo Ipocondriaco è stato mantenuto sia a 6 che a 12 mesi di follow-up.13

Greeven et al. Hanno riscontrato un effetto positivo prolungato della CBT in un follow-up di 18 mesi.29 In questo studio di follow-up a lungo termine abbiamo scoperto che l’effetto positivo a breve termine di 16 sessioni di CBT al follow-up di 1 anno sono stati mantenuti dopo 10 anni. I nostri risultati sono in linea con la conclusione di un recente rapporto del National Institute of Health Research (NIHR) nel Regno Unito che includeva un follow-up di 5 anni di pazienti con Disturbo Ipocondriaco che ricevevano CBT.11

Come ha mostrato il rapporto NIHR, i guadagni del trattamento erano evidenti in una vasta gamma di settori della salute mentale e fisica e non si limitavano ai sintomi del Disturbo Ipocondriaco. 

A causa della mancanza di un gruppo di controllo e del lungo intervallo di tempo tra l’inclusione e la fine del nostro studio, non possiamo concludere che il mantenimento dello stato clinico positivo sia attribuito alla sola CBT, ma dato il fatto che i pazienti avevano una lunga la storia del Disturbo Ipocondriaco, con un tempo medio di 11,3 anni prima di ricevere la CBT, è, a nostro avviso, una forte indicazione che l’effetto del trattamento a lungo termine è positivo. Tuttavia, non possiamo concludere che la CBT sia l’unico trattamento efficace poiché lo studio non ha incluso altre terapie.

I guadagni del trattamento visualizzati in tutti i questionari self-report utilizzati nel presente studio sono stati corroborati dai risultati dell’intervista telefonica effettuata durante la valutazione di follow-up di 10 anni, in cui ben il 58% dei pazienti non si considerava più come con disturbo ipocondriaco.

Diversi studi hanno dimostrato che i pazienti con Disturbo Ipocondriaco o eccessiva ansia per la salute sono grandi utilizzatori di risorse sanitarie. benefici socioeconomici nel miglioramento delle pratiche diagnostiche e della disponibilità del trattamento per questo gruppo di pazienti.

Tuttavia, lo studio NIHR menzionato in precedenza ha trovato difficile mostrare benefici economici in termini di anni di vita adeguati alla qualità11, ma l’attuale studio mostra un miglioramento significativo della qualità della vita.

Limitazioni
metodologiche Dovrebbero essere rilevate alcune importanti limitazioni metodologiche. Ancora più importante, l’attuale studio non è stato uno studio controllato randomizzato. La mancanza di un gruppo di controllo significa che non possiamo ignorare la possibilità che gli effetti del trattamento osservati possano essere in parte dovuti al passare del tempo o alla regressione della media.

Pertanto, è necessario prestare attenzione nell’interpretazione dei risultati e studi futuri dovrebbero occuparsene includendo anche un gruppo di controllo, preferibilmente con un gruppo di trattamento comparativo attivo. Confrontando i nostri risultati con tratti esistenti norme nazionali dell’SF-36, l’ovvia debolezza di non avere un gruppo di controllo è stata in qualche modo affrontata.

Inoltre, il potere statistico del presente studio è limitato da una dimensione del campione relativamente piccola e studi più ampi consentiranno in futuro un’analisi più dettagliata dei potenziali moderatori. Inoltre, alcuni degli alfa del Cronbach erano meno che ottimali e i risultati dovrebbero essere interpretati tenendo presente ciò.

Inoltre, va detto che solo un terapista (IW) era coinvolto nel trattamento. Sebbene ciò possa limitare la generalizzabilità dello studio, si potrebbe sostenere che la continuità è stata mantenuta nel trattamento.

Infine, tutte le misure dello strumento nel presente studio erano basate sull’auto-report e non sono state incluse informazioni verificate dal medico. Tuttavia, la versione parente dello strumento del Whiteley Index mostrava guadagni di trattamento simili, indicando l’esistenza di guadagni di trattamento tra gli informatori.

Punti di forza
Il presente studio ha il follow-up più lungo in qualsiasi studio di trattamento del Disturbo Ipocondriaco, che rappresenta un significativo punto di forza dello studio. Inoltre, il tasso di abbandono in tutti e tre i punti di valutazione (dal pre-trattamento al follow-up a 10 anni) era solo del 14%, che è molto più basso rispetto ai precedenti studi sul trattamento del Disturbo Ipocondriaco.13

Implicazioni
In conclusione, questo studio dimostra che i pazienti trattati con CBT per il disturbo ipocondriaco hanno ridotto significativamente l’ansia per la salute 1 anno dopo il completamento del trattamento e i risultati vengono mantenuti 10 anni dopo.

A causa del lungo periodo di follow-up e della mancanza di un gruppo di controllo, i risultati positivi non possono essere attribuiti alla sola terapia e poiché un terapista ha trattato tutti i pazienti, ciò limita la generalizzabilità dei risultati. I risultati, tuttavia, indicano che la CBT ha un effetto duraturo sul disturbo ipocondriaco.


Ulteriori informazioni:  Kari-Elise Frøystad Veddegjærde et al. Effetto a lungo termine della terapia cognitivo-comportamentale nei pazienti con disturbo ipocondriaco,  BJPsych Open  (2020). DOI: 10.1192 / bjo.2020.22

Riferimenti

1. World Health Organization. The ICD-10 Classification of Mental and Behavioural Disorders: Diagnostic Criteria for Research. World Health Organization, 1994. [Google Scholar]

2. Wilhelmsen I. Hypochondriasis and health anxiety In Encyclopedia of Human Behavior (ed Ramachandran V). Elsevier Inc, 2011. [Google Scholar]

3. Looper KJ, Kirmayer LJ. Hypochondriacal concerns in a community population. Psychol Med 2001; 31: 577–84. [PubMed] [Google Scholar]

4. Bleichhardt G, Hiller W. Hypochondriasis and health anxiety in the German population. Br J Health Psychol 2007; 12: 511–23. [PubMed] [Google Scholar]

5. Sunderland M, Newby JM, Andrews G. Health anxiety in Australia: prevalence, comorbidity, disability and service use. Br J Psychiatry 2013; 202: 56–61. [PubMed] [Google Scholar]

6. Fink P, Ornbol E, Christensen KS. The outcome of health anxiety in primary care. A two-year follow-up study on health care costs and self-rated health. PLoS One 2010; 5: e9873. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

7. Asmundson GJ, Abramowitz JS, Richter AA, Whedon M. Health anxiety: current perspectives and future directions. Curr Psychiatry Rep 2010; 12: 306–12. [PubMed] [Google Scholar]

8. Savikko A, Alexanderson K, Hensing G. Do mental health problems increase sickness absence due to other diseases? Soc Psychiatry Psychiatr Epidemiol 2001; 36: 310–6. [PubMed] [Google Scholar]

9. Mykletun A, Heradstveit O, Eriksen K, Glozier N, Overland S, Maeland JG, et al. Health anxiety and disability pension award: the HUSK study. Psychosom Med 2009; 71: 353–60. [PubMed] [Google Scholar]

10. Noyes R. The transformation of hypochondriasis in British medicine, 1680–1830. Soc Hist Med 2011; 24: 281–98. [Google Scholar]

11. Tyrer P, Salkovskis P, Tyrer H, Wang D, Crawford MJ, Dupont S, et al. Cognitive-behaviour therapy for health anxiety in medical patients (CHAMP): a randomised controlled trial with outcomes to 5 years. Health Technol Assess 2017; 21: 1–58. [PMC free article] [PubMed] [Google Scholar]

12. Warwick HMC, Clark DM, Cobb AM, Salkovskis PM. A controlled trial of cognitive-behavioural treatment of hypochondriasis. Brit J Psychiat 1996; 169: 189–95. [PubMed] [Google Scholar]

13. Barsky AJ, Ahern DK. Cognitive behavior therapy for hypochondriasis: a randomized controlled trial. JAMA 2004; 291: 1464–70. [PubMed] [Google Scholar]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.