Due nuovi biomarcatori possono essere utilizzati per diagnosticare precocemente la preeclampsia

0
93

La preeclampsia è un disordine devastante che si manifesta improvvisamente nella seconda metà della gravidanza e causa gravi problemi di salute sia alla madre che al bambino.

La preeclampsia aumenta anche il rischio di sviluppare malattie croniche per tutta la vita come il diabete e le malattie cardiache.

La scoperta di due nuovi biomarcatori, chiamati FKBPL e CD44, ha il potenziale per cambiare il modo in cui la condizione viene gestita secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

La preeclampsia può causare ipertensione e insufficienza d’organo nelle madri e portare a nascite pretermine e persino alla nascita di un morto.

L’autore senior, il Dr. Lana McClements dell’Università della Tecnologia di Sydney, ha affermato che i biomarcatori possono essere utilizzati per diagnosticare e valutare il rischio di preeclampsia sia nella gravidanza precoce che tardiva, “nelle donne che altrimenti sembrano in buona salute”.

“Ci sono due tipi principali di preeclampsia : ad esordio precoce preeclampsia diagnosticata prima di 34 settimane di gravidanza e ad esordio tardivo preeclampsia diagnosticato da 34 settimane in poi”, come riportato dal dottor McClements.

“La stragrande maggioranza delle attuali strategie di screening e monitoraggio sono focalizzate sulla preeclampsia ad esordio precoce, che comprende solo il 10-15% di tutti i casi di preeclampsia, mentre la preeclampsia tardiva è stata ampiamente trascurata”, ha affermato.

I ricercatori affermano che i due biomarcatori sono particolarmente utili per diagnosticare casi di preeclampsia a esordio tardivo , tra il secondo e il terzo trimestre, un periodo che attualmente manca di biomarcatori affidabili.

Riepilogo delle variazioni FKBPL e CD44 durante la gestazione durante la gravidanza complicate da pre-eclampsia. Credito: Oxford Press

“I biomarcatori consentono la previsione della placenta irregolare o della funzione vascolare materna, che sono le cause chiave alla base della preeclampsia.

“Ciò potrebbe portare alla diagnosi precoce e alla prevenzione della preeclampsia grave e delle complicanze associate, compresa la morte, fornendo quindi anche informazioni sui meccanismi della malattia e sui possibili obiettivi terapeutici”, ha affermato il Dr. McClements.

La ricerca ha anche il potenziale per migliorare lo sviluppo di terapie per il trattamento della preeclampsia perché l’aumento di uno dei biomarcatori, FKBPL, può essere inibito dalle cellule staminali mesenchimali che possono potenzialmente arrestare lo sviluppo della preeclampsia.

“Questo è il motivo per cui siamo così entusiasti della scoperta. Oltre al loro uso nella diagnosi, FKBPL e CD44 mostrano anche il potenziale come target di terapia farmacologica e cellulare dei trattamenti emergenti per la preeclampsia, che offre speranza per una cura futura per questo terribile disturbo ” – Dr. McClements.


La pre-eclampsia è un aumento della pressione sanguigna associata a una proteinuria (≥ 300 mg / die) che si verifica dopo 20 settimane di gestazione in donne precedentemente note per essere normotese [1].

È un disturbo multisistemico di eziologia sconosciuta e patogenesi poco chiara [2]. È frequente tra primigravide, donne con diabete, ipertensione cronica, gravidanza multipla ecc. [3].

Pre-eclampsia e la sua complicanza più mortale, l’eclampsia costituisce due componenti principali della grande entità clinica nota come disturbi ipertesi in gravidanza [1].

Una donna incinta è considerata ipertensiva se la sua pressione sanguigna è maggiore o uguale a 140/90 mmHg in due misurazioni consecutive [4].

In tutto il mondo, il 10% – 15% dei decessi materni che si verificano ogni anno sono associati a disturbi ipertesi della gravidanza (eclampsia / pre-eclampsia che rappresentano circa 1 su 7 decessi materni) [5,6].

È la complicazione materna più diffusa in tutto il mondo e colpisce circa il 5% – 10% di tutte le gravidanze [1]. La pre-eclampsia e l’eclampsia si distinguono come due principali cause di morbilità e mortalità materna e perinatale, che colpiscono tra il 5% e l’8% di tutte le gravidanze e rappresentano circa 50.000-60.000 di morti materne e 500.000 di feti all’anno in tutto il mondo [2,7].

In Africa, i disordini ipertesi della gravidanza rappresentano il 9,1% dei decessi materni e il rischio di una donna di morire per complicanze legate alla gravidanza nei paesi in via di sviluppo è 14 volte superiore rispetto ai paesi sviluppati [8].

Nell’Africa sub-sahariana, 1 su 1.500 gravidanze termina con una morte materna attribuibile a eclampsia / pre-eclampsia [9]. In Camerun, una prevalenza dell’8,2% dei disturbi ipertesi in gravidanza è stata registrata da Mboudou, et al. nel 2009 (la pre-eclampsia rappresenta fino al 77% della proporzione dei 4 disturbi che costituiscono questa malattia) [10].

Il rapporto di mortalità materna in Camerun è gradualmente aumentato da un paio d’anni, da 430/100000 nati vivi nel 1991, 669/100000 nati vivi nel 2004 a 782/100000 nati vivi (LB) nel 2011 [11]. Ciononostante, nel 2015 è stato osservato e registrato un recente calo dal comitato per l’indagine demografica e sulla salute (596/100 000LB) [12].

Sono state proposte diverse misure preventive per ridurre la morbilità e la mortalità tra le donne in gravidanza a rischio di pre-eclampsia. Le misure profilattiche proposte sono la terapia antipiastrinica, il solfato di magnesio e l’integrazione di calcio [13].

Diversi studi in diversi paesi sono stati intrapresi per studiare l’effetto della supplementazione di calcio sulla riduzione dell’incidenza della pre-eclampsia tra le donne in gravidanza, ma sono stati riportati risultati contrastanti [14-20]. Per quanto ne sappiamo, nessuno studio aggiornato in Africa centrale ha valutato questa modalità terapeutica.

Discussione
L’effetto dell’integrazione di calcio sulla prevenzione della pre-eclampsia è stato un argomento controverso su cui sono stati ampiamente discussi in numerosi studi clinici negli ultimi anni. La maggior parte di questi studi ha dimostrato di avere effetti favorevoli per l’integrazione di calcio durante la gravidanza.

Il calcio agisce influenzando l’azione degli ormoni calcitrofici sul calcio intracellulare. L’afflusso di calcio in una varietà di cellule, comprese le cellule muscolari lisce vascolari (stimolate dall’1,25-diidrossivitamina D) porta ad un aumento della pressione sanguigna.

Di conseguenza, ci si aspetta che le diete a basso contenuto di calcio, che provocano una risposta di 1,25-diidrossivitamina D, aumentino la pressione sanguigna, mentre una dieta elevata, in virtù della soppressione dei livelli di 1,25-diidrossivitamina D, dovrebbe ridurre la muscolatura liscia vascolare calcio intracellulare cellulare, resistenza vascolare periferica e pressione sanguigna [21].

È stato anche suggerito il ruolo inibente dell’assunzione di calcio sul rilascio dell’ormone paratiroideo, riducendo così la secrezione di renina da parte dei reni [14].

Questo studio ha dimostrato che una dose giornaliera di 1,5 g di calcio può ridurre l’insorgenza di preeclampsia fino a sette volte nelle donne primigravide. L’incidenza complessiva nella pre-eclampsia è stata osservata dell’11,4%.

La differenza nell’età gestazionale alla supplementazione e nelle dosi di calcio somministrate ai partecipanti probabilmente spiega la maggiore incidenza ottenuta in questo studio rispetto a quella di Kumar, et al. nel 2009 (7,8%) [15].

In effetti, Kumar nel loro studio ha arruolato e integrato donne primigravide alla gestazione di 12 settimane, prima della nostra (20 settimane). Inoltre, nel 2009 queste donne primigravide sono state sottoposte a 2 g di calcio, una dose superiore alla nostra e più suscettibile di avere un maggiore effetto protettivo sull’incidenza della pre-eclampsia.

La razza nera, il cattivo stato nutrizionale medio e le condizioni climatiche sub-sahariane che caratterizzano la nostra popolazione di studio e il sito di studio, potrebbero essere fattori che contribuiscono alle differenze nelle incidenze osservate.

Col passare del tempo, vengono adottati migliori atteggiamenti di gestione nei confronti dei casi di pre-eclampsia. Questo potrebbe spiegare l’assenza di casi di eclampsia in questo studio attuale. Da notare che, anche uno studio di dimensioni maggiori condotto su un campione di 36 mesi negli ultimi anni non ha registrato alcun caso [15].

Il fattore di rischio dell’eclampsia è la cattiva gestione e follow-up dei partecipanti con preeclampsia, nessun caso di eclampsia è stato registrato poiché i casi pre-eclampsia diagnosticati sono stati immediatamente gestiti.

Nessuna differenza statisticamente significativa è stata osservata nella pressione diastolica al momento del parto (p = 0,126). Un recente studio condotto in Colombia da Herrera et al. Ha registrato una differenza significativa [22]. L’inclusione di donne di età inferiore a 19 o maggiore di 35 anni con una storia familiare di preeclampsia e un apporto giornaliero di calcio inferiore a 600 mg potrebbe aver determinato i fattori responsabili della differenza significativa osservata con il nostro recente studio.

I partecipanti al gruppo calcio hanno sviluppato pre-eclampsia 3 settimane dopo rispetto al gruppo controllo. La durata media della gravidanza è stata di 2 settimane più lunga nel gruppo calcio (40,0 ± 1,3 settimane) rispetto al gruppo controllo (38,0 ± 2,2 settimane), risultati simili a quelli registrati da Kumar, et al. nel 2009 (rispettivamente 39,5 ± 0,8 settimane e 37,7 ± 2,5 settimane nei gruppi calcio e controllo). L’effetto osservato potrebbe essere mediato da una riduzione della contrattabilità della muscolatura liscia uterina indotta dal calcio [15].

Alla luce della nostra osservazione, l’integrazione di calcio durante la gravidanza ha dimostrato di essere efficace nel ridurre il rischio di insorgenza di pre-eclampsia nelle donne in gravidanza primigravide.

Riferimenti

  1. Cunningham F, Kenneth J, Steven L, Jodi S, Barbara L, et al. Williams Ostetricia. 25a edizione. New York: le aziende McGraw-Hill; 706-748.
  2. Gathiram P, Moodley J. Pre-eclampsia: patogenesi e fisiopatologia. Cardiovasc J Afr. 2016; 27: 71–78. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27213853
  3. Bartsch E, Medcalf KE, Park AL, Ray JG. Fattori di rischio clinici per la pre-eclampsia determinati all’inizio della gravidanza: revisione sistematica e meta-analisi di studi di coorte di grandi dimensioni. BMJ. 2016; i1753. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27094586
  4. Yigzaw M, Zakus D, Tadesse Y, Desalegn M, Fantahun M. Aprendo la strada alla copertura della pianificazione familiare universale in Etiopia: un’analisi della disuguaglianza legata alla ricchezza. Int J Equity Health. 2015; 14: 77. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26369946
  5. Ahmad A, Samuelsen S. Disturbi ipertesi in gravidanza e morte fetale a diverse lunghezze gestazionali: uno studio di popolazione su 2 121 371 gravidanze: disturbo ipertensivo in gravidanza e morte fetale. BJOG Int J Obstet Gynaecol. 2012; 119: 1521-1528. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22925135
  6. Dire L, Chou D, Gemmill A, Tunçalp Ö, Moller AB, et al. Cause globali di morte materna: un’analisi sistematica dell’OMS. Lancet Glob Health. 2014; 2: e323–333.
  7. Kenny LC, Black MA, Poston L, Taylor R, Myers JE, et al. Previsione precoce della gravidanza della preeclampsia nelle donne nullipare, che combina rischio clinico e biomarcatori: lo studio internazionale di coorte Screening for Pregnancy Endpoints (SCOPE). Ipertensione. 2014; 64: 644–652. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25122928
  8. Organizzazione mondiale della sanità, UNICEF, Nazioni Unite, Dipartimento per gli affari economici e sociali, Divisione della popolazione, Banca mondiale. Tendenze nella mortalità materna: 1990-2015: stime dell’OMS, dell’UNICEF, dell’UNFPA, del Gruppo della Banca mondiale e della Divisione della popolazione delle Nazioni Unite [Internet]. 2015 [citato il 14 dicembre 2018]. http://www.who.int/reproductivehealth/publications/monitoring/maternal-mortality-2015/en/
  9. Hodgins S. Pre-eclampsia come causa alla base delle morti perinatali: tempo di agire. Glob Health Sci Pract. 2015; 3: 525–527. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4682577/
  10. Mboudou ET, Foumane P, Priso EB, Dohbit J, Minkande JZ, et al. Ipertensione in gravidanza: aspetti clinici ed epidemiologici presso l’Ospedale ginecologico-ostetrico e pediatrico di Yaounde Cours de la grossesse, Camerun. Clin Mother Child Health. 2009; 6: 1087-1093.
  11. Tebeu PM, Halle-Ekane G, Da Itambi M, Mbu RE, Mawamba Y, et al. Mortalità materna in Camerun: un rapporto ospedaliero di insegnamento universitario. Pan Afr Med J. 2015; 21: 16. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4561158/
  12. Organizzazione mondiale della sanità. Strategia di cooperazione: situazione sanitaria in Camerun [Internet]. 2015. http://apps.who.int/gho/data/node.cco
  13. Jim B, Karumanchi SA. Preeclampsia: patogenesi, prevenzione e complicanze a lungo termine. Semin Nephrol. 2017; 37: 386–397. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28711078
  14. Aghamohammadi A, Zafari M. Supplemento di calcio in gravidanza e prevenzione dei disturbi ipertesi nelle donne anziane. Science Asia. 2015; 41: 259.
  15. Kumar A, Devi SG, Batra S, Singh C, Shukla DK. Supplemento di calcio per la prevenzione della pre-eclampsia. Int J Gynaecol Obstet. 2009; 104: 32–36. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18851852
  16. Chen Q, Tong M, Wu M, Stone PR, Snowise S, et al. L’integrazione di calcio impedisce l’attivazione delle cellule endoteliali: possibile rilevanza per la preeclampsia. J Hypertens. 2013; 31: 1828-1836. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23822977
  17. Samimi M, Kashi M, Foroozanfard F, Karamali M, Bahmani F, et al. Gli effetti della vitamina D più l’integrazione di calcio su profili metabolici, biomarcatori di infiammazione, stress ossidativo ed esiti della gravidanza in donne in gravidanza a rischio di pre-eclampsia. J Hum Nutr Diet. 2016; 29: 505–515. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26467311
  18. Shin CS, Kim KM. I rischi e i benefici della supplementazione di calcio. Endocrinol Metab. 2015; 30: 27-34. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4384676/
  19. Taherian AA, Taherian A, Shirvani A. Prevenzione della preeclampsia con aspirina a basso dosaggio o integrazione di calcio. Arch Iranian Med 2002; 5: 151–156.
  20. Imdad A, Bhutta ZA. Effetti della supplementazione di calcio durante la gravidanza su esiti materni, fetali e alla nascita: supplementazione di calcio durante la gravidanza. Paediatr Perinat Epidemiol. 2012; 26: 138–152. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22742607
  21. Arthur TE, Sonya S, Ryan S, Rosanne H. Manual of Obstetrics. 7a edizione. Lippincott Williams e Wikins; 2007. 178-185.
  22. Herrera J, Arevaloherrera M, Shahabuddin A, Ersheng G, Herrera S, et al. Il calcio e l’acido linoleico coniugato riducono l’ipertensione indotta dalla gravidanza e diminuiscono il calcio intracellulare nei linfociti. Am J Hypertens. 2006; 19: 381–387. PubMed: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16580574

Ulteriori informazioni:  Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism  (2020). DOI: 10.1210 / clinem / dgaa403

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.