I ricercatori hanno scoperto che il virus SARS-CoV-2 era presente nelle biopsie cutanee dei bambini con sintomi delle dita dei piedi COVID

0
283

Esistono notevoli controversie sul fatto che le ” dita dei piedi COVID ” – piaghe rosse o lesioni ai piedi e alle mani nei bambini e nei giovani adulti – siano realmente causate da COVID-19 .

Un nuovo studio pubblicato sul British Journal of Dermatology fornisce prove a sostegno del collegamento.

Nella maggior parte dei casi, le persone colpite risultano negative con i tradizionali test COVID-19 che coinvolgono tamponi alla gola e misurazioni di anticorpi circolanti, ma i ricercatori di questo studio hanno scoperto che il virus SARS-CoV-2 che causa COVID-19 era presente nelle biopsie cutanee nei bambini con sintomi delle dita dei piedi COVID , nonostante i risultati negativi dei test tradizionali.

Le analisi hanno rilevato il virus nelle cellule endoteliali dei vasi sanguigni della pelle e nelle ghiandole sudoripare. La microscopia elettronica in una biopsia ha anche trovato evidenza di particelle virali all’interno delle cellule endoteliali.

“I nostri risultati supportano una relazione causale di SARS-CoV-2 con le dita COVID . Il danno endoteliale indotto dal virus potrebbe essere il meccanismo chiave che causa queste lesioni ”, ha affermato l’autore principale Isabel Colmenero, MD, dell’Ospedale Infantil Universitario Niño Jesús, in Spagna.

“Inoltre, il danno vascolare potrebbe anche spiegare alcune caratteristiche cliniche osservate in pazienti con COVID-19 grave.”


La grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2), la causa della malattia respiratoria COVID-19, ha portato a una pandemia globale. COVID-19 è al centro di una letteratura medica nascente e in rapida evoluzione.

Tra una panoplia di risultati insoliti per una malattia respiratoria virale tra cui coagulopatie indotte, 1 disfunzione renale2 e arresti cardiaci, 3,4 una sospetta manifestazione cutanea di COVID-19, lesioni cutanee simili a Chilblain – “Punta COVID” – ha suscitato particolare attenzione sia nella letteratura medica e nei media nazionali. 5-14

Mentre inizialmente è stato riportato che COVID-19 ha pochi o nessun risultato cutaneo, 15 sono state ora descritte una moltitudine di manifestazioni cutanee. Le presunte manifestazioni cutanee di COVID-19 vanno da quelle comunemente osservate con malattie virali, ad esempio eruzioni maculopapolari e orticarie, 7,16 alle più insolite, ad esempio, eruzioni simili alla varicella 7 o lesioni della pelle nerrotiche e vissute.5.

Questi risultati meritano ulteriori studi per analizzare le vere associazioni virali da quelle di potenziali fattori di confondimento tra cui coinfezioni acute o latenti, complicanze mediche della malattia e reazioni avverse ai farmaci.

Allo stesso modo, la presentazione tipo Chilblain è un’associazione inaspettata con COVID-19. 

Storicamente i geloni, o pernio, sono stati definiti come una risposta esagerata della pelle al freddo in soggetti predisposti.17

È caratterizzata clinicamente da papule rosa-violacee che si presentano su superfici acrale, più comunemente le mani e i piedi (Figure 1 e 22).

Istologicamente, i geloni sono un disturbo infiammatorio che mostra edema cutaneo insieme a un infiltrato linfocitario perivascolare superficiale e profondo. I geloni possono essere idiopatici o associati a malattie sistemiche, come condizioni autoimmuni, alcune mutazioni genetiche, malignità ematologiche e meno comunemente infezioni, come il virus di Epstein-Barr (EBV) .17

Le agglutinine fredde sembrano giocare un ruolo nei geloni associati all’EBV.17 I geloni sono una condizione relativamente rara; una serie di casi del Minnesota ha registrato in media 9-10 diagnosi all’anno in un intero dipartimento accademico terziario

figura 2
Figura 3
Cronologia precoce delle lesioni simil-chilblain nella cornice della pandemia di COVID-19.
Figura 1
Figura 1
Lesioni di tipo Chilblain di nuova insorgenza diagnosticate nel maggio 2020 a Boston, nel Massachusetts. Placca edematosa rosso-viola sulla 5a  (A) e 1a  (B) cifra di un quindicenne senza precedenti sintomi respiratori. La madre della paziente aveva risultati simili. Il test PCR per SARS-CoV-2 è stato negativo. Papule edematose rosso-brune sulle dita distali (C), (D) di un sedicenne altrimenti asintomatico. Il test PCR non è stato ottenuto. Patch rosso-viola superficialmente desquamanti sulle cifre dorsale (E) e plantare (F) con edema digitale significativo di un 19enne altrimenti sano e asintomatico. Foto per gentile concessione di Marilyn Liang, MD e Kristen Corey, MD.
figura 2
Figura 2
Geloni idiopatici. Macchie rosso-viola di Targetoid sulle dita distali con desquamazione superficiale osservate in un maschio sano di 12 anni a seguito dell’esposizione a freddo a Boston, nel Massachusetts, nel 2019, prima dell’inizio della pandemia di COVID-19.

All’inizio di marzo 2020, quasi 3 settimane dopo che la diffusione del COVID-19 nella comunità, è stata documentata in Italia – un ragazzo di 13 anni ha sviluppato lesioni pruriginose rosso-viola sulle dita dei piedi nella cornice di febbre, mialgia e mal di testa.11

È stato riferito che i membri della famiglia avevano avuto febbre, tosse e dispnea sei giorni prima. Mentre il test per COVID-19 non era possibile in questo caso, si sospettava un’associazione. 

Poco dopo questo rapporto sull’indice, immagini di lesioni acri simili nei piedi dei bambini con sospetto COVID-19 sono state diffuse su “Amici DermPed”, un forum italiano di dermatologia pediatrica.11

A metà marzo, l’Unione francese di dermatologi e venerologi (SNDV) ) ha creato un gruppo di messaggi di testo su WhatsApp® per condividere informazioni

Una settimana dopo, è stato segnalato un caso di lesioni simili a Chilblain tramite WhatsApp® e con l’aiuto di ‘post-post’ tramite Facebook® tra le due piattaforme, sono stati successivamente diffusi 146 casi individuali simili a Chilblain.6

L’interesse medico intensificato e laico per questo fenomeno si è riflesso nelle ricerche senza precedenti di Google sulle “dita del coronavirus” .18 Nella seconda settimana di aprile, appena un mese dopo il rapporto iniziale di lesioni tipo Chilblain in Italia, l’American Academy of Dermatology, il L’alleanza per la ricerca in dermatologia pediatrica e il Consiglio generale dei podologi spagnoli hanno annunciato i registri che faciliterebbero lo studio delle lesioni tipo Chilblain e COVID-19.10,19,20

Questa evoluzione di un mese, dai primi rapporti informali alla formazione nazionale a livello di specialità, è sorprendente. Una sequenza temporale dettagliata è presentata nella Figura 2.

I dermatologi negli Stati Uniti e in tutto il mondo segnalano ora una frequenza drammaticamente aumentata di diagnosi tipo Chilblain, non di rado nei membri della stessa famiglia, in mezzo alla pandemia di COVID-19.

L’aumentata incidenza, 6 unita all’associazione temporale con i sintomi virali, ha portato alla colloquializzazione delle “dita COVID”. Le lesioni simili a Chilblain sembrano avere una predilezione per i pazienti più giovani che sono spesso minimamente o asintomatici e non necessitano di ricovero in ospedale. 10,21

Le lesioni compaiono in ritardo nell’evoluzione dei sintomi di COVID-19, spesso durante la convalescenza. Infine, sebbene a volte venga evocata una storia di infezione del tratto respiratorio superiore in pazienti e familiari, 7,22 prove di infezione non vengono costantemente o regolarmente riscontrate quando valutate mediante reazione a catena della polimerasi (PCR) per SARS-CoV-2.

In uno dei primi studi sull’argomento, Piccolo et al. Hanno riportato 63 casi di lesioni tipo Chilblain durante l’epidemia italiana di COVID-19; I dati della PCR erano disponibili per 11 pazienti e solo 2 (18%) erano positivi.10 Recalcati et al. Non hanno riportato casi positivi in ​​una serie italiana separata di 14 pazienti.21

In una serie spagnola di 12 casi con dati PCR disponibili, ancora una volta nessun paziente è risultato positivo.23 La correlazione più forte tra COVID-19 e lesioni simili a quelle di Chilblain è fornita da uno studio spagnolo in cui sono stati riportati 71 casi, il 41% con confermato COVID-19.7

Al momento della stesura di questo scritto all’inizio di maggio 2020, 17 rapporti hanno dettagliato un totale di 566 pazienti con lesioni simili a Chilblain di nuova insorgenza sospettate di essere correlate a COVID-19 (Tabella 1); 5-11,21-29 indagine formale per l’infezione attiva, di solito mediante PCR, è stata intrapresa in 172 casi. Tra questi pazienti, l’infezione COVID-19 è stata confermata in 41, con un tasso complessivo del 23,8%.

Tabella 1

Primi casi di lesioni simili a Chilblain in mezzo alla pandemia di COVID-19.

e-Pub DatePrimo autoreNazionePazienti in serie (n)Pazienti valutati formalmente per infezione attiva (n)COVID-19 Confermato (n)
N / AMazzota11Italy1
4/18/20Alramthan 25Kuwait222
4/18/20Kolivras 26Belgio111
4/21/20Hedou 24Francia3
4/22/20Rom 23Spagna12120
4/24/20Piccolo10Italy63112
4/24/20Recalcati 21Italy1450
4/24/20Fernandez-Nieto 27Spagna132112
4/25/20Landa 9Spagna632
4/25/20Duong 5.6Francia146
4/28/20Bouaziz 5Francia4282
4/29/20Galvan Casas 7Spagna717129
5/6/20Lopez-Robles 8Spagna41190
5/7/20Colonna22Italy440
5/9/20Andino 28Italy22191
5/12/20Cordoro 29USA660
Totali56641

Il rapporto iniziale di Mazzota non è ufficialmente pubblicato al momento della stesura di questo documento. La maggior parte delle valutazioni per l’infezione attiva da COVID-19 sono state effettuate mediante PCR.

Si tratta di un tasso sorprendentemente basso di positività ai test per un fenomeno associato al virus, specialmente perché in alcuni pazienti la SARS-CoV-2 può perdere fino a 37 giorni; 30 allo stesso tempo, il 23,8% è anche ben al di sopra di qualsiasi tasso di background previsto di infezione attiva da COVID-19.

Le possibili spiegazioni della discrepanza comprendono test diagnostici insufficientemente sensibili, insorgenza ritardata dei sintomi dopo la clearance dell’infezione, aumento della clearance virale in pazienti con lesioni cutanee simili a Chilblain o diagnosi mescolate di geloni non correlati a COVID-19 a causa di fattori di confondimento; per quanto riguarda quest’ultima, è stata una primavera insolitamente fredda negli Stati Uniti e potrebbe verificarsi un’accresciuta auto-rilevazione in pazienti con patologie del raffreddore idiopatico a seguito dell’attenzione dei media associata a COVID-19.31

Una spiegazione meccanicistica per il basso tasso di positività al test tra questi pazienti è stata formulata da Kolivras e colleghi, i quali hanno ipotizzato che una risposta antidiragonale di tipo I antivirale robusta nei giovani pazienti potesse contemporaneamente troncare il decorso clinico e indurre cambiamenti microangiopatici che portavano a una pelle simile alle lesioni di Chilblain.26

Secondo questa ipotesi, i pazienti presentano lesioni simili a Chilblain solo dopo aver sviluppato una risposta virale ; pertanto, le lesioni vengono rilevate quando è probabile che i sintomi stiano diminuendo. 

Mentre sono necessari ulteriori studi per convalidare questa ipotesi, è coerente con i risultati presentati da Galván-Casas et al. Che hanno dimostrato che le lesioni simili a Chilblain sono uniche tra le manifestazioni cutanee di COVID-19 nel verificarsi principalmente in ritardo nel decorso della malattia.7

Per quanto riguarda la sua possibile associazione con una robusta risposta immunitaria, i dati emergenti sul verificarsi di una sindrome pediatrica simile a Kawasaki, definita sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, tra i bambini con sospetta o confermata infezione da COVID-19 che le complicanze immunitarie possono eventualmente essere riconosciute in una frazione maggiore di quelle infette.13,32

Sono necessari studi rigorosi con test diagnostici migliorati, inclusi test validati basati su anticorpi, misurazione della viremia COVID-19 e biopsie tissutali con PCR lesionale o immunoistochimica per chiarire completamente la relazione tra lesioni tipo Chilblain e COVID-19.

Questi dati possono avere implicazioni significative per medici, pazienti e funzionari della sanità pubblica, incluso il potenziale di trasmissibilità e la necessità di autoisolamento. 

L’impatto di quest’ultimo può essere alquanto limitato se queste lesioni si verificano nel periodo di convalescenza.

Lo studio delle lesioni tipo Chilblain, come in molti settori della pandemia globale COVID-19, è intenso ed in corso. Il processo scientifico di solito deliberato si è spostato rapidamente, dal primo caso documentato di lesioni tipo Chilblain nel marzo 2020 alla formazione di registri nazionali un mese dopo.

Queste imprese potrebbero eventualmente spiegare le attuali carenze di conoscenza, compresi tassi sorprendentemente bassi di positività ai test e una presentazione pauci-sintomatica in molti pazienti. Sebbene ancora sfuggente, la patogenesi di lesioni simili a quelle del peperoncino può fornire importanti indizi sia sulla virulenza della SARS-CoV-2 che sulla risposta dell’ospite.

Riferimenti

1. Bikdeli B, Madhavan MV, Jimenez D, et al. COVID-19 and thrombotic or thromboembolic Disease: implications for prevention, antithrombotic therapy, and follow-up. J Am Coll Cardiol. 2020.

2. Batlle D, Soler MJ, Sparks MA, et al. Acute kidney injury in COVID-19: emerging evidence of a distinct pathophysiology. J Am Soc Nephrol. 2020.

3. Zheng Y-Y, Ma Y-T, Zhang J-Y, Xie X. COVID-19 and the cardiovascular system. Nature Reviews Cardiology. 2020;17(5):259-260.

4. Guo T, Department of Cardiology ZHoWU, Wuhan, China, Fan Y, et al. Cardiovascular implications of fatal outcomes of patients with coronavirus disease 2019 (COVID-19). JAMA Cardiology. 2020.

5. Bouaziz JD, Duong T, Jachiet M, et al. Vascular skin symptoms in COVID-19: A French observational study. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

6. Duong TA, Velter C, Rybojad M, et al. Did Whatsapp((R)) reveal a new cutaneous COVID-19 manifestation? J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

7. Galvan Casas C, Catala A, Carretero Hernandez G, et al. Classification of the cutaneous manifestations of COVID-19: a rapid prospective nationwide consensus study in Spain with 375 cases. Br J Dermatol. 2020.

8. Lopez-Robles J, de la Hera I, Pardo J, Martinez J, Cutillas-Marco E. Chilblain-like lesions: a case series of 41 patients during the COVID-19 pandemic. Clin Exp Dermatol. 2020.

9. Landa N, Mendieta-Eckert M, Fonda-Pascual P, Aguirre T. Chilblain-like lesions on feet and hands during the COVID-19 Pandemic. Int J Dermatol. 2020.

10. Piccolo V, Neri I, Filippeschi C, et al. Chilblain-like lesions during COVID-19 epidemic: a preliminary study on 63 patients. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

11. Mazzota F, Troccoli T. Acute acro-ischemia in the child at the time of COVID-19 (Monday’s case). Accessed May 5th, 2020.

12. Rabin RC. What Is ‘Covid Toe’? Maybe a Strange Sign of Coronavirus Infection. The New York Times. 2020.

13. Ariana EC, Janes C. Children are falling ill with perplexing inflammatory syndrome thought to be linked to covid-19. Washington Post. 2020.

14. Cha AE. ‘Frostbite’ toes and other peculiar rashes may be signs of hidden coronavirus infection, especially in the young. Washington Post. 2020.

15. Guan W-j, Ni Z-y, Hu Y, et al. Clinical characteristics of coronavirus disease 2019 in China. N Engl J Med. 2020(19):1860-1861.

16. Recalcati S. Cutaneous manifestations in COVID-19: A first perspective. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

17. Cappel JA, Wetter DA. Clinical characteristics, etiologic associations, laboratory findings, treatment, and proposal of diagnostic criteria of pernio (chilblains) in a series of 104 patients at Mayo Clinic, 2000 to 2011. Mayo Clin Proc. 2014;89(2):207-215.

18. Kluger N, Scrivener Y. The use of Google trends for acral symptoms during COVID-19 outbreak in France. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

19. American Academy of Dermatology. COVID-19 Dermatology Registry. https://www.aad.org/member/practice/coronavirus/registry. Published 2020. Accessed May 5th, 2020.

20. Association PDR. COVID Acral Ischemia/Perniosis in children. https://pedraresearch.org/2020/04/20/covid-acral-ischemia-perniosis-in-children/. Published 2020. Accessed May 5th 2020.

21. Recalcati S, Barbagallo T, Frasin LA, et al. Acral cutaneous lesions in the time of COVID-19. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

22. Colonna C, Monzani NA, Rocchi A, Gianotti R, Boggio F, Gelmetti C. Chilblains-like lesions in children following suspected Covid-19 infection. Pediatr Dermatol. 2020.

23. Romaní J, Baselga E, Mitjà O, et al. Lesions pernióticas y acrales en España durante el confinamiento por COVID: análisis retrospectivo de 12 casos. In: Actas Dermosifiliogr.

24. Hedou M, Carsuzaa F, Chary E, Hainaut E, Cazenave-Roblot F, Masson Regnault M. Comment on “Cutaneous manifestations in COVID-19: a first perspective ” by Recalcati S. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2020.

25. Alramthan A, Aldaraji W. A case of COVID-19 presenting in clinical picture resembling chilblains disease. First report from the Middle East. Clin Exp Dermatol. 2020.

26. Kolivras A, Dehavay F, Delplace D, et al. Coronavirus (COVID-19) infection-induced chilblains: A case report with histopathologic findings. JAAD Case Rep. 2020.

27. Fernandez-Nieto D, Jimenez-Cauhe J, Suarez-Valle A, et al. Characterization of acute acro-ischemic lesions in non-hospitalized patients: a case series of 132 patients during the COVID-19 outbreak. J Am Acad Dermatol. 2020.

28. Andina D, Noguera-Morel L, Bascuas-Arribas M, et al. Chilblains in children in the setting of COVID-19 pandemic. Pediatr Dermatol. 2020.

29. Cordoro KM, Reynolds SD, Wattier R, McCalmont TH. Clustered cases of acral perniosis: clinical features, histopathology and relationship to COVID-19. Pediatr Dermatol. 2020.

30. Wolfel R, Corman VM, Guggemos W, et al. Virological assessment of hospitalized patients with COVID-2019. Nature. 2020.

31. Rosenbach M. COVID-19, “COVID toes,” and clinical manifestations. The profound dermatological manifestations of COVID-19: Part IV Cutaneous features Web site. https://www.aad.org/dw/dw-insights-and-inquiries/2020-archive/april/dermatological-manifestations-covid-19-part-4. Published 2020. Accessed May 5th, 2020.

32. Jones VG, Mills M, Suarez D, et al. COVID-19 and Kawasaki disease: novel virus and novel case. Hosp Pediatr. 2020.


Source:
Wiley

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.