Le bevande alcoliche rinfrescanti con edulcoranti aumentano l’abuso di alcol

0
100

Non sorprende che lo zucchero nelle bevande alcoliche rinfrescanti aiuti a mascherare il gusto dell’alcol ed a renderlo più attraente per i consumatori alle prime armi, compresi i giovani.

Sulla base del primo studio per esaminare il ruolo dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio – l’ingrediente principale nella maggior parte delle bevande alcoliche rinfrescanti – un professore dell’Università di Guelph suggerisce che queste bevande zuccherate possono effettivamente promuovere un consumo dannoso di alcol.

I risultati dovrebbero suscitare particolare cautela tra i bevitori in età universitaria e i loro genitori circa il potenziale delle bevande alcoliche rinfrescanti di incoraggiare il consumo di altre bevande alcoliche- lo ha affermato il professore di psicologia Francesco Leri.

“Più sono le bevande zuccherate che un adolescente beve, più è probabile che bevano alcol che non è addolcito”, ha detto Leri, che ha condotto lo studio con la studentessa del maestro Samantha Ayoub e la professoressa di psicologia Linda Parker

Come negli studi precedenti su come le bevande alcoliche zuccherate influenzano il comportamento del bere negli adolescenti, ha detto, questo studio suggerisce che queste bevande agiscono come “un gateway – un modo per essere introdotti e quindi come l’alcol stesso”.

Altri ricercatori hanno scoperto che i dolcificanti come il saccarosio e il glucosio incoraggiano i ratti a bere più alcol.

Pubblicato di recente sulla rivista Alcohol, lo studio U of G è il primo a esaminare gli effetti dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS), che costituisce circa un quarto del volume di molte bevande alcoliche zuccherate.

Utilizzando ratti in grado di auto-somministrare liquidi, i ricercatori hanno testato il consumo di diverse proporzioni di alcol miscelato con HFC 25%.

L’aggiunta dello sciroppo di mais ha aumentato l’assunzione di ratti e l’appetibilità della bevanda. La palatabilità è stata misurata osservando comportamenti come i topi che si leccano il muso. I ratti trattati con alcool normalmente mostrano segni facciali di disgusto.

“La maggior parte dei ratti non beve volontariamente alcol da sola. Nel momento in cui abbiamo aggiunto HFC, c’è stato un enorme aumento dei consumi “, ha detto Leri.

Le bevande contenenti il ​​10% di alcol e il 25 % di sciroppo di mais hanno incoraggiato alcuni ratti a bere una quantità equivalente a un adulto medio che consumava 4,5 birre in 30 minuti.

Anche se i ricercatori non hanno misurato i livelli di alcol nel sangue, il consumo di tale quantità di alcol causerebbe un aumento dei livelli di alcol nel sangue nelle persone con “abbuffate”.

Anche la miscelazione dell’alcool con la saccarina (un dolcificante non calorico) ha comportato un consumo maggiore ma inferiore rispetto all’HFCS.

In studi precedenti, Leri ha esaminato gli effetti dell’HFC sul cervello. Questa volta, voleva vedere come gli edulcoranti potrebbero influenzare il consumo di altre droghe che creano dipendenza come l’alcol.

Ha detto che qualcuno che beve refrigeranti zuccherati può abituarsi al gusto dell’alcool, anche se inizialmente non gli piace da solo.

“La maggior parte delle persone a cui non piace il gusto dell’alcol in un drink berranno refrigeranti zuccherati. Pensiamo che ottengano un’introduzione all’alcol tramite dolcificanti. “

Leri ha affermato che i produttori di bevande potrebbero essere persuasi a usare dolcificanti più naturali come lo zucchero di canna normale o ad astenersi dal commercializzare i loro prodotti ai consumatori più giovani.

Incoraggia i genitori a discutere di dispositivi di raffreddamento con i giovani.

“Perché è dolce e ha il sapore del pop non lo rende più sicuro di una lattina di birra o di un bicchiere di vino. L’alcol è alcool, non importa quale.

Perché l’alcol è dolce, c’è il pericolo di bere troppo. È importante monitorare la quantità assunta, specialmente quando viene miscelata con altre sostanze. È solo un’altra droga di dipendenza, tutto qui ”.


Il consumo di bevande zuccherate è aumentato in tutto il mondo negli ultimi decenni; secondo il Global Burden of Disease, 1 il loro “valore di esposizione sommario” (tenendo conto dell’entità dell’esposizione per livello di rischio e della gravità del contributo di tale rischio all’onere della malattia) è aumentato di oltre il 40% dal 1990 al 2016.

L’impatto delle bevande zuccherate sulla salute cardiometabolica è ben studiato: 2 sono associati ad un aumentato rischio di aumento di peso, sovrappeso o obesità; 34 una maggiore incidenza del diabete di tipo 2 (indipendentemente dall’adiposità); 5 un rischio più elevato di ipertensione ; 6 e con morte cardiometabolica.7

Nel 2010, Singh e colleghi hanno stimato che tra tutti i decessi annuali in tutto il mondo a causa di diabete e malattie cardiovascolari, circa 178.000 erano attribuibili al consumo di bevande zuccherate.8

Il consumo di bevande zuccherate è stato uno dei fattori di rischio comportamentale che hanno maggiormente contribuito all’aumento delle morti globali attribuibili e degli anni di vita adeguati alla disabilità (DALY) tra il 1990 e il 2016.1

Le bevande dolcificate artificialmente erano inizialmente considerate un’alternativa più sana, tuttavia sono associate a una maggiore incidenza di ipertensione, 9 obesità, 10 e diabete di tipo 2.5

Inoltre, alcuni dolcificanti artificiali sono stati suggeriti per aumentare l’intolleranza al glucosio alterando il microbiota intestinale.11

Al contrario, l’associazione tra bevande zuccherate e rischio di cancro è stata meno studiata. Tuttavia, questa potenziale relazione suscita preoccupazioni crescenti a causa della sua plausibilità meccanicistica.

In effetti, le bevande zuccherate sono associate in modo convincente al rischio di obesità, 34 che a sua volta è riconosciuto come un forte fattore di rischio per molti tumori.12

Oltre ai percorsi di obesità e adiposità, i meccanismi alla base di un legame tra bevande zuccherate e cancro potrebbero comportare resistenza all’insulina causata dal loro alto indice glicemico o carico glicemico, che sono stati correlati al cancro al seno, 13 14 carcinoma epatocellulare, 15 e carcinomi associati al diabete.16

I composti chimici nelle bevande zuccherate, come il 4-metilimidazolo nelle bevande contenenti coloranti al caramello (definiti forse cancerogeni per l’uomo dall’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, IARC), 17 18 pesticidi nei succhi di frutta, 19 20 o dolcificanti artificiali come l’aspartame potrebbero gioca un ruolo nella carcinogenesi.21

Tuttavia, la letteratura epidemiologica sulle bevande zuccherate e il rischio di cancro è ancora limitata e non c’erano prove sufficienti per supportare un collegamento nel recente rapporto del World Cancer Research Fund / American Institute for Cancer Research.12 Sono stati condotti pochissimi studi prospettici sull’associazione tra bevande zuccherate e singolo sito di cancro.

Due potenziali coorti hanno pubblicato risultati contrastanti sul cancro al seno: uno suggerisce un aumento del rischio nelle donne in post-menopausa (Melbourne Collaborative Cohort Study, 946 casi), 22 e l’altro non osserva alcuna associazione (Framingham Offspring cohort, 124 casi )23.

Aumenti recenti sono stati anche suggeriti per i tumori correlati all’adiposità e all’obesità in recenti sondaggi, 22 23 nonché per tumori del pancreas, della cistifellea 24, 25 e dell’endometrio, 26 sebbene alcuni altri studi abbiano osservato risultati nulli.12 27 28 29

Pertanto, la letteratura riguardante le bevande zuccherate e il rischio di cancro è incoerente e necessita di ulteriori esplorazioni. Inoltre, le bevande zuccherate e le bevande zuccherate artificialmente sono state raramente analizzate separatamente in studi precedenti.

Pertanto, lo scopo di questo studio è di indagare le relazioni tra i consumi di bevande zuccherate e bevande zuccherate artificialmente e il rischio di primo cancro in una grande coorte potenziale con una valutazione dettagliata e aggiornata dell’assunzione dietetica.

Link di riferimento


Fonte:
Università di Guelph

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.