I maschi e le femmine vedono i tradimenti fisici ed emotivi in ​​modo diverso

0
98

L’infedeltà è uno dei motivi più comuni per cui le coppie eterosessuali si sciolgono.

I ricercatori che hanno studiato 160 culture diverse ritengono che ciò sia vero in tutto il mondo.

Tuttavia, uomini e donne guardano in modo diverso diversi tipi di infedeltà.

Gli uomini di solito considerano l’ infedeltà fisica – quando il partner fa sesso con un’altra persona – più seriamente delle donne.

Le donne considerano l’infedeltà emotiva – quando il partner inizia una stretta relazione con un’altra persona – come più grave.

Nonostante sperimentino diversamente i diversi tipi di infedeltà, uomini e donne sono quasi disposti a perdonare il proprio partner. E i nuovi risultati mostrano che il grado di perdono non è correlato al tipo di infedeltà.

“Siamo sorpresi che le differenze tra i sessi non siano state maggiori.

I meccanismi alla base del perdono sono più o meno identici tra i sessi “, afferma il professor Leif Edward Ottesen Kennair presso il Dipartimento di Psicologia della Norwegian University of Science and Technology (NTNU).

È stato coautore di un nuovo articolo nel Journal of Relationships Research. L’articolo affronta l’infedeltà e i meccanismi alla base del perdono.

Un gruppo di ricerca presso NTNU ha reclutato 92 coppie per lo studio. Queste coppie hanno completato in modo indipendente un questionario relativo ai problemi descritti in scenari ipotetici in cui il partner era stato infedele in vari modi.

Uno scenario descrive il partner che fa sesso con un’altra persona, ma non si innamora.

Nell’altro scenario, il partner si innamora di un’altra persona, ma non fa sesso.

Quindi, quanto sono disposti a perdonare il proprio partner?

Si scopre che uomini e donne elaborano l’infedeltà del loro partner quasi in modo identico.

Molte persone, indipendentemente dal genere e dal tipo di infedeltà, ritengono improbabile che perdonino l’infedeltà del loro partner.

“La rottura o meno della coppia dipende principalmente da quanto minaccioso per la relazione che percepiscono l’infedeltà”, afferma il primo autore Trond Viggo Grøntvedt, un membro post dottorato presso il Dipartimento di Psicologia.

Più si sente minacciosa l’infedeltà, peggio è per la relazione.

Il fatto che i partner credano che la relazione possa continuare dipende anche da quanto sono disposti a perdonarsi a vicenda, soprattutto in termini di evitare di prendere le distanze dal proprio partner.

Nonostante sperimentino diversamente i diversi tipi di infedeltà, uomini e donne sono quasi disposti a perdonare il proprio partner.

E i nuovi risultati mostrano che il grado di perdono non è correlato al tipo di infedeltà. L’immagine è di dominio pubblico.
Naturalmente, esistono grandi differenze individuali, anche all’interno di ciascun genere. Le persone reagiscono in modo diverso all’infedeltà, in base alla loro personalità e alle circostanze.

“Molte persone potrebbero pensare che le coppie che hanno una relazione forte sarebbero in grado di tollerare meglio l’infedeltà, ma ciò non è stato indicato nel nostro studio”, afferma il professor Mons Bendixen presso il Dipartimento di Psicologia della NTNU.

Un altro aspetto ha un ruolo nei casi di infedeltà emotiva, in cui non ha avuto luogo alcun sesso. Fino a che punto il partner infedele può essere incolpato per quello che è successo?

Se fai volontariamente sesso con un’altra persona, praticamente non importa se ritieni che sia colpa tua.

“Il grado di colpa attribuito al partner era legato alla volontà di perdonare”, afferma Bendixen.

La relazione è a maggior rischio se il partner è tenuto a sopportare gran parte della responsabilità di finire in una relazione intima con qualcun altro.

Il fattore di colpa non entra in gioco quando il partner è fisicamente infedele ”, afferma Grøntvedt.

Se fai sesso volontariamente con qualcuno diverso dal tuo partner, è più o meno irrilevante se pensi che sia stato principalmente colpa tua o no.

Il possibile perdono non dipende dall’accettare la colpa.


L’esperienza di comportamenti extradiadi senza il consenso preventivo del partner primario può essere l’evento più doloroso per qualcuno che ha una relazione intima (Luo et al., 2010; Shrout and Weigel, 2018).

In particolare, questi comportamenti extradiadi possono avere gravi conseguenze, come bassa autostima, problemi mentali, perdita di fiducia, diminuzione della fiducia personale e sessuale, rabbia e senso di colpa, e in molti casi portano a maltrattamenti coniugali e divorzio (Cano e O ‘ Leary, 2000; Shackelford, 2001; Fisher et al., 2008; Russell et al., 2013).

Gli studi hanno dimostrato che queste emozioni negative sono riscontrabili in coppie sposate e non sposate che manifestano comportamenti estradadici (Mapfumo, 2016; Fincham e maggio 2017; Shrout e Weigel, 2018).

I comportamenti estradadici colpiscono anche altri membri della famiglia, in particolare i bambini (Wilson et al., 2011).

Ad esempio, i genitori che non sono in grado di far fronte con successo a comportamenti estradadici possono esporre i propri figli ad aumentare i conflitti (Blodgett-Salafia et al., 2013) e a traumi e dolore come sintomi (Dean, 2011).

Inoltre, i comportamenti extradyadici possono portare a sensi di colpa, preoccupazione, paura, aggressività, depressione e ansia nei bambini (Lusterman, 2005; Ablow et al., 2009; Negash and Morgan, 2015).

Inoltre, il coinvolgimento nei comportamenti extradiadi è una delle principali cause della ricerca della terapia di coppia e pone forti sfide per il trattamento (Gordon et al., 2004; Atkins et al., 2005, 2010; Marín et al., 2014).

Il nostro obiettivo principale era quello di indagare la relazione tra i comportamenti extradiadi passati, sia inflitti che sofferti, sulle attuali relazioni romantiche.

La maggior parte delle persone ha credenze simili in merito ai comportamenti estradadici, in attesa di monogamia nel matrimonio e in gran parte disapprovazione delle relazioni estradadadi (Prins et al., 1993; Buss and Shackelford, 1997; Treas and Giesen, 2000; Johnson et al., 2002; Rokach e Philiibert-Lignières, 2015).

I comportamenti sessuali extradiadi tendono ad essere considerati più negativi e offensivi dei comportamenti emotivi (Rodrigues et al., 2016; Beltrán-Morillas et al., 2019). 

Sebbene la maggior parte degli studi provenga dalle culture occidentali (Fisher, 2018; Norona et al., 2018), ci sono diversi studi che mostrano somiglianze tra le culture (ad esempio, Penn et al., 1997; Jankowiak et al., 2002; Nowak et al., 2014).

Ad esempio, uno studio interculturale con un campione di 186 società (ad esempio, Sud America, Africa sub-sahariana) ha scoperto che in ogni cultura, sia i maschi che le femmine ricorrono attivamente a tattiche di custodia dei compagni per cercare di controllare quelle dei loro compagni comportamenti estradadici (Jankowiak et al., 2002).

Tuttavia, queste credenze non si traducono sempre in comportamenti coerenti. In effetti, alcuni studi hanno dimostrato che circa il 22-25% degli uomini e il 15-20% delle donne riferiscono di aver fatto sesso con qualcuno diverso dal coniuge mentre erano sposati (Allen et al., 2005; Mark et al., 2011).

Ad esempio, in uno studio di Mark et al. (2011), il 23,2% degli uomini e il 19,2% delle donne hanno indicato di aver avuto interazioni sessuali con qualcuno diverso dal loro partner durante la loro relazione attuale.

La soddisfazione relazionale è un fattore predittivo importante dei comportamenti estradadici?

La ricerca ha dimostrato che i livelli di soddisfazione generale nei confronti della relazione, del sesso e della qualità dell’amore e dell’affetto sono tra i migliori predittori di comportamenti extradiadi (Nowak et al., 2014; Fincham e May, 2017).

In particolare, gli studi suggeriscono che le persone si impegnano in comportamenti estradadici perché la qualità della loro relazione primaria è bassa (Atkins et al., 2001; Scheeren et al., 2018).

Glass e Wright (1985) hanno trovato una correlazione negativa tra soddisfazione relazionale e comportamenti extradadici – sia comportamenti estradadimentali sia emotivi -, essendo il più forte per la soddisfazione relazionale e comportamenti estradadadici emotivi.

Inoltre, questi autori hanno scoperto che coloro che sono coinvolti in comportamenti extradiadi sia sessuali che emotivi hanno livelli più bassi di soddisfazione relazionale rispetto a quelli che sono coinvolti in una relazione solo emotiva o solo sessuale.

I comportamenti extradyadici sono associati a problemi nella relazione primaria, specialmente per quelli con una relazione secondaria stabile (Fisher et al., 2009). DeMaris (2009) ha studiato alcuni fattori che potrebbero predire le relazioni estradadadi e ha scoperto che l’instabilità delle relazioni e la scarsa comunicazione erano predittori significativi.

Rodrigues et al. (2016) hanno mostrato che gli individui in relazioni sessualmente monogame tendevano a segnalare una maggiore predisposizione per il sesso occasionale e ad impegnarsi in sesso estradadico se si trovavano in una relazione di bassa soddisfazione. Silva et al. (2017) hanno trovato una correlazione positiva tra la qualità della relazione percepita, gli atteggiamenti e le percezioni negative dei comportamenti extradiadi e che queste correlazioni erano più forti per gli uomini che per le donne.

Inoltre, Negash et al. (2014) hanno scoperto che le persone che hanno riportato un’elevata qualità della relazione avevano maggiori probabilità di porre fine alla relazione se riferivano comportamenti estradadadi emotivi o sessuali, suggerendo che avevano molto più da perdere quando si verificavano comportamenti estradiari rispetto a quelli nelle relazioni a bassa soddisfazione.

Buss e Shackelford (1997) hanno trovato un legame tra infelicità relazionale e aspettative sui comportamenti extradiadi del partner. In particolare, sia gli uomini che le donne che si sentono generalmente insoddisfatti della loro relazione primaria hanno la tendenza ad anticipare che i loro partner avranno una relazione estradadica.

Livelli più bassi di soddisfazione relazionale sembrano condurre a comportamenti estradadici, e questi comportamenti estradadici sembrano portare anche a livelli più bassi di soddisfazione relazionale (Buunk, 1980; Treas and Giesen, 2000; Atkins et al., 2001; Previti e Amato, 2004 ; Fincham e maggio 2017).

È importante notare che non tutti gli studi hanno trovato una correlazione significativa tra soddisfazione relazionale e comportamenti extradiadi (Blumstein e Schwartz, 1983; Spanier e Margolis, 1983; Glass and Wright, 1985).

Ad esempio, Spanier e Margolis (1983), in uno studio condotto su individui separati e divorziati di recente, hanno concluso che la qualità del sesso tra i coniugi non era direttamente correlata al sesso estradadico.

Il desiderio sessuale può essere definito come sensazioni specifiche che spingono uomini e donne a guardare fuori – o diventare ricettivi a – esperienze sessuali (Kaplan, 1979, 1995) o come uno stato psicologico fondamentale per iniziare e mantenere il comportamento sessuale umano (Levine, 1988, 2002, 2003).

Gli studi hanno dimostrato che la tendenza all’eccitazione sessuale è legata al desiderio sessuale (Janssen e Bancroft, 2007; Bancroft et al., 2009; Mark et al., 2011). Haseli et al. (2019) ha sviluppato una revisione sistematica dei comportamenti extradiadi e dei suoi fattori associati, suggerendo che caratteristiche come i problemi di sessualità, tra cui il desiderio sessuale, l’interesse sessuale e l’eccitazione sessuale influenzano i processi psicologici per impegnarsi in comportamenti extradiadi.

Treas and Giesen (2000) hanno mostrato che il coinvolgimento nei comportamenti extradiadi era più elevato tra uomini e donne con livelli di interesse sessuale più elevati (misurati con un singolo oggetto).

Tuttavia, McIntyre et al. (2015) hanno scoperto che un desiderio sessuale più forte prevedeva comportamenti estradadici solo per individui con basso autocontrollo.

Fisher et al. (2009) hanno affermato che i comportamenti estradiadi possono essere correlati alle interazioni con un partner sessuale, come il desiderio sessuale ipoattivo del partner. Fife et al. (2007) hanno mostrato che possono verificarsi comportamenti estradadici in presenza di un’elevata discrepanza nel desiderio sessuale che entrambi i membri della coppia sperimentano.

L’attrattiva fisica è un fattore predominante nell’attrazione sessuale e la ricerca ha dimostrato che le persone più attraenti sono più inclini ad attrarre potenziali partner (Green et al., 1984).

Il comportamento estradadico sembra essere un’espressione della scelta del compagno che continua durante una relazione impegnata e la scelta del compagno riflette in gran parte l’attrazione fisica (Nowak et al., 2014).

Per le persone coinvolte in una relazione romantica, la percezione dell’attrattiva fisica del partner è correlata positivamente con impegno, passione, intimità e soddisfazione (Yela e Sangrador, 2001).

Inoltre, McNulty et al. (2008) hanno scoperto che le persone coinvolte in una relazione in cui le mogli erano fisicamente più attraenti dei loro mariti avevano livelli più alti di qualità della relazione.

Alcuni studi hanno dimostrato che le donne più attraenti dal punto di vista fisico hanno maggiori probabilità di avere comportamenti estradadici e di avere più partner sessuali (Singh, 1993; Dijkstra e Buunk, 2001; Hughes e Gallup, 2003; Streeter e McBurney, 2003) che impiegano, tra le altre misure , l’osservazione dei rapporti girovita (WHR) e del comportamento sessuale delle donne.

Una delle variabili più frequentemente studiate nei comportamenti extradiadi è il genere (Symons, 1979; Lawson, 1988; Betzig, 1989; Feingold, 1990, 1992; Buss et al., 1992, 1999; DeSteno et al., 2002; Shackelford et al., 2002; Grammer et al., 2003; Sagarin et al., 2003; Kurzban e Weeden, 2005; Fisman et al., 2006; Kalantarova et al., 2010; Frederick and Fales, 2016; Pinto and Arantes, 2016 ).

Numerosi studi hanno riportato che gli uomini sono coinvolti nel comportamento estradadico più delle donne (Greeley, 1991; Laumann et al., 1994; Wiederman, 1997), e che entrambi i sessi si impegnano in diversi tipi di comportamento estradadico.

In particolare, gli uomini hanno maggiori probabilità di avere relazioni sessuali, mentre le donne hanno maggiori probabilità di avere relazioni emotive (Glass and Wright, 1985; Atkins et al., 2001; Scheeren et al., 2018).

Inoltre, gli uomini hanno la tendenza a valutare i comportamenti extradadadi sessuali dei partner in modo più negativo rispetto ai comportamenti estradadadi emotivi (Tagler e Jeffers, 2013).

Tuttavia, gli studi suggeriscono anche che le differenze di genere nei comportamenti extradiadi nelle giovani generazioni stanno diminuendo di dimensioni, indicando che i tassi di comportamenti extradiadi stanno diventando sempre più simili tra uomini e donne (Parker, 1997; Wiederman, 1997; Atkins et al., 2001 ; Pinto e Arantes, 2016).


Fonte:
NTNU

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.