Omega-3: il DHA protegge le cellule neuronali – promuove la loro sopravvivenza e aiuta a trattare l’ictus ischemico e altre malattie cardiovascolari

0
66

La ricerca guidata da Nicolas Bazan, MD, PhD, Boyd Professor e Direttore del Neuroscience Center of Excellence presso LSU Health New Orleans School of Medicine, e Ludmila Belayev, MD, LSU Health New Orleans Professor of Neuroscience, Neurology and Neurosurgery, ha sbloccato un meccanismo fondamentale fondamentale nella comunicazione tra le cellule cerebrali di fronte a ictus.

Riferiscono che il DHA non solo proteggeva le cellule neuronali e promuoveva la loro sopravvivenza, ma aiutava anche a mantenere la loro integrità e stabilità.

La scoperta fornisce potenziali nuovi bersagli clinici e molecole specifiche per il trattamento dell’ictus ischemico e di altre malattie cardiovascolari.

I loro risultati sono pubblicati online su  CNS Neuroscience & Therapeutics.

Le cellule cerebrali parlano tra loro. Questo crosstalk sincronizzato cellula-cellula regola la neuroinfiammazione e il sistema immunitario, che vengono attivati ​​nel cervello all’inizio di ictus, Alzheimer, Parkinson e altre malattie.

I ricercatori hanno scoperto che nel modello di ictus, l’acido docosaesaenoico ( DHA ) influenza i livelli di due proteine ​​cruciali per la comunicazione tra le cellule cerebrali: il fattore neurotrofico derivato dagli astrociti mesencefalici (MANF) e il recettore di attivazione espresso sulle cellule mieloidi-2 (TREM2).

Hanno scoperto che il trattamento con DHA riduceva le dimensioni dell’area cerebrale danneggiata, avviava meccanismi di riparazione e migliorava notevolmente il recupero neurologico e comportamentale.

Questi risultati forniscono un importante progresso concettuale di ampia rilevanza per la sopravvivenza delle cellule neuronali, la funzione cerebrale e, in particolare, l’ictus e le malattie neurodegenerative.

Il DHA è costituito da acidi grassi polinsaturi a catena molto lunga omega-3 (VLC-PUFA, n-3).

Si trova nei pesci grassi di acqua fredda come il salmone. 

Tra gli altri vantaggi, il DHA è essenziale per la normale funzione cerebrale negli adulti e per la crescita e lo sviluppo del cervello nei bambini.

“I nostri risultati contribuiscono notevolmente alla nostra comprensione delle interazioni cellulari che coinvolgono neuroni, astrociti e microglia per sostenere i circuiti sinaptici, mettere in moto la neurogenesi e avviare il ripristino di squilibri patologici”, osserva il dottor Bazan, che detiene anche l’Ernest C. e Ivette C. Villere Chair presso LSU Health New Orleans.

Questi risultati fanno avanzare la comprensione di come viene sostenuta la complessità e la resilienza del cervello umano, principalmente di fronte alle avversità come nell’ictus.

Un fattore chiave è il modo in cui i neuroni comunicano tra di loro. Queste nuove molecole partecipano alla trasmissione di messaggi all’organizzazione sinaptica complessiva per garantire il flusso accurato di informazioni attraverso i circuiti neuronali.

“Sappiamo come i neuroni stabiliscono connessioni sinaptiche con altri neuroni; tuttavia, queste connessioni devono essere malleabili al fine di passare alla forza appropriata attraverso l’esperienza “, spiega il dott. Belayev.

“È come un’orchestra”, dice Bazan. “Hai bisogno di un direttore d’orchestra, e questo è il ruolo svolto dal DHA. 

Una complessità così ampia richiede innanzitutto i violinisti, o in questo caso le sinapsi, che sono siti altamente sensibili di lesioni da ictus che diventano messaggeri per colpire le cellule vulnerabili “.

I coautori includono Sung-Ha Hong, Raul S. Freitas, Hemant Menghani, Shawn J. Marcell, Larissa Khoutorova, Pranab K. Mukherjee e Reinaldo B. Oria. Il dottor Menghani è stato supportato dal Dipartimento di Pediatria della Sezione Ematologia-Oncologia dell’LSU Health New Orleans e dal Children’s Hospital di New Orleans. Raul S. Freitas è uno studente laureato del Laboratorio di Biologia della Guarigione dei Tessuti, Ontogenesi e Nutrizione, Dipartimento di Morfologia e Istituto di Biomedicina, Scuola di Medicina, Università Federale del Cearà, Fortaleza, Brasile. Shawn J. Marcell è uno studente di medicina della LSU Health New Orleans.

Finanziamento: la ricerca è stata sostenuta da sovvenzioni dell’Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus 1R01NS109221 e 1R01NS104117.


Gli acidi grassi polinsaturi n-3 (PUFA) sono una classe di acidi grassi essenziali necessari per la normale attività biologica e funzione negli organismi viventi.

I PUFA n-3 sono scarsamente sintetizzati nel corpo umano e sono composti da agenti derivati ​​da pesci marini come l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

È noto che n-3 PUFA riducono il rischio di malattie cardiovascolari attraverso molteplici azioni, tra cui un effetto antinfiammatorio, riduzione dell’aggregazione piastrinica e stabilizzazione delle placche aterosclerotiche [19,20,21,22,23,24].

Pertanto, una minore assunzione con la dieta di n-3 PUFA può comportare un aumento dell’incidenza delle malattie cardiovascolari.

Notevoli informazioni sono state acquisite sui PUFA n-3, attraverso il loro apporto alimentare e il loro utilizzo come terapia per il rischio di malattie cardiovascolari.

Tuttavia, l’associazione dell’ingestione di n-3 PUFA con il carico di ictus non è stata adeguatamente studiata.

L’attuale articolo esamina le associazioni dell’assunzione alimentare di n-3 PUFA con l’ictus e gli effetti del trattamento con n-3 PUFA sull’ictus nei precedenti studi ad alto impatto e, inoltre, il ruolo meccanicistico degli n-3 PUFA e dei loro metaboliti correlati è stato studiato il carico di ictus.

Effetti biologici dei PUFA Omega-3 per l’ictus

PUFA Omega-3 e loro metaboliti

L’EPA inibisce in modo competitivo la formazione di prostaglandine E2 da parte della cicloossigenasi (COX) 1/2 da AA e produce prostaglandine E3 meno infiammatorie, mostrando così un effetto antinfiammatorio, inibizione dell’adesione dei monociti e dell’aggregazione piastrinica e miglioramento del danno endoteliale [67, 68].

L’EPA riduce anche la produzione di mediatori ed enzimi da cellule infiammatorie come i macrofagi e stabilizza le placche aterosclerotiche [22,23,24]. Ci sono prove che il DHA sopprime l’infiammazione in modo più potente dell’EPA [69,70].

È importante sottolineare che EPA e DHA vengono metabolizzati attraverso le vie COX e lipossigenasi in una nuova classe di mediatori lipidici [67,68]. Mediatori lipidici pro-risolutivi specializzati, tra cui resolvin, maresine e protectine, sono sintetizzati da n-3 PUFA.

Nel metabolismo dell’EPA, l’acido 18-idrossiicosapentaenoico (18-HEPE) viene convertito dall’EPA nelle vie della cicloossigenasi-2 o del citocromo P450 e ulteriormente metabolizzato nella serie resolvin E, incluse le resolvine E1, E2 ed E3 (Figura 2) [ 71,72].

Nel metabolismo del DHA, la 12-lipossigenasi ha convertito il DHA in maresine, mentre le serie Resolvin D sono state convertite da DHA nell’intermedio 17S-idroperossi-DHA dalla 15-lipossigenasi e ulteriormente metabolizzate dalla 5-lipossigenasi.

Le protectine sono state convertite dal DHA dalla 15-lipossigenasi. Questi metaboliti hanno potenti effetti antinfiammatori. In modelli sperimentali di ictus, è stato dimostrato che le maresine, le protectine e la serie D di resolvina derivate dal DHA esercitavano una risposta antinfiammatoria, lesioni da ictus migliorate e neurogenesi e angiogenesi indotte [73,74,75,76].

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione e così via. Il nome dell'oggetto è ijms-20-05549-g002.jpg
Figura 2
Acidi grassi polinsaturi Omega-3 e mediatori lipidici pre-risolutivi specifici. L’acido eicosapentaenoico (EPA) viene convertito in resolvina E1 ed E2 dalla 5-lipoxgenasi (LOX) e in resolvina E3 da 15-LOX. L’acido docosaesaenoico (DHA) viene convertito in resolvina D1 dalla cicloossigenasi (COX) -2 / aspirina / 15-LOX e ulteriormente 5-LOX, la protezione D1 dalla COX-2 / aspirina / 15-LOX e la maresina 1 dalla 12-LOX .

Trattamento con Omega-3 PUFAs in Experimental Stroke

Finora, i meccanismi molecolari sottostanti dopo l’integrazione con n-3 PUFA sono stati studiati in vivo e in vitro. In un modello di occlusione dell’arteria cerebrale media (MCAO) nei roditori, è stato dimostrato che il trattamento con n-3 PUFA prima di MCAO [77,78,79,80], dopo MCAO [81,82], ed entrambi [83] sono diminuiti volume dell’infarto e miglioramento dei deficit neurologici e della funzione motoria.

In vitro, n-3 PUFA hanno soppresso il rilascio di ossido nitrico indotto da lipopolisaccaridi e fattore di necrosi tumorale-α e la risposta infiammatoria, hanno alterato il passaggio dal fenotipo M1 a M2, aumentato la fagocitosi della mielina nelle microglia coltivate e fattore nucleare attivato E2 correlato al fattore 2 e eme ossigenasi-1 sovraregolata nei neuroni [82,84,85].

Per quanto riguarda gli effetti neuroprotettivi dell’EPA, la soppressione dello stress ossidativo e l’attivazione della Rho-chinasi endoteliale sono state indotte dopo l’ischemia [79]. In ratti ovariectomizzati sottoposti a MCAO transitorio, il gruppo di gruppo ad alta mobilità post-ischemico regolato dall’EPA 1 / toll-like receptor 9 pathway recettore attivato dal proliferatore gamma-dipendente e indipendente [80].

D’altra parte, il DHA ha ridotto l’espansione dell’area dell’infarto a causa di una successiva risposta infiammatoria provocata dall’ischemia, attraverso la promozione della conversione dalla 15-lipossigenasi-1 alla neuroprotectina D1, esibendo protezione cellulare, antinfiammatoria e anti-apoptotica risposte [86].

Altri studi hanno dimostrato che il DHA ha indotto il recupero neurologico e ridotto le dimensioni dell’infarto diminuendo il danno alla barriera ematoencefalica, regolando l’infiltrazione microglia e riducendo lo stress ossidativo e attivando le cascate AKT nei neuroni [85,87,88] (Figura 2).

Ruolo dei PUFA Omega-3 e dei loro metaboliti prima e dopo l’ictus

I dati di cui sopra hanno indicato che vari effetti anti-infiammatori, stress antiossidativo, diminuzione del danno alla barriera emato-encefalica e regolazione delle vie di segnalazione sono stati implicati nei meccanismi dei ruoli dei PUFA n-3 contro le lesioni cerebrali dopo l’ictus, che sono stati chiaramente mostrati in vivo e in vitro nei roditori.

È ragionevole che il trattamento con PUFA prima dell’ictus abbia mostrato un effetto protettivo contro il danno ischemico, che potrebbe essere coerente con i risultati di precedenti studi epidemiologici e di altro tipo, che mostrano effetti parziali per la riduzione del carico di ictus.

Allo stesso modo, un effetto benefico del trattamento con n-3 PUFA immediatamente dopo l’ictus potrebbe indicare che gli n-3 PUFA sono potenziali candidati per la terapia per l’ictus acuto (Figura 3).

Negli studi clinici che hanno coinvolto pazienti con ictus, non sono state disponibili prove sugli effetti dell’integrazione di n-3 PUFA per l’esito dell’ictus. La ricerca futura potrebbe facilitare lo sviluppo di possibili agenti di trattamento per l’ictus ischemico negli esseri umani.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è ijms-20-05549-g003.jpg
Figura 3
Schema dei meccanismi sottostanti prima e dopo l’ictus. Età, fattori di rischio cardiovascolare, aterosclerosi, stile di vita e abitudini alimentari potrebbero essere implicati nei meccanismi di sviluppo dell’ictus negli esseri umani. D’altra parte, precedenti studi sperimentali hanno dimostrato che la barriera emato-encefalica (BBB), l’infiammazione, lo stress ossidativo e le vie di segnalazione patologica contribuivano ai meccanismi dopo l’ictus. Gli acidi grassi polinsaturi N-3, inclusi l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA), ei suoi metaboliti, resolvine, protezioni e maresine, hanno soppresso questi meccanismi patogeni e ridotto le dimensioni dell’infarto, indotto angiogenesi e neurogenesi e migliorato il recupero funzionale. Le linee a testa di barra indicano un’inibizione e le frecce rappresentano una produzione e un’induzione.

LINK DI RIFERIMENTO: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6888676/


Ricerca originale:  accesso aperto
“Il DHA modula l’abbondanza di MANF e TREM2, aumenta la neurogenesi, riduce le dimensioni dell’infarto e migliora la funzione neurologica dopo l’ictus ischemico sperimentale”  di Ludmila Belayev, Sung ‐ Ha Hong, Raul S. Freitas, Hemant Menghani, Shawn J. Marcell , Larissa Khoutorova, Pranab K. Mukherjee, Madigan M. Reid, Reinaldo B. Oria, Nicolas G. Bazan. CNS Neuroscience & Therapeutics .

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.