COVID-19 – Israele: il nuovo farmaco anticorpale offre una ripresa sorprendente

0
447

La prima sperimentazione clinica al mondo per un farmaco contro il coronavirus a base di anticorpi è iniziata a Gerusalemme in modo molto promettente , con tutti e tre i pazienti coinvolti dimessi dall’ospedale pochi giorni dopo averlo ricevuto.

I pazienti erano in condizioni moderate, con polmonite indotta da COVID-19 , quando è stato somministrato il farmaco, prodotto da anticorpi trovati nel plasma di pazienti con coronavirus guariti, all’inizio di questa settimana.

“La risposta è stata, ai miei occhi, quasi un miracolo: l’hanno ricevuta e ora sono a casa”, ha detto Zeev Rothstein, direttore dell’Hadassah Medical Center di Gerusalemme, che ha collaborato con l’azienda biofarmaceutica Kamada per sviluppare il farmaco, e sta attualmente conducendo la sperimentazione clinica.

La sperimentazione è iniziata giovedì scorso e prevede il trattamento di 12 pazienti, in lotti. Il primo lotto era composto da tre pazienti, l’ultimo dei quali è stato dimesso mercoledì.

I medici dicono che i pazienti stanno abbastanza bene da riposare a casa, ma non sono ancora risultati negativi per COVID-19.

Rothstein ha commentato: “Non so se sia fortuna dei principianti, ma siamo molto entusiasti. Per un medico vedere un tale miglioramento in un periodo di tempo molto breve è sorprendente “.

Ha detto che sta “cercando di essere cauto”, poiché è stato deluso da alcuni trattamenti che sono stati propagandati per il coronavirus, ma ha aggiunto: “Se gli studi dimostrano l’efficienza che ci aspettiamo, non solo migliorerà la situazione dei pazienti, ma potrebbe cambiare l’atteggiamento nei confronti del coronavirus in Israele e nel mondo “.

Rothstein ha espresso la speranza che altri ospedali israeliani si uniranno a questa fase di test, sia per il bene dei pazienti che potrebbero trarne beneficio, sia per rafforzare l’affidabilità dei risultati.

Kamada è stata la prima azienda al mondo a produrre un farmaco contro il coronavirus da anticorpi ed è ora diventata la prima azienda a testare clinicamente un prodotto del genere, ha affermato il suo CEO, Amir London.

Ha aggiunto che il farmaco, attualmente in fase di sperimentazione su pazienti attivi, verrà esaminato anche per eventuali qualità preventive.

A maggio, il Times of Israel è stato il primo a riferire sui piani per un tale trattamento basato su campioni di sangue israeliani.

Londra non commenta ancora la sperimentazione clinica, poiché attende i dati di tutti i 12 pazienti che riceveranno il trattamento in questa prima fase di test.

Un paziente con coronavirus guarito (al centro) che dona plasma per il trattamento sperimentale degli anticorpi di Israele. (Magen David Adom)

Ai pazienti israeliani sono stati somministrati anticorpi da pazienti guariti sin dall’inizio della pandemia, ma questo farmaco, sebbene basato su anticorpi, è “molto diverso”, ha detto London.

Ha commentato: “Usiamo plasma convalescente come nostra materia prima, ma poi passa allo sviluppo e alla lavorazione farmaceutica per diventare un farmaco. Quando dai un’infusione [di anticorpi normali] non sai esattamente cosa stai dando “.

Con il nuovo prodotto, ha affermato, il processo di produzione garantisce che le quantità di anticorpi siano predefinite e standardizzate e che ai pazienti venga consegnato un “trattamento antivirale in grado di ridurre la carica virale”.

Viene testato su pazienti moderati, perché si ritiene che abbiano più costantemente cariche virali elevate rispetto ai pazienti seri, che a volte stanno combattendo i postumi del virus piuttosto che il virus stesso.

“Lo stiamo somministrando a pazienti moderati, con polmonite, ma che non sono ancora ventilati”, ha detto London. “Vogliamo catturarli mentre sono ancora altamente vitali, ma prima del deterioramento, e trattare quella fase virale con un trattamento antivirale”.

Il prodotto è una globulina iperimmune, a volte indicata come vaccino passivo. Si chiama passivo perché a differenza di un normale vaccino, che spinge l’organismo a creare anticorpi per combattere virus o batteri, contiene anticorpi preformati.

Hadassah, insieme a Magen David Adom, che gestisce il servizio sanguigno israeliano, ha iniziato a raccogliere plasma da pazienti guariti tre mesi fa, per lo sviluppo del farmaco.

La dichiarazione di Hadassah afferma che lo ha fatto, “nonostante l’opposizione iniziale dell’allora direttore generale del ministero della Salute”, riferendosi a Moshe Bar Siman-Tov, che si è dimesso a maggio.

La comunità ultraortodossa di Gerusalemme è stata fondamentale per facilitare la raccolta del plasma necessaria per il farmaco. Dopo aver realizzato che in breve tempo erano necessarie grandi quantità di plasma contenente anticorpi, Hadassah si è rivolto ai leader Haredi tramite l’organizzazione no profit Yad Avraham.

Rothstein ha dichiarato: “Siamo andati direttamente alla comunità Haredi, dove il coronavirus era prevalente, e l’idea che le persone si aiutassero a vicenda ha portato una buona risposta”.

Si sono fatti avanti 126 volontari.

Kamada, che da tempo produce un trattamento anticorpale per la rabbia con l’approvazione della Food and Drug Administration americana, ha modificato il suo prodotto per curare il coronavirus.


amada ha una vasta esperienza nello sviluppo, produzione e commercializzazione di terapie immunoglobuliniche derivate dal plasma tra cui anti-rabbia, anti-Rho (D) e veleno anti-serpente Il prodotto IgG anti-rabbia di Kamada è approvato dalla FDA ed è distribuito nel mercato statunitense attraverso un accordo di collaborazione con Kedrion Biopharma. Gli altri prodotti IgG di Kamada sono attualmente commercializzati in oltre 25 paesi.

Terapia IgG iperimmune per la malattia da coronavirus (COVID-19)

La terapia iperimmune si riferisce alla  somministrazione di anticorpi specifici contro un agente infettivo , a un individuo non protetto, per la prevenzione o il trattamento di una determinata malattia. Tali anticorpi sono concentrati dal plasma. Il concetto precedentemente dimostrato di essere efficace nel trattamento di infezioni virali acute gravi, come rabbia, epatite, CMV e altri.

Il ruolo degli anticorpi è quello di legare gli antigeni, come virus e batteri, e innescare la loro neutralizzazione e distruzione come parte della risposta immunitaria contro i patogeni.

Questo approccio può essere implementato utilizzando la tecnologia consolidata di Kamada, consentendo lo sviluppo e la produzione di specifici prodotti immunoglobulinici derivati ​​dal plasma in un periodo relativamente breve.

Il processo di sviluppo inizia con la raccolta del plasma dai pazienti che guariscono da COVID-19 (denominati rispettivamente “plasma convalescente” e “pazienti convalescenti”). 

Il plasma convalescente dovrebbe contenere anticorpi specifici contro il Coronavirus . Il plasma viene purificato utilizzando la tecnologia di purificazione brevettata e approvata di Kamada e gli anticorpi vengono concentrati in una forma di dosaggio specifica.

In attesa della disponibilità di quantità adeguate di plasma convalescente e del percorso normativo richiesto per l’approvazione del trattamento, si prevede che la tempistica dello sviluppo clinico sarà relativamente breve rispetto ad altri approcci terapeutici.

Kamada ha annunciato l’inizio di uno studio clinico di fase I / II in Israele per il trattamento di pazienti COVID-19 ospedalizzati e non ventilati con polmonite.

Questo è un altro importante risultato che si aggiunge all’annuncio dell’azienda di essere la prima azienda con un prodotto IgG COVID-19 disponibile per il trattamento per uso compassionevole in Israele. 

Kamada continua anche a promuovere il percorso per l’accettazione da parte della FDA di un programma di sviluppo clinico, insieme al suo partner globale Kedrion Biopharma.

Partnership globale con Kedrion Biopharma

Kamada e Kedrion Biopharma, leader globale nella raccolta di plasma e nei prodotti terapeutici derivati ​​dal plasma, hanno annunciato una collaborazione globale per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di un’immunoglobulina derivata dal plasma umano per il Coronavirus. come potenziale trattamento per i pazienti COVID-19.

L’unione delle forze con Kedrion dovrebbe accelerare lo sviluppo del prodotto e rafforzare la portata internazionale di Kamada.

L’obiettivo iniziale della collaborazione sarà fornire il prodotto come  trattamento a pazienti in Israele, Stati Uniti e Italia  attraverso vari programmi clinici, espandendo successivamente gli sforzi di sviluppo e commercializzazione ad altri mercati.

Kedrion sta attualmente raccogliendo plasma convalescente COVID-19 da pazienti guariti negli Stati Uniti che verrà utilizzato da Kamada per produrre lotti aggiuntivi del prodotto

Questa collaborazione globale espande la relazione esistente tra Kamada e Kedrion oltre KEDRAB®, un’immunoglobulina umana antirabbica derivata dal plasma approvata dalla FDA che è stata lanciata con successo negli Stati Uniti nel 2018 .

Altri potenziali approcci terapeutici contro COVID-19

  • Prevenzione delle malattie mediante misure non farmaceutiche
    Applicazione di misure di sicurezza come l’allontanamento sociale e maggiori azioni igienico-sanitarie, come il lavaggio frequente delle mani.
  • Prevenzione delle malattie  mediante  vaccino attivo Il vaccino
    attivo comporta la somministrazione di un immunogeno che stimola il sistema immunitario del corpo a produrre anticorpi specifici. Questo tipo di sviluppo potrebbe richiedere un periodo di tempo relativamente lungo prima di essere ampiamente disponibile e richiederà la dimostrazione della sua sicurezza ed efficacia negli studi clinici. È necessario produrre quantità sufficienti di vaccino per consentire la disponibilità globale.
  • Trattamento della malattia utilizzando plasma convalescente Il plasma
    convalescente da pazienti guariti può essere somministrato mediante trasfusione diretta a un paziente COVID-19, nel tentativo di ottenere la vaccinazione passiva. l’uso della trasfusione di plasma diretta presenta alcuni svantaggi rispetto alla produzione di una specifica immunoglobulina:
  • Il livello di potenza varia tra i donatori, determinando incoerenze nella dose del trattamento.
  • Nessuna eliminazione virale con conseguente aumento dei problemi di sicurezza.
  • Il plasma deve essere conservato congelato durante la conservazione.
  • Per un trattamento adeguato sono necessari maggiori volumi di plasma.
  • Trattamento della malattia con farmaci
    esistenti I farmaci esistenti possono essere “riproposti” per trattare COVID-19. Questi farmaci sono disponibili e con un profilo di sicurezza stabilito, ma l’efficacia contro COVID-19 dovrà essere stabilita in ulteriori studi clinici.

In che modo le persone che si sono riprese dal Coronavirus possono aiutare altri pazienti?

I pazienti che si sono ripresi da COVID-19 sono incoraggiati a verificare se sono idonei a donare plasma. Si prevede che il loro plasma di convalescenza contenga anticorpi specifici che si legano al nuovo Coronavirus, SARS-CoV-2, e favoriscono la generazione della risposta immunitaria contro di esso.

Il processo di donazione del plasma è chiamato plasmaferesi. È semplice e richiede meno di un’ora. Di solito è fatto in un impianto di raccolta del plasma dedicato.

Durante il processo di raccolta il sangue del paziente recuperato (donatore) viene processato utilizzando uno strumento che separa il plasma, che è il liquido contenente gli anticorpi, dai globuli bianchi e rossi, che vengono restituiti al donatore in un sistema a circuito chiuso.

Kamada annuncia l’arruolamento del primo paziente nella sua sperimentazione clinica di fase 1/2 del suo prodotto di immunoglobulina derivata dal plasma (IgG) come potenziale trattamento per la malattia da coronavirus (COVID-19) in Israele

  • I partecipanti allo studio sono pazienti COVID-19 ospedalizzati e non ventilati con polmonite
  • Incoraggiamento dell’attività di neutralizzazione osservata con il test di neutralizzazione dei virus
  • Riunione pre-IND con la FDA statunitense da condurre nel trimestre corrente, con l’inizio dello sviluppo clinico negli Stati Uniti previsto all’inizio del 2021
  • Kamada intende esplorare ulteriormente il suo prodotto IgG come potenziale terapia preventiva per la malattia COVID-19 in soggetti sani a rischio in uno studio clinico separato

Rehovot, Israele, 10 agosto 2020  – Kamada Ltd. (NASDAQ & TASE: KMDA), un’azienda biofarmaceutica derivata dal plasma, ha annunciato oggi che il primo paziente è stato reclutato per la sperimentazione clinica di fase 1/2 del suo anti-SARS- Prodotto immunoglobulinico (IgG) derivato dal plasma CoV-2 come potenziale trattamento per la malattia da coronavirus (COVID-19) in Israele.

Questo studio multicentrico in aperto di Fase 1/2 a braccio singolo è stato approvato dal Ministero della Salute in Israele. 

Lo studio valuterà la sicurezza, la farmacocinetica e la farmacodinamica del prodotto IgG derivato dal plasma della Società in pazienti COVID-19 ospedalizzati e non ventilati con polmonite.

Un totale di 12 pazienti idonei saranno arruolati e riceveranno il prodotto Kamada in una singola dose di 4 g entro 10 giorni dai sintomi iniziali.

I pazienti verranno seguiti per 84 giorni. In parallelo, Kamada intende esplorare ulteriormente il potenziale del suo prodotto IgG per prevenire la malattia COVID-19 in soggetti sani a rischio in uno studio separato.

Il prodotto IgG derivato dal plasma di Kamada è stato valutato per l’attività di neutralizzazione di SARS-CoV-2. I risultati preliminari sono incoraggianti e suggeriscono un potenziale titolo di neutralizzazione elevato.

“Dopo il nostro annuncio di giugno in merito alla disponibilità del nostro prodotto IgG COVID-19 per il trattamento per uso compassionevole in Israele, siamo lieti di segnalare ulteriori progressi del nostro programma con l’avvio di questo importante studio clinico”, ha affermato Amir London, amministratore delegato di Kamada Ufficiale.

“Siamo incoraggiati dai risultati dell’attività di neutralizzazione del prodotto e crediamo che il nostro prodotto abbia il potenziale per essere un trattamento efficace per i pazienti COVID-19 ospedalizzati e non ventilati con polmonite, e attendiamo con impazienza i risultati di questo studio”.

Questa pietra miliare fa parte dell’accordo di collaborazione globale stabilito nell’aprile 2020 tra Kamada e il suo partner Kedrion Biopharma per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di un prodotto di immunoglobulina derivata dal plasma (IgG) come potenziale trattamento per la malattia da coronavirus (COVID-19).

Al fine di espandere il suo programma di sviluppo clinico COVID-19 negli Stati Uniti, Kamada, con il supporto di Kedrion, intende condurre un incontro pre-Investigational New Drug (IND) con la Food and Drug Administration (FDA) statunitense durante il trimestre in corso. al fine di ottenere l’accettazione da parte della FDA del programma di sviluppo clinico proposto.

In virtù della collaborazione tra le due società, Kedrion è responsabile della raccolta del plasma convalescente COVID-19 dai pazienti guariti negli Stati Uniti. Kedrion sta raccogliendo il plasma attraverso la sua business unit plasma, KEDPLASMA, in 23 centri approvati dalla FDA negli Stati Uniti.

Se viene ricevuta l’autorizzazione dell’IND dalla FDA, Kamada e Kedrion intendono avviare il loro programma clinico negli Stati Uniti all’inizio del 2021.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.