Il fumo è fortemente legato al minor utilizzo dei servizi di screening del cancro da parte delle donne

0
52

Il fumo è fortemente legato al minor utilizzo dei servizi di screening del cancro da parte delle donne e alla malattia più avanzata una volta diagnosticato il cancro, rivela una ricerca pubblicata sulla rivista online BMJ Open.

Il consumo di tabacco sta diminuendo in molte parti del mondo, ma sta diminuendo meno rapidamente tra le donne che tra gli uomini. E il cancro ai polmoni rimane la principale causa di morte per cancro tra le donne, affermano i ricercatori.

Le prove suggeriscono anche che le donne sottoutilizzano i servizi di screening del cancro, quindi i ricercatori volevano scoprire se un minore utilizzo di questi servizi potrebbe essere collegato al fumo attivo.

Hanno attinto alle risposte del sondaggio da 89.058 donne che avevano superato la menopausa e stavano prendendo parte allo studio WHI-OS (Women’s Health Initiative Observational Cohort) rappresentativo a livello nazionale.

Tra gli 89.058 partecipanti, più della metà (53%) non aveva mai fumato; Il 41% erano ex fumatori; e il 6% erano fumatori attivi, sebbene quasi la metà (49,5%) avesse smesso di fumare al momento dell’ultima raccolta di dati.

La loro salute e l’utilizzo dei servizi di screening del cancro sono stati monitorati per una media di quasi 9 anni, durante i quali sono stati diagnosticati 7054 casi di cancro al seno, 1600 casi di cancro all’intestino e 61 casi di cancro cervicale.

Gli ex fumatori erano più propensi dei non fumatori a frequentare regolarmente appuntamenti per lo screening del cancro. Ma i fumatori attuali erano significativamente meno propensi a farlo.

“La preoccupazione per la salute personale è la ragione più comune addotta per smettere di fumare tra gli ex fumatori e può spiegare perché questa popolazione attenta alla salute cerca lo screening del cancro più frequentemente di quanto non faccia mai i fumatori”, suggeriscono i ricercatori.

“Al contrario, i fumatori sono eccessivamente ottimisti riguardo alla loro salute e sottovalutano costantemente l’entità del loro rischio di cancro”, aggiungono.

Rispetto alle donne che non avevano mai fumato, i fumatori attuali avevano il 45% in meno di probabilità di essere sottoposti a screening per il cancro al seno, il 47% in meno di probabilità di essere sottoposti a screening per il cancro cervicale e il 29% in meno di probabilità di essere sottoposti a screening per il cancro dell’intestino.

E più alto è il conteggio giornaliero delle sigarette fumate sia tra gli ex fumatori che tra gli attuali fumatori, minori sono le probabilità che queste donne utilizzino i servizi di screening del cancro.

La mancata partecipazione regolare agli appuntamenti di screening è stata anche associata a una malattia più avanzata al momento della diagnosi, con i fumatori attuali quasi 3 volte più probabilità di essere diagnosticati con cancro al seno in stadio avanzato e più del doppio delle probabilità di essere diagnosticati con cancro intestinale in stadio avanzato rispetto a quelli che non aveva mai fumato.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa. I partecipanti includevano solo donne in postmenopausa e facevano affidamento su rapporti soggettivi, notano i ricercatori.

Tuttavia, concludono: “Il fumo attivo è associato a un uso ridotto dei servizi di screening del cancro al seno, colon-retto e cervicale in modo dose dipendente.

“Inoltre, mentre lo screening del cancro è importante per evitare la presentazione in fase avanzata in pazienti di tutti i fumatori, i fumatori attivi senza uno screening appropriato hanno probabilità significativamente più elevate di essere diagnosticati con cancro al seno o colon-retto avanzato”.

I medici dovrebbero sottolineare l’importanza non solo di smettere di fumare , ma anche di utilizzare i servizi di screening del cancro in questo gruppo di donne ad alto rischio, consigliano.


Gli screening per il cancro devono essere eseguiti solo quando non si visualizzano sintomi. Altrimenti, non è più un test di screening; è un test diagnostico.

Ecco perché non dovresti aspettare di avere un nodulo al seno o sangue nelle feci. Perché nel momento in cui mostri effettivamente i sintomi, il cancro potrebbe non essere più nelle sue prime fasi e più curabili.

Di quali proiezioni hai bisogno e quando dovresti iniziare a riceverle?

Per le donne a rischio medio (al contrario di quelle ad alto rischio di sviluppare il cancro), raccomandiamo:

  • A partire dall’età di 21 anni: un Pap test per verificare la presenza di cancro cervicale. Se i risultati sono normali, dovresti essere sottoposto a test ogni tre anni. I Pap test non sono più raccomandati ogni anno per le donne a rischio medio di qualsiasi età.
  • A partire dall’età di 30 anni: se si eseguono contemporaneamente un Pap test e un test HPV ed entrambi sono negativi, è possibile passare a un programma di test ogni cinque anni. Se ottieni solo il Pap test, dovresti rimanere nel programma triennale.
  • A partire dai 40 anni: esame mammario annuale e mammografia per verificare la presenza di cancro al seno.
  • A partire dai 50 anni: una colonscopia ogni 10 anni, una colonscopia virtuale ogni cinque anni, un test di Cologuard ogni tre anni o un test fecale (esame del sangue occulto nelle feci [FOBT] o test immunochimico fecale [FIT]) ogni anno per verificare la presenza di colon-retto cancro. Se sei afroamericano, dovresti iniziare questo processo di screening all’età di 45 anni.

Hai davvero bisogno di tutte queste proiezioni?

Sì, ne hai bisogno. Quindi no, non dovresti rimandarli.

Le donne hanno meno probabilità di morire di cancro se vengono sottoposte a screening regolarmente e all’età specificata. Gli esperti di prevenzione del cancro hanno selezionato gli orari di inizio e gli intervalli raccomandati specificamente per dare ai medici le migliori possibilità possibili di contrarre il cancro precocemente, quando è il più curabile.

Il rischio di una donna di sviluppare il cancro al seno, ad esempio, inizia ad aumentare all’età di 40 anni, ecco perché è stata scelta quell’età.

Quando dovresti esaminare la storia del cancro della tua famiglia?

Il prima possibile. Avere queste informazioni disponibili è molto utile, in particolare durante la prima visita, perché la tua storia familiare può cambiare le raccomandazioni di screening del tuo medico in futuro.

Ad esempio, supponiamo che tu sia una donna a cui è stato diagnosticato un cancro al seno alla madre all’età di 45 anni, ea sua madre – tua nonna materna – è stato diagnosticato un cancro al seno all’età di 52 anni.

A causa della prima età alla diagnosi di tua madre, vorremmo sicuramente parlarti dei test genetici.

Ti considereremmo anche “ad alto rischio”, il che significherebbe che avremmo iniziato i tuoi screening 10 anni prima dell’età in cui la persona più giovane della tua famiglia aveva quando gli è stato diagnosticato il cancro.

Probabilmente ti consigliamo di iniziare a ricevere anche la risonanza magnetica del seno, con un programma di sei mesi alternato con mammografie.

E ti parliamo di farmaci preventivi come il tamoxifene, un farmaco che può dimezzare le tue possibilità di sviluppare il cancro al seno.


Maggiori informazioni:  L’associazione tra fumo di sigaretta, screening del cancro e stadio del cancro: uno studio prospettico del Women’s Health Initiative Observational Cohort,  BMJ Open  (2020). DOI: 10.1136 / bmjopen-2020-037945

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.