La presenza di multimorbidità e polifarmacia è associata a un rischio maggiore del 77% di un test COVID-19 positivo

0
292

La presenza di due o più condizioni di salute a lungo termine – note come multimorbidità – è collegata a un rischio maggiore del 48% di un test COVID-19 positivo .

Sebbene sia ben noto che il rischio di una grave infezione da COVID-19 è legato a determinate condizioni di salute a lungo termine, finora si sa poco sugli effetti della multimorbilità e della polifarmacia (assunzione di più farmaci) sul rischio di un grave infezione da coronavirus.

Ora, un nuovo studio condotto dall’Università di Glasgow e pubblicato oggi su PLOS ONE, è il primo a collegare sia la multimorbidità che la polifarmacia con il rischio di avere un test COVID-19 positivo .

Questa associazione era particolarmente evidente per quelli con due o più condizioni di salute cardiometaboliche come il diabete e l’ipertensione. 

I ricercatori hanno scoperto che la presenza di due o più di tali condizioni era associata a un rischio maggiore del 77% di un test COVID-19 positivo.

Quelli di etnia non bianca, che avevano anche multimorbilità, avevano quasi tre volte il rischio di un test COVID-19 positivo .

Nel complesso, le persone con multimorbilità che sembravano avere il più alto rischio di infezione da COVID-19 provenivano da aree socioeconomicamente svantaggiate, di etnia non bianca, considerate gravemente obese e quelle con ridotta funzionalità renale.

I ricercatori ritengono che i loro risultati avranno implicazioni per il processo decisionale in ambito clinico e di salute pubblica poiché la pandemia di SARS-CoV-2 continua in tutto il mondo.

La dott.ssa Barbara Nicholl, dell’Università di Glasgow che ha guidato lo studio, ha affermato: “La multimorbidità e la polifarmacia sono sfide sanitarie globali di per sé.

Il nostro studio mostra che avere un test COVID-19 positivo è più comune in coloro che vivono con queste condizioni di salute.

Questi risultati saranno importanti per la salute pubblica e le decisioni cliniche in futuro poiché continueremo a gestire la salute delle persone a maggior rischio di una grave infezione da COVID-19 durante questa pandemia “.

La professoressa Frances Mair, professore di medicina generale dell’Università di Glasgow Norie Miller ed esperto leader di multimorbilità, ha dichiarato: “Data l’elevata prevalenza di multimorbilità, in particolare nei gruppi di età più avanzata, la comprensione più dettagliata delle associazioni tra queste complesse esigenze di salute e COVID -19, come previsto in questo studio, migliorerà la nostra comprensione dei rischi e ci aiuterà a consigliare meglio le persone più vulnerabili alle infezioni gravi “.

Lo studio si basa sui dati della biobanca britannica, che ora sono collegati ai risultati del test COVID-19, e comprendeva 428.199 adulti di età compresa tra 37 e 73 anni al momento del reclutamento (2006-2010) in Inghilterra e Galles.

Lo studio “Multimorbidity, Polypharmacy, and COVID-19 infezione all’interno della UK Biobank Cohort”, è stato pubblicato su PLOS ONE.


Rischi diretti per gli anziani

I rischi più evidenti per gli anziani durante la pandemia emergono dalla relazione tra l’agente, l’ospite e l’ambiente – tra il virus, lo stato di salute dell’anziano e la risposta fisiopatologica all’infezione.

Morbilità

Gli anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare un’infezione sintomatica piuttosto che asintomatica. Tra coloro che sviluppano un’infezione sintomatica, gli anziani sono più anziani, hanno maggiori probabilità di sviluppare un’infezione da moderata a grave rispetto a un’infezione lieve.

La percentuale di individui infetti che necessitano di ricovero sembra aumentare drasticamente oltre i 50 anni, i dati basati sui casi riportati dalla Cina hanno rilevato che il ricovero era richiesto nel 4,25% dei casi rilevati tra i 40 ei 49 anni, l’8,16% tra i 50 ei 59 anni, 11,8% tra 60 e 69 anni, 16,6% tra 70 e 79 anni e 18,4% sopra gli 80 anni (Verity et al., 2020).

Uno studio comparativo condotto in Cina ha rilevato che gli anziani hanno maggiori probabilità rispetto ai giovani e agli adulti di mezza età di avere un indice di gravità della polmonite (PSI) di IV o V (che indica un’infezione grave). 

Avevano maggiori probabilità di avere un coinvolgimento multiplo lobare alla TAC, una percentuale inferiore di linfociti nel conteggio differenziale e livelli più elevati di proteina C reattiva (PCR).

Sembrava anche più probabile che sviluppassero la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), la sindrome da disfunzione multiorgano (MODS), richiedessero un supporto ventilatorio meccanico invasivo e rispondessero più rapidamente alla terapia con interferone, sebbene queste differenze non raggiungessero una significatività statistica (Liu et al. , 2020).

Il rischio di infezione e malattia è legato alla ridotta presentazione dell’antigene da parte dei linfociti NK ai linfociti T e B a causa della diminuzione dell’immunocompetenza con l’età. Ciò è associato a una maggiore risposta delle citochine all’infezione, che causa una risposta infiammatoria diffusa che porta a disfunzione multiorgano e insufficienza respiratoria (Adhikari et al., 2020).

Mortalità
Un approccio per modellare la gravità dell’infezione dovuta al nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) (basato su dati provenienti dalla Cina) pubblicato su Lancet ha stimato un tasso di mortalità del 4,5% nelle persone di età superiore ai 60 anni, rispetto a 1,4% nelle persone di età inferiore a 60 anni.

Il tasso di mortalità dei casi è stato il più alto nelle persone di età superiore a 80 anni – 13,4% di tutti i casi rilevati (Verity et al., 2020).

Questa maggiore vulnerabilità degli anziani ha contribuito a tassi di mortalità e casi più elevati nei paesi che subiscono l’invecchiamento della popolazione. In una dichiarazione del Direttore regionale dell’OMS, Europa, è stato notato che 29 dei 30 con la più alta percentuale di anziani erano stati membri dell’Europa (eccetto il Giappone).

Il 95% dei decessi in questi paesi si è verificato negli adulti di età superiore ai 60 anni e il 50% dei decessi in quelli di età superiore ai 60 anni (WHO Europe Statement on Older Adults in COVID-19, 2020).

In India, il 51,2% della mortalità dovuta a COVID-19 è stata riscontrata in persone di età superiore ai 60 anni, come riportato dal governo indiano il 30 aprile 2020 (Diwanji, 2020). Il rischio di infezione grave e mortalità sembra essere collegato all’età stocastica (che riflette lo stress ossidativo sottostante e i cambiamenti epigenetici) piuttosto che all’età cronologica.

Pertanto, la fragilità e la mobilità sembrano mediare la relazione tra infezione e un esito negativo per la salute (Begely, 2020)

Comorbidità
Tra gli infetti, i pazienti con comorbilità hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni gravi e mortalità rispetto a quelli senza comorbilità (Guan et al., 2020)

La multi-morbilità aumenta con l’età. Uno studio epidemiologico in Scozia ha riportato due o più condizioni di salute croniche nel 30,4% degli adulti tra i 45 ei 64 anni, nel 64,9% tra i 65 e gli 84 anni e nell’80% sopra gli 85 anni (Divo et al., 2014).

Dei casi segnalati dalla Cina, il 25,1% dei pazienti ha riferito almeno una malattia medica co-morbosa e il 9,2% ha riferito di avere due o più malattie mediche co-morbose.

L’età media dei pazienti con almeno una comorbilità era di 60,8 anni e di quelli con due o più comorbilità era di 66,2 anni rispetto all’età media di 48,9 anni nella popolazione in studio. Entrambi i gruppi avevano una prognosi più sfavorevole rispetto a quelli senza comorbilità con un hazard ratio rispettivamente di 1,79 e 2,59 (Giacomo et al., 2020).

Eventi avversi da farmaci

Gli anziani sono anche più inclini a eventi avversi da farmaci come conseguenza dell’esposizione ad agenti farmacoterapeutici utilizzati nel trattamento del nuovo coronavirus.

Ciò è in parte dovuto alla farmacocinetica con l’età che porta a un aumento dell’emivita del farmaco e a una riduzione dei tassi di clearance plasmatica (Sun et al., 2020). Questo rischio non è chiaro (sebbene non trascurabile) e si estende a diverse terapie off-label attualmente in corso di studio, tra cui: clorochina / idrossiclorochina, lopinavir / ritonavir, amantadina, interferone e terapia al plasma.

Una sperimentazione sulla clorochina in Brasile è stata interrotta prematuramente a causa delle preoccupazioni sulla cardiotossicità (Borba et al., 2020). Gli effetti avversi del farmaco riportati nei casi con terapie off-label includono: cardiotossicità (inclusi prolungamento dell’intervallo QTc e aritmia), compromissione renale, epatica, visiva e uditiva; e dermatiti (Dimitrova, 2020).

Studi in aperto documentano anche la maggiore possibilità di interazioni farmaco-farmaco e tossicità cumulativa, come si è visto con la somministrazione contemporanea di lopinavir e azitromicina (Singh et al., 2020).

* – * – link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7397988/


Ulteriori informazioni:  Ross McQueenie et al. Multimorbidità, polifarmacia e infezione da COVID-19 all’interno della coorte della biobanca del Regno Unito,  PLOS ONE  (2020). DOI: 10.1371 / journal.pone.0238091

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.