I batteri orali Fusobacterium nucleatum possono promuovere la vaginosi batterica (BV)

0
55

La vaginosi batterica (BV) è uno squilibrio del microbioma vaginale che può portare a esiti avversi per la salute, inclusa una maggiore probabilità di potenziali patogeni che colonizzano la vagina, ma i meccanismi alla base di questi processi sono poco conosciuti.

Uno studio pubblicato su  PLOS Biology  da Amanda Lewis presso l’Università della California, San Diego e colleghi suggerisce che relazioni reciprocamente vantaggiose tra diverse specie di batteri vaginali possono incoraggiare la crescita di agenti patogeni potenzialmente dannosi, come il comune batterio orale Fusobacterium nucleatum.

Il lavoro sfida la convinzione che un ambiente di vita adatto a supportare la colonizzazione dei patogeni sia creato esclusivamente dall’assenza di batteri sani e potrebbe spiegare i precedenti legami clinici tra sesso orale e BV.

Circa il 29% delle donne negli Stati Uniti è affetto da BV, mettendole a rischio di esiti avversi per la salute come parto pretermine e infezioni da liquido amniotico durante la gravidanza.

Per analizzare l’interazione tra le comunità batteriche e la capacità di diversi batteri di accedere ai nutrienti necessari in un microbioma già occupato, Lewis e colleghi hanno condotto esperimenti su campioni vaginali umani e topi.

Gli autori hanno inoculato i topi o le comunità vaginali di topo con F. nucleatum e hanno trovato prove di un aumento delle attività biochimiche precedentemente legate alla BV, come l’enzima sialidasi.

Dopo aver eseguito modelli sui topi, gli autori hanno condotto esperimenti simili in cui Fusobacterium nucleatum, un batterio presente nella bocca e collegato a malattie gengivali, infezioni intrauterine e parto pretermine, è stato inoculato in comunità microbiche vaginali umane coltivate da tamponi vaginali di ventuno donne .

I campioni incubati con Fusobacterium hanno mostrato livelli più elevati di molteplici indicatori chiave di BV rispetto ai microbiomi di donne identici incubati senza Fusobacterium.

Gli esperimenti hanno portato alla scoperta che Fusobacterium nucleatum non agisce in una semplice relazione unidirezionale con altri batteri, ma può impegnarsi in una relazione reciprocamente vantaggiosa, incoraggiando potenzialmente la disbiosi (squilibrio microbico) nelle comunità vaginali sensibili.

Fusobacterium è stato aiutato da batteri nelle comunità simili a BV che producono un enzima chiamato sialidasi, consentendo a Fusobacterium di consumare acidi sialici dal muco prodotto dall’ospite.

Il Fusobacterium ha anche agito con meccanismi sconosciuti per favorire notevolmente la crescita di Gardnerella vaginalis, un produttore di sialidasi ritenuto un attore chiave nella BV.

I ricercatori hanno dimostrato che il mutuo vantaggio tra le specie di batteri può promuovere la colonizzazione dei patogeni della vagina e incoraggiare le caratteristiche della disbiosi vaginale.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per sviluppare modalità di prevenzione o trattamento della BV nelle donne.

Il fusobatterio è diffuso nella bocca umana e cresce eccessivamente nella placca dentale; gli autori ipotizzano che possa essere introdotto durante il sesso orale, che è stato identificato in alcuni studi clinici come un fattore di rischio per BV.


Eziologia

La vaginite ha un’ampia diagnosi differenziale e il successo del trattamento spesso si basa su una diagnosi accurata. Le cause più comuni di vaginite includono candidosi vulvovaginale, vaginosi batterica e tricomoniasi.

Tra i pazienti con sintomi vaginali, la candidosi vaginale viene diagnosticata nel 17–39% dei casi, la vaginosi batterica nel 22–50% dei casi e la tricomoniasi nel 4-35% dei casi; tuttavia, la vaginite può rimanere non diagnosticata nel 7-72% dei pazienti (1, 4).

Sebbene la candidosi vulvovaginale, la vaginosi batterica e la tricomoniasi siano le cause più comuni dei sintomi della vaginite, altre eziologie includono malattie della pelle vulvare, vaginite infiammatoria desquamativa e sindrome genitourinaria della menopausa (5–9).

Estrogeni e ambiente vaginale

Lo stato degli estrogeni gioca un ruolo cruciale nel determinare lo stato normale della vagina. Durante gli anni riproduttivi, la presenza di estrogeni aumenta il contenuto di glicogeno nelle cellule epiteliali vaginali, che a sua volta favorisce la colonizzazione della vagina da parte dei lattobacilli.

Questo aumento del livello di colonizzazione porta alla produzione di acido lattico e una conseguente diminuzione del pH vaginale a meno di 4,5. Questo ambiente acido protegge dalla crescita di organismi patogeni ed è fondamentale per mantenere un ecosistema vaginale equilibrato.

La normale flora vaginale rimane eterogenea e si trovano comunemente Gardnerella vaginalis, Escherichia coli, streptococchi di gruppo B, specie genitali di Mycoplasma e Candida albicans.

Nelle ragazze in età prepuberale e nelle donne in postmenopausa, la mancanza di estrogeni inibisce la normale crescita dell’ecosistema batterico vaginale; pertanto, la microscopia mostra tipicamente una scarsità di cellule epiteliali e batteri di fondo.

Inoltre, l’epitelio vaginale è sottile e il pH della vagina è elevato (superiore a 4,5) perché i lattobacilli produttori di acido lattico sono scarsi. La crescita di batteri associati alla vaginosi batterica e alle forme di lievito sono meno comuni in un ambiente impoverito di estrogeni, quindi le ragazze in età prepuberale e le donne in postmenopausa (che non usano estrogeni) hanno raramente vaginosi batterica o candidosi vaginale (10, 11).

Vaginosi batterica

La vaginosi batterica non è un vero stato infettivo o infiammatorio. Rappresenta un cambiamento nel normale microbioma della vagina con una crescita eccessiva di organismi anaerobici facoltativi (p. Es., G vaginalis, specie Bacteroides, specie Peptostreptococcus, specie Fusobacterium, specie Prevotella e Atopobium vaginae) e una mancanza di lattobacilli produttori di perossido di idrogeno ( 12, 13).

La vaginosi batterica è la causa più comune di perdite vaginali anormali nei pazienti in età riproduttiva e ha una maggiore prevalenza nelle donne nere, ispaniche e messicane americane rispetto alle donne bianche non ispaniche (14, 15).

Oltre alla razza e all’etnia, l’età, l’irrigazione e l’attività sessuale sono associati ad un aumentato rischio di vaginosi batterica (4, 15). Sebbene l’insorgenza di vaginosi batterica sia associata all’attività sessuale sia per le coppie eterosessuali (16, 17) che per le lesbiche (17, 18), e raramente si verifica in pazienti che non sono mai stati sessualmente attivi (19), non è direttamente causata dal trasmissione sessuale di un singolo patogeno (17, 20).

Le pazienti non gravide con vaginosi batterica sono a maggior rischio di varie infezioni del tratto riproduttivo femminile, tra cui la malattia infiammatoria pelvica (PID) e le infezioni ginecologiche postprocedurali, e hanno una maggiore suscettibilità alle infezioni a trasmissione sessuale (IST) come l’HIV e il virus dell’herpes simplex 2 (21-24).

Molti pazienti con vaginosi batterica sono asintomatici (4). Tuttavia, coloro che hanno sintomi comunemente riferiscono di avere perdite vaginali anormali e un odore di pesce, in particolare dopo il rapporto vaginale e le mestruazioni (4, 12).

Tricomoniasi

La tricomoniasi vaginale, che è causata dall’infezione del parassita protozoo Trichomonas vaginalis, è la STI non virale più comune negli Stati Uniti, con circa 3-5 milioni di casi all’anno (25, 26).

Come la vaginosi batterica, ci sono disparità di prevalenza con questa condizione vaginale. Le donne afroamericane sono dieci volte più comunemente colpite rispetto alle donne bianche non ispaniche (26).

Altri fattori di rischio identificati includono un aumento del numero di partner sessuali, uno stato socioeconomico basso e le docce (26). La tricomoniasi è stata trovata associata a PID, cellulite della cuffia postisterectomia, HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili (20, 27).

Più del 50% dei pazienti con tricomoniasi è asintomatico o presenta sintomi minimi; tuttavia, i pazienti sintomatici con tricomoniasi possono riportare perdite vaginali anormali, prurito, bruciore o sanguinamento postcoitale (26, 28).

Sebbene la tricomoniasi sia una STI, poiché il trasporto asintomatico può verificarsi per periodi prolungati negli uomini e nelle donne, una diagnosi recente di tricomoniasi non stabilisce necessariamente una recente acquisizione a meno che il paziente non abbia avuto risultati negativi dei test per Trichomonas documentati nel recente passato.

Candidosi vulvovaginale

La candidosi vulvovaginale rappresenta l’infiammazione e l’infezione della vagina con le specie Candida. È la seconda causa più comune di vaginite dietro la vaginosi batterica (20), e il 29-49% delle donne riferisce almeno un episodio della vita (29).

Le manifestazioni fisiche della candidosi vulvovaginale vanno dalla colonizzazione asintomatica a sintomi vulvovaginali gravi come bruciore, prurito, edema, disuria, dispareunia e secrezione anormale (20).

In uno studio sull’ambiente vaginale ed endocervicale in pazienti non gravide, il 12% dei pazienti asintomatici era risultato positivo alla coltura per le specie Candida (10, 30). La candidosi vulvovaginale è rara nelle ragazze in età prepuberale e nelle donne in postmenopausa (che non usano estrogeni) ed è spesso diagnosticata in eccesso in queste popolazioni (30).

Trattamento

I pazienti sintomatici con vaginosi batterica dovrebbero ricevere un trattamento, che agisce riducendo la crescita eccessiva dei batteri endogeni facoltativi e anaerobici del paziente e consentendo ai lattobacilli di diventare dominanti.

Il trattamento della vaginosi batterica può anche ridurre il rischio del paziente di trasmissione e acquisizione di altre malattie sessualmente trasmissibili, tra cui infezione da clamidia, gonorrea, tricomoniasi, HIV e virus dell’herpes simplex di tipo 2 (24, 44, 45). Attualmente, il CDC raccomanda che i pazienti con vaginosi batterica siano testati anche per l’HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili (20).

Il metronidazolo orale o intravaginale o la clindamicina intravaginale sono raccomandati per il trattamento della vaginosi batterica.

Trattamenti alternativi includono secnidazolo orale, tinidazolo orale o clindamicina orale (Tabella 2).

Poiché questi trattamenti hanno profili di sicurezza ed efficacia comparabili, la scelta della terapia deve essere personalizzata in base a fattori quali la preferenza del paziente, il costo, la convenienza, l’aderenza, la facilità d’uso e la storia della risposta o delle reazioni avverse a trattamenti precedenti (20, 46– 49).

I pazienti che non sono in grado di tollerare il metronidazolo orale a causa di effetti avversi gastrointestinali possono scoprire che il gel di metronidazolo intravaginale è tollerabile.

Il secnidazolo è un nuovo agente approvato dalla FDA per il trattamento della vaginosi batterica che in studi clinici randomizzati è risultato essere superiore al placebo e paragonabile al metronidazolo nel trattamento della vaginosi batterica (50, 51).

Tabella 2 – Opzioni di trattamento per la vaginite in pazienti non gravide
Fonte: Vaginite in pazienti non gravide: Bollettino pratico ACOG, numero 215

Astenersi dall’uso di alcol durante il trattamento con nitroimidazoli orali e per 24 ore dopo il completamento del trattamento con metronidazolo o 72 ore dopo il trattamento con tinidazolo è attualmente raccomandato dai produttori di farmaci a causa di una preoccupazione teorica di una reazione simile al disulfiram che può verificarsi con l’uso di nitroimidazoli (52, 53).

I pazienti devono anche astenersi dall’attività sessuale durante il trattamento della vaginosi batterica a meno che non vengano utilizzati i preservativi. Gli esperti consigliano ai pazienti che utilizzano un prodotto intravaginale per il trattamento di un’infezione vaginale di evitare l’uso di tamponi durante il trattamento per garantire un’adeguata dispersione del farmaco.

link di riferimento: https: //journals.lww.com/greenjournal/Fulltext/2020/01000/Vaginitis_in_Nonpregnant_Patients__ACOG_Practice.49.aspx


Ulteriori informazioni:  Agarwal K, Robinson LS, Aggarwal S, Foster LR, Hernandez-Leyva A, Lin H, et al. (2020) L’alimentazione incrociata di glicani supporta il mutualismo tra Fusobacterium e il microbiota vaginale. PLoS Biol  18 (8): e3000788. doi.org/10.1371/journal.pbio.3000788

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.