Diffusione di COVID-19: i bambini possono avere anticorpi e virus nel loro sistema contemporaneamente

0
124

Con molte domande che rimangono su come i bambini diffondono COVID-19 , i ricercatori del Children’s National Hospital hanno deciso di migliorare la comprensione di quanto tempo impiegano i pazienti pediatrici con il virus per eliminarlo dai loro sistemi e a che punto iniziano a produrre anticorpi che funzionano contro il coronavirus.

Lo studio, pubblicato il 3 settembre sul Journal of Pediatrics, rileva che il virus e gli anticorpi possono coesistere nei pazienti giovani.

“Con la maggior parte dei virus, quando inizi a rilevare gli anticorpi, non rileverai più il virus. Ma con COVID-19 , stiamo vedendo entrambi “, afferma Burak Bahar, MD, autore principale dello studio e direttore di Laboratory Informatics presso Children’s National.

“Ciò significa che i bambini hanno ancora il potenziale per trasmettere il virus anche se vengono rilevati gli anticorpi.”

Aggiunge che la prossima fase della ricerca sarà quella di verificare se il virus che è presente insieme agli anticorpi può essere trasmesso ad altre persone.

Inoltre, non è noto se gli anticorpi siano correlati all’immunità e per quanto tempo durino gli anticorpi e la potenziale protezione dalla reinfezione.

Lo studio ha anche valutato i tempi della clearance virale e della risposta immunologica. Ha rilevato che il tempo mediano dalla positività virale alla negatività, quando il virus non può più essere rilevato, era di 25 giorni.

Il tempo mediano alla sieropositività, o alla presenza di anticorpi nel sangue, è stato di 18 giorni, mentre il tempo mediano per raggiungere livelli adeguati di anticorpi neutralizzanti è stato di 36 giorni.

Gli anticorpi neutralizzanti sono importanti per proteggere potenzialmente una persona dalla reinfezione dello stesso virus.

Questo studio ha utilizzato un’analisi retrospettiva di 6.369 bambini testati per SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, e 215 pazienti sottoposti a test anticorpali al Children’s National tra il 13 marzo 2020 e il 21 giugno 2020.

Dei 215 pazienti, 33 avevano co-test sia per il virus che per gli anticorpi durante il decorso della malattia. Nove dei 33 hanno mostrato la presenza di anticorpi nel sangue e successivamente sono risultati positivi al virus.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti di età compresa tra 6 e 15 anni impiegavano più tempo per eliminare il virus (mediana di 32 giorni) rispetto ai pazienti di età compresa tra 16 e 22 anni (mediana di 18 giorni). Anche le femmine nella fascia di età 6-15 anni hanno impiegato più tempo per eliminare il virus rispetto ai maschi (mediana di 44 giorni per le femmine rispetto alla mediana di 25,5 giorni per i maschi).

Sebbene ci siano dati emergenti riguardo a questa tempistica negli adulti con COVID-19, ci sono molti meno dati quando si tratta della popolazione pediatrica.

I risultati raccolti dai ricercatori e dagli scienziati di Children’s National in tutto il mondo sono fondamentali per aiutare a comprendere l’impatto unico sui bambini e il loro ruolo nella trasmissione virale.

“Il punto è che non possiamo abbassare la guardia solo perché un bambino ha gli anticorpi o non mostra più i sintomi”, afferma il dottor Bahar.

“Il ruolo costante di una buona igiene e di allontanamento sociale rimane fondamentale”.


In assenza di un trattamento efficace o di prevenzione biomedica, gli sforzi per controllare la pandemia della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) si sono basati su interventi non farmaceutici come azioni preventive personali (p. Es., Lavaggio delle mani, coperture per il viso), pulizia ambientale, allontanamento fisico, soggiorno- ordini a domicilio, chiusure di scuole e luoghi di lavoro e restrizioni sul posto di lavoro adottate a livello nazionale, statale e locale.

Oltre a questi interventi di salute pubblica, lo sviluppo dell’immunità di gregge potrebbe anche fornire una difesa contro COVID-19. Tuttavia, non è chiaro se l’immunità si manifesti tra gli individui dopo che si sono ripresi da COVID-19. Molte infezioni umane con altri patogeni virali, come il virus dell’influenza, non producono una risposta immunitaria durevole.

Capire se e come il recupero da COVID-19 conferisca immunità o diminuzione della gravità della reinfezione è necessario per informare gli sforzi attuali per ridurre in sicurezza gli interventi basati sulla popolazione, come il distanziamento fisico.

Comprendere la potenziale immunità postinfettiva ha anche importanti implicazioni per le valutazioni epidemiologiche (p. Es., Suscettibilità della popolazione, modelli di trasmissione), terapie sierologiche (p. Es., Plasma convalescente) e vaccini.

In questo punto di vista, descriviamo ciò che è attualmente noto sulla risposta immunitaria a COVID-19, evidenziamo le principali lacune nella conoscenza e identifichiamo opportunità per la ricerca futura.

COVID-19 è causato dall’infezione con sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2). Dopo l’infezione, gli anticorpi IgM e IgG rilevabili si sviluppano entro pochi giorni o settimane dall’insorgenza dei sintomi nella maggior parte degli individui infetti.1-3 Non è chiaro perché alcuni pazienti sembrano non sviluppare una risposta immunitaria umorale, come riflesso dagli anticorpi rilevabili.

A questa incertezza si aggiunge la relazione poco chiara tra risposta anticorpale e miglioramento clinico. I risultati di un piccolo studio su 9 pazienti con COVID-19 hanno rilevato che una maggiore gravità clinica produce titoli anticorpali più elevati.1 Tuttavia, il rilevamento di anticorpi e titoli più elevati non sono sempre stati trovati in correlazione con il miglioramento clinico di COVID-19.2,3

Inoltre, i sintomi lievi di COVID-19 possono risolversi prima della sieroconversione (come indicato da IgM e IgG rilevabili), sebbene gli anticorpi IgM e IgG rilevabili abbiano preceduto il declino delle cariche virali SARS-CoV-2.2,3

Ciò che appare più certo è che la carica virale raggiunge tipicamente il picco all’inizio della malattia, per poi diminuire con lo sviluppo di anticorpi e il titolo degli anticorpi aumenta nelle successive 2-3 settimane.2,3 Il successo nella coltura di virus da campioni rinofaringei diminuisce rapidamente durante la prima settimana di lieve malattia, ma la durata assoluta in cui un paziente potrebbe diffondere virus infettivo è sconosciuta

Il rilevamento persistente dell’RNA virale molti giorni o settimane dopo il recupero da COVID-19 a concentrazioni vicine al limite di rilevamento dei test disponibili probabilmente non rappresenta un rischio clinico o per la salute pubblica significativo, specialmente in assenza di sintomi2; tuttavia, le prove definitive non esistono ancora.

La durata degli anticorpi neutralizzanti (NAb, principalmente IgG) contro SARS-CoV-2 deve ancora essere definita; è stata descritta la persistenza fino a 40 giorni dall’insorgenza dei sintomi.1 La durata delle risposte anticorpali contro altri coronavirus umani può essere rilevante in questo contesto.

Ad esempio, a seguito dell’infezione da SARS-CoV-1 (il virus che ha causato la SARS), le concentrazioni di IgG sono rimaste elevate per circa 4-5 mesi prima di diminuire lentamente durante i successivi 2-3 anni.4 Allo stesso modo, NAb a seguito di infezione da MERS -CoV (il virus che ha causato la sindrome respiratoria del Medio Oriente) è persistito fino a 34 mesi nei pazienti guariti

La rilevazione di IgG e NAb non è sinonimo di immunità durevole. Per quanto riguarda COVID-19, un piccolo rapporto di preprint non revisionato fornisce gli unici dati finora sulla possibile immunità postinfezione nei primati.6

In questo studio, 4 macachi rhesus sono stati infettati da SARS-CoV-2 e, dopo il recupero, non sono stati reinfettati quando sono stati nuovamente sottoposti a trattamento con lo stesso virus 28 giorni dopo la prima inoculazione.6 Se le persone possono essere reinfettate con SARS-CoV-1 e MERS -CoV è sconosciuto; La SARS non è riemersa dal 2004 e i casi di MERS rimangono sporadici.

Le reinfezioni possono verificarsi con almeno 3 degli altri 4 coronavirus umani comuni, in particolare 229E, NL63 e OC43, che generalmente causano malattie respiratorie più lievi.7

Le ragioni di questa reinfezione non sono completamente note, ma le prove suggeriscono che le possibilità includono sia l’immunità protettiva di breve durata sia la riesposizione a forme geneticamente distinte dello stesso ceppo virale.

Ad oggi, non sono state confermate reinfezioni umane con SARS-CoV-2. L’evidenza di reinfezione richiede in genere la documentazione basata sulla coltura di una nuova infezione dopo l’eliminazione dell’infezione precedente o l’evidenza di reinfezione con una forma molecolarmente distinta dello stesso virus.

In un rapporto, tra 2 individui altrimenti sani che si erano ripresi da COVID-19 e avevano 2 o più campioni delle vie respiratorie superiori in sequenza della polimerasi (PCR) negativa ad almeno 24 ore di distanza, SARS-CoV-2 RNA è stato rilevato di nuovo in gola tamponi sporadicamente per un massimo di 10 giorni.8 L’RNA SARS-CoV-2 è stato rilevato anche in tamponi faringei o nasofaringei più di 20 giorni dopo risultati negativi del test.9

In un altro rapporto su 18 pazienti, i carichi virali (come determinato dalla soglia del ciclo PCR) erano generalmente inferiori e sostanzialmente diminuiti rispetto ai valori durante il picco di malattia.10 Al momento dei risultati del test positivi dopo il recupero, i pazienti descritti in questi rapporti presentavano pochi, se non nessuno, sintomi e, quando esaminati radiograficamente, mostravano una polmonite stabile o in miglioramento

Al momento non ci sono prove che tali persone abbiano trasmesso SARS-CoV-2 ad altri dopo che si erano ristabilite clinicamente. Tuttavia, questa possibilità di trasmissione non può essere esclusa, soprattutto per le persone che possono essere predisposte alla diffusione prolungata di altri patogeni, ad esempio a causa di stati immunocompromessi.

È anche possibile che questi casi rappresentino una malattia COVID-19 persistente o recrudescente o anche una vera reinfezione. D’altra parte, questi casi possono anche rappresentare una diffusione sporadica prolungata di RNA virale al limite o vicino al limite di rilevamento del test o variazione nella tecnica di raccolta, manipolazione dei campioni o condizioni di conservazione che influenzano le prestazioni del test.

Mancano dati per differenziare efficacemente queste possibilità, evidenziando un’area di sostanziale incertezza. È necessaria la raccolta di routine di tali dati, in particolare il carico virale (misurato dalla soglia del ciclo di analisi PCR) e la coltura virale, e da un campione più ampio di pazienti con protocolli standard.

I test sierologici per rilevare gli anticorpi SARS-CoV-2 stanno diventando rapidamente disponibili e saranno fondamentali per stimare la prevalenza delle infezioni, comprese quelle asintomatiche. Tuttavia, è attualmente prematuro utilizzare tali saggi per determinare se gli individui sono immuni alla reinfezione.

Gli standard di prestazione, incluse sensibilità e specificità, per il numero crescente di test sierologici e il potenziale di reattività crociata con altri coronavirus (che producono falsi positivi) devono ancora essere determinati. Test diffusi su persone che non hanno avuto COVID-19, una popolazione con bassa prevalenza di SARS-CoV-2, possono generare più falsi positivi rispetto a veri positivi.

Questo fenomeno può complicare l’interpretazione clinica ed epidemiologica dei risultati, soprattutto se i test sierologici non hanno un’elevata specificità o non viene utilizzata una qualche forma di test di conferma. Fondamentalmente, resta da determinare se una risposta IgG robusta corrisponda all’immunità. Sono necessari studi di coorte longitudinali ben progettati di persone che sono guarite da COVID-19 per monitorare segni e sintomi di malattie ricorrenti.

Tali studi longitudinali potrebbero anche documentare possibili eventi di riesposizione, tutti collegati a indagini cliniche e di laboratorio su altre eziologie alternative, test sierologici, tentativi di isolare il virus mediante coltura e confronti genomici virali di campioni virali isolati.

Tuttavia, a breve termine, è possibile identificare possibili recidive di infezione monitorando i dati di sorveglianza e richiedendo ai medici e alle autorità sanitarie pubbliche di segnalare e indagare sui casi di possibile recidiva per determinare se la recidiva può essere confermata.

In sintesi, i dati limitati esistenti sulle risposte anticorpali alla SARS-CoV-2 e ai coronavirus correlati, così come uno studio su modello di piccoli animali, suggeriscono che il recupero da COVID-19 potrebbe conferire immunità contro la reinfezione, almeno temporaneamente. Tuttavia, la risposta immunitaria a COVID-19 non è ancora del tutto compresa e mancano dati definitivi sull’immunità post-infezione. Nell’incertezza di questa crisi di salute pubblica, una scienza attenta e rigorosa sarà essenziale per informare la politica, la pianificazione e la pratica della sanità pubblica.

Riferimenti
1. Zhao J, Yuan Q, Wang H, et al. Risposte anticorpali a SARS-CoV-2 in pazienti con nuova malattia da coronavirus 2019. Clin Infect Dis. Pubblicato online il 28 marzo 2020. doi: 10.1093 / cid / ciaa344
2. Wölfel R, Corman VM, Guggemos W, et al. Valutazione virologica dei pazienti ospedalizzati con COVID-2019. Natura. Pubblicato online il 1 aprile 2020. doi: 10.1038 / s41586-020-2196-x
3. A KK, Tsang OT, Leung WS, et al. Profili temporali della carica virale in campioni di saliva orofaringea posteriore e risposte anticorpali sieriche durante l’infezione da SARS-CoV-2: uno studio di coorte osservazionale. Lancet Infect Dis. 2020; 20 (5): 565-574. doi: 10.1016 / S1473-3099 (20) 30196-1
4. Wu LP, Wang NC, Chang YH, et al. Durata delle risposte anticorpali dopo sindrome respiratoria acuta grave. Emerg Infect Dis. 2007; 13 (10): 1562-1564. doi: 10.3201 / eid1310.070576
5. Payne DC, Iblan I, Rha B, et al. Persistenza degli anticorpi contro il coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale. Emerg Infect Dis. 2016; 22 (10): 1824-1826. doi: 10.3201 / eid2210.160706
6. Bao L, Deng W, Gao H, et al. Mancanza di reinfezione nei macachi rhesus infettati da SARS-CoV-2. bioRxiv. Preprint pubblicato il 1 maggio 2020. doi: 10.1101 / 2020.03.13.00-226
7. Cavanaugh D. Coronavirus e torovirus. In: Zuckerman AJ, Banatvala JE, Pattinson JR, Griffiths PD, Schoub BD, eds. Principi e pratica della virologia clinica. 5a ed. John Wiley & Sons Ltd; 2004: 379-397. doi: 10.1002 / 0470020970.ch10
8.
Xing Y, Mo P, Xiao Y, Zhao O, Zhang Y, Wang F. Sorveglianza post-dimissione e rilevamento positivo del virus in due membri del personale medico guariti dalla malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), Cina, da gennaio a febbraio 2020. Euro Surveill . 2020; 25 (10). doi: 10.2807 / 1560-7917.ES.2020.25.10.2000191
9.
Xiao AT, Tong YX, Zhang S. Falso negativo della RT-PCR e conversione prolungata degli acidi nucleici in COVID-19: piuttosto che recidiva. J Med Virol. Pubblicato online il 9 aprile 2020. doi: 10.1002 / jmv.25855
10.
Young BE, Ong SWX, Kalimuddin S, et al; Singapore 2019 Novel Coronavirus Outbreak Research Team. Caratteristiche epidemiologiche e decorso clinico dei pazienti con SARS-CoV-2 a Singapore. JAMA. 2020; 232 (15): 1488-1494. doi: 10.1001 / jama.2020.3204


Informazioni sul diario: Journal of Pediatrics

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.