COVID-19: La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C) danneggia il cuore a tal punto che alcuni bambini avranno bisogno di monitoraggio e interventi per tutta la vita

0
403

La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C), ritenuta collegata a COVID-19, danneggia il cuore a tal punto che alcuni bambini avranno bisogno di monitoraggio e interventi per tutta la vita, ha affermato l’autore senior di una revisione della letteratura medica pubblicata il 4 settembre. in  EClinicalMedicine , una rivista di  The Lancet .

I casi di studio mostrano anche che MIS-C può colpire bambini apparentemente sani senza preavviso tre o quattro settimane dopo le infezioni asintomatiche, ha affermato Alvaro Moreira, MD, MSc, dell’Università del Texas Health Science Center di San Antonio. La dott.ssa Moreira, neonatologa, è assistente professore di pediatria presso la Joe R. and Teresa Lozano Long School of Medicine dell’università.

“Secondo la letteratura, i bambini non avevano bisogno di mostrare i classici sintomi delle vie respiratorie superiori di COVID-19 per sviluppare MIS-C, il che è spaventoso”, ha detto il dottor Moreira. 

“I bambini potrebbero non avere sintomi, nessuno sapeva di avere la malattia e, poche settimane dopo, potrebbero sviluppare questa infiammazione esagerata nel corpo”.

Risultati

Il team ha esaminato 662 casi di MIS-C segnalati in tutto il mondo tra il 1 gennaio e il 25 luglio. Tra i risultati:

  • Il 71% dei bambini è stato ricoverato in unità di terapia intensiva (ICU).
  • Il 60% si è presentato con shock.
  • La durata media della degenza in ospedale è stata di 7,9 giorni.
  • Il 100% aveva febbre, il 73,7% aveva dolori addominali o diarrea e il 68,3% aveva vomito.
  • Il 90% aveva un test ecocardiografico (ECG) e il 54% dei risultati era anormale.
  • Il 22,2% dei bambini necessitava di ventilazione meccanica.
  • Il 4,4% ha richiesto l’ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO).
  • 11 bambini sono morti.

“Questa è una nuova malattia infantile che si ritiene sia associata a SARS-CoV-2”, ha detto il dottor Moreira.

“Può essere letale perché colpisce più sistemi di organi. Che si tratti del cuore e dei polmoni, del sistema gastrointestinale o del sistema neurologico, ha così tanti volti diversi che inizialmente era difficile da capire per i medici “.

La quantità di infiammazione in MIS-C supera due condizioni pediatriche simili, la malattia di Kawasaki e la sindrome da shock tossico. “La grazia salvifica è che il trattamento di questi pazienti con terapie comunemente utilizzate per Kawasaki – immunoglobuline e glucocorticosteroidi – è stato efficace”, ha detto il dottor Moreira.

Anomalie cardiache

La maggior parte dei 662 bambini ha sofferto di coinvolgimento cardiaco come indicato da marcatori come la troponina, che viene utilizzata con grande precisione negli adulti per diagnosticare attacchi di cuore.

“Quasi il 90% dei bambini (581) ha subito un ecocardiogramma perché avevano una manifestazione cardiaca così significativa della malattia”, ha detto il dottor Moreira.

Il danno includeva:

  • Dilatazione dei vasi sanguigni coronarici, un fenomeno visto anche nella malattia di Kawasaki.
  • Frazione di eiezione depressa, che indica una ridotta capacità del cuore di pompare sangue ossigenato ai tessuti del corpo.
  • Quasi il 10% dei bambini ha avuto un aneurisma di una nave coronarica.
  • “Si tratta di uno stiramento o di un palloncino localizzato del vaso sanguigno che può essere misurato con un’ecografia del cuore”, ha detto il dottor Moreira.

I bambini con un aneurisma sono maggiormente a rischio di un evento futuro.

“Questi sono bambini che richiedono un’osservazione significativa e un follow-up con più ecografie per vedere se questo si risolverà o se questo è qualcosa che avranno per il resto della loro vita”, ha detto il dottor Moreira.

“E questo è catastrofico per un genitore che ha avuto un bambino precedentemente sano e poi lui / lei è nella percentuale molto piccola di individui che hanno sviluppato MIS-C dopo l’ infezione da COVID-19 “, ha detto.

Un altro risultato dai casi di studio: quasi la metà dei pazienti che avevano MIS-C aveva una condizione medica di base e, di questi, metà degli individui era obesa o in sovrappeso.

“In generale, sia negli adulti che nei bambini, stiamo vedendo che i pazienti obesi avranno un esito peggiore”, ha detto il dottor Moreira.

Rispetto all’infezione iniziale da COVID-19, i marcatori infiammatori in MIS-C erano molto più anormali. Ad esempio, la troponina, il marker utilizzato negli adulti per diagnosticare gli attacchi di cuore, era 50 volte il suo livello normale nei bambini con MIS-C.

“Le prove suggeriscono che i bambini con MIS-C hanno un’immensa infiammazione e potenziali danni ai tessuti al cuore, e avremo bisogno di seguire questi bambini da vicino per capire quali implicazioni potrebbero avere a lungo termine”, ha detto il dottor Moreira.


Nell’aprile 2020, durante il picco della pandemia di malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) in Europa, è stato segnalato in Inghilterra un gruppo di bambini con shock iperinfiammatorio con caratteristiche simili alla malattia di Kawasaki e alla sindrome da shock tossico * (1).

I segni ei sintomi dei pazienti erano temporaneamente associati a COVID-19 ma si presume che si fossero sviluppati 2-4 settimane dopo il COVID-19 acuto; tutti i bambini avevano evidenza sierologica di infezione da SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 (1).

I segni e sintomi clinici presenti in questo primo gruppo includevano febbre, eruzione cutanea, congiuntivite, edema periferico, sintomi gastrointestinali, shock e marcatori elevati di infiammazione e danno cardiaco (1). Il 14 maggio 2020, CDC ha pubblicato un avviso online sulla salute che riassume le manifestazioni della sindrome infiammatoria multisistemica segnalata nei bambini (MIS-C), ha delineato una definizione di caso, † e ha chiesto ai medici di segnalare casi sospetti negli Stati Uniti ai dipartimenti sanitari locali e statali. Al 29 luglio, un totale di 570 pazienti MIS-C statunitensi che soddisfacevano la definizione del caso erano stati segnalati al CDC.

Un totale di 203 (35,6%) dei pazienti aveva un decorso clinico coerente con i rapporti MIS-C pubblicati in precedenza, caratterizzato prevalentemente da shock, disfunzione cardiaca, dolore addominale e marcatori infiammatori marcatamente elevati, e quasi tutti avevano SARS-CoV- positivi 2 risultati dei test.

I restanti 367 (64,4%) pazienti con MIS-C presentavano manifestazioni che sembravano sovrapporsi al COVID-19 acuto (2-4), avevano un decorso clinico meno grave o avevano caratteristiche della malattia di Kawasaki.§ La durata mediana del ricovero era 6 giorni; 364 pazienti (63,9%) hanno richiesto cure in un’unità di terapia intensiva (ICU) e 10 pazienti (1,8%) sono morti. Poiché la pandemia COVID-19 continua ad espandersi in molte giurisdizioni, i medici dovrebbero essere consapevoli dei segni e dei sintomi di MIS-C e segnalare i casi sospetti ai propri dipartimenti sanitari statali o locali; l’analisi dei casi segnalati può migliorare la comprensione del MIS-C e migliorare la caratterizzazione della malattia per la diagnosi precoce e il trattamento.

I dipartimenti sanitari locali e statali hanno segnalato pazienti sospetti di MIS-C al CDC utilizzando il modulo di segnalazione del caso MIS-C del CDC, che includeva informazioni sui dati demografici dei pazienti, risultati clinici e risultati dei test di laboratorio. I pazienti che hanno soddisfatto la definizione del caso MIS-C e sono stati segnalati a CDC a partire dal 29 luglio 2020, sono stati inclusi nell’analisi. 

L’analisi della classe latente (LCA), una tecnica di modellazione statistica che può dividere i casi in gruppi in base alle somiglianze sottostanti, è stata utilizzata per identificare e descrivere manifestazioni differenti nei pazienti che soddisfacevano la definizione di caso MIS-C.

Le variabili indicatore utilizzate nell’LCA erano la presenza o l’assenza di risultati positivi ai test SARS-CoV-2 mediante trascrizione inversa – reazione a catena della polimerasi (RT-PCR) o sierologia, shock, polmonite e coinvolgimento di sistemi d’organo (ad es. , dermatologico, gastrointestinale, ematologico, neurologico, renale o respiratorio).

L’LCA a tre classi è stato condotto utilizzando il pacchetto software R “poLCA” con 100 iterazioni per identificare lo schema di classificazione ottimale (5). Le variabili cliniche e demografiche sono state riportate per i pazienti in base alla classe LCA. 

Per confrontare le proporzioni delle variabili categoriali sono stati utilizzati i test chi-quadrato o esatti di Fisher; Le variabili numeriche, con mediane e intervalli interquartili, sono state confrontate utilizzando il test della somma dei ranghi di Kruskal-Wallis.

Al 29 luglio 2020, un totale di 570 pazienti MIS-C con date di esordio dal 2 marzo al 18 luglio 2020 erano stati segnalati da 40 dipartimenti sanitari statali, dal Distretto di Columbia e da New York City (Figura).

L’età mediana dei pazienti era di 8 anni (range = 2 settimane – 20 anni); Il 55,4% era maschio, il 40,5% era ispanico o latino (ispanico), il 33,1% era nero non ispanico (nero) e il 13,2% bianco non ispanico (bianco) (Tabella 1). 

L’obesità era la condizione medica sottostante più comunemente segnalata, che si verificava nel 30,5% degli ispanici, nel 27,5% dei neri e nel 6,6% dei pazienti MIS-C bianchi.

Nel complesso, la malattia in 490 (86,0%) pazienti coinvolgeva quattro o più sistemi di organi. Circa due terzi non presentavano condizioni mediche preesistenti prima dell’inizio del MIS-C.

I segni e sintomi più comuni riportati durante il decorso della malattia sono stati dolore addominale (61,9%), vomito (61,8%), eruzione cutanea (55,3%), diarrea (53,2%), ipotensione (49,5%) e iniezione congiuntivale (48,4%) . 

La maggior parte dei pazienti presentava un coinvolgimento gastrointestinale (90,9%), cardiovascolare (86,5%) o dermatologico o mucocutaneo (70,9%).

Un numero considerevole di pazienti MIS-C ha avuto gravi complicanze, tra cui disfunzione cardiaca (40,6%), shock (35,4%), miocardite (22,8%), dilatazione delle arterie coronarie o aneurisma (18,6%) e danno renale acuto (18,4%). 

La maggior parte dei pazienti (63,9%) è stata ricoverata in terapia intensiva. La durata mediana della degenza in terapia intensiva è stata di 5 giorni (range interquartile = 3-7 giorni).

Dei 565 (99,1%) pazienti che sono stati sottoposti al test SARS-CoV-2, tutti hanno avuto un risultato positivo del test mediante RT-PCR o sierologia; Il 46,1% aveva solo evidenza sierologica di infezione e il 25,8% aveva solo risultati positivi al test RT-PCR. Cinque pazienti (0,9%) non sono stati sottoposti a test ma avevano un collegamento epidemiologico come indicato nella definizione del caso MIS-C.

Tra tutti i 570 pazienti, sono stati trattati 527 (92,5%), di cui 424 (80,5%) che hanno ricevuto immunoglobuline per via endovenosa (IVIG), 331 (62,8%) che hanno ricevuto steroidi, 309 (58,6%) che hanno ricevuto farmaci antipiastrinici, 233 (44,2% ) che hanno ricevuto farmaci anticoagulanti e 221 (41,9%) che sono stati trattati con farmaci vasoattivi. Dieci pazienti (1,8%) sono morti (Tabella 1).

L’LCA ha identificato tre classi di pazienti, ciascuna delle quali aveva manifestazioni di malattia significativamente diverse in relazione ad alcune delle variabili indicatori chiave. La classe 1 rappresentava 203 (35,6%) pazienti che avevano il maggior numero di sistemi di organi coinvolti. 

All’interno di questo gruppo, 99 (48,8%) avevano il coinvolgimento di sei o più sistemi di organi; quelli più comunemente colpiti erano cardiovascolari (100,0%) e gastrointestinali (97,5%).

Rispetto alle altre classi, i pazienti della classe 1 avevano prevalenze significativamente più elevate di dolore addominale, shock, miocardite, linfopenia, proteina C reattiva marcatamente elevata (prodotta nel fegato in risposta all’infiammazione), ferritina (un reagente della fase acuta), troponina (una proteina la cui presenza nel sangue indica un possibile danno cardiaco), peptide natriuretico cerebrale (BNP) o proBNP (indicativo di insufficienza cardiaca) (p <0,01) (Tabelle 1 e 2).

Quasi tutti i pazienti di classe 1 (98,0%) hanno avuto risultati positivi al test sierologico SARS-CoV-2 con o senza risultati positivi al test SARS-CoV-2 RT-PCR. Questi casi somigliavano molto a MIS-C senza sovrapposizioni con COVID-19 acuta o malattia di Kawasaki.

La classe 2 includeva 169 (29,6%) pazienti; tra quelli di questo gruppo, 129 (76,3%) avevano un coinvolgimento del sistema respiratorio. Questi pazienti avevano una probabilità significativamente maggiore di avere tosse, mancanza di respiro, polmonite e sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), indicando che le loro malattie potevano essere principalmente COVID-19 acuta o una combinazione di COVID-19 acuta e MIS-C. 

Il tasso di positività alla SARS-CoV-2 RT-PCR (senza sieropositività) in questo gruppo (84,0%) è stato significativamente superiore a quello dei pazienti di classe 1 (0,5%) o classe 3 (2,0%) (p <0,01). Il tasso di mortalità tra i pazienti di classe 2 è stato il più alto (5,3%) tra tutte e tre le classi (p <0,01).

La classe 3 comprendeva 198 (34,7%) pazienti; l’età mediana dei bambini in questo gruppo (6 anni) era inferiore a quella dei pazienti di classe 1 (9 anni) o di classe 2 (10 anni) (p <0,01) (Tabella 1). I pazienti di classe 3 avevano anche la più alta prevalenza di eruzioni cutanee (62,6%) e lesioni mucocutanee (44,9%). 

Sebbene non statisticamente significativa (p = 0,49), la prevalenza di aneurisma e dilatazione delle arterie coronarie (18,2%) era superiore a quella dei pazienti di classe 2 (15,8%), ma inferiore a quella dei pazienti di classe 1 (21,1%).

I pazienti di classe 3 soddisfacevano più comunemente i criteri per la malattia di Kawasaki completa (6,6%) rispetto ai pazienti di classe 1 (4,9%) e di classe 2 (3,0%) (p = 0,30) e avevano la più bassa prevalenza di condizioni mediche sottostanti, coinvolgimento del sistema d’organo , complicanze (p. es., shock, miocardite) e marker di infiammazione e danno cardiaco. Tra i pazienti di classe 3, il 63,1% aveva solo sierologia SARS-CoV-2 positiva e il 33,8% aveva sia conferma sierologica che risultati RT-PCR positivi.

CaratteristicaNo. (%)valore p
Totale (N = 570)Gruppo di analisi delle classi latenti *
Classe 1 (n = 203)Classe 2 (n = 169)Classe 3 (n = 198)
Sesso
Femmina254 (44.6%)87 (42.9%)81 (47.9%)86 (43.4%)0.57
Male316 (55.4%)116 (57.1%)88 (52.1%)112 (56.6%)
Età (anni), mediana (IQR)8 (4–12)9 (6–13)10 (5–15)6 (3–10)<0,01
Razza / etnia
ispanico187 (40.5%)62 (36.9%)62 (46.6%)63 (39.1%)0.03
Black, non–Hispanic153 (33.1%)66 (39.3%)39 (29.3%)48 (29.8%)
White, non–Hispanic61 (13.2%)22 (13.1%)15 (11.3%)24 (14.9%)
Altro26 (5.6%)8 (4.8%)6 (4.5%)12 (7.5%)
Molteplici18 (3.9%)9 (5.4%)5 (3.8%)4 (2.5%)
asiatico13 (2.8%)1 (0.6%)3 (2.3%)9 (5.6%)
Indiano americano / nativo dell’Alaska3 (0.6%)0 (0.0%)3 (2.3%)0 (0.0%)
Nativo hawaiano / isolano del Pacifico1 (0.2%)0 (0.0%)0 (0.0%)1 (0.6%)
Sconosciuto108 (─)35 (─)36 (─)37 (─)
Risultato
Morto10 (1.8%)1 (0.5%)9 (5.3%)0 (0.0%)<0,01
Giorni in ospedale, mediana (IQR)6 (4–9)8 (6–11)6 (4–10)5 (4–8)<0,01
116 (3.2%)3 (1.8%)3 (2.0%)10 (5.4%)<0,01
2–7304 (60.2%)86 (50.3%)87 (58.8%)131 (70.4%)
8–14149 (29.5%)66 (38.6%)41 (27.7%)42 (22.6%)
≥1536 (7.1%)16 (9.4%)17 (11.5%)3 (1.6%)
Mancante65 (─)32 (─)21 (─)12 (─)
Ammissione in terapia intensiva364 (63.9%)171 (84.2%)105 (62.1%)88 (44.4%)<0,01
Giorni in ICU, mediana (IQR)5 (3–7)5 (4–7)6 (3–9)3 (2–5)<0,01
Condizioni mediche sottostanti<0,01
Obesità146 (25.6%)60 (29.6%)49 (29.0%)37 (18.7%)0.02
Malattia polmonare cronica48 (8.4%)18 (8.9%)17 (10.1%)13 (6.6%)0.46
Caratteristica clinica
Numero di sistemi di organi coinvolti
2–380 (14.0%)6 (3.0%)24 (14.2%)50 (25.3%)<0,01
4–5351 (61.6%)98 (48.3%)113 (66.9%)140 (70.7%)
≥6139 (24.4%)99 (48.8%)31 (18.3%)9 (4.5%)
Giorni con febbre, mediana (IQR)5 (3–6)5 (3–6)5 (3–6)5 (3–6)0.81
Malattia di Kawasaki 28 (4.9)10 (4.9)5 (3.0)13 (6.6)0.30
Coinvolgimento del sistema degli organi
Gastrointestinale518 (90.9%)198 (97.5%)146 (86.4%)174 (87.9%)<0,01
Dolore addominale353 (61.9%)163 (80.3%)83 (49.1%)107 (54.0%)<0,01
Vomito352 (61.8%)145 (71.4%)95 (56.2%)112 (56.6%)<0,01
Diarrea303 (53.2%)124 (61.1%)79 (46.7%)100 (50.5%)0.01
Cardiovascolare493 (86.5%)203 (100.0%)143 (84.6%)147 (74.2%)<0,01
Shock202 (35.4%)154 (75.9%)48 (28.4%)0 (0.0%)<0,01
Troponina elevata176 (30.9%)93 (45.8%)43 (25.4%)40 (20.2%)<0,01
BNP o NT-proBNP elevati246 (43.2%)105 (51.7%)77 (45.6%)64 (32.3%)<0,01
Insufficienza cardiaca congestizia40 (7.0%)21 (10.3%)14 (8.3%)5 (2.5%)0.02
Disfunzione cardiaca §207 (40.6%)105 (55.3%)64 (46.0%)38 (21.0%)<0,01
Miocardite130 (22.8%)62 (30.5%)36 (21.3%)32 (16.2%)0.01
Dilatazione o aneurisma dell’arteria coronaria §95 (18.6%)40 (21.1%)22 (15.8%)33 (18.2%)0.49
Ipotensione282 (49.5%)162 (79.8%)75 (44.4%)45 (22.7%)<0,01
Versamento pericardico §122 (23.9%)55 (28.9%)32 (23.0%)35 (19.3%)0.01
Rigurgito mitralico §130 (25.5%)68 (35.8%)30 (21.6%)32 (17.7%)<0,01
Dermatologico e mucocutaneo404 (70.9%)156 (76.8%)87 (51.5%)161 (81.3%)<0,01
Eruzione cutanea315 (55.3%)121 (59.6%)70 (41.4%)124 (62.6%)<0,01
Lesioni mucocutanee201 (35.3%)70 (34.5%)42 (24.9%)89 (44.9%)<0,01
Iniezione congiuntivale276 (48.4%)118 (58.1%)54 (32.0%)104 (52.5%)<0,01
Ematologico421 (73.9%)161 (79.3%)130 (76.9%)130 (65.7%)<0,01
D-dimero elevato344 (60.4%)136 (67.0%)104 (61.5%)104 (52.5%)0.01
Thrombocytopenia176 (30.9%)84 (41.4%)45 (26.6%)47 (23.7%)<0,01
Lymphopenia202 (35.4%)82 (40.4%)60 (35.5%)60 (30.3%)0.11
Respiratorio **359 (63.0%)155 (76.4%)129 (76.3%)75 (37.9%)<0,01
Tosse163 (28.6%)51 (25.1%)67 (39.6%)45 (22.7%)<0,01
Fiato corto149 (26.1%)66 (32.5%)59 (34.9%)24 (12.1%)<0,01
Dolore o senso di oppressione al petto66 (11.6%)33 (16.3%)24 (14.2%)9 (4.5%)0.01
Polmonite ††110 (19.3%)47 (23.2%)62 (36.7%)1 (0.5%)<0,01
Sindrome da distress respiratorio acuto34 (6.0%)14 (6.9%)17 (10.1%)3 (1.5%)<0,01
Versamento pleurico §§86 (15.8%)49 (24.7%)29 (18.4%)8 (4.2%)<0,01
Neurologico218 (38.2%)107 (52.7%)70 (41.4%)41 (20.7%)<0,01
Mal di testa186 (32.6%)90 (44.3%)63 (37.3%)33 (16.7%)<0,01
Renale105 (18.4%)77 (37.9%)28 (16.6%)0 (0.0%)<0,01
Lesione renale acuta105 (18.4%)77 (37.9%)28 (16.6%)0 (0.0%)<0,01
Altro
Periorbital edema27 (4.7%)13 (6.4%)5 (3.0%)9 (4.5%)0.32
Linfoadenopatia cervicale> 1,5 cm di diametro76 (13.3%)28 (13.8%)18 (10.7%)30 (15.2%)0.43
SARS COV – 2 test
Qualsiasi test di laboratorio eseguito565 (99.1%)200 (98.5%)169 (100.0%)196 (99.0%)0.39
Qualsiasi test di laboratorio positivo ¶¶  (% tra testati)565 (100.0%)200 (100.0%)169 (100.0%)196 (100.0%)N / A
PCR positiva / sierologia negativa, non eseguita o mancante ***147 (25.8%)1 (0.5%)142 (84.0%)4 (2.0%)<0,01
Sierologia positiva / PCR negativa †††263 (46.1%)138 (68.0%)0 (0.0%)125 (63.1%)<0,01
PCR positivo / Sierologia positivo155 (27.2%)61 (30.0%)27 (16.0%)67 (33.8%)<0,01
Solo collegamento epidemiologico, senza test5 (0.9%)3 (1.5%)0 (0.0%)2 (1.0%)<0,01
Treatment§§§
IVIG¶¶¶424 (80.5%)174 (87.9%)96 (62.7%)154 (87.5%)<0,01
Steroidi331 (62.8%)145 (73.2%)80 (52.3%)106 (60.2%)<0,01
Farmaci antipiastrinici309 (58.6%)113 (57.1%)69 (45.1%)127 (72.2%)<0,01
Farmaci anticoagulanti233 (44.2%)92 (46.5%)76 (49.7%)65 (36.9%)0.03
Farmaci vasoattivi221 (41.9%)129 (65.2%)64 (41.8%)28 (15.9%)<0,01
Supporto respiratorio, qualsiasi201 (38.1%)104 (52.5%)79 (51.6%)18 (10.2%)<0,01
Intubazione e ventilazione meccanica69 (13.1%)37 (18.7%)30 (19.6%)2 (1.1%)<0,01
Modulatori immunitari119 (22.6%)52 (26.3%)34 (22.2%)33 (18.8%)0.18
Dialisi2 (0.4%)0 (0.0%)2 (1.3%)0 (0.0%)0.08

Abbreviazioni:  ARDS = sindrome da distress respiratorio acuto; BNP = peptide natriuretico cerebrale; ICU = unità di terapia intensiva; IQR = intervallo interquartile; IVIG = immunoglobuline endovenose; NT-proBNP = peptide natriuretico pro b-tipo N-terminale; PCR = reazione a catena della polimerasi.
* L’analisi della classe latente (LCA) è una tecnica di modellazione statistica in cui le osservazioni possono essere classificate in classi latenti in base alle loro somiglianze sottostanti. Le variabili associate alla manifestazione clinica MIS-C sono state selezionate come variabili indicatore e incluse nel modello LCA.
† Il  paziente presentava febbre, eruzione cutanea, iniezione congiuntivale, linfoadenopatia cervicale> 1,5 cm di diametro e lesioni mucocutanee.
§  Percentuali calcolate tra 510 persone con ecocardiogramma eseguito.
¶ La  trombocitopenia è stata definita come una conta piastrinica inferiore a 150 x 10 3  per  μ lo se la trombocitopenia è stata controllata sul modulo del caso clinico. La linfopenia è stata definita come una conta dei linfociti <4.500 cellule per  μ l per i bambini di età <8 mesi, o meno di 1.500 cellule per ml per persone di età ≥8 mesi.
** Tra 359 con coinvolgimento del sistema respiratorio, 324 (90%) avevano anche un coinvolgimento del sistema cardiovascolare.
†† Le  informazioni sulla polmonite sono state raccolte sul modulo del caso clinico sotto segni e sintomi, complicazioni o imaging del torace.
§§  Percentuali calcolate tra 545 persone con ecocardiogramma o imaging toracico eseguiti.
¶¶ Otto casi hanno avuto un risultato positivo al test dell’antigene SARS CoV-2, tra i quali tre erano anche positivi sia alla PCR che alla sierologia, uno era positivo alla sola PCR e uno era positivo alla sola sierologia.
*** Tra 147 casi con un risultato PCR positivo senza un risultato sierologico positivo, 10 avevano un test sierologico negativo e i restanti avevano test sierologico sconosciuto.
†††  Tra 263 casi con risultato del test sierologico positivo senza un risultato PCR positivo, 254 avevano un risultato PCR negativo e i restanti avevano un test PCR sconosciuto.
§§§  Percentuali calcolate tra 527 persone che hanno ricevuto cure.
¶¶¶  73 ha ricevuto una seconda dose di IVIG.

Classe LCA 1Classe LCA 2Classe LCA 3valore p
 Test di laboratorioNo.MedianoIQRNo.MedianoIQRNo.MedianoIQR
Fibrinogeno, picco (mg / dL)151557(449–713)87566(430–662)105546(426–681)0.67
D-dimero, picco (mg / L)1583.0(1.6–4.9)1062.6(1.2–5.1)1281.7(0.8–3.2)<0,01
Troponina, picco (ng / mL)1620.09(0.02–0.48)1090.05(0.01–0.30)1300.01(0.01–0.08)<0,01
BNP, picco (pg / mL)531,321(414–2,528)30198(76–927)25182(30–616)<0,01
proBNP, picco (ng / L)1034,700(1,261–13,646)681,503(247–6,846)92507(176–2,153)<0,01
inizio evidenziazione CRP, picco (mg / L) fine evidenziazione16621(14–29)12216(9–25)14414(6–23)<0,01
Ferritina, picco (ng / mL)159610(347–1,139)108422(207–825)132242(116–466)<0,01
IL-6, peak (pg/mL)5465(24–258)2741(21–131)2969(7–118)0.24
Piastrine, nadir (10 3  cellule / μl)115131(102–203)76172(103–245)68150(113–237)0.15
Linfociti, nadir (cellule / μl)72695(400–1,093)491,200(790–2,025)421,420(723–2,250)<0,01

Abbreviazioni:  BNP = peptide natriuretico cerebrale; CRP = proteina C-reattiva; IL-6 = interleuchina-6; IQR = intervallo interquartile.
* L’analisi della classe latente (LCA) è una tecnica di modellazione statistica in cui le osservazioni possono essere classificate in classi latenti in base alle loro somiglianze sottostanti. Le variabili associate alla manifestazione clinica MIS-C sono state selezionate come variabili indicatore e incluse nel modello LCA.

Riferimenti

  1. Riphagen S, Gomez X, Gonzalez-Martinez C, Wilkinson N, Theocharis P. Shock iperinfiammatorio nei bambini durante la pandemia COVID-19. Lancet 2020; 395: 1607–8. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  2. Toubiana J, Poirault C, Corsia A, et al. Focolaio della malattia di Kawasaki nei bambini durante la pandemia COVID-19 a Parigi, Francia: studio osservazionale prospettico. BMJ 2020; 369: m2094. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  3. Belhadjer Z, Méot M, Bajolle F, et al. Insufficienza cardiaca acuta nella sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C) nel contesto della pandemia globale di SARS-CoV-2. Circolazione 2020. E-pub 17 maggio 2020.
  4. Verdoni L, Mazza A, Gervasoni A, et al. Un focolaio di una grave malattia simile a Kawasaki nell’epicentro italiano dell’epidemia di SARS-CoV-2: uno studio di coorte osservazionale. Lancet 2020; 395: 1771–8. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  5. Linzer DA, Lewis JB. poLCA: un pacchetto R per l’analisi di classi latenti di variabili politomiche. J Stat Softw 2011; 42: 1–29. Icona CrossRefexternal
  6. Dufort EM, Koumans EH, Chow EJ, et al .; Stato di New York e sindrome infiammatoria multisistemica CDC nel team investigativo sui bambini. Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini nello Stato di New York. N Engl J Med 2020; 383: 347–58. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  7. Whittaker E, Bamford A, Kenny J, et al .; Gruppo di studio PIMS-TS e consorzi EUCLIDS e PERFORM. Caratteristiche cliniche di 58 bambini con sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporaneamente associata a SARS-CoV-2. JAMA 2020; 324: 259–69. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  8. Feldstein LR, Rose EB, Horwitz SM, et al .; Superare gli investigatori COVID-19 e il CDC COVID-19 Response Team. Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini e negli adolescenti statunitensi. N Engl J Med 2020; 383: 334–46. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  9. Bialek S, Gierke R, Hughes M, McNamara LA, Pilishvili T, Skoff T; CDC COVID-19 Team di risposta. Malattia da coronavirus 2019 nei bambini — Stati Uniti, 12 febbraio-2 aprile 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2020; 69: 422–6. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal
  10. Stokes EK, Zambrano LD, Anderson KN, et al. Sorveglianza del caso della malattia da coronavirus 2019: Stati Uniti, 22 gennaio-30 maggio 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2020; 69: 759-65. Icona CrossRefexternal Icona  PubMedexternal

Ulteriori informazioni:  Mubbasheer Ahmed et al, Sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini: una revisione sistematica,  EClinicalMedicine  (2020). DOI: 10.1016 / j.eclinm.2020.100527

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.