Il cambiamento del sistema di emostasi nei pazienti con tromboflebite delle vene profonde degli arti inferiori nell’ozonoterapia

0
75

La tromboflebite venosa profonda acuta degli arti inferiori rimane una delle cause di scarsi risultati nei pazienti chirurgici [1, 2].

Negli ultimi anni si è assistito ad un costante aumento della frequenza delle lesioni trombotiche delle vene, che si associa all’invecchiamento generale della popolazione, ad un aumento della prevalenza di malattie oncologiche, al verificarsi sempre più frequente di disturbi ereditari e acquisiti dell’emostasi sistema, assunzione incontrollata di agenti ormonali e aumento delle lesioni.

Nello sviluppo degli stati coagulopatici, un ruolo importante è svolto dagli acidi grassi ossidati e sottoossidati formati durante l’iperossidazione lipidica [3].

La trombosi venosa profonda diffusa degli arti inferiori a lungo termine porta alla formazione di una malattia post-tromboflebitica, manifestata da insufficienza venosa cronica, fino allo sviluppo di ulcere trofiche, che riduce significativamente la capacità di lavorare e la qualità della vita dei pazienti [4, 5].

Nuove possibilità nel trattamento della tromboflebite acuta sono fornite dall’uso dell’ozono medico, che ha la capacità di normalizzare il sistema emostatico e il metabolismo, migliorando la microcircolazione e le proprietà reologiche del sangue [2, 6].

Lo scopo dello studio è  stato quello di studiare i cambiamenti nel sistema emostatico durante l’ozonoterapia in pazienti con tromboflebite venosa profonda acuta degli arti inferiori.

Materiali e metodi. Lo studio ha coinvolto 65 pazienti trattati nel dipartimento di chirurgia vascolare del City Clinical Hospital n. 4 di Saransk con tromboflebite venosa profonda acuta degli arti inferiori e 25 individui apparentemente sani senza tale malattia.

C’erano 35 donne (53,8%) e 30 uomini (46,2%). Allo stesso tempo, nel gruppo di pazienti con tromboflebite delle vene femorali e poplitea, prevalevano le donne e nel gruppo di pazienti con tromboflebite della gamba, al contrario, gli uomini. L’età media delle donne era 55,0 ± 4,5 anni, gli uomini – 51,0 ± 4,6 anni.

Sono stati formati tre gruppi. Il 1 ° gruppo (n = 25) comprendeva persone praticamente sane. I pazienti con tromboflebite acuta mediante semplice randomizzazione sono stati divisi in due gruppi: gruppo 2 – confronti (n = 50) – pazienti con tromboflebite della vena poplitea e vene della gamba – 25, con tromboflebite delle vene femorali e iliache – 25 , che hanno ricevuto trattamenti tradizionali: anticoagulanti (eparina in dosi profilattiche), antiaggreganti (pentossifillina), angioprotettori e venotonici (Eskuzan, Detralex, Troxevasin), farmaci antinfiammatori non steroidei (indometacina, butadion); Gruppo 3 – principale (n = 50) – pazienti con tromboflebite delle vene poplitea e delle gambe – 8, con tromboflebite delle vene femorali e iliache – 7, che hanno ricevuto ozonoterapia sistemica insieme al trattamento tradizionale.

La saturazione di 200 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% con ozono è stata eseguita su un apparecchio medozons per 10 min. La concentrazione di ozono in uscita era di 2500 μg / l. La soluzione ozonizzata di cloruro di sodio è stata somministrata al paziente per via endovenosa in un flusso, una volta al giorno, per cinque giorni.

In tutti i pazienti, tempo di sanguinamento secondo Duke, tempo di coagulazione secondo Lee-White, tempo di ricalcificazione del plasma normale, tolleranza plasmatica all’eparina, tempo caolino e caolino-cefalina, tempo di protrombina secondo metodi convenzionali, fibrinogeno secondo Rutberg, pure come il tempo della fibrinolisi dipendente da Hageman al momento del ricovero in clinica (esame di fondo) e dopo il trattamento.

L’elaborazione statistica dei risultati ottenuti è stata effettuata utilizzando criteri parametrici e non parametrici nel pacchetto statistico STADIA 7.0. I risultati sono presentati come M ± m, dove M è la media aritmetica, m è l’errore standard della media aritmetica

Risultati e discussione. 

Come hanno mostrato i risultati dell’esame di base, nella tromboflebite acuta del letto venoso si verificano disturbi emodinamici, che portano a cambiamenti nel sistema di circolazione emoglobinica e linfoide. Inoltre, nelle vene femorali e iliache, questi cambiamenti sono più pronunciati che nelle vene della gamba e poplitea (Tabelle 1, 2).

Pertanto, il tempo di sanguinamento nei pazienti con tromboflebite delle vene della gamba e della vena poplitea nel confronto e nei gruppi principali durante l’esame di background era statisticamente significativamente inferiore rispetto allo stesso indicatore negli individui sani. 

Dopo il trattamento tradizionale, il tempo di sanguinamento nel gruppo di confronto è aumentato di 2,3 volte, nel gruppo principale – 2,5 volte (p <0,001) rispetto alle persone sane, il che indica l’effetto benefico dell’ozono terapia sui parametri funzionali del sistema sanguigno.

Anche i tempi di coagulazione nei pazienti con tromboflebite della gamba e vene poplitea sono cambiati durante la terapia. Pertanto, al momento del ricovero, il tempo di coagulazione era di 1,37 e 1,6 volte più breve (p <0,001), rispettivamente, nei pazienti del gruppo di confronto e del gruppo principale, in contrasto con gli individui praticamente sani. Dopo il trattamento appropriato nel gruppo di confronto, è aumentato di 2 volte (p <0,001) e principalmente – solo 1,5 volte (p <0,001) rispetto ai dati nelle persone praticamente sane (vedi Tabella 1).

Quando si determinano indicatori simili del sistema di coagulazione in pazienti con tromboflebite delle vene femorali e iliache, è stata osservata anche una dinamica positiva sullo sfondo del trattamento con soluzione salina ozonizzata (vedere Tabella 2). 

In questa categoria di pazienti, il tempo di sanguinamento durante l’utilizzo del trattamento tradizionale è aumentato di 2,16 volte (p <0,001), mentre quando si utilizza l’ozonoterapia – 2,23 volte (p <0,001). 

Il tempo di coagulazione è cambiato come segue: nel gruppo di confronto, al momento del ricovero, l’indicatore era 1,57 volte inferiore (p <0,001) rispetto a individui praticamente sani e dopo il trattamento è aumentato di 1,6 volte (p <0,001). 

Nel gruppo principale, il tempo di coagulazione al momento del ricovero era 1,69 volte inferiore a quello degli individui sani (p <0,001) e dopo l’ozonoterapia è aumentato di 1,7 volte (p <0,001).

Studiando la variazione del tempo di ricalcificazione nel gruppo con tromboflebite venosa profonda della gamba e vena poplitea, lo stesso aumento è stato riscontrato sia con il trattamento tradizionale che sullo sfondo dell’ozono terapia – di 1,23 volte (p> 0,05). Tuttavia, va notato che l’intervallo di valori normali del tempo di ricalcificazione è sufficiente

Ricerca su argomenti di tesi

Tuttavia, va notato che l’intervallo dei valori normali del tempo di ricalcificazione è piuttosto ampio (da 60 a 120 s), il che non sempre ci consente di trarre conclusioni ragionevoli sull’effetto del trattamento sulla prima fase del sangue coagulazione. 

A questo proposito, negli ultimi anni, al fine di valutare i cambiamenti nella prima fase della coagulazione del sangue, è consuetudine utilizzare indicatori come il tempo caolino e caolino-cefalina. 

I valori del tempo di caolino e caolino-cefalina sono cambiati come segue: nel gruppo di confronto – un aumento di 1,38 e 1,22 volte, rispettivamente, e nel gruppo principale – 1,46 e 1,34 volte, rispettivamente in relazione a indicatori simili in praticamente sano persone (p <0,001) (vedere Tabella 2).

Nello studio di questi indicatori in pazienti con tromboflebite delle vene femorali e iliache, sono stati ottenuti i seguenti valori: il tempo di ricalcificazione del plasma normale nel gruppo di confronto e nel gruppo principale dopo il trattamento è aumentato rispettivamente di 1,19 e 1,21 volte , rispetto agli indicatori nelle persone praticamente sane (p <0,001). 

Il tempo di caolino e caolino-cefalina dopo il corso del trattamento tradizionale è aumentato rispettivamente di 1,3 e 1,15 volte (p <0,001). Nel gruppo principale (sullo sfondo dell’uso dell’ozono terapia), il tempo del caolino è aumentato di 1,35 volte (p <0,001) e il tempo caolino-cefalina – di 1,31 volte (p <0,001) rispetto agli indicatori praticamente persone sane.

Tabella 1 – Dinamica degli indici di emocoagulazione e fibrinolisi in pazienti con tromboflebite della vena poplitea e delle vene delle gambe (M ± m)

  Indicatori  Persone praticamente saneGruppo di merdaintrusioniGruppo principale
al momento del ricoverodopo il trattamentoal momento del ricoverodopo il trattamento
Duke bleeding time, s180.0 ± 4.3150,0 ± 10,7 p <0,001420,0 ± 12,4 p <0,001 p 1 <0,001147,0 ± 12,8 p <0,001452,0 ± 14,4 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di coagulazione secondo Lee-White, s330.0 ± 5.2240,0 ± 16,0 p <0,001660,0 ± 28,4 p <0,001 p 1 <0,001205,0 ± 21,1 p <0,001513,0 ± 26,0 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di ricalcificazione del plasma convenzionale, s110.0 ± 8.796,4 ± 4,5 p <0,001135,3 ± 8,1 p <0,001 p 1 <0,00190,0 ± 4,8 p <0,001136,0 ± 5,3 p <0,001 p 1 <0,001 p 2> 0,05
Tolleranza al plasma all’eparina, con520.0 ± 4.9460,8 ± 18,3 p <0,001677,8 ± 3,8 p <0,001 p 1 <0,001406,0 ± 17,2 p <0,001698,0 ± 20,2 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di caolino del plasma convenzionale, s60.1 ± 2.243,5 ± 2,3 p <0,00183,4 ± 3,1 p <0,001 p 1 <0,00141,5 ± 4,1 p <0,00188,5 ± 2,8 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di caolino-cefalina, s47.7 ± 1.736,3 ± 1,2 p <0,00158,4 ± 1,8 p <0,001 p <0,00136,9 ± 0,9 p <0,00163,2 ± 1,3 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di protrombina, s15.4 ± 0.513,1 ± 0,5 p <0,0521,4 ± 0,9 p <0,001 p 1 <0,00115,2 ± 1,0 p> 0,0532,2 ± 0,8 p <0,001 p 1 <0,001 p 2 <0,001
Fibrinogeno secondo Ruthberg, g / l3.3 ± 0.44,3 ± 0,4 p <0,0014,3 ± 0,3 p <0,05 p 1> 0,054,2 ± 0,5 p> 0,054,4 ± 0,4 p <0,001 p 1> 0,05 p 2> 0,05
Fibrinolisi dipendente da Hageman, min12.0 ± 0.418,2 ± 0,3 p <0,00115,4 ± 0,6 p <0,05 p 1 <0,0520,5 ± 0,5 p> 0,0514,3 ± 0,6 p <0,001 p 1 <0,001 p 2> 0,05

Nota: p – differenze statisticamente significative con persone praticamente sane; p 1 – prima e dopo il trattamento; p 2 – nel gruppo di confronto e quello principale dopo il trattamento.

La tolleranza plasmatica all’eparina nei pazienti con tromboflebite venosa profonda della gamba e della vena poplitea sullo sfondo del trattamento tradizionale è aumentata di 1,3 volte (p <0,001) e sullo sfondo dell’ozono terapia – di 1,34 volte (p <0,001) rispetto al dati in individui praticamente sani. 

Nei pazienti con tromboflebite delle vene femorali e iliache, questo indicatore è aumentato rispettivamente di 1,17 e 1,25 volte (p <0,001).

Il tempo di protrombina nei pazienti del gruppo di confronto con trombosi delle vene della gamba e della vena poplitea è aumentato di 1,38 volte e nella trombosi delle vene femorali e iliache – 1,34 volte (p <0,001). Nel gruppo principale, un indicatore simile è cambiato come segue: con trombosi delle vene della gamba e della vena poplitea, c’è stato un aumento di 2,13 volte (p <0,001) e con trombosi delle vene femorali e iliache – 1,21 volte ( p <0,001). 

Questo effetto è apparentemente dovuto all’influenza della soluzione ozonizzata sui sistemi funzionali del plasma sanguigno ed è associato alla risposta molecolare delle sostanze bioattive nel plasma sanguigno [7].

Il livello di fibrinogeno nei pazienti con trombosi della vena poplitea e delle vene delle gambe, così come la trombosi delle vene femorali e iliache non è cambiato in modo significativo sia nel gruppo di confronto che nel gruppo principale, che, apparentemente, è dovuto al reazione del corpo alla lesione – la presenza di una vena nella regione del trombo.

Lo studio di un indicatore come il tempo della fibrinolisi dipendente da Hageman ha rivelato una tendenza alla sua diminuzione, e più pronunciata sullo sfondo dell’uso dell’ozono terapia.

 Pertanto, nei pazienti con trombosi acuta della vena poplitea e delle vene delle gambe, questo indicatore nel gruppo di confronto durante il trattamento è diminuito da 18,2 a 15,4 min (p <0,05) e nel gruppo principale – da 20,5 a 14,3 min (p <0,001).

Tabella 2 – Dinamica degli indici di emocoagulazione e fibrinolisi in pazienti con tromboflebite delle vene femorali e iliache (M ± m)

  Indicatori  Persone praticamente saneGruppo di merdaintrusioniGruppo principale
al momento del ricoverodopo il trattamentoal momento del ricoverodopo il trattamento
Tempo di sanguinamento180.0 ± 4.3120.0 ± 17.0390.0 ± 24.0130.1 ± 14.0402.0 ± 16
secondo Duke, conp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001 p 2> 0,05
Tempo di coagulazione330.0 ± 5.2210.0 ± 24.5530.0 ± 26.7195.0 ± 18.2587.0 ± 21.2
secondo Lee-White, conp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di ricalcificazione110.0 ± 8.791.5 ± 3.6131.3 ± 7.480.2 ± 5.1134.0 ± 3.3
plasma convenzionale, sp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001 p 2> 0,05
Tolleranza al plasma520.0 ± 4.9430.7 ± 17.4610.3 ± 8.1399.0 ± 18.7650.0 ± 20.2
all’eparina, conp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001 p 2 <0,05
Tempo di caolino60.1 ± 2.239.4 ± 1.978.3 ± 2.842.1 ± 1.181.0 ± 1.8
plasma convenzionale, sp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001 p 2 <0,05
Triglia di caolino47.7 ± 1.734.5 ± 1.455.1 ± 1.128.1 ± 2.162.0 ± 1.7
tempo, sp <0,001p <0,001p <0,001p <0,001
p <0,001p 1 <0,001
p 2 <0,05
Tempo di protrombina, s15.4 ± 0.512.3 ± 0.420.7 ± 0.711.0 ± 0.518.7 ± 0.9
p <0,05p <0,001p <0,001p <0,001
p 1 <0,001p 1 <0,001
p 2 <0,05
Fibrinogen di Rutberg,3.3 ± 0.44.7 ± 0.74.8 ± 0.44.4 ± 0.74.7 ± 0.9
g / lp <0,001p <0,05p> 0,05p <0,05
p 1> 0,05p 1> 0,05 p 2> 0,05
Hageman dipendente12.0 ± 0.420.7 ± 0.215.6 ± 0.418.7 ± 0.414.8 ± 0.7
fibrinolisi, minp <0,001p <0,05p> 0,05p <0,001
p 1 <0,05p 1 <0,001 p 2> 0,05

Nota: p – differenze statisticamente significative nei valori con individui praticamente sani; p 1 – prima e dopo il trattamento; p 2 – nel gruppo di confronto e quello principale dopo il trattamento.

 Nel gruppo di pazienti con trombosi acuta delle vene femorali e iliache sullo sfondo del trattamento tradizionale, è diminuito da 20,7 a 15,64 minuti (p <0,05) e con l’uso dell’ozonoterapia – da 18,7 a 14,8 minuti (p < 0.001).

Conclusione. 

La dinamica degli indicatori che caratterizzano la coagulazione e le proprietà fibrinolitiche del sangue indica che nei pazienti con tromboflebite venosa profonda degli arti inferiori dopo l’uso dell’ozono terapia sistemica, c’è uno spostamento più significativo degli indicatori dell’emostasi verso l’ipocoagulazione rispetto ai pazienti che hanno ricevuto solo trattamento tradizionale … 

I cambiamenti rivelati, a quanto pare, sono dovuti all’attivazione di processi dipendenti dall’ossigeno nel corpo sotto l’influenza dell’ozono terapia, sia negli organi interni che nei tessuti, sintetizzando fattori di coagulazione del sangue e fibrinolisi, e nell’area della trombosi venosa .

Letteratura

  1. Bogachev V.Yu. Acute thrombophlebitis: modern principles of diagnosis and treatment. Surgery 2006; 7: 35-37.
  2. Pokrovsky A.V. Clinical angiology. M: Medicine;2004; 888 s.
  3. Saveliev V.S. Phlebology. M: Medicine; 2001.
  4. Shvalb P.G., Kalinin R.E., Egorov A.A., Kachinsky A.E. Real embolism of the veins of the lower extremities. Angiology and Vascular Surgery 2004; 10 (2): 81–83.
  5. V.Ya. Vasyutkov Venous trophic ulcers of the lower extremities nost. Russian Medical Journal 1999; 13: 34–36.
  6. Peretyagin S.P. The mechanisms of the therapeutic action of ozone in hypoxia. In the book: Materials of Vseros. scientific-practical conf. “Ozone in biology and medicine”. N. Novgorod; 1992; from. 2.
  7. Maslennikov O.V., Andosov S.V., Gribkov I.A. and others. Ozone therapy for internal diseases. In the book: Materials of the I Ukrainian-Russian scientific-practical. conf. “Ozone in biology and medicine”. Odessa; 2003; from. 24-30.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.