Influenza dell’ozono terapia sulla cinetica del metabolismo dell’ossigeno e del sistema di microcircolazione nel trattamento dei pazienti postinfarto

0
73

Il problema dell’ipossia tissutale del miocardio nelle malattie del sistema cardiovascolare (CVS), essendo uno dei topici in cardiologia, stimola la ricerca di nuovi mezzi per migliorare il trofismo miocardico [1].

Allo stesso tempo, i metodi esistenti di terapia non farmacologica, in particolare l’ozonoterapia (OST) come tipo di terapia ossidativa, possono aiutare nella sua soluzione efficace. 

L’effetto antiipossico dell’ozono garantisce la correzione dei processi disturbati di trasporto e utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti, il che è confermato dall’analisi degli indicatori della cinetica del metabolismo dell’ossigeno [2-6].

La valutazione dello stato del flusso sanguigno periferico si è dimostrata un criterio oggettivo per l’efficacia della riabilitazione dei pazienti con patologia CVS. Letto microcircolatorio (MCB), essendo il collegamento finale del sistema circolatorio,

Lo scopo di questo studio è quello di studiare l’ effetto dell’OST sulla cinetica del metabolismo dell’ossigeno e sullo stato del sistema di microcircolazione (MCC) in pazienti postinfartuati in condizioni di trattamento sanatorio (SCL).

Per raggiungere questo obiettivo, 145 pazienti di età compresa tra 39 e 69 anni (55,2 ± 2,6 anni) con angina pectoris stabile dopo infarto miocardico da 4 mesi a 1 anno (6,8 ± 0,47 mesi) sottoposti a SKL presso il Central Clinical Sanatorium. FE Dzerzhinsky durante la stagione calda. In 141 (97,2%) pazienti, è stato pianificato di sottoporsi a chirurgia ricostruttiva sui vasi coronarici nei prossimi 6-10 mesi. Tutti i pazienti hanno ricevuto SCR tradizionale in un regime parsimonioso, effetti deboli e bassa attività fisica (fino a 60 W).

A seconda della terapia, sono stati divisi in 2 gruppi: il 1 ° gruppo comprendeva 89 pazienti (77 uomini e 12 donne) con insufficienza cardiaca di grado I-IIA (FC II-III NYHA), sottoposti a un ciclo di somministrazione endovenosa di soluzione salina ozonizzata , ottenuto sull’ozonizzatore medico Medozon, 200 ml con una concentrazione di 2,0-2,4 mg / l, 2-3 volte a settimana nella quantità di 5-10 procedure sullo sfondo della terapia farmacologica prescritta (nitrati, β-bloccanti, calcio antagonisti, ecc.); Gruppo 2-56 pazienti (49 uomini e 7 donne) con la stessa patologia, ma che hanno ricevuto solo terapia farmacologica.

L’esame clinico dei pazienti comprendeva: esame clinico, elettrocardiografia (ECG), veloergometria (VEM), ecocardiografia (EchoCG). La cinetica del metabolismo dell’ossigeno è stata analizzata in dinamica con il metodo della polarografia transcutanea su un apparato TM-300T. 

Lo studio dei parametri MCC è stato effettuato utilizzando la flussometria laser Doppler (LDF) e la capillaroscopia computerizzata. L’elaborazione statistica del materiale è stata eseguita utilizzando il pacchetto software STATISTICA per Windows 7.0 (Stat-Soft, Inc.).

Tutti i pazienti prima di SCL avevano pronunciato cambiamenti patologici nel tipo di inibizione della respirazione dei tessuti. Pertanto, la valutazione dell’impatto dell’OST sul metabolismo energetico era rilevante  (Tabella 1).

(tab. 1) Dopo il decorso dell’OST, è stato notato un aumento delle riserve funzionali degli enzimi respiratori, che si è manifestato in una diminuzione della concentrazione critica di ossigeno a 6,29 ± 0,33 mm Hg. (p <0,01), tempo di esaurimento delle riserve di ossigeno fino a 131,79 ± 8,48 s (p <0,01), tempo di esaurimento della metà delle riserve di ossigeno fino a 32,64 ± 2,53 s (p <0,01), con un aumento del tasso costante di assorbimento di ossigeno a 0,04 ± 0,002 s – 1 (p <0,01). Tutto ciò indicava la normalizzazione dei processi di utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti.

Nei pazienti prima di SCL, c’era una pronunciata prevalenza di processi anaerobici rispetto a processi aerobici nell’energetica  (vedi Tabella 1) … 

Dopo il corso di OST, i pazienti del gruppo 1 hanno mostrato una diminuzione del tempo dei processi aerobici da 84,33 ± 3,08 a 74,41 ± 3,25 s (p <0,01), il tempo dei processi anaerobici da 67,51 ± 3,61 fino a 60,20 ± 3,32 s ( p <0,05) e il coefficiente di glicolisi anaerobica da 0,86 ± 0,04 a 0,78 ± 0,03 (p <0,05). 

In dinamica, ciò rifletteva l’adeguatezza dei processi anaerobici e aerobici in condizioni di migliore consumo di ossigeno nei tessuti. 

Una diminuzione del rapporto di riserva di ossigeno da 3,72 ± 0,34 a 3,03 ± 0,29 (p <0,05) indicava un equilibrio nei processi di consegna e consumo di ossigeno da parte dei tessuti risultanti dal trattamento. 

Nel gruppo 2, di tutti i parametri della cinetica del metabolismo dell’ossigeno dopo SCR, solo una diminuzione della concentrazione critica di ossigeno da 7,34 ± 0,31 a 6,48 ± 0,37 mm Hg era significativa. (p <0,05), che indicava un aumento delle riserve funzionali degli enzimi respiratori. La variazione degli altri indicatori è stata insignificante (vedi Tabella 1)  .

I risultati ottenuti hanno indicato che nei pazienti con respirazione tissutale inibita , l’OST , in combinazione con il trattamento farmacologico, ha contribuito alla correzione del processo alterato di trasporto e utilizzo dell’ossigeno da parte dei tessuti, normalizzazione delle riserve energetiche delle cellule, mentre il trattamento farmacologico ha attivato solo la respirazione dei tessuti.

Sotto l’influenza di OST, secondo i dati LDF  (Tabella 2),

(tabella 2) nei pazienti del 1 ° gruppo, è stato notato un miglioramento dello stato di MCB, che si è manifestato con un aumento dell’indice MCC da 3,26 ± 0,22 a 4,52 ± 0,28 pf. unità (p <0,05); deviazione radice quadrata media, che riflette il funzionamento dei meccanismi di modulazione del flusso sanguigno tissutale, da 0,30 ± 0,07 a 0,47 ± 0,04 pf. unità (p <0,05); il coefficiente di variazione che caratterizza l’attività vasomotoria dei microvasi, da 7,7 ± 0,6 a 9,3 ± 0,4% (p <0,05). 

L’analisi dello spettro ampiezza-frequenza del grammo LDF ha rivelato una diminuzione dell’ampiezza delle oscillazioni vasomotorie dovuta ad un aumento del flusso sanguigno all’MCB, che era apparentemente associato ad un aumento della pressione parziale dell’ossigeno nei tessuti sotto il influenza di OST. Un aumento dell’indice di efficienza MCC (indice di flusso) da 1,10 ± 0,10 a 1,39 ± 0,12 pf. unità (p <0,

La soppressione dei meccanismi di modulazione attiva del flusso sanguigno tissutale è stata accompagnata da un aumento compensatorio del ruolo della modulazione passiva, finalizzata principalmente allo scarico del collegamento venulare del sistema MCC. È a questo proposito che dovrebbe essere considerato un aumento del contributo delle componenti ritmiche respiratoria (alta frequenza) e del polso (cardiofrequenza) al livello generale dei moti di flusso. Inoltre, si è verificata una dinamica favorevole degli indicatori modificati durante gli stress test, in particolare occlusali. 

Pertanto, durante la sua implementazione, c’è stato un aumento dell’aumento del flusso sanguigno durante il periodo di iperemia nei pazienti dopo OST del 44,2% e una tendenza a normalizzare il tempo di metà recupero del flusso sanguigno. Una diminuzione della riserva di flusso sanguigno capillare potrebbe essere spiegata da un aumento del flusso sanguigno nell’MCB dei capillari funzionanti sotto l’influenza dell’ozono, che è coerente con i dati della letteratura [10]. 

Nel 2 ° gruppo di pazienti, una dinamica significativa dei parametri MCC è stata osservata solo durante l’analisi dei componenti spettrali del grammo LDF e si è manifestata in un aumento delle oscillazioni a bassa frequenza e dell’impulso (vedere Tabella 2).

Un importante oggetto di indagine del sistema MCC sono i capillari della pelle, e in particolare i capillari della piega ungueale, a causa della disposizione parallela della loro superficie cutanea con una visualizzazione sufficientemente buona in tutto. 

Nei gruppi di pazienti osservati, è stata eseguita l’analisi dei parametri statici e dinamici dell’emodinamica capillare e la valutazione del flusso sanguigno transcapillare, nonché il grado di influenza dell’OST sull’efficienza del funzionamento del MCB, poiché i suoi cambiamenti hanno avuto posto nel 98,6% dei casi, caratterizzato principalmente da tipi emodinamici spastici e stasici. MCC.

Nei pazienti del 1 ° gruppo, con capillaroscopia computerizzata, solo una diminuzione del numero di inclusioni lipidiche nei lumi dei capillari da 0,87 ± 0,12 a 0,54 ± 0,08 U / s (p <0,05) e un aumento della velocità del flusso sanguigno entrambi nelle donne da 306 ± 32 a 385 ± 40 μm / s (p <0,05) e negli uomini da 293 ± 36 a 528 ± 49 μm / s (p <0,05). 

Tra i parametri qualitativi, va notato che se prima dell’inizio del SCL, la stasi è stata notata nel 26,9% e la sindrome da fango – nel 19,5% dei pazienti, dopo di essa, si sono verificati rispettivamente nel 12,8 e nel 10,3%. 

Nel gruppo 2, i cambiamenti in tutti gli indicatori quantitativi e qualitativi del Centro clienti erano insignificanti.

Pertanto, l’inclusione dell’ozono medico nel complesso della terapia farmacologica ha portato ad un aumento della velocità del flusso sanguigno capillare, la densità della rete capillare, una diminuzione del numero di inclusioni lipidiche, una diminuzione della stasi e della sindrome del fango alla normalità valori. Questi cambiamenti indicano la possibilità di correggere i disturbi patologici nel MCB e un’efficienza dell’OST sufficientemente alta per raggiungere questi obiettivi.

Durante la valutazione della correlazione dipendenza della riserva funzionale del MCC sullo stato di contrattilità miocardica globale – frazione di eiezione (EF) – sono state rilevate modifiche unidirezionali in questi parametri, sebbene il grado di correlazione fosse basso, specialmente nel gruppo di pazienti con conservato contrattilità miocardica (EF non inferiore al 50%). 

In generale, sotto l’influenza dell’OST nei pazienti del 1 ° gruppo, secondo i dati EchoCG, c’è stato un aumento significativo dell’EF da 59,39 ± 2,11 a 64,57 ± 2,14% (p <0,05) e del volume della corsa ventricolare sinistra con 58,86 ±. Da 21 a 65,54 ± 3,17 ml (p <0,05), che indicava un miglioramento della funzione contrattile miocardica. Nel gruppo 2, questi indicatori erano inaffidabili.

Un miglioramento della funzione di pompaggio del cuore è stato confermato dai dati ECG sotto forma di diminuzione o scomparsa dei cambiamenti ischemici, nonché dai risultati del test VEM. Dopo il trattamento, il numero di campioni positivi e non informativi è diminuito in entrambi i gruppi. 

Secondo i risultati di VEM, l’uso di OST in combinazione con il trattamento farmacologico ha portato ad un aumento della tolleranza all’esercizio del 19,1% nelle donne e del 28,3% negli uomini, il volume di lavoro svolto rispettivamente del 32,2 e del 39,4%. L’effetto economizzante è stato dimostrato più chiaramente dalla dinamica del rapporto tra l’aumento del doppio prodotto durante l’attività fisica e la potenza del carico di soglia (ΔDP / W). 

Sotto l’influenza dell’OST, questo indicatore è diminuito del 31,7%, il che indica indirettamente una diminuzione del consumo di ossigeno da parte del miocardio per unità di potenza del carico eseguito. Nel 2 ° gruppo e negli uomini,

Analizzando i dati ottenuti, possiamo parlare dell’elevata efficienza del metodo OST come fattore di allenamento per aumentare le riserve funzionali del CVS. L’uso dell’ozono in combinazione con la terapia farmacologica ha aumentato l’efficienza del sistema circolatorio (riduce il tasso di spesa delle riserve miocardiche, il doppio prodotto e la richiesta di ossigeno del miocardio) e la sua potenza (aumentando la tolleranza del corpo all’attività fisica, aumentando il volume di lavoro eseguita e l’indice di produttività ventricolare sinistro).

Dopo SCL nei pazienti del 1 ° gruppo, i reclami di dolore nell’area del cuore (del 47,2%), dispnea (del 38,2%), tachicardia (del 21,3%) e pressione sanguigna instabile (del 49,4%) sono diminuiti. , mal di testa (del 42,6%), irritabilità (del 47,2%), disturbi del sonno (del 28,1%), aumento della fatica (del 61,8%). Nel 2 ° gruppo, la dinamica positiva è stata osservata solo in una diminuzione del numero di disturbi di cardialgia (del 33,9%), instabilità della pressione sanguigna (del 30,4%), tachicardia (del 17,9%), aumento della fatica (del 51,8%) . ).

Secondo i risultati dello studio, è stata stabilita un’elevata efficienza clinica dell’uso di OST nella quantità di 6-8 procedure di somministrazione endovenosa di soluzione salina ozonizzata allo stadio SCL in pazienti dopo un infarto. L’uso di OST ha avuto un effetto favorevole sui parametri elettrofisiologici del cuore, ha portato a una diminuzione dell’incidenza di episodi di ischemia miocardica, ha migliorato significativamente la tolleranza all’esercizio, che ha portato a una diminuzione della classe funzionale di angina pectoris e insufficienza cardiaca. 

La valutazione dei parametri emodinamici ha rivelato un trend positivo, che indica un miglioramento del flusso sanguigno coronarico, una diminuzione della resistenza periferica totale e un aumento della tolleranza all’esercizio. L’analisi dei parametri della cinetica del metabolismo dell’ossigeno e degli indicatori MCC ha mostrato una dinamica positiva significativa, portando ad un equilibrio nei processi di consegna dell’ossigeno ai tessuti e al suo consumo, miglioramento dei processi metabolici a livello cellulare della respirazione tissutale ea il livello della microvascolatura. Dopo il corso dell’OST, il 21,3% dei pazienti ha ridotto il dosaggio dei farmaci.

Pertanto, l’uso di OST in combinazione con la terapia farmacologica aiuta in gran parte ad eliminare i disturbi metabolici che si verificano durante l’ischemia miocardica, che serve come base per il suo utilizzo nei pazienti cardiopatici per la correzione di disturbi clinici, emodinamici e metabolici. 

Nei pazienti dopo infarto miocardico, l’uso di OST in combinazione con la terapia farmacologica tradizionale consente di accorciare il periodo di riabilitazione post-infarto con una diminuzione dell’ipossia tissutale, miglioramento dei parametri microcircolatori e delle condizioni cliniche generali dei pazienti.

Bibliografia:

Bibliography:

  1. Zubareva M.I., Khodasevich L.S., Konovalova M.P. Influence of different types of common baths on the effectiveness of complex spa treatment of coronary heart disease. Questions of balneology, physiotherapy and physical therapy. 2011; 4: 8-11.
  2. Balandina M.V., Peretyagin S.P., Seroglazova G.S., Dergunova T.V. Myocardial metabolism during extracorporeal blood ozonation in the postresuscitation period in experimental animals. In the book: Ozone in biology and medicine: Abstracts of the I All-Russian scientific-practical conference. Nizhny Novgorod; 1992: 21.
  3. Boyarinov G.A., Dobrotin S.B., Balykin V.A. Influence of ozonized perfusate on oxygen transport function of blood during artificial circulation. In the book: Ozone in biology and medicine: Abstracts of the II All-Russian scientific-practical conference. Nizhny Novgorod; 1995: 38.
  4. Maslennikov O.V., Kontorshchikova K.N. Ozone Therapy: Internal Medicine: A Manual. Nizhny Novgorod: Publishing House of the NGMA; 2003.
  5. Yudin V.E., Klimko V.V., Budko A.A., Edelev D.A., Arseniy T.V., Kosukhina E.V. Medical rehabilitation of patients with ischemic heart disease after coronary artery bypass surgery according to the program based on the calculation of the specific load power. Herald of restorative medicine. 2012; 5: 15-7.
  6. Bocci V. Ozone as a bioregulator. Pharmacology and toxicology of ozonetherapy today. J. Biol. Regul. Homeost. Agents. 1997; 10 (2-3): 31-53.
  7. Kurtaev O.Sh., Grechkina Z.F., Khodasevich L.S. Influence of hydrogen sulfide balneotherapy on microcirculation in arterial hypertension. Questions of balneology, physiotherapy and physical therapy. 2004; 4: 4-7.
  8. Sichinava N.V., Nuvakhova M.B., Yashina I.V., Styazhkina E.M., Lukyanova T.V. Correction of microcirculatory disorders in patients with vertebrogenic radiculopathies. Herald of restorative medicine. 2012; 3: 41-4.
  9. Starshinov D.V., Khodasevich L.S. The influence of physical training on the state of microcirculation in patients with arterial hypertension in a resort. Questions of balneology, physiotherapy and physical therapy. 2012; 1: 7-9.
  10. Bertuglia S., Colantuoni A., Coppini G., Intaglietta M. Hypoxia- or hyperoxia-induced changes in arteriolar vasomotion in skeletal muscle microcirculation. Am. J. Physiol. 1991; 260 (2, Pt 2): H362-72.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.