Imparare a riconoscere la propria fissazione può essere un’importante abilità metacognitiva nella gestione della ricerca di risultati creativi nel design

0
50

Quando si tenta di risolvere un problema, le persone spesso ricorrono a esperienze precedenti che hanno funzionato, a volte senza considerare altre soluzioni.

In altre parole, rimangono nella loro zona di comfort, che gli psicologi chiamano “fissazione”.

I ricercatori dell’Università del Michigan, dell’Università di Limerick e della Iowa State University hanno studiato cosa succede quando i nuovi ingegneri tentano di progettare una soluzione da soli senza esempi: tendono ad attenersi alla loro idea originale e non provare altre opzioni.

“Gli scienziati presumevano che le persone che non vedono un esempio fornito siano libere di perseguire un’ampia varietà di soluzioni; tuttavia, ci siamo chiesti se queste persone possano anche fissarsi sulla loro prima idea , limitando la loro creatività allo stesso modo di un esempio fornito “, ha detto Colleen Seifert, professore di psicologia e docente associato presso il Centro di ricerca per le dinamiche di gruppo a l’Istituto per la ricerca sociale.

Lo studio ha coinvolto la formazione in ingegneria, ma i risultati sono applicabili in tutte le aree della risoluzione creativa dei problemi, dicono i ricercatori.

Circa 120 studenti universitari hanno partecipato a esperimenti per creare una tazza di caffè antigoccia o un portabiciclette montato sull’auto: metà ha visto una soluzione di esempio e l’altra metà non ha ricevuto un esempio, ma ha generato il proprio progetto iniziale.

Tutti gli studenti hanno quindi elaborato altre idee per 30 minuti .

I ricercatori hanno analizzato i concetti di entrambi i gruppi per la somiglianza con la prima soluzione che hanno visto: l’esempio fornito o il loro concetto iniziale.

Sorprendentemente, gli studenti che non hanno visto un esempio fornito hanno mostrato una maggiore fissazione per le loro prime idee. Coloro a cui è stata data una soluzione di esempio iniziale hanno mostrato una certa fissazione, ma non così tanto.

Shanna Daly, professore associato di ingegneria meccanica di UM, ha detto che gli studenti che lavorano senza un esempio fornito hanno creato più concetti di progettazione; tuttavia, erano anche più simili al loro concetto iniziale.

Forse l’introduzione di un progetto di esempio da una fonte esterna – non creata da un individuo – motiva la ricerca di nuove idee, ha detto.

Per considerare se la fissazione sugli esempi iniziali potesse essere mitigata, entrambi i gruppi di studenti hanno continuato a creare più concetti in una seconda fase (30 minuti) utilizzando strategie di creatività, chiamate “Design euristico”, per ispirare idee più varie. Con questi suggerimenti che spingevano gli ingegneri in nuove direzioni, entrambi i gruppi hanno sperimentato meno fissazione durante questa fase e più disponibilità a considerare altre idee.

Quando i progettisti diventano consapevoli delle loro fissazioni, può migliorare il modo in cui risolvono problemi futuri.

“Questi risultati suggeriscono che imparare a riconoscere la propria fissazione può essere un’importante abilità metacognitiva nella gestione della ricerca di risultati creativi nel design”, ha detto Keelin Leahy, docente presso l’Università di Limerick e autore principale dello studio.

Lo studio – che è stato anche co-autore di Seda McKilligan, professore di design industriale all’Iowa State University – appare nel numero di ottobre del Journal of Mechanical Design.


Gran parte della ricerca sulla progettazione ingegneristica può essere suddivisa in due categorie correlate ma distinte. Ci sono progetti che si concentrano sugli strumenti che i designer utilizzano nel tentativo di rendere il processo di progettazione più semplice, più efficiente, più innovativo o in generale più efficace. In alternativa, c’è una ricerca che mira a comprendere gli stessi designer.

In tal modo, i ricercatori tentano di mappare come i designer risolvono i problemi e sviluppano strategie per migliorare questi processi. Il lavoro qui presentato rientra in quest’ultima categoria. Nello specifico, questo lavoro esamina un fenomeno che è stato costantemente osservato e studiato nella ricerca comportamentale, ma molto meno nel lavoro neuroscientifico: la fissazione del design.

La fissazione del design è stata definita come la “cieca adesione a un insieme di idee o concetti che limitano l’output del design concettuale” (Jansson & Smith 1991) ed è un effetto che molti designer devono affrontare durante il processo di progettazione. Poiché la neuroimaging ha dimostrato di essere un metodo utile per ottenere una maggiore comprensione dei processi cognitivi associati a comportamenti specifici, questa ricerca ha utilizzato la neuroimaging per studiare la fissazione del design nel contesto della risoluzione dei problemi di progettazione ingegneristica.

La fissazione del design si verifica spesso nella fase di progettazione concettuale, durante la quale un individuo impegna la propria creatività per generare idee per risolvere un determinato problema di progettazione. Come tale, questo lavoro è informato dal lavoro precedente nelle neuroscienze della creatività. Lo studio della creatività utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) comporta una serie di sfide uniche, come delineato da Abraham (2012, 2013) e Benedek, Christensen & Beaty (2019).

Lo studio comportamentale della creatività implica la generazione di idee in contesti aperti. Il limite di tempo di essere all’interno dello scanner, oltre al vincolo fisico di non potersi muovere mentre si è nello scanner per generare dati utilizzabili, sfida in modo significativo lo studio della creatività utilizzando la fMRI. Inoltre, è più difficile ottenere campioni di dimensioni maggiori nella ricerca fMRI rispetto alla ricerca comportamentale perché la raccolta dei dati richiede molto più tempo e richiede un coinvolgimento fisico.

La cognizione creativa è vista, da alcuni, come distinta dalla cognizione normativa perché richiede “strategie di elaborazione delle informazioni più aperte, non strutturate o non lineari da adottare” (Abraham 2013). Gran parte del lavoro precedente sulla creatività nelle neuroscienze si è concentrato sulle differenze individuali nelle capacità creative e su come queste si manifestano nel cervello (Abraham 2019).

Abraham discute di come la premessa dell ‘”abilità creativa” sia sfidante per i risultati della ricerca perché non è chiaro se questa capacità sia il risultato di altre differenze legate al cervello e perché si basa sulla presunzione che l’abilità creativa sia parzialmente un attributo innato.

Al contrario, Fink et al. hanno trovato prove di una maggiore capacità creativa come risultato dell’allenamento al pensiero divergente, con modelli di attività aumentati nella corteccia parietale inferiore sinistra e nel giro temporale medio sinistro (Fink et al.2015). Altri hanno studiato singoli o piccoli gruppi di pazienti neurologici, come quelli con Parkinson o epilessia, e come la loro condizione influenza le loro capacità creative.

Lo studio presentato in questo articolo è distinto dagli studi precedenti in quanto riconosce che i partecipanti possono avere diversi livelli di capacità creativa e che l’impatto di indurre la fissazione del design non sarà necessariamente modulato da differenze individuali innate / apprese nell’abilità creativa.

Questo studio è di natura esplorativa, con l’obiettivo di accertare se la fissazione del progetto può essere rilevata nell’attivazione cerebrale; non è ancora noto quali regioni del cervello possano essere associate alla fissazione del progetto.

Nella sezione 2, viene presentata la ricerca precedente sulla fissazione del design negli studi comportamentali, insieme a una revisione dell’attuale comprensione delle neuroscienze della creatività. Successivamente, nella Sezione 3, vengono presentate ipotesi più specifiche sulla base della ricerca precedente. La sezione 4 discute brevemente il significato del nostro lavoro.

La Sezione 5 presenta i metodi dello studio condotto qui e le Sezioni 6-9 presentano rispettivamente i risultati, la discussione, i limiti e le conclusioni di questo studio.

Fissazione del design

La fissazione ha significati diversi nei campi della psicologia, delle neuroscienze e della cognizione del design.

In psicologia, Freud ha aperto la strada al termine “fissazione” come “persistenza di tratti sessuali anacronistici” (First 1970), che in seguito si è evoluto in una definizione psicologica più ampia di “relazioni oggettuali con attaccamenti a persone o cose che persistono dall’infanzia alla vita adulta” ( Akhtar 2018).

Nelle neuroscienze, la fissazione si riferisce al “mantenimento dello sguardo visivo su un unico luogo” (Krauzlis & Goffart 2017). Nella ricerca sulla cognizione del design, la fissazione si riferisce alla “cieca adesione a un insieme di idee o concetti che limitano l’output del design concettuale” (Jansson & Smith 1991). In questo studio viene utilizzata la definizione della cognizione del progetto.

La fissazione del progetto può avere impatti negativi sul processo di progettazione. Di conseguenza, questo problema è rilevante per i professionisti del design, così come per gli educatori del design (Purcell & Gero 1996).

Ad esempio, la presenza di una soluzione di esempio (buona o cattiva) può comportare il trasferimento di attributi dall’esempio alla nuova soluzione, rendendo così più difficile lo sviluppo di una nuova soluzione (Chrysikou & Weisberg 2005). Sebbene questo tipo di fissazione possa essere facilmente osservato, ci sono diversi fattori, come la comunanza dell’esempio (Purcell et al.1993) e il dominio del problema (Purcell & Gero 1996; Goldschmidt 2011), che influenzano la fissazione sarà presente.

A causa dell’impatto potenzialmente significativo che la fissazione può avere sull’output del processo di progettazione, lo sviluppo di metodi più efficaci per mitigare e potenzialmente prevenire la fissazione del progetto è un’importante area di ricerca.

I ricercatori hanno studiato una varietà di fattori diversi che contribuiscono alla fissazione del progetto. Linsey et al. osservato una fissazione significativa che si manifesta sia negli studenti che negli esperti quando viene fornita una soluzione di esempio (Linsey, Viswanathan & Gadwal 2010).

Sebbene i progettisti principianti ed esperti possano sperimentare livelli di fissazione comparabili, l’efficacia delle strategie di defissazione può differire in base al livello di esperienza del progettista (Viswanathan & Linsey 2013a). Nel lavoro di Agogué et al., Gli autori dimostrano che la fissazione può differire da soggetto a soggetto in base all’età e al livello di istruzione (Agogué et al.2014). Progettare come una squadra contro come un individuo è un altro fattore che può influenzare l’impatto della fissazione del design (Fu, Cagan & Kotovsky 2010).

Youmans ha osservato che i modelli fisici hanno un impatto positivo sulla fissazione del design (Youmans 2011). I risultati di quello studio hanno mostrato meno fissazione con la soluzione di esempio quando è stato utilizzato un prototipo fisico. Viswanathan e Linsey sostengono che i modelli fisici possono integrare il modello mentale di un designer, portando a impatti positivi sulla fissazione e sulla qualità dell’idea (Viswanathan & Linsey 2013b).

La progettazione per analogia è correlata alla fissazione perché l’analogia richiede l’esame, l’astrazione e la mappatura dei concetti da una fonte esterna al problema di progettazione in questione. L’esposizione a fonti esterne, come soluzioni esemplificative, può essere vantaggiosa ai fini della progettazione per analogia o può essere dannosa causando fissazione.

La distanza analogica delle soluzioni di esempio dal problema di progettazione può anche avere un impatto sulla fissazione del progetto. Sebbene ci siano prove che soluzioni esemplificative che sono concettualmente lontane dal problema portano a una minore fissazione (Purcell & Gero 1992), questo non è sempre il caso (Fu et al. 2013). Chan et al. ha mostrato che soluzioni di esempio concettualmente vicine possono essere più utili per la progettazione per analogia rispetto a quelle lontane (Chan, Dow & Schunn 2015).

Koh e De Lessio hanno dimostrato che l’esposizione a documenti brevettuali (una forma di soluzione esemplificativa / stimoli analogici) prima della risoluzione dei problemi nel tentativo di evitare la violazione potrebbe ancora portare alla fissazione (Koh & De Lessio 2018). Moss et al. ha mostrato che i suggerimenti utili (esempi / suggerimenti) sono più efficaci se presentati dopo un periodo di lavoro iniziale che all’inizio della risoluzione dei problemi (Moss, Kotovsky & Cagan 2011).

Inoltre, una meta-analisi di 43 studi di progettazione presentati da Sio et al. evidenza rafforzata dell’effetto significativo che la presentazione e la composizione degli esempi possono avere sulla fissazione del progetto (Sio, Kotovsky & Cagan 2015). Al fine di indurre la fissazione intenzionalmente, questo studio utilizza soluzioni esemplificative in campo vicino all’inizio della risoluzione dei problemi.

Come discusso, ci sono numerosi fattori che contribuiscono al livello di fissazione sperimentato durante la risoluzione dei problemi. Sebbene siano stati compiuti progressi nell’affrontare questi fattori in modo che la fissazione possa essere interrotta o evitata del tutto (Smith & Linsey 2011; Vasconcelos et al.2017; Crilly 2018), tali strategie trarrebbero vantaggio da una maggiore comprensione dei meccanismi cognitivi che ne sono alla base fenomeno.

Il lavoro qui presentato ha utilizzato l’fMRI per osservare l’attività cerebrale mentre i progettisti risolvono i problemi. L’obiettivo finale è acquisire informazioni sulle aree del cervello che sono attive durante la fissazione al fine di sviluppare metodi migliori che contrastino la fissazione del progetto.

Ipotesi

Poiché la fissazione del progetto è correlata all’elaborazione cognitiva, è interessante studiare se la fissazione del progetto può essere rilevata nell’attivazione cerebrale e non è ancora noto quali regioni del cervello possano essere associate alla fissazione del progetto. Sulla base di ricerche precedenti, sono state formulate le seguenti tre ipotesi:

Ipotesi 1 . Il pensiero fisso si basa su processi cognitivi distinti. Pertanto, la fissazione e la sua mitigazione possono essere rilevate nel cervello di una persona mentre sta lavorando a un problema di progettazione. Particolari regioni del cervello saranno identificate come più attive.

Questa è un’ipotesi esplorativa generale, derivata dalla consistente evidenza della fissazione del design trovata negli studi comportamentali nella cognizione del design (Jansson & Smith 1991; Purcell & Gero 1996; Linsey et al. 2010).

Ipotesi 2. La fissazione del progetto è associata alla corteccia prefrontale anteriore e dorsale (che è coinvolta nei processi cognitivi di alto livello), alla corteccia visiva secondaria e alle aree associate al linguaggio e alla memoria.

Questa ipotesi deriva da studi che hanno dimostrato che la corteccia prefrontale dorsolaterale è associata a processi esecutivi, come l’attenzione e la memoria di lavoro (Curtis & D’Esposito 2003). Poiché uno degli indicatori della fissazione del progetto è il trasferimento delle caratteristiche, è plausibile che le informazioni passino attraverso la memoria di lavoro durante questo processo. Inoltre, la visualizzazione di immagini di soluzioni di esempio può portare all’attivazione nella corteccia visiva secondaria, un’area associata all’elaborazione visiva (Arslan 2016).

Ipotesi 3. Le aree motorie e premotorie del cervello (aree che si attivano mentre le persone immaginano il movimento) sono attive durante il processo di generazione di soluzioni per problemi di progettazione meccanica.

Ci si aspetta che parte del processo di ideazione comporti l’immaginazione dell’uso di qualsiasi potenziale soluzione. L’ipotesi 3 deriva da un lavoro precedente in cui la manipolazione mentale degli oggetti ha portato a schemi di attivazione simili a quelli osservati quando i soggetti manipolano fisicamente gli oggetti (Vingerhoets, De Lange & Vandemaele 2002).

Discussione

L’ipotesi 1 riguarda la rilevazione e l’osservazione della fissazione nel cervello di un designer mentre lavora alla generazione di soluzioni progettuali. Questa ipotesi è stata supportata dai risultati di questo studio. I risultati del sondaggio mostrano che i partecipanti hanno avuto difficoltà a generare soluzioni distinte dalle soluzioni di esempio, fornendo prove che la fissazione si è verificata a un certo livello.

È probabile che la presenza dell’esempio, così come la fissazione di accompagnamento, sia un fattore che contribuisce al modello unico di attivazione che si osserva quando si confronta la condizione Esempio con la condizione Nessun esempio.

Sebbene non sia stata trovata alcuna attivazione nella corteccia prefrontale come teorizzato nell’ipotesi 2, l’attivazione è stata trovata nel lobo occipitale, dove si trova la corteccia visiva. L’attivazione nel giro occipitale medio (MOG) è coerente con lo sforzo mentale dei partecipanti per elaborare le informazioni nell’immagine della soluzione di esempio.

Come notato in precedenza, quasi la metà dei partecipanti ha riferito di difficoltà a trovare soluzioni completamente diverse dagli esempi. L’attivazione nella regione del precuneus potrebbe essere il risultato del tentativo dei partecipanti di richiamare esperienze precedenti con aspetti dei problemi di progettazione, nonché tentativi di contestualizzare la soluzione di esempio.

Anche l’ipotesi 3 è stata supportata dai risultati di questo studio. Le aree in cui è stata trovata l’attivazione sono spesso associate all’elaborazione spaziale e sono molto vicine alla regione associata al movimento diretto all’obiettivo.

Il lobulo parietale, associato al flusso dorsale, e l’IFG, associato al flusso ventrale, contribuiscono all’elaborazione dell’immagine facilitando il riconoscimento della posizione e dell’identità di un oggetto, rispettivamente. Recenti scoperte hanno portato alcuni ricercatori a concludere che le aree del cervello parietale e occipitale svolgono un ruolo significativo nell’immaginario mentale (Fink et al. 2014).

Questo modello di attivazione può essere il risultato dei soggetti che immaginano le loro potenziali soluzioni. Essendo una parte importante della corteccia visiva, il MOG svolge anche un ruolo importante nell’elaborazione semantica delle immagini visive (Vandenberghe et al. 1996). L’attivazione osservata in queste aree durante la condizione di esempio è coerente con i soggetti che si impegnano per elaborare l’immagine fornita come soluzione di esempio.

Inoltre, il MOG è collegato alla regione corporea extrastriata descritta da Astafiev et al. (Astafiev et al. 2004). Questa regione, situata nella corteccia occipitale laterale, è associata alla percezione del movimento del corpo e ai movimenti diretti all’obiettivo. Questo modello può essere il risultato dei soggetti che immaginano come interagirebbero con le loro soluzioni.

Il nostro cervello è in grado di prevedere e compensare i cambiamenti nel comportamento meccanico di un sistema alterando i nostri modelli interni. Questa strategia può essere accompagnata da una maggiore attivazione nel MOG (Shadmehr & Holcomb 1997).

Qiu et al. ha usato la risonanza magnetica per osservare l’attivazione durante le condizioni “Aha e No-aha” mentre i soggetti risolvevano enigmi di parole basati sulla visualizzazione. Tra le altre aree, è stata osservata una maggiore attivazione nel giro occipitale precuno e inferiore e collegata agli effetti “Aha” che indicano che il giro occipitale inferiore può avere un ruolo nella riorganizzazione dello stimolo visivo (Qiu et al. 2010).

Inoltre, una varietà di compiti creativi è stata associata ad una maggiore attivazione nel MOG (Howard-Jones et al.2005; Ellamil et al.2012; Aziz-Zadeh, Liew & Dandekar 2013; Boccia et al.2015; Chen et al. . 2015). In un’opera di Chrysikou e Thompson-Schill, i soggetti avevano il compito di escogitare usi insoliti per oggetti familiari.

Soluzioni che sono state giudicate basate sulla percezione (ovvero, contenenti proprietà visibili o disponibili senza una conoscenza preliminare dell’identità dell’oggetto (ad esempio, racchetta da tennis: da usare come una racchetta da neve) o proprietà visibili o disponibili senza una conoscenza preliminare dell’identità dell’oggetto (ad esempio , sedia: da usare come legna da ardere)) erano accompagnate da una maggiore attivazione nella corteccia occipitale media (Chrysikou & Thompson-Schill 2011). L’attivazione MOG presente in questo studio può indicare un focus sull’incorporazione di attributi dalle soluzioni di esempio.

Rispetto alla condizione Nessun esempio, la disattivazione è stata osservata nell’LG, un’area associata all’elaborazione di immagini di lettere e ricordi visivi. Questo modello di attività suggerisce che la presenza dell’immagine di esempio potrebbe aver spostato il focus dello sforzo mentale dei soggetti dal suggerimento di progettazione all’immagine di esempio e potenzialmente limitato il loro pensiero.

La disattivazione è stata osservata anche nell’SFG sinistro e destro. Queste aree sono vicine alla corteccia prefrontale, che è stata considerata una delle principali aree che contribuiscono alla creatività (Dietrich 2004) e al pensiero divergente (Beaty et al.2017).

Sulla base dell’analisi ROI, è stata trovata una significativa correlazione negativa tra i valori beta medi nel ROI SFG e i punteggi di novità. Ciò indica che, all’interno di questo studio, all’aumentare dei punteggi di novità, l’attività nell’SFG diminuisce a seconda delle condizioni e dei problemi di progettazione.

Una meta-analisi di 45 studi fMRI ha prodotto approfondimenti in alcune delle aree comunemente associate alle attività creative musicali, verbali e visuospaziali (Boccia et al.2015). In questo contesto, le attività verbali includevano compiti come trovare usi non comuni per oggetti di uso quotidiano.

L’analisi ha rilevato che le attività creative verbali avevano maggiori probabilità di essere associate all’attivazione in diverse aree, tra cui la corteccia prefrontale, il giro temporale medio e superiore, il MOG, il giro frontale inferiore destro e l’LG. Il modello di disattivazione osservato in questo lavoro può indicare una diminuzione dei processi creativi quando viene fornito un esempio.

I risultati della risoluzione dei problemi di progettazione non hanno indicato differenze statisticamente significative in termini di novità o qualità tra le condizioni Esempio e Nessun esempio. Tuttavia, differenze significative nel trasferimento delle caratteristiche hanno indicato che la fissazione è stata indotta con successo, come è stato fatto in modo coerente in studi precedenti che utilizzano l’ideazione del design su carta.

I risultati indicano anche differenze statisticamente significative tra le condizioni di fissazione nei dati fMRI. Con queste informazioni, saremo in grado di progettare studi successivi con tecniche di imaging che mirano alle aree di interesse trovate qui senza limitare il movimento a un grado così elevato. Una tecnologia promettente è la spettroscopia funzionale del vicino infrarosso (fNIRS).

Questa tecnologia, che utilizza la luce infrarossa per acquisire segnali BOLD in ambienti più naturali, è già stata utilizzata con successo in alcune indagini su attività legate al design (Shealy, Hu & Gero 2018).

Il problema di progettazione risolto in esperimenti come questo può avere un impatto significativo sui risultati nei risultati dei dati di progettazione. È probabile che il livello di difficoltà o di comunanza o la familiarità dei soggetti con il problema influiscano sul trasferimento delle caratteristiche, sulla qualità e sulla novità delle soluzioni progettuali, come mostrato nel lavoro precedente (Chan et al. 2011).

Un modo per mitigare questa variabilità consiste nel testare più problemi di progettazione all’interno della stessa configurazione sperimentale per determinare se gli effetti sono robusti ai cambiamenti nel problema di progettazione. La generalizzabilità dei risultati sperimentali nella scienza del design è sempre limitata dal contesto in cui i dati sono stati raccolti; questa è una sfida continua per la ricerca nel design basata sul soggetto umano.

Uno studio di Kumar e Mocko ha utilizzato l’analisi semantica latente per confrontare i problemi di progettazione utilizzati nella ricerca sulla cognizione del progetto, trovando un’elevata correlazione con l’obiettivo di un problema, requisiti funzionali, requisiti non funzionali e riferimento a un prodotto esistente e bassa correlazione con informazioni sull’utente finale.

Ciò indica l’importanza di utilizzare problemi di progettazione simili o con benchmark nella progettazione sperimentale per aumentare la capacità di confrontare i risultati tra esperimenti (Kumar & Mocko 2016).

Quando si riflette su come questi risultati potrebbero influenzare la pratica del design, è importante ricordare che la letteratura indica che i progettisti spesso non sono nemmeno consapevoli della propria fissazione del design (Linsey et al. 2010). Quando si sceglie il processo, gli strumenti, i passaggi e l’ordine delle attività di progettazione, i risultati di questo studio indicano che è importante per i progettisti considerare che il loro sforzo mentale può essere distolto dal compito di ideazione desiderato se si è verificata la fissazione.

Ad esempio, se un designer sta esaminando soluzioni preesistenti per il benchmarking e l’analisi di ricerche di mercato, esporsi a queste “soluzioni di esempio” prima o durante la generazione del concetto può fargli sperimentare la fissazione. La concentrazione ridotta o l’energia mentale utilizzata in un’attività può portare a stanchezza, minore produttività e frustrazione. Se la fissazione può essere stata indotta, i progettisti potrebbero scegliere in modo proattivo di utilizzare tecniche di mitigazione per rinvigorire il loro processo di ideazione e i risultati.

link di riferimento: https://www.cambridge.org/core/journals/design-science/article/using-fmri-to-deepen-our-understanding-of-design-fixation/2DD81FEE8ED682F6DFF415BF2948EFA6/core-reader


Ulteriori informazioni:  Keelin Leahy et al. Fissazione del progetto dagli esempi iniziali: idee fornite rispetto a quelle auto-generate,  Journal of Mechanical Design  (2020). DOI: 10.1115 / 1.4046446

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.