I ricercatori hanno sviluppato un nuovo tipo di vaccino terapeutico preciso contro la leucemia

0
89

L’esplorazione di nuovi antigeni della leucemia e la costruzione di sistemi di somministrazione appropriati utilizzando materiale approvato dalla FDA sono strategie importanti per lo sviluppo di vaccini contro la leucemia per uso clinico.

I ricercatori dell’Istituto di ingegneria di processo (IPE) dell’Accademia cinese delle scienze e dell’ospedale Zhujiang della Southern Medical University hanno sviluppato un nuovo tipo di vaccino terapeutico preciso contro la  leucemia .

Utilizza microcapsule di acido polilattico autorigeneranti per co-incapsulare un nuovo epitopo peptide e l’anticorpo PD-1.

Lo studio è stato pubblicato su  Nature Biomedical Engineering  il 12 ottobre.

Sebbene sia stata stabilita la possibilità di trattare la leucemia attraverso la vaccinazione, le prestazioni terapeutiche sono ancora al di sotto delle aspettative in clinica.

“I nostri risultati clinici hanno rivelato l’alta espressione di EPS8 e PD-1 / PD-L1 nei pazienti leucemici , che potrebbero essere rispettivamente utilizzati come un nuovo tipo di antigene leucemico e un punto di controllo per un vaccino contro la leucemia “, ha detto il Prof. Li Yuhua di Ospedale di Zhujiang.

Nel nuovo vaccino, i peptidi epitopici e gli anticorpi PD-1 possono essere caricati in modo semplice, leggero ed efficiente in microcapsule di acido polilattico, facilitato dall’esclusiva caratteristica di auto-guarigione della microcapsula.

Gli scienziati sviluppano un nuovo vaccino terapeutico preciso contro la leucemia
Potente attività anti-leucemica nel modello PDX Credito: WEI Wei

Dopo una singola vaccinazione, la deposizione e la degradazione di microcapsule nel sito di iniezione locale portano al reclutamento di cellule presentanti l’antigene attivato e al rilascio prolungato di entrambi i carichi.

“Con il sinergismo di questi due aspetti, abbiamo osservato un miglioramento significativo nell’attivazione specifica dei linfociti T citotossici (CTL)”, ha affermato il prof. Wei Wei dell’IPE.

I ricercatori hanno anche verificato la disponibilità del nuovo vaccino utilizzando vari peptidi epitopici in diversi modelli, come la leucemia murina , lo xenotrapianto di leucemia derivato da linee cellulari umanizzate (CDX) e i modelli di xenotrapianto di leucemia derivata dal paziente (PDX).

La formulazione a base di microcapsule ha dimostrato le sue prestazioni superiori rispetto a quella dell’adiuvante ISA (adiuvante commercializzato) in tutti i modelli terapeutici della leucemia , mostrando la promessa del vaccino a base di microcapsule per l’uso contro vari antigeni della leucemia in clinica.

“Con i vantaggi del materiale di acido polilattico approvato dalla FDA, la comodità nella preparazione della formulazione del vaccino, la diversità dei componenti del vaccino e l’eccellente effetto terapeutico, il vaccino a base di microcapsule mostra un grande potenziale per la traduzione clinica”, ha detto il Prof. Ma Guanghui dell’IPE.

Un revisore tra pari di  Nature Biomedical Engineering ha  descritto lo studio come “completo per una nuova piattaforma”. Il revisore ha anche sottolineato che il lavoro è “entusiasmante e convincente”.


Terapia del recettore dell’antigene chimerico nelle neoplasie ematologiche: target antigenici e loro progresso nella ricerca clinica

L’immunoterapia basata sul recettore dell’antigene chimerico (CAR) ha ottenuto un notevole successo nel trattamento delle neoplasie dei linfociti B, sulla base della sintesi dei dati di ricerca attuali, e ha mostrato un buon potenziale negli studi clinici sul cancro in fase iniziale. I costrutti modificati vengono ottimizzati per riconoscere e distruggere le cellule tumorali in modo più efficace.

Mirando agli antigeni specifici della linea B appropriati come CD19 e CD20, l’immunoterapia adottiva ha dimostrato risultati clinici promettenti e svolge già un ruolo nel trattamento di diverse neoplasie linfoidi, il che evidenzia l’importanza della selezione del target per altre terapie CAR.

L’elevata efficacia delle cellule CAR-T ha portato all’approvazione delle cellule CAR-T dirette anti-CD19 per il trattamento delle neoplasie dei linfociti B.

In questa recensione, ci concentriamo sulla struttura di base e sull’attuale applicazione clinica delle cellule CAR-T, dettagliamo i progressi della ricerca di CAR-T per diversi bersagli antigenici nelle neoplasie ematologiche e discutiamo ulteriormente le attuali barriere e soluzioni proposte, indagando i possibili meccanismi di recidiva della terapia cellulare CAR-T.

Viene inoltre fornito un riepilogo del documento alla panoramica delle prospettive per questa terapia.

link di riferimento: https://link.springer.com/article/10.1007/s00277-020-04020-7


Ulteriori informazioni:  vaccinazione terapeutica contro la leucemia tramite il rilascio prolungato di anti-PD-1 co-incapsulato e un antigene associato alla leucemia. Nature Biomedical Engineering  (2020). DOI: 10.1038 / s41551-020-00624-6

/// ??? https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/adma.202002085

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.