COVID-19: le politiche sociali di allontanamento hanno avuto scarso effetto sulle persone a basso reddito

0
120

Un nuovo studio della Boston University School of Public Health sui primi quattro mesi dell’epidemia di coronavirus in America , pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour, mostra che le politiche di allontanamento fisico (chiamato anche “distanziamento sociale”) hanno avuto scarso effetto sulle persone a basso reddito che ancora ne hanno bisogno. lasciano le loro case per andare a lavorare, ma mostra loro di restare a casa quando possono.

“Se le persone a basso reddito ignorassero semplicemente la tendenza all’allontanamento fisico, ci saremmo aspettati che continuassero ad andare in posti come supermercati, negozi di liquori e parchi alle stesse tariffe di prima.

Invece, le loro visite sono diminuite quasi alla stessa velocità del gruppo a più alto reddito “, afferma l’autore principale dello studio, il dott. Jonathan Jay, assistente professore di scienze della salute della comunità presso BUSPH.

“Questo indica che le persone a basso reddito erano altrettanto consapevoli e motivate delle persone a reddito più alto a proteggersi dal COVID-19 , ma semplicemente non potevano restare a casa tanto perché avevano bisogno di andare a lavorare”, dice.

Jay e colleghi hanno utilizzato dati sulla mobilità resi anonimi dagli smartphone in oltre 210.000 quartieri (gruppi di censimenti) in tutto il paese, ciascuno classificato in base al reddito medio.

Sono stati in grado di vedere se le persone di questi quartieri rimanevano a casa, uscivano di casa e sembravano essere al lavoro, rimanendo in un altro luogo per almeno tre ore durante l’orario di lavoro tipico o effettuando più fermate che sembravano un lavoro di consegna.

I ricercatori hanno anche monitorato il movimento verso “punti di interesse”: negozi di birra, vino e liquori; ristoranti da asporto; minimarket; ospedali; parchi e campi da gioco; luoghi di culto; e supermercati.

“La differenza nella distanza fisica tra quartieri a basso e alto reddito durante il blocco era semplicemente sbalorditiva”, afferma il coautore dello studio, il dottor Jacob Bor, assistente professore di salute globale ed epidemiologia presso BUSPH.

“Mentre le persone nei quartieri ad alto reddito si ritiravano negli uffici domestici, le persone nei quartieri a basso reddito dovevano continuare ad andare a lavorare – e i loro amici, familiari e vicini dovevano fare lo stesso”, dice. “Vivere in un quartiere a basso reddito è probabilmente un fattore di rischio chiave per l’ infezione da COVID-19″.

Per analizzare il ruolo svolto dalle politiche in questi modelli di mobilità, il ricercatore ha utilizzato il COVID-19 US State Policy Database (CUSP), un progetto guidato dalla coautrice dello studio, la dott.ssa Julia Raifman, assistente professore di diritto sanitario, politica e gestione presso BUSPH.

Hanno scoperto che l’enorme calo della mobilità all’inizio di marzo aveva poco a che fare con la politica statale, seguendo modelli simili in stati diversi indipendentemente da quando i loro ordini sono entrati in vigore. Quando le politiche statali entrarono in vigore, diminuirono ulteriormente la mobilità, ma non fecero nulla per colmare il divario tra quartieri a basso e alto reddito.

“Gli ordini non hanno avuto l’effetto di rendere più facile restare a casa per le persone a basso reddito”, dice Jay.

Ma sono rimasti a casa il più possibile, visitando meno luoghi non domestici, il che contrasta con una narrativa importante su come diversi gruppi di persone hanno risposto a COVID, dice Jay . “All’inizio della pandemia, si parlava molto di ‘non conformità’ e raramente era rivolto alle persone con più potere e privilegio”, dice.

“Abbiamo trovato forti prove di rispetto tra le persone che sono economicamente più emarginate, che a causa del razzismo strutturale include in modo sproporzionato le persone di colore. Con lo scoppio della pandemia, le prove di cattive pratiche di sicurezza ai massimi livelli di potere sono diventate più chiare.

“Tuttavia, è profondamente preoccupante che durante la pandemia, restare a casa sia stata una scelta per alcune persone e non per altri”.

I ricercatori affermano che le chiusure sono uno strumento importante per gli stati e le città per prevenire la diffusione del coronavirus, ma che devono essere accompagnate da altre politiche che facilitino la protezione dei lavoratori in prima linea.

“Il fatto che le persone che vivono in famiglie a basso reddito abbiano maggiori probabilità di essere esposti al COVID-19 sul lavoro aumenta l’importanza delle politiche complementari, come i requisiti di mascheramento negli spazi interni, che proteggono i lavoratori essenziali dal COVID-19 ” , afferma Raifman.

“Uno degli argomenti più importanti per i mandati delle maschere è che proteggono le persone che si trovano negli spazi pubblici non perché vogliono esserlo, ma perché presentarsi è come far quadrare i conti”, dice Jay.

Indica anche “politiche che rendono più facile lavorare da casa, rimanere a casa malati e non accettare un nuovo lavoro rischioso solo per mettere il cibo in tavola”.

Tuttavia, dice Jay, le politiche che rendono più facile restare a casa aiutano solo se le persone hanno una casa. Mentre un’ondata di sfratti e pignoramenti investe il paese, afferma che l’estensione delle moratorie e l’adozione di altre politiche abitative continuano a essere una parte importante del quadro.


La Cina ha segnalato un nuovo coronavirus a Wuhan, nella provincia di Hubei, il 31 dicembre 2019 (Gralinski e Menachery 2020). Wuhan è una città urbana situata nella parte centrale della Cina. Si tratta di un importante centro di trasporto e business. Casi sospetti e confermati hanno cominciato ad apparire in varie parti dello stato.

La Cina ha condiviso la nuova sequenza genica della polmonite da coronavirus il 12 gennaio 2020. Al 22 gennaio 2020, 571 casi di COVID-19 erano stati segnalati in 25 province (compresi distretti e città) in Cina (Lu 2020). I pazienti hanno mostrato sintomi respiratori tipici (come febbre, tosse, mancanza di respiro e infiltrazione polmonare infiammatoria) e altri sintomi come affaticamento, mialgia e diarrea (Huang et al.2020).

Alcuni casi erano atipici o mostravano sintomi asintomatici in questa epidemia. L’11 febbraio 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha chiamato questa polmonite Coronavirus Disease-2019 (COVID-19). A partire dal 13 aprile 2020, nuovi casi di polmonite da coronavirus sono stati confermati in 200 paesi e regioni del mondo.

Il tasso di mortalità (CFR) di COVID-19 è stato del 2,3% (44/1023), molto inferiore a quello di SARS (10%) e MERS (36%) (de Wit et al.2016; Wu e McGoogan 2020). I pazienti sospetti di COVID-19 (con sintomi) possono essere diagnosticati mediante TC del torace e kit di reazione a catena della polimerasi (PCR).

Tuttavia, non c’erano farmaci antivirali efficaci specifici per il trattamento e il vaccino era ancora in fase sperimentale (Zumla et al.2016).

Strategie per combattere la situazione epidemica

Gli esseri umani hanno un modo molto antico ma estremamente efficace per rispondere a focolai improvvisi di malattie infettive: l’isolamento. Il fulcro dell’epidemia di malattia infettiva risiede nella sua infettività: può essere trasmessa direttamente o indirettamente da una persona a una o più persone (Li 2020).

Se una persona che ha la malattia non può diffonderla a più di una persona, la malattia scomparirà gradualmente. Come altri virus come SARS e MARS, sebbene ogni malattia infettiva abbia le sue nuove caratteristiche, la prevenzione e il controllo coinvolgono tre fattori: l’agente patogeno, la via di trasmissione e la popolazione suscettibile.

Ci sono tre elementi fondamentali dell’isolamento: trovare e gestire la fonte dell’infezione; tagliare i canali di trasmissione; proteggere i gruppi vulnerabili (Mikulska 2019).

In Cina, lo stato ha adottato misure decisive per implementare l’isolamento medico per i pazienti e stretti contatti, bloccare il traffico, annullare le attività pubbliche e richiedere alle persone di indossare maschere e lavarsi spesso le mani. Forti misure di controllo sono state attuate in città come Wuhan, dove era concentrata la fonte dell’infezione, mentre anche altre province e città hanno condotto un attento screening e isolamento dei casi esportati. È interessante notare che, dopo che questa strategia è stata identificata, le province e le aree hanno risposto positivamente e rapidamente.

Le aree residenziali hanno anche formulato sistemi di viaggio pertinenti, utilizzando software sociali per controllare gli spostamenti di ciascun residente, e anche il flusso di persone tra le diverse aree è stato strettamente controllato.

Ad esempio, una persona di ogni famiglia potrebbe uscire ogni 2 giorni per acquistare beni di prima necessità; nei luoghi pubblici la distanza tra le persone in linea doveva essere> 2 m; la consegna espressa e da asporto consentiva anche la consegna senza contatto. La ricerca ha dimostrato che le misure di allontanamento sociale erano più efficaci quando il ritorno al lavoro su larga scala è avvenuto all’inizio di aprile.

Ciò ha ridotto il numero mediano di infezioni del 92% (IQD 66–97) e del 24% (IQD 13–90) rispettivamente a metà del 2020 ed entro la fine del 2020 (Prem et al. 2020). Questa volta, rispetto all’epidemia di SARS del 2003, la situazione era più complicata, compreso il momento dello scoppio nella posizione geografica di Wuhan a causa dei movimenti legati al Festival di Primavera, ma è stato mostrato un controllo molto efficace della diffusione della pandemia in Cina.

Riduzione dei contatti

Il distanziamento sociale implicava il mantenimento di una distanza di 1,5 m tra le persone, che può prevenire la diffusione della maggior parte delle malattie infettive respiratorie. La distanza sociale è una delle misure più efficaci per ridurre la diffusione del virus, che viene trasmesso dalle goccioline d’aria. Le goccioline prodotte dalla tosse, dagli starnuti o dal parlare forzato hanno una certa distanza di trasmissione.

Mantenendo questa distanza, possiamo ridurre la diffusione del virus. Indossare maschere, lavarsi spesso le mani e disinfettare con alcol aiuta anche a prevenire la diffusione del virus da una persona all’altra. Per controllare la malattia, l’Organizzazione mondiale della sanità ha raccomandato ai paesi di rafforzare la rilevazione dei casi, tracciare e monitorare i contatti, praticare l’isolamento da contatti stretti e isolare i casi, nonché implementare il controllo del traffico e sospendere i grandi raduni.

Un nuovo modello di previsione della polmonite da coronavirus è stato stabilito utilizzando i big data dell’Indice di salute e valutazione dell’Università di Washington (IHME) (IHME 2020). L’analisi della situazione epidemica in sette città bloccate a Wuhan, in Italia e in Spagna ha mostrato che il mantenimento delle distanze sociali ha davvero raggiunto risultati.

Poiché queste città hanno implementato blocchi, l’epidemia ha raggiunto rapidamente un picco, fino ad ora non è più salita. Erin Mordecai, biologa della Stanford University, e un team di ricercatori hanno sviluppato un simulatore interattivo per simulare la diffusione del COVID-19 nel tempo, dimostrando il ruolo dell’isolamento sociale e del distanziamento sociale nel controllo dell’epidemia (Erin 2020).

In particolare, il governo ha adottato rapidamente la strategia corretta, ad esempio l’allontanamento sociale, controllando così il tasso di aumento dei casi e guadagnando più tempo per i medici. Se non fosse stato così, sarebbe stato impossibile per il personale medico di altre province andare a Wuhan per il supporto, e Wuhan sembrava essere l’unica città in cui si è verificata l’epidemia.

In termini di costi, l’allontanamento sociale consente anche di risparmiare risorse mediche, come maschere, disinfettanti per le mani, disinfettanti a base di alcol, ecc. Ciò offre ai nostri professionisti sanitari, ospedali e altre istituzioni più tempo prezioso per prepararsi, prevenire la malattia e aiutare le persone che hanno è stato diagnosticato un coronavirus.

Ci sono stati 50.633 casi confermati nell’Hubei il 18 febbraio 2020, a causa di un picco dopo la chiusura della città. Quindi, il numero di casi ha cominciato a diminuire. Al 13 aprile, il numero di casi confermati nella provincia di Hubei era 244.

Tuttavia, ci sono obiezioni all’allontanamento sociale. Thomas Abel ha riferito che l’allontanamento sociale potrebbe portare a depressione e ansia in alcune persone (Abel e McQueen 2020) e che le misure di allontanamento sociale non sono appropriate in questa situazione perché causeranno più panico e ansia tra le persone, il che avrà anche un impatto su stabilità sociale.

Naturalmente, questa crisi ha impatti psicologici sui pazienti, sugli operatori sanitari e sulla popolazione. Tuttavia, dovremmo fornire regolarmente supporto psicologico invece di fermare le misure di allontanamento sociale (Kim e Su 2020).

Riferimenti

  1. Abel T, McQueen D. La pandemia COVID-19 richiede il distanziamento spaziale e la vicinanza sociale: non il distanziamento sociale! Int J Public Health. 2020; 65: 231. doi: 10.1007 / s00038-020-01366-7. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  2. de Wit E, van Doremalen N, Falzarano D, Munster VJ. SARS e MERS: recenti approfondimenti sui coronavirus emergenti. Nat Rev Microbiol. 2016; 14: 523–534. doi: 10.1038 / nrmicro.2016.81. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  3. Il modello interattivo sviluppato da Erin M (2020) a Stanford esplora il modo in cui i diversi interventi influenzano la diffusione di COVID-19. IOP Publishing Stanford News Web. https://news.stanford.edu/2020/03/30/modeling-social-distancings-impact/ . Accesso 30 marzo 2020
  4. Gralinski LE, Menachery VD. Ritorno del coronavirus: 2019-nCoV. Virus-Basilea. 2020; 12: 135. doi: 10.3390 / v12020135. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  5. Huang C, Wang Y, Li X, et al. Caratteristiche cliniche dei pazienti infetti dal nuovo coronavirus del 2019 a Wuhan, in Cina. Lancetta. 2020; 395: 497–506. doi: 10.1016 / S0140-6736 (20) 30183-5. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  6. IHME (2020) IHME COVID-19 team di previsione dell’utilizzo del servizio sanitario. previsione dell’impatto del COVID-19 sui giorni di degenza in ospedale, in terapia intensiva, giorni di ventilazione e decessi da parte dello Stato USA nei prossimi 4 mesi. New York: MedRxiv. 10.1101 / 2020.03.27.20043752
  7. Kim S, Su K (2020) Utilizzo della psiconeuroimmunità contro COVID-19. Brain Behav Immun. 10.1016 / j.bbi.2020.03.025
  8. Li T.Diagnosi e gestione clinica dell’infezione da coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2): una raccomandazione operativa del gruppo di lavoro del Peking Union Medical College Hospital (V2.0) del nuovo coronavirus del 2019, ospedale universitario di Pechino. Emerg Microbes Infec. 2020; 9: 582–585. doi: 10.1080 / 22221751.2020.1735265. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  9. Lu H.Opzioni di trattamento farmacologico per il 2019-nuovo coronavirus (2019-nCoV) Biosci Trends. 2020; 14: 69–71. doi: 10.5582 / bst.2020.01020. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  10. Mikulska M. Controllo delle infezioni e procedure di isolamento. In: Enric C, Carlo D, Mohamad M, Nicolaus K, editori. Il manuale EBMT. 27. Svizzera: Springer, Cham; 2019. pagg. 189–195. [ Google Scholar ]
  11. Prem Kiesha, Liu Yang, Russell Timothy W, Kucharski Adam J, Eggo Rosalind M, Davies Nicholas, Jit Mark, Klepac Petra, Flasche Stefan, Clifford Samuel, Pearson Carl AB, Munday James D, Abbott Sam, Gibbs Hamish, Rosello Alicia, Quilty Billy J, Jombart Thibaut, Sun Fiona, Diamond Charlie, Gimma Amy, van Zandvoort Kevin, Funk Sebastian, Jarvis Christopher I, Edmunds W John, Bosse Nikos I, Hellewell Joel. L’effetto delle strategie di controllo per ridurre il mescolamento sociale sugli esiti dell’epidemia di COVID-19 a Wuhan, in Cina: uno studio di modellazione. The Lancet Public Health. 2020; 5 (5): e261 – e270. doi: 10.1016 / S2468-2667 (20) 30073-6. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  12. Wu Z, McGoogan JM. Caratteristiche e importanti lezioni dall’epidemia di coronavirus 2019 (COVID-19) in Cina: sintesi di un rapporto di 72.314 casi del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. JAMA. 2020; 323: 1239–1242. doi: 10.1001 / jama.2020.2648. [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]
  13. Zumla A, Chan JFW, Azhar EI, Hui DSC, Yuen K. Coronavirus: scoperta di farmaci e opzioni terapeutiche. Nat Rev Drug Discov. 2016; 15: 327-347. doi: 10.1038 / nrd.2015.37. [ Articolo gratuito di PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] [ Google Scholar ]

Ulteriori informazioni:  Jonathan Jay et al. Reddito di vicinato e allontanamento fisico durante la pandemia COVID-19 negli Stati Uniti,  Nature Human Behaviour  (2020). DOI: 10.1038 / s41562-020-00998-2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.