Nessuna prova che l’idrossiclorochina prevenga la morte o abbia aiutato i pazienti a riprendersi più rapidamente dal COVID-19

0
82

I risultati di uno studio nazionale pubblicato oggi sul Journal of the American Medical Association (JAMA) “non supportano” l’uso dell’idrossiclorochina per il trattamento di pazienti adulti ricoverati in ospedale con COVID-19.

Lo studio Outcomes Related to COVID-19 trattato con idrossiclorochina tra pazienti ricoverati con malattia sintomatica (ORCHID) ha rilevato che, rispetto al placebo inattivo, l’idrossiclorochina non ha migliorato significativamente gli esiti clinici dei pazienti ospedalizzati per malattie respiratorie correlate a COVID-19.

Lo studio, finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI) del National Institutes of Health, è stato condotto in 34 ospedali nella rete di prove cliniche PETAL (Prevention and Early Treatment of Acute Lung Injury).

“L’idrossiclorochina è diventata un farmaco molto comunemente usato per COVID-19 nella primavera del 2020 senza prove evidenti che sarebbe utile”, ha detto il ricercatore principale dello studio, Wesley H. Self, MD, MPH, un medico di medicina d’urgenza e vice presidente per Reti di ricerca clinica e strategia presso il centro medico della Vanderbilt University.

“Pertanto, abbiamo condotto una sperimentazione clinica con i metodi più efficaci possibili per fornire informazioni di alta qualità sul fatto che i pazienti ospedalizzati con COVID-19 debbano essere trattati con idrossiclorochina “, ha detto Self.

“In combinazione con altri studi che hanno mostrato risultati simili, riteniamo che questo studio fornisca dati convincenti ai medici per interrompere l’uso di idrossiclorochina per adulti ospedalizzati con COVID-19″.

Alcuni studi di laboratorio hanno suggerito che l’idrossiclorochina può inibire la replicazione di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

Studi osservazionali all’inizio della pandemia COVID-19 hanno suggerito che il farmaco può avere effetti benefici per i pazienti con COVID-19, il che ha suscitato grande entusiasmo per l’idrossiclorochina come potenziale trattamento.

Tuttavia, gli studi clinici, che sono considerati gli studi di ricerca di massima qualità per comprendere l’effetto di un farmaco sui pazienti, non sono riusciti a mostrare gli effetti benefici dell’idrossiclorochina per i pazienti con COVID-19, ha detto Self.

Tra aprile e giugno 2020, 479 pazienti ricoverati in ospedale per malattie respiratorie da COVID-19 sono stati arruolati nello studio ORCHID, uno studio clinico randomizzato in cieco, controllato con placebo.

I pazienti che erano gravemente malati e ospedalizzati con COVID-19 sono stati trattati con 10 dosi di idrossiclorochina o placebo per cinque giorni. Lo stato clinico del paziente, inclusa la dimissione dall’ospedale, l’uso di ossigeno, l’uso di ventilatori meccanici e il decesso, è stato seguito per un mese dopo l’inizio del trattamento.

Lo studio non ha mostrato alcuna prova che l’idrossiclorochina abbia prevenuto la morte o aiutato i pazienti a riprendersi più rapidamente da COVID-19.

Un mese dopo l’inizio dello studio, il 10,4% dei pazienti trattati con idrossiclorochina e il 10,6% dei pazienti trattati con placebo erano morti.

A giugno l’NHLBI ha interrotto lo studio dopo aver stabilito che l’idrossiclorochina non avrebbe potuto essere di beneficio per i pazienti ospedalizzati con COVID-19.

“I nostri diversi team di medici e personale di ricerca hanno lavorato agilmente in circostanze estremamente difficili per realizzare ciò che il NIH e la rete PETAL fanno meglio: studi ‘gold standard’ su questioni importanti per pazienti affetti da condizioni potenzialmente letali”, ha affermato Samuel M. Brown , MD, MS, un medico di terapia intensiva presso Intermountain Healthcare e investigatore della rete PETAL che ha contribuito a condurre la sperimentazione.

“Anche se speravamo che l’idrossiclorochina avrebbe aiutato, anche questo risultato chiaramente negativo è fondamentale mentre lavoriamo insieme per trovare trattamenti efficaci per COVID-19”, ha detto Brown.

“Avere uno studio clinico rigorosamente progettato che ha catturato risultati centrati sul paziente e clinicamente significativi è stato fondamentale per raggiungere le conclusioni inequivocabili sull’uso dell’idrossiclorochina in COVID-19”, ha affermato James P. Kiley, Ph.D., direttore, Division of Lung Malattie a NHLBI.

“ORCHID mostra che l’idrossiclorochina non migliora i risultati clinici nei pazienti COVID-19 ospedalizzati”, ha detto Kiley. “Ci auguriamo che questo risultato chiaro aiuterà i professionisti a prendere decisioni informate sul trattamento e i ricercatori continueranno i loro sforzi nel perseguire altri possibili trattamenti sicuri ed efficaci per i pazienti affetti da questa malattia”.


 Idrossiclorochina: ruolo nella malattia COVID-19

L’idrossiclorochina solfato è un analogo della clorochina, comunemente usato per la malaria, l’artrite reumatoide (RA) e il lupus eritematoso sistemico (LES). Possiede una miriade di proprietà antinfiammatorie e immunomodulatorie, inclusa l’inibizione della produzione di citochine (IL-1 e IL-6), l’inibizione della fosfolipasi A2 e delle metalloproteinasi della matrice e la modulazione della funzione delle cellule B e T ( Ben-Zvi et al., 2012 ).

Il ruolo potenziale di HCQS contro SARS-CoV-2 potrebbe essere dovuto alla sua capacità di aumentare il pH lisosomiale, che modula il metabolismo cellulare del ferro, diminuendo così la sua concentrazione intracellulare, che a sua volta inattiva le glicosiltransferasi e gli enzimi glicosilanti, sopprimendo ulteriormente la glicosilazione della SARS -coronavirus ( Al-Bari, 2017 ;  Vincent et al., 2005 ).

Anche se l’HCQS è stato sostenuto come un’opzione terapeutica potenzialmente promettente all’inizio dell’attuale pandemia, ad oggi disponiamo di dati clinici limitati a supporto del suo utilizzo per la gestione del COVID-19 ( Yao et al., 2020 ).

Anche se il basso costo e la facile disponibilità di HCQS lo rendono un intervento terapeutico praticabile per i pazienti COVID-19, specialmente nei paesi a basso e medio reddito (LMIC), i meccanismi molecolari alla base degli effetti protettivi di HCQS in COVID-19 rimangono completamente chiarito ( Gautret et al., 2020a ;  Singh et al., 2020 ).

Pochi studi in vitro hanno valutato la potenziale attività di HCQS e clorochina nelle infezioni da COVID-19.

Uno studio condotto da Liu et al. ha studiato gli effetti antivirali di HCQS e clorochina contro SARS-CoV-2 e ha concluso che entrambi i farmaci mostravano valori di concentrazione citotossica (CC 50 ) simili ( Liu et al., 2020 ).

Per alcune molteplicità di infezione, l’attività di HCQS contro SARS-CoV-2 è risultata essere meno potente di quella della clorochina. Un altro studio condotto da Yao et al. ha valutato l’attività antivirale della clorochina e dell’HCQS su cellule Vero infettate con il nuovo coronavirus.

Hanno scoperto che l’HCQS con una metà della concentrazione massima effettiva (EC 50 ) di 0,7 μM era significativamente più potente nell’inibire il virus rispetto alla clorochina, la cui EC 50  era di 5,5 μM ( Yao et al., 2020 ).

È stato osservato che i  valori di EC 50 di HCQS e clorochina diminuiscono con l’aumentare del periodo di incubazione. Poiché HCQS e clorochina tendono ad accumularsi nei tessuti, esiste la possibilità che un periodo di incubazione più lungo possa portare a concentrazioni di farmaci intracellulari aumentate con conseguenti effetti antivirali aumentati ( Duvvuri e Krise, 2005 ;  W. Wang et al., 2020 ).


Ulteriori informazioni:  Wesley H. Self et al. Effetto dell’idrossiclorochina sullo stato clinico a 14 giorni in pazienti ospedalizzati con COVID-19,  JAMA  (2020). DOI: 10.1001 / jama.2020.22240

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.