La metformina è stata associata ad un ridotto rischio di morte per COVID-19 nelle donne

0
51

I ricercatori della University of Minnesota Medical School e dello UnitedHealth Group hanno scoperto che la metformina era associata a rischi di morte per COVID-19 significativamente ridotti nelle donne in uno dei più grandi studi osservazionali al mondo su pazienti COVID-19.

La metformina è un farmaco generico consolidato per la gestione dei livelli di zucchero nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 2.

Riduce anche le proteine ​​infiammatorie come il TNF-alfa che sembrano peggiorare il COVID-19.

Lo studio, pubblicato su The Lancet Healthy Longevity, è un’analisi di coorte retrospettiva basata su dati di pazienti non identificati da UnitedHealth Group.

Il team ha analizzato circa 6.000 individui con diabete di tipo 2 o obesità ricoverati in ospedale con COVID-19 e ha valutato se l’uso di metformina fosse associato o meno a una diminuzione della mortalità.

Hanno trovato un’associazione secondo cui le donne con diabete o obesità, che sono state ricoverate in ospedale per malattia COVID-19 e che avevano compilato una prescrizione di metformina di 90 giorni prima del ricovero, avevano una probabilità di mortalità ridotta dal 21% al 24% rispetto a donne simili che non assumevano la farmaco.

 Non c’è stata alcuna riduzione significativa della mortalità tra gli uomini.

“Studi osservazionali come questo non possono essere conclusivi, ma contribuiscono a un crescente numero di prove. Vedere un’associazione più ampia con la protezione nelle donne rispetto agli uomini può indicare la riduzione dell’infiammazione come un modo chiave con cui la metformina riduce il rischio di COVID-19.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche “, ha detto il ricercatore principale Carolyn Bramante, MD, MPH, che è un assistente professore presso il Dipartimento di Medicina presso l’Università del Minnesota Medical School. 

“Un database di grandi dimensioni che copre diverse aree geografiche è raramente disponibile. Siamo stati fortunati ad avere l’opportunità di fare questa ricerca insieme a UnitedHealth Group “.

“Mentre si stanno sviluppando terapie efficaci per mitigare il danno del virus SARS-CoV-2, è importante che anche noi guardiamo e valutiamo i farmaci comunemente usati con buoni profili di sicurezza per il loro potenziale di combattere il virus”, ha detto Deneen Vojta , MD, vicepresidente esecutivo, Enterprise Research and Development, UnitedHealth Group.

I risultati forniscono nuove direzioni per la ricerca contro COVID-19 .

In collaborazione con Christopher Tignanelli, MD, assistente professore presso il Dipartimento di Chirurgia presso la University of Minnesota Medical School, Bramante ha presentato una nuova domanda di farmaco sperimentale alla Food and Drug Administration per l’uso di metformina per il trattamento e la prevenzione di COVID-19.

La FDA ha approvato questa domanda. Bramante e Tignanelli hanno ricevuto una donazione dalla Fondazione Parsemus per condurre uno studio pilota prospettico randomizzato multi-sito in collaborazione con il direttore esecutivo della ricerca clinica per la ricerca e sviluppo del gruppo UnitedHealth, Ken Cohen, MD.

Questa sperimentazione pilota inizierà con l’iscrizione la settimana dell’8 dicembre e porterà a una sperimentazione più ampia che è pienamente alimentata per importanti risultati clinici se saranno disponibili ulteriori finanziamenti. Questi collaboratori stanno ancora cercando questo finanziamento.


Nei pazienti con diabete di tipo 2   (T2D) ricoverati in ospedale per malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), il trattamento con sitagliptin è stato associato a mortalità ridotta e risultati clinici migliori rispetto al trattamento standard di cura, secondo uno studio pubblicato su  Cura del diabete . Inoltre, il meccanismo alla base della sitagliptin porta i ricercatori a ipotizzare che il farmaco possa essere efficace nei pazienti con COVID-19 e senza T2D.

Il CDC  elenca il  T2D come un fattore preesistente che può aumentare il rischio di malattie gravi da COVID-19 nelle persone. A giugno, è stato  riferito  che i pazienti con diabete rappresentano oltre il 20% delle persone ricoverate in unità di terapia intensiva per COVID-19.

Sitagliptin è un inibitore orale della dipeptidil peptidasi 4 (DPP-4) e studi recenti hanno suggerito che SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, può legarsi a DPP-4 quando entra nelle cellule del tratto respiratorio.

“Sulla base della modellazione della struttura e dei recettori SARS-CoV-2, è stato anche ipotizzato che DPP-4 possa facilitare l’ingresso di SARS-CoV-2 nelle cellule bersaglio, a causa della sua elevata omologia con il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente”, gli autori hanno scritto.

I ricercatori hanno condotto uno studio osservazionale retrospettivo, multicentrico, caso-controllo, per studiare gli effetti di sitagliptin, un farmaco ipoglicemizzante, in pazienti con T2D e COVID-19 concomitante.

Nello studio sono stati inclusi un totale di 338 pazienti consecutivi ricoverati in 7 ospedali del Nord Italia tra il 1 marzo e il 30 aprile 2020. I pazienti trattati con sitagliptin sono stati abbinati in un rapporto 1: 1 con soggetti di controllo non trattati. Al momento del ricovero, tutti i partecipanti avevano polmonite e saturazione di ossigeno <95% quando respiravano aria ambiente o ricevevano supporto di ossigeno.

Come standard di cura, i pazienti sono stati spostati al momento del ricovero “dall’attuale trattamento per il T2D, che comprendeva principalmente metformina, ma anche insulina, sulfoniluree, inibitori della DPP-4, inibitori del cotrasportatore 2 sodio-glucosio, agonisti del recettore GLP-1, glinidi e tiazolidinedioni , al trattamento con insulina (per via endovenosa o sottocutanea). “

Complessivamente, 169 pazienti hanno ricevuto sitagliptin come terapia aggiuntiva all’assistenza standard e 169 controlli hanno ricevuto solo cure standard. L’età media di quelli in entrambi i gruppi era di 69 anni e non sono state osservate differenze demografiche importanti tra i 2 gruppi.

Gli endpoint primari dello studio includevano la dimissione dall’ospedale, la morte e il miglioramento dei risultati clinici, misurati da un aumento di almeno 2 punti su una scala ordinale modificata a 7 categorie.

Le analisi hanno rivelato che il trattamento con sitagliptin, rispetto ai pazienti che ricevevano cure standard, era associato a:

  • Mortalità ridotta (18% contro 37% dei pazienti deceduti; rapporto di rischio 0,44 [IC 95% 0,29-0,66];  P  = .0001)
  • Un miglioramento dei risultati clinici (60% vs. 38% dei pazienti migliorati;  P  = .0001)
  • Un maggior numero di dimissioni ospedaliere (120 vs 89 di pazienti dimessi;  P  = .0008)
  • Un rischio ridotto per la necessità di ventilazione meccanica (HR 0,27 [CI 0,11–0,62];  P  = 0,003)
  • Livelli di glucosio nel sangue medi inferiori misurati durante il ricovero
  • Mortalità inferiore (29% contro 51%) e risultati migliori nell’analisi del tempo fino all’end point clinico in pazienti di età pari o superiore a 70 anni

Al giorno 30, un numero maggiore di pazienti che hanno ricevuto sitagliptin è stato dimesso dall’ospedale rispetto al gruppo di controllo. Non sono stati riportati eventi avversi gravi correlati al trattamento nel gruppo di intervento.

Sulla base dei risultati, un nuovo studio randomizzato e controllato con placebo di sitagliptin si sta preparando ad  arruolare  pazienti con T2D in Europa.

Inoltre, “dati gli effetti benefici osservati nell’abbassamento del tasso di mortalità e nel miglioramento dei risultati clinici, sitagliptin può anche essere considerato per ulteriori test in pazienti con COVID-19 e senza T2D”, hanno scritto gli autori.

Uno studio controllato randomizzato per testare l’ipotesi si sta muovendo verso l’approvazione normativa, secondo un  comunicato stampa .

Riferimento:

Solerte SB, D’Addio F, Trevisan R, et al. Il trattamento con sitagliptin al momento del ricovero era associato a una ridotta mortalità nei pazienti con diabete di tipo 2 e COVID-19: uno studio multicentrico, caso-controllo, retrospettivo, osservazionale. Cura del diabete . Pubblicato online il 29 settembre 2020. doi: 10.2337 / dc20-1521


Maggiori informazioni:  Carolyn T Bramante et al, Metformina e rischio di mortalità nei pazienti ospedalizzati con COVID-19: un’analisi di coorte retrospettiva,  The Lancet Healthy Longevity  (2020). DOI: 10.1016 / S2666-7568 (20) 30033-7

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.