Il vaccino Pfizer COVID-19 si è dimostrato efficace al 94% in uno studio che ha coinvolto 1,2 milioni di persone in Israele

0
141

Il vaccino Pfizer COVID-19 si è dimostrato efficace al 94% in uno studio che ha coinvolto 1,2 milioni di persone in Israele, la prima ricerca nel mondo reale sottoposta a revisione paritaria che conferma il potere delle campagne di immunizzazione di massa per porre fine alla pandemia.

Il documento, che è stato pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine, ha anche dimostrato che esiste probabilmente un forte beneficio protettivo contro le infezioni, un elemento cruciale per interrompere la trasmissione in avanti.

“Il fatto che i vaccini abbiano funzionato così bene nel mondo reale … suggerisce davvero che se le nazioni del mondo possono trovare la volontà, ora abbiamo i mezzi per porre fine a COVID-19 per sempre”, ha detto Ben Neuman, un virologo del Texas A&M University che non è stata coinvolta nella ricerca.

L’esperimento è stato condotto tra il 20 dicembre 2020 e il 1 febbraio 2021, un periodo in cui una nuova variante identificata per la prima volta in Gran Bretagna dilagava in Israele, rendendo le prestazioni del vaccino ancora più impressionanti.

Circa 1,2 milioni di persone sono state divise in gruppi uguali di vaccinati e non vaccinati.

Ogni partecipante vaccinato è stato abbinato a una persona “di controllo” non vaccinata di età, sesso, caratteristiche geografiche, mediche e di altro tipo simili.

L’autore principale Noam Barda, capo dell’epidemiologia e della ricerca presso il Clalit Research Institute, ha dichiarato all’AFP che il processo di abbinamento è stato molto robusto.

Un anziano ebreo ultraortodosso proveniente da un particolare quartiere con una particolare serie di comorbilità e storia di vaccinazioni antinfluenzali sarebbe abbinato a un’altra persona che si adattava a quel profilo preciso, per esempio.

I ricercatori hanno quindi registrato i risultati ai giorni 14-20 dopo la prima delle due dosi e al settimo giorno o più dopo la seconda.

L’efficacia contro le infezioni sintomatiche è stata del 57% tra 14-20 giorni dopo la prima dose, ma è salita al 94% sette giorni dopo la seconda dose, molto vicino al 95% raggiunto durante gli studi clinici di fase 3.

Le persone che hanno ricevuto le seconde dosi sono state anche altamente protette contro il ricovero in ospedale e la morte, sebbene i numeri precisi qui siano meno significativi e abbiano una gamma statistica più ampia a causa del numero relativamente basso di casi.

Lo studio ha anche rilevato che le persone che hanno ricevuto la loro seconda dose avevano una probabilità inferiore del 92% di contrarre qualsiasi forma di infezione rispetto a coloro che non erano stati vaccinati.

Sebbene questa scoperta sia stata considerata incoraggiante, i ricercatori e gli esperti esterni hanno affermato che necessita di ulteriori prove di conferma.

Questo perché i partecipanti non venivano testati sistematicamente a intervalli regolari; piuttosto, stavano facendo un test quando ne volevano uno.

Gli autori hanno tentato di correggere questo problema con metodi statistici, ma il risultato è ancora probabilmente imperfetto.

“A meno che tu non stia testando tutti tutto il tempo, questo mancherà alcune infezioni”, ha detto Natalie Dean, biostatista presso l’Università della Florida.

Ha aggiunto che era certa che ci fosse un forte vantaggio protettivo, ma “fissare questo numero in modo più preciso richiederà progetti di studio specializzati con test frequenti”.


Cosa ha funzionato in Israele e perché?

Mentre i governi di tutto il mondo si affrettano a lanciare programmi di vaccinazione contro COVID-19, molti stanno guardando Israele per capire come ha aperto la strada, somministrando una prima dose del vaccino Pfizer-BioNtech a oltre 1 israeliano su 10 entro 2 settimane la sua approvazione [1]. 

Nel frattempo, altri paesi, inclusi gli Stati Uniti e molti in Europa, stanno lottando per far decollare i loro programmi di vaccinazione, con molti conti di dosi che vanno sprecati a causa di appuntamenti persi o problemi di dosaggio.

Allora cosa possiamo imparare dall’esperienza israeliana? Nel documento di accompagnamento, Rosen e colleghi hanno esposto una serie di ragioni per cui Israele ha avuto tanto successo [2]. In questo breve commento, e attingendo alle esperienze dei paesi europei nella risposta COVID-19 fino ad ora, cerchiamo di trarre alcune lezioni.

Come notano Rosen e colleghi, Israele ha alcuni vantaggi intrinseci. Con solo 9,3 milioni di persone, richiede solo una piccolissima quota della produzione mondiale di vaccini. Ha anche una popolazione relativamente giovane, il che rende più facile realizzare una politica che dia la priorità alle persone anziane. 

Inoltre, la sua densità di popolazione è relativamente alta, evitando la necessità di accordi logistici molto complessi per raggiungere le aree periferiche. Tuttavia, anche altri paesi hanno questi vantaggi, in misura maggiore o minore, e non hanno avuto tanto successo.

Un fattore evidente nel successo di Israele è stata la presenza di un piano di vaccinazione di massa. Dovrebbe essere ovvio che l’attuazione di un programma di vaccinazione di massa è un compito complesso, sia nel significato normale del termine “complesso” che nel suo particolare utilizzo nella teoria dei sistemi. 

Mentre altri paesi si sono concentrati inizialmente sull’acquisizione delle scorte di vaccini, ora è evidente che molti non hanno compreso l’importanza di mettere in atto tutte le strutture e i processi necessari per spostare i vaccini dai magazzini alle braccia delle persone.

Come abbiamo descritto altrove [3], ciò richiede una serie di sottosistemi interconnessi, compresi quelli per mantenere un registro accurato della popolazione, distribuendo il vaccino alle strutture dove può essere somministrato, con l’ulteriore complicazione di mantenere una catena del freddo, garantendo che ci sia un numero adeguato di personale qualificato per amministrarlo e meccanismi per identificare le differenze di assorbimento all’interno della popolazione e di risposta ad esse.

Fondamentalmente, questi elementi di un sistema complesso non sono auto-organizzati. Qualcuno deve avere una chiara visione di ciò che vuole ottenere. Anche se questo sembra essere il caso in Israele, sembra essere mancato in molti altri paesi o sviluppato dopo l’inizio della consegna del vaccino, come nel caso del Regno Unito [4].

Nel riflettere sul motivo per cui Israele sembra aver capito bene, è necessario considerare alcune specificità nazionali. Non possiamo evitare l’osservazione da parte dei commentatori israeliani che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, di fronte a un’altra incerta elezione, ha le sue ragioni politiche per voler dimostrare il successo [5, 6].

Sebbene Israele sembrasse andare bene nelle prime fasi della pandemia, non è stato in grado di mantenere questa situazione e da allora ha subito due grandi ondate di infezione. La capacità di rivendicare la responsabilità per un programma di vaccinazione di grande successo ha evidenti attrattive. Al contrario, in alcuni altri paesi che sono andati molto peggio, i leader politici sono stati disimpegnati, negando o hanno attivamente respinto le prove scientifiche [7].

Una seconda considerazione è l’elevato grado di preparazione, non solo per una pandemia, ma per altre minacce alla salute. Come la Repubblica di Corea [8], Israele ha una notevole esperienza nella mobilitazione della popolazione in tempo di crisi. L’infrastruttura necessaria perché ciò avvenga offre ai governi la possibilità di agire in modi che sono negati ad altri che mancano di tale organizzazione e capacità.

Nessuno di questi fattori è particolarmente generalizzabile. Quindi, cosa possono trarre gli altri dall’esperienza israeliana nella scala della vaccinazione?

Lezioni per altri paesi

In primo luogo, data la carenza globale di vaccini, che è inevitabile, e data l’entità del compito di aumentare la produzione di un prodotto completamente nuovo, è necessario dare la priorità ai gruppi all’interno dei paesi. Molti paesi lo hanno fatto, concentrandosi tipicamente sulle persone anziane, che sono a maggior rischio di morte, e sugli operatori sanitari o sociali.

Alcuni, come la Francia, hanno anche dato la priorità a coloro che svolgono lavori rivolti al pubblico, come i lavoratori dei trasporti pubblici e gli insegnanti. Tuttavia, Israele ha fatto un ulteriore passo avanti, in un modo che alcuni paesi non sono riusciti a fare, collegando questa priorità a diversi sistemi di consegna.

Pertanto, diverse organizzazioni sono responsabili di ciascuno dei quattro gruppi prioritari nel programma israeliano. Quelli con più di 60 anni o con condizioni mediche preesistenti erano coperti dai quattro piani sanitari senza scopo di lucro, che contengono informazioni sulla storia medica di ogni individuo. I residenti delle case di cura erano coperti dall’organizzazione nazionale dei servizi di emergenza Magen David Adom. Gli operatori sanitari sono stati vaccinati dalle organizzazioni che li impiegavano.

Ancora una volta, Israele ha un vantaggio che non è disponibile per alcuni altri paesi, in quanto dispone di sistemi informativi molto ben sviluppati [9], in modo che le diverse organizzazioni coinvolte nella vaccinazione possano identificare coloro per i quali sono responsabili e seguirli se necessario . In particolare, Israele è uno dei pochi paesi con un registro di immunizzazione web per l’infanzia completo basato sulla popolazione.

La piattaforma del registro nazionale è stata rapidamente adattata alla campagna vaccinale COVID-19, sfruttando il singolo identificatore univoco per ogni residente israeliano utilizzato in tutte le strutture sanitarie. Il registro consente inoltre il monitoraggio e la valutazione degli eventi avversi post vaccinazione, oltre a fornire dati sull’efficacia del vaccino nel mondo reale.

In secondo luogo, ogni paese richiede una forza lavoro qualificata per fornire il programma di vaccinazione. Ancora una volta, Israele ha il vantaggio di un quadro di infermieri di comunità ben addestrati con una lunga esperienza nella vaccinazione. Altri paesi hanno dovuto distogliere gli operatori sanitari dalle cure acute, una necessità altamente indesiderabile in un momento in cui molti sistemi sanitari sono sopraffatti da pazienti che soffrono degli effetti acuti del Covid 19.

Entrambe queste considerazioni sottolineano l’importanza di investire nelle infrastrutture sanitarie, sotto forma di personale qualificato, strutture o tecnologie dell’informazione in tempi normali, in modo che ci sia capacità adeguata quando si verifica una crisi [10].

Una terza osservazione nell’esperienza israeliana sono stati i problemi sorti nella prenotazione degli appuntamenti nei primi giorni della campagna. Come molti altri paesi, hanno fatto affidamento, in misura considerevole, sull’uso della programmazione online e dei call center. 

Tuttavia, sebbene questi approcci si siano dimostrati molto efficaci in altri aspetti della vita moderna, come lo shopping online o le prenotazioni di viaggi, è facile dimenticare come coloro che sfruttano queste opportunità non siano rappresentativi della popolazione nel suo insieme, o di quelli nei gruppi di priorità.

La pandemia COVID-19 ha evidenziato l’esistenza, in molti paesi ricchi, di grandi gruppi di persone che sono in effetti escluse dal mondo digitale [11], ad esempio a causa della mancanza di connettività Internet o di problemi linguistici nella comunicazione con gli operatori sanitari da parte di telefono [12]. Fino a quando questo non verrà affrontato in futuro, sarà ancora necessario utilizzare le forme tradizionali di interazione tra l’individuo e lo Stato.

Quarto, come notano Rosen e colleghi, ci sono state sfide particolari nel raggiungere alcuni gruppi. Sebbene siano state affrontate alcune sfide precedenti nel raggiungimento della diffusione del vaccino nella comunità ebraica ultraortodossa, anche la diffusione è stata inizialmente bassa nelle aree arabe israeliane e ci vuole più tempo per affrontare questa sfida [13].

Le comunità svantaggiate di tutti i paesi hanno subito il peso maggiore della pandemia, con tassi di infezione più elevati [14] e esiti peggiori [15]. Hanno anche sofferto maggiormente le conseguenze economiche e sociali delle risposte. In sostanza, COVID-19 ha messo in luce le fratture esistenti nelle società. Di conseguenza, qualsiasi mancato raggiungimento di questi gruppi aggraverà le disuguaglianze esistenti. 

Di conseguenza, una strategia di vaccinazione globale deve includere un sistema per monitorare l’assunzione in diversi gruppi, cosa impossibile nei molti paesi che non riescono a raccogliere dati sull’etnia e l’occupazione e per capire perché alcuni sono esclusi. Ciò richiederà una ricerca con metodi misti abbinata alla co-creazione di soluzioni fattibili contestualmente appropriate [16].

Infine, sebbene questo commento e il documento di accompagnamento si concentrino sulla vaccinazione, questo è solo un elemento di una strategia COVID-19 completa. Deve essere accompagnato da misure per ridurre i livelli di infezione circolante e mantenerli bassi con sistemi di ricerca, test, traccia, isolamento e supporto ben funzionanti [17].

Fondamentalmente, sebbene i vaccini esistenti abbiano dimostrato di ridurre il rischio di ammalarsi delle persone, potrebbero avere meno successo nel prevenire l’infezione e la trasmissione successiva. C’è il pericolo che i politici vedano la vaccinazione come una bacchetta magica che, in qualche modo, farà sparire la minaccia del COVID-19. Non lo farà, e non dobbiamo ignorare il rischio che emergano potenziali mutazioni di fuga dal vaccino, cosa che è più probabile se continuano a circolare alti livelli di virus.

È inoltre fondamentale che qualsiasi lancio di vaccino sia accompagnato da un’adeguata sorveglianza post-produzione per documentare l’efficacia nel mondo reale dei diversi vaccini in diversi gruppi di pazienti [18]. Ciò è particolarmente importante in Israele, dove qualsiasi problema diventerà evidente prima che altrove e dove il sistema informativo, menzionato prima, lo facilita.

Pertanto, come previsto sulla base dello studio di Fase 3 [19], una singola dose di vaccino offre solo una protezione parziale e solo dopo circa 12 giorni. Coloro che hanno ricevuto la prima dose non dovrebbero contare sulla protezione, e infatti, in Israele, il 17% delle persone gravemente ammalate a metà gennaio 2021 aveva ricevuto una singola dose di vaccino [20]. Anche dopo una seconda dose, gli individui dovrebbero mantenere precauzioni contro l’esposizione fino a quando il livello di virus circolante nella comunità non scende a livelli molto bassi.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7835666/


Ulteriori informazioni:  Noa Dagan et al. BNT162b2 mRNA Covid-19 Vaccine in a Nationwide Mass Vaccination Setting,  New England Journal of Medicine  (2021). DOI: 10.1056 / NEJMoa2101765

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.