Covid-19: il sesso è un potenziale aiuto non farmacologico per dormire

0
197

Nel migliore dei casi, la metà di tutti i canadesi riferisce di avere problemi ad addormentarsi e a rimanere addormentati. Lo stress di vivere una pandemia sta solo peggiorando le cose.

Tuttavia, i consigli sull’insonnia raramente menzionano un potenziale aiuto per dormire non farmacologico che è gratuito e facilmente accessibile alla maggior parte delle persone: il sesso, con un partner o da solo.

Dopo l’orgasmo, i livelli di ossitocina e prolattina aumentano mentre i livelli di cortisolo diminuiscono. Il buon senso suggerisce che aumentare il livello degli ormoni del benessere nel corpo e ridurre i livelli dell’ormone dello stress è probabile che ci aiuti a dormire meglio.

Eppure i dati sul sesso e sul sonno sono scarsi, in parte a causa di tabù e schizzinosità.

La dottoressa Judith Davidson, psicologa clinica e ricercatrice del sonno della Queen’s University, è rimasta sorpresa dalla scarsità di ricerche di buona qualità su sesso e sonno quando ha scritto la seconda edizione del suo libro di auto-aiuto sull’insonnia, Sink into Sleep.

“Non so davvero perché mancano le prove”, dice. “Forse i ricercatori nel campo del sonno e quelli nel campo del sesso non hanno guardato molto oltre i rispettivi confini accademici. Mi ha lasciato perplesso. “

Finora, solo un piccolo studio su 10 persone ha esaminato il sonno dopo l’attività sessuale utilizzando la polisonnografia, il test gold standard per la diagnosi dei disturbi del sonno, che misura le onde cerebrali, la frequenza cardiaca e altri indicatori.

Pubblicato nel 1985, lo studio ha concluso che la masturbazione non ha avuto un impatto significativo sul sonno.

Ma lo studio aveva grandi limitazioni oltre alle sue piccole dimensioni. I ricercatori potrebbero aver interrotto la sonnolenza dei partecipanti dopo la masturbazione rimuovendo una sonda di temperatura anale.

Inoltre, lo studio ha confrontato il sonno dopo la masturbazione e il sonno dopo la lettura – un noto induttore del sonno – che potrebbe aver smussato le differenze tra intervento e controllo.

Ricerche più recenti suggeriscono che il sesso può ridurre lo stress e aiutare le persone con insonnia ad addormentarsi e rimanere addormentate. Sebbene la base di prove sia piccola e alcuni studi non abbiano misure oggettive, una revisione del 2016 dei ricercatori dell’Università di Ottawa ha concluso che il sesso è una “possibile alternativa o aggiunta ad altre strategie di intervento per l’insonnia”.

È una conclusione che molte persone sembrano raggiungere da sole. Uno studio del 2019 su 778 persone guidato dal dott.Michele Lastella della Central Queensland University in Australia ha scoperto che sia gli uomini che le donne percepiscono che si addormentano più velocemente e dormono meglio dopo l’orgasmo con un partner o da soli.

Secondo Lastella, vale la pena esplorare il collegamento dato che molte persone hanno difficoltà ad attenersi ai consueti consigli sull’igiene del sonno. Stabilire l’ora di andare a letto, fare esercizio regolarmente ed evitare gli schermi richiedono disciplina e impegno a lungo termine per essere ripagati. Dice che cambiare “tempo sullo schermo per giocare” potrebbe essere una vendita più facile con risultati più immediati.

Superare le barriere

Ottenere tali consigli nelle linee guida cliniche è un’altra questione. Secondo il dottor Charles Samuels, ex presidente della Canadian Sleep Society, “con così tanti tabù legati al sesso, aprire quella porta è travolgente”.

Alla domanda sul perché i consigli sul sonno menzionino raramente il sesso, Samuels cita l’inerzia clinica date le altre opzioni di trattamento disponibili e la mancanza di ricerche rigorose.

“I ricercatori del sonno sono orgogliosi di marcatori oggettivi di alta qualità e la ricerca sul sesso è difficile”, dice Samuels. Tuttavia, riconosce che la prossima generazione di medici e ricercatori potrebbe essere più interessata ad affrontare l’argomento.

Secondo Lastella, le questioni etiche spesso ostacolano gli studi che coinvolgono sesso, video e ricercatori che entrano in una stanza in cui si fa sesso.

Ci sono anche sfide logistiche, come il prelievo di campioni di sangue per misurare l’attività ormonale durante e dopo l’orgasmo senza interrompere la sonnolenza.

Costose unità di polisonnografia portatili potrebbero aiutare ad affrontare alcuni di questi problemi portando il laboratorio in camera da letto piuttosto che la camera da letto in laboratorio. Ma Lastella afferma che ridurre lo stigma che circonda il sesso e il sonno rimane un ostacolo molto più grande da superare.

La dottoressa Caroline Pukall, direttrice del Sexual Research Lab della Queen’s University, dice che molti dei suoi pazienti usano già la masturbazione come aiuto per dormire. “I pazienti spesso citano che fa parte della loro routine della buonanotte … e che è qualcosa che li aiuta a rilassarsi e ad addormentarsi”.

Ma mentre ci sono più fonti di finanziamento per la ricerca sessuale in Canada, Pukall afferma che i ricercatori del sesso devono ancora affrontare una dura battaglia per legittimare il loro campo e garantire l’approvazione etica per gli studi. Ha iniziato a tenere discorsi educativi ai comitati di revisione etica, che hanno spesso considerato la ricerca sessuale come una “frivolezza … bello da sapere ma non necessario”.

La dott.ssa Stephanie Hart, un medico di famiglia specializzato in medicina sessuale a Okotoks, Alberta, dice che tali colloqui dovrebbero iniziare alla scuola di medicina e alla residenza.

Dice che le discussioni sull’importanza di una sessualità sana mancano in particolare nella formazione medica. Invece, “l’attenzione è rivolta alle infezioni e alle disfunzioni a trasmissione sessuale”.

All’interno di quell’inquadratura, “il sesso è brutto, sporco, persino disgustoso, quindi non ne parliamo. Non ne parliamo perché siamo imbarazzati, e quindi i pazienti sono imbarazzati “.

Ma una prospettiva più positiva per il sesso sta guadagnando terreno. Hart ha ricevuto numerosi inviti per parlare di sessualità all’Università di Calgary, gruppi di studenti e conferenze mediche.

“Dico loro che se possono esercitarsi a dire parole come sesso anale, masturbazione e clitoride ancora e ancora finché non smettono di arrossire, allora forse possiamo avere qualche speranza che i pazienti saranno in grado di discutere questa parte importante della loro salute.”


I problemi di sonno sono comuni e costosi in tutto il mondo (1, 2). In particolare, le stime della popolazione prevalentemente dei paesi occidentali hanno mostrato tendenze al ribasso nella durata media del sonno e una maggiore prevalenza di insonnia e altre difficoltà del sonno (3-5).

Mentre numerosi studi hanno considerato strategie comportamentali e di stile di vita per migliorare l’inizio del sonno, poco si sa sulla relazione tra un’attività comune prima di coricarsi: comportamento sessuale e sonno. Dato che sia il sesso che il sonno sono essenziali per il mantenimento del benessere fisiologico e psicologico, sorprendentemente pochi studi hanno esplorato la possibilità che le attività sessuali possano essere associate a una migliore qualità del sonno (6-9).

Il rilascio combinato di ossitocina, prolattina e inibizione del cortisolo dopo l’orgasmo può indurre un effetto di facilitazione del sonno (10). L’ossitocina è elevata a seguito dei rapporti sessuali (11) ed è stata associata a una migliore qualità della vita, una riduzione dello stress (cortisolo) e una migliore qualità del sonno sia nei maschi che nelle femmine (12, 13).

La prolattina, che è associata sia alla qualità dell’orgasmo che alla soddisfazione sessuale, ha anche dimostrato di aumentare dopo l’orgasmo, e ancora di più, quando l’orgasmo si verifica durante il rapporto sessuale (10, 14). Insieme, questi risultati suggeriscono che l’attività sessuale può essere parte del meccanismo neuro-ormonale sottostante che facilita il sonno dopo il rapporto sessuale.

Brissette et al. (7) è l’unica indagine per esaminare il sonno negli esseri umani a seguito di attività sessuali con e senza orgasmo utilizzando il gold standard nel monitoraggio del sonno, la polisonnografia. Questa particolare indagine ha esaminato gli effetti della masturbazione da solista sulla latenza del sonno e sull’architettura del sonno in cinque uomini e cinque donne dopo la masturbazione con e senza orgasmo.

Sebbene i loro risultati non abbiano rivelato differenze per la latenza del sonno o la durata tra i sessi in tre condizioni; nessuna masturbazione (comportava una lettura leggera a letto), masturbazione senza orgasmo e masturbazione con orgasmo, alcune limitazioni all’interno del disegno sperimentale potrebbero aver influenzato i loro risultati.

In primo luogo, la presenza di un ricercatore che deve rimuovere la sonda anale dopo l’orgasmo potrebbe aver ritardato la latenza del sonno dei partecipanti. In secondo luogo, la condizione di controllo richiedeva ai partecipanti di leggere per 15 minuti prima di tentare il sonno; questo può avere effetti che inducono il sonno oscurando i risultati di questo studio.

Infine, i risultati di questo studio sono limitati alla masturbazione da solista, il che significa che meno si sa sui potenziali benefici del sonno dell’attività sessuale con un partner. Di conseguenza, la relazione tra attività sessuali, qualità del sonno e latenza del sonno è in gran parte sconosciuta nei soggetti umani.

Ciò merita maggiore attenzione, poiché le attività sessuali seguite dall’orgasmo possono avere un effetto facilitante sul sonno umano (15-17) e quindi offrire un’alternativa non farmacologica al miglioramento del sonno. Mentre Kinsey et al. (9), hanno riportato frequentemente rilassamento, sonnolenza e insorgenza del sonno come effetto collaterale dell’orgasmo sia nei maschi che nelle femmine, Halpern e Sherman (16) hanno riportato questo effetto facilitante solo nei maschi.

Nonostante le prime scoperte di Kinsey, oggi si sa poco sulla percezione pubblica della relazione tra sesso, qualità del sonno e latenza del sonno. Pertanto, l’obiettivo principale di questo studio era esplorare la relazione percepita tra attività sessuali, qualità del sonno e latenza del sonno nella popolazione adulta generale e identificare se esistono differenze di genere.

Discussione
Questo studio è il primo ad esplorare la relazione percepita tra attività sessuali, qualità del sonno e latenza del sonno nella popolazione adulta generale per identificare in modo specifico se esistono differenze di genere. Era evidente una differenza tra le percezioni maschili e femminili della qualità del sonno, in particolare dopo aver fatto sesso con un partner.

Esistevano differenze di genere significative nella percezione del sesso con un partner e nell’impatto sulla successiva qualità del sonno e sulla latenza del sonno. In particolare, una percentuale maggiore di maschi ha riportato un miglioramento percepito della qualità del sonno e del sonno dopo il sesso con un partner.

La ragione della differenza tra maschi e femmine non è stata esplorata in questo studio, ma può essere spiegata dal divario di genere nella frequenza dell’orgasmo; cioè, gli uomini, rispetto alle donne, hanno maggiori probabilità di raggiungere l’orgasmo durante il sesso con un partner (22). La formulazione della domanda del sondaggio riguardante il sesso con un partner, tuttavia, potrebbe non aver adeguatamente catturato le sfumature di questa situazione e dovrebbe essere considerata in studi futuri.

In particolare, non c’erano differenze nella qualità del sonno percepita o nella latenza tra maschi e femmine quando il sesso con un partner comportava un orgasmo, con la maggior parte degli uomini e delle donne che indicavano di sentire la qualità del sonno e la latenza migliorate con l’orgasmo.

Questi risultati sembrano essere coerenti con l’ipotesi avanzata da Brody e Krüger (10) che livelli più elevati di ossitocina e prolattina dopo l’orgasmo possono indurre un effetto di facilitazione del sonno. Inoltre, i nostri risultati sembrano corroborare le idee di Leeners et al. (14) che collega livelli più elevati di soddisfazione sessuale e qualità dell’orgasmo con livelli aumentati di prolattina nelle donne.

Solo il 3-6% di tutti i partecipanti ha indicato di aver sentito di aver dormito peggio dopo il sesso che ha coinvolto un partner e un orgasmo. Questi risultati suggeriscono che il sesso con un partner che coinvolge un orgasmo può servire come mezzo per promuovere e migliorare il sonno per entrambi i sessi.

È interessante notare che non sono state trovate differenze di genere nella percezione dell’impatto della masturbazione sulla qualità del sonno o sull’inizio del sonno con o senza orgasmo. Questa scoperta supporta ampiamente il lavoro di Brissette et al. (7) che non hanno riscontrato differenze di genere nei risultati del sonno derivanti dalla masturbazione da solista.

I nostri risultati, tuttavia, hanno indicato che oltre il 50% dei partecipanti aveva migliorato la qualità del sonno attraverso la masturbazione con conseguente orgasmo. Ciò supporta ulteriormente l’idea dell’orgasmo, al contrario dell’attività sessuale, che facilita il sonno sia negli uomini che nelle donne.

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6409294/


Ulteriori informazioni:  Janice Hiller. Speculazioni sui legami tra sentimenti, emozioni e comportamento sessuale: sono coinvolti vasopressina e ossitocina ?,  Terapia sessuale e relazionale  (2004). DOI: 10.1080 / 14681990412331297974

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.