COVID-19: due terzi dei ricoveri ospedalieri sono dovuti a quattro condizioni: obesità – ipertensione – diabete – insufficienza cardiaca

0
98

Uno studio di modellazione suggerisce che la maggior parte dei ricoveri adulti COVID-19 a livello nazionale sono attribuibili ad almeno una delle quattro condizioni preesistenze: obesità, ipertensione, diabete e insufficienza cardiaca, in questo ordine.

Lo studio, pubblicato oggi sul Journal of the American Heart Association (JAHA) e guidato da ricercatori della Gerald J. and Dorothy R. Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University, ha utilizzato una simulazione matematica per stimare il numero e la proporzione di ricoveri nazionali covid-19 che avrebbero potuto essere prevenuti se gli americani non soffrisse di quattro importanti condizioni cardiometaboliche.

Ogni condizione è stata fortemente legata in altri studi all’aumento del rischio di scarsi risultati con infezione da COVID-19.

Mentre i vaccini COVID-19 appena autorizzati alla fine ridurranno le infezioni, abbiamo ancora molta strada da fare per arrivare a quel punto. I nostri risultati richiedono interventi per determinare se il miglioramento della salute cardiometabolica ridurrà i ricoveri ospedalieri, la morbilità e i ceppi di assistenza sanitaria dal COVID-19″, ha dichiarato Dariush Mozaffarian, autore principale e preside della Scuola Friedman.

“Sappiamo che i cambiamenti nella sola qualità della dieta, anche senza perdita di peso, migliorano rapidamente la salute metabolica in sole sei-otto settimane. È fondamentale testare tali approcci di stile di vita per ridurre le gravi infezioni da COVID-19, sia per questa pandemia che per le future pandemie che potrebbero venire.

Study estimates two-thirds of COVID-19 hospitalizations due to four conditions

I ricercatori hanno stimato che, tra i 906.849 ricoveri totali covid-19 che si erano verificati negli adulti statunitensi al 18 novembre 2020:

  • Il 30% (274.322) era attribuibile all’obesità;
  • Il 26% (237.738) era attribuibile all’ipertensione;
  • Il 21% (185.678) era attribuibile al diabete; E
  • Il 12% (106.139) era attribuibile all’insufficienza cardiaca.

In termini epidemiologici, la proporzione attribuibile rappresenta la percentuale di ricoveri COVID-19 che avrebbero potuto essere prevenuti in assenza delle quattro condizioni. In altre parole, lo studio ha scoperto che gli individui potrebbero essere ancora stati infettati ma potrebbero non aver avuto un decorso clinico abbastanza grave da richiedere il ricovero in ospedale.

Quando i numeri per le quattro condizioni sono stati combinati, il modello suggerisce che il 64% (575.419) dei ricoveri COVID-19 potrebbe essere stato prevenuto. Una riduzione del 10% della prevalenza nazionale di ogni condizione, se combinata, potrebbe prevenire circa l’11% di tutti i ricoveri COVID-19, secondo il modello.

Le quattro condizioni sono state scelte sulla base di altre ricerche pubblicate da tutto il mondo che mostrano che ognuna è un predittore indipendente di esiti gravi, incluso il ricovero in ospedale, tra le persone infettate da COVID-19. Le stime specifiche del rischio per ogni condizione provengono da un modello multivariabile pubblicato che coinvolge più di 5.000 pazienti COVID-19 diagnosticati a New York all’inizio della pandemia.

I ricercatori hanno utilizzato altri dati nazionali per modellare il numero di ricoveri COVID-19 a livello nazionale; le distribuzioni di questi ricoveri per età, sesso e razza; e la distribuzione stimata delle comorbilità sottostanti tra gli adulti infetti da COVID-19.

Hanno quindi stimato le proporzioni e il numero di casi di COVID-19 che sono diventati abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale a causa della presenza di una o più delle condizioni.

“I fornitori di servizi medici dovrebbero educare i pazienti che potrebbero essere a rischio di grave COVID-19 e prendere in considerazione la promozione di misure preventive per lo stile di vita, come una migliore qualità dietetica e attività fisica, per migliorare la salute cardiometabolica generale. È anche importante che i fornitori siano consapevoli delle disparità di salute che le persone con queste condizioni spesso affrontano”, ha detto la prima autrice Meghan O’Hearn, candidata di dottorato alla Scuola Friedman.

Il modello ha stimato che l’età e la razza / etnia hanno portato a disparità nei ricoveri COVID-19 a causa delle quattro condizioni. Ad esempio, si stima che circa l’8% dei ricoveri COVID-19 tra gli adulti sotto i 50 anni sia dovuto al diabete, rispetto a circa il 29% dei ricoveri COVID-19 tra i 65 anni e più. Al contrario, l’obesità ha avuto un impatto altrettanto dannoso sui ricoveri covid-19 in tutte le fasce d’età.

A qualsiasi età, i ricoveri covid-19 attribuibili a tutte e quattro le condizioni erano più alti negli adulti neri che negli adulti bianchi e generalmente più alti per il diabete e l’obesità negli adulti ispanici che negli adulti bianchi.

Ad esempio, tra gli adulti dai 65 anni in su, si stima che il diabete causi circa il 25% dei ricoveri covid-19 tra gli adulti bianchi, contro circa il 32% tra gli adulti neri e circa il 34% tra gli adulti ispanici.

Quando le quattro condizioni furono considerate combinate, la proporzione di ricoveri attribuibili era più alta negli adulti neri di tutte le età, seguita dagli ispanici. Ad esempio, tra i giovani adulti di età 18-49 anni, si stima che le quattro condizioni causino congiuntamente circa il 39% dei ricoveri COVID-19 tra gli adulti bianchi, contro il 50% tra gli adulti neri.

“I dati nazionali mostrano che gli americani neri e ispanici stanno subendo i peggiori risultati dal COVID-19. I nostri risultati supportano la necessità di dare priorità alla distribuzione dei vaccini, una buona alimentazione e altre misure preventive alle persone con condizioni cardiometaboliche, in particolare tra i gruppi più colpiti dalle disparità sanitarie”, ha detto Mozaffarian.

“Le politiche volte a ridurre la prevalenza di queste quattro condizioni cardiometaboliche tra gli americani neri e ispanici devono far parte di qualsiasi discussione politica statale o nazionale volta a ridurre le disparità sanitarie dal COVID-19.”


tra luglio 2020 e gennaio 2021, abbiamo condotto una ricerca di letteratura in PubMed, Google Scholar, Science Direct e Scopus per articoli pubblicati tra gennaio 2020 e gennaio 2021 (con un’eccezione a questo intervallo di tempo se l’articolo è stato utilizzato solo per contestualizzare le sfide generali e l’epidemiologia dei pazienti affetti da malattie croniche). Combinazioni dei termini di ricerca “malattia cronica”, “COVID-19”, “malattie cardiovascolari”, “malattia coronarica”, “insufficienza cardiaca”, “infarto del miocardio”, “ipertensione”, “malattia polmonare cronica ostruttiva”, “asma”, “diabete”, “epilessia”, “insonnia”, “apnea ostruttiva del sonno”, “telemedicina”, “carenza di farmaci”, “dieta”, “nutrizione”, “esercizio fisico”, “cure primarie”, “ospedalizzazione”, “fee-for-service”, “capitation”, “salute mentale” e “stress” sono stati utilizzati inizialmente per recuperare articoli. Abbiamo proiettato titoli e abstract utilizzando i seguenti criteri.

I criteri di inclusione sono stati definiti come qualsiasi articolo primario peer-reviewed in lingua inglese, articoli di revisione o articoli di opinioni e commenti che si concentravano su pazienti infetti non SARS-CoV-2 non inclusi con malattie croniche durante la pandemia di COVID-19 o almeno inclusi. I criteri di esclusione sono stati definiti come qualsiasi fonte che non rientrasse in questi criteri, come articoli che si concentravano solo su pazienti infetti da SARS-CoV-2 con malattie croniche comorbili. Gli articoli che hanno soddisfatto i criteri di inclusione sono stati successivamente valutati nella loro interezza per la pertinenza dei contenuti alla nostra discussione narrativa. Tutti gli autori hanno concordato l’elenco di riferimento finale.

Caratteristiche sanitarie e utilizzo da parte di individui con
condizioni croniche durante le caratteristiche di assistenza primaria pandemica COVID-19 e utilizzo da parte di individui con condizioni croniche

L’assistenza primaria funge da porta d’accesso al sistema sanitario e promuove migliori risultati sanitari per le persone con condizioni croniche attraverso il monitoraggio, la gestione e il follow-up. Per mitigare la diffusione dell’infezione da COVID-19, i centri di assistenza primaria di tutto il mondo sono transizionei in consultazioni remote con visite mediche di persona ad hoc. Comunemente, questo è presentato come un framework in tre fase:

(1) i pazienti vengono triatati da remoto e rivisti per la cronologia dei viaggi, la cronologia dei contatti e i sintomi del COVID-19; (2) si consiglia ai pazienti con malattie croniche o sintomi lievi di COVID-19 di mettere in quarantena a casa mentre si consultano regolarmente con i medici da remoto tramite video, telefono, e-mail, ecc.; (3) i pazienti con malattie croniche notevolmente peggiorate o sintomi gravi da COVID-19 che necessitano di cure urgenti sono ricoverati in ospedale.11-15

In teoria, questo quadro ottimizza la distribuzione di dispositivi di protezione individuale (DPI) e personale per trattare urgentemente le persone con COVID-19 e protegge i pazienti con malattie croniche dalla potenziale esposizione al COVID-19 negli ospedali e nelle cliniche. Tuttavia, in pratica, l’efficacia di tali misure è in gran parte dettata dalla disponibilità di risorse finanziarie e infrastrutturali. Un recente studio trasversale ha rilevato che all’interno di contesti ricchi di risorse e di un accesso coerente a un medico di base regolare prima della pandemia, le visite ambulatoriali di persona per condizioni croniche sono diminuite dal 60% al 70%, mentre c’è stato un aumento dal 60% al 100% delle consultazioni video e telefoniche.16

Questo passaggio agevole all’assistenza remota ha comportato una maggiore soddisfazione del paziente e tassi di consenso coerenti rispetto a prima dell’inizio del COVID-19, riflettendo che questi pazienti hanno continuato a garantire un accesso tempestivo ed efficace alle cure primarie durante la pandemia di COVID-19.16,17 Tuttavia, anche in contesti ricchi di risorse, vi è un alto grado di variabilità tra le diverse comunità;18 in particolare, disuguaglianze nelle malattie croniche e determinanti sociali della salute tra i gruppi etnici minoritari , persone che vivono in zone con maggiore deprivazione socioeconomica, individui che vivono in povertà e altri gruppi emarginati.19

Inoltre, contesti limitati dalle risorse e a basso reddito possono costringere le persone con condizioni croniche a continuare le visite mediche di persona, rischiando una potenziale esposizione al COVID-19 o rimanere a casa e cercare cure mediche solo dopo che le loro condizioni sono sostanzialmente peggiorate.

Ciò estende le iniquità sanitarie esistenti per i pazienti svantaggiati dal punto di vista socioeconomico affetti da malattie croniche e ha ostacolato la gestione delle loro malattie; pertanto, peggiorando gli esiti sanitari.20 Ad esempio, tra le persone con diabete in tali contesti, l’80% si è preoccupato della loro capacità di garantire un follow-up tempestivo con i medici e oltre il 70% ha riportato un peggioramento del controllo glicemico che si manifesta come livelli più elevati di glucosio nel sangue a digiuno, principalmente a causa della loro incapacità di raggiungere i medici di assistenza primaria per modulare i dosaggi di insulina.21,22

È interessante notare che queste riduzioni delle visite di assistenza primaria faccia a faccia da parte di pazienti con condizioni croniche hanno conseguenze finanziarie sostanziali per i sistemi sanitari. Uno studio di modellazione su larga scala dei centri ambulatoriali e di assistenza primaria degli Stati Uniti ha stimato che una riduzione conservativa del 6% del volume totale delle visite porta a una perdita di quasi $ 70,000 (USD) per medico a tempo pieno e una perdita netta di $ 15 miliardi (USD) in tutti i centri di assistenza primaria degli Stati Uniti.23

Inoltre, per oltre la metà di questi clinici che si affidano a piccole pratiche indipendenti e probabilmente hanno meno capitale per passare senza problemi alla telemedicina, queste perdite finanziarie potrebbero triplicare, (1) rischiare la chiusura delle loro pratiche o licenziamenti del personale e (2) suggerire l’incompatibilità delle cure centrato sul paziente con il pagamento a pagamento a pagamento (FFS).24,25 È probabile che sistemi di assistenza primaria indeboliti influiscano negativamente sulla qualità dell’assistenza delle persone con condizioni croniche per anni oltre la pandemia di COVID-19.23

In Ontario (Canada), un sondaggio condotto su 4800 medici di assistenza primaria a pagamento ha rilevato che quasi il 50% aveva già licenziato il personale e potrebbe aver bisogno di chiudere le proprie pratiche a meno che non riceva ulteriore sostegno finanziario.26 Le prime prove suggeriscono che i modelli di assistenza primaria pro capite, che non dipendono dal volume dei servizi, ma piuttosto dalla fornitura di cure convenienti per un determinato volume di pazienti , forse più adatto a garantire la robustezza dell’assistenza primaria durante covid-19.24

I medici dell’assistenza primaria capitation possono essere incentivati a garantire che i pazienti rimangano sani per limitare eventuali visite future e le cure successive necessarie.27-29 È stato precedentemente dimostrato che rispetto ai modelli di assistenza primaria a pagamento, la capitazione può produrre tassi più elevati di pazienti che ricevono una gestione raccomandata e risultati sanitari favorevoli,30,31, riducendo al contempo i tassi di ammissione per gli individui con condizioni croniche.32

Una riduzione dei tassi di ospedalizzazione dovuta al miglioramento delle cure primarie è particolarmente critica durante la pandemia di COVID-19 per liberare risorse per l’assistenza urgente alle persone con COVID-19. Nonostante i benefici offerti dai modelli di capitazione, una grande preoccupazione è che i fornitori di cure primarie di capitazione possano essere finanziariamente incentivati per evitare di arruolare o sottotrattare pazienti con condizioni croniche, poiché questi pazienti sono associati a ricoveri ricorrenti (sia virtuali che di persona); pertanto, potrebbe essere necessario regolare i tassi di capitazione per i pazienti con condizioni croniche in modo da riflettere i costi attesi più elevati.33

Inoltre, l’efficacia di diversi modelli di assistenza primaria per i pazienti con condizioni croniche durante la pandemia di COVID-19 rimane poco compresa; pertanto, è urgente mente necessaria una maggiore ricerca in contrasto con l’efficacia e l’accesso alla cura dei modelli di capitazione rispetto ai modelli FFS per i pazienti con condizioni croniche, in particolare durante la pandemia di COVID-19, nonché potenziali aree di rischio per entrambi i modelli.

Riduzione delle visite ed e dei ricoveri in ospedale correlati alle malattie croniche

La pandemia di COVID-19 ha anche portato a significative riduzioni dei ricoveri ospedalieri, delle visite ed epaziali per i pazienti non COVID-19 con condizioni croniche, in particolare durante il periodo da marzo 2020 ad aprile 2020. Gli individui con infarto miocardico acuto, ictus, insufficienza cardiaca e altre condizioni cardiovascolari croniche hanno sperimentato un significativo (~ 40%) diminuzione dei ricoveri ospedalieri e delle visite ed durante la pandemia di COVID-19 rispetto al basale.34-39

I tassi di ricoveri correlati all’insufficienza cardiaca sono diminuiti del 40-50% durante il periodo COVID-19 rispetto a prima;34,40 tuttavia, uno studio ha rilevato un triplice aumento della mortalità correlata all’insufficienza cardiaca.41 Nel complesso, queste tendenze sono riguardanti, suggerendo che i pazienti con condizioni cardiovascolari croniche tendono a evitare visite mediche di persona in ospedali, cliniche ed ED probabilmente a causa della paura di una potenziale esposizione al COVID-19.

In uno studio trasversale su 185.000 pazienti nordamericani, un terzo ha riferito di aver annullato gli appuntamenti pre-programmati e oltre il 40% ha riportato un’elevata preoccupazione per quanto riguarda le visite mediche di persona.42 L’ipertensione e le condizioni cardiovascolari sono state spesso mostrate come le due principali comorbilità nella mortalità correlata al COVID-19, aumentando il rischio di due volte. Pertanto, i pazienti cardiaci cronici possono essere particolarmente prudenti nel ridurre al minimo le visite sanitarie di persona durante la pandemia di COVID-19.43-46

Particolarmente vulnerabili sono i pazienti anziani con condizioni croniche. Gli individui anziani sono più sensibili all’infezione da COVID-19, prognosi peggiore a seguito dell’infezione da COVID-19 e hanno anche maggiori probabilità di avere una o più malattie non trasmissibili; pertanto, possono affrontare livelli elevati di paura instillata dell’esposizione al COVID-19 durante le visite mediche di persona.47

Inoltre, i pazienti anziani con malattie croniche hanno una maggiore prevalenza di demenza da moderata a grave48,49 e deficit cognitivo, che può limitare la loro capacità di gestire efficacemente le loro condizioni croniche. Le persone con demenza affrontano anche esiti sanitari peggiori a seguito dell’esposizione al COVID-19, incluso un rischio elevato di mortalità quasi 3 volte più elevato.50 Complessivamente, i pazienti anziani sono un sottoinsieme della popolazione di malattie croniche che può affrontare una paura particolarmente amplificata e difficoltà a mantenere le routine sanitarie delle malattie croniche a causa della pandemia di COVID-19.

Sono state proposte due teorie alternative per spiegare la riduzione delle visite ed e dei ricoveri cronici correlati alle malattie, oltre al possibile timore di una potenziale esposizione al COVID-19 dovuta a visite mediche di persona. In primo luogo, la riduzione dei ricoveri ospedalieri può anche essere attribuita alla mitigazione di altri fattori di stile di vita e di rischio ambientale durante la quarantena, come la riduzione dell’esposizione al traffico, l’inquinamento atmosferico, altre infezioni respiratorie (ad esempio, influenza), nonché la riduzione del dispendio energetico.35,51

Ciò è supportato da un calo dei ricoveri ospedalieri e delle visite all’ED per la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)/asma e polmonite durante la pandemia di COVID-19, che condivide molti di questi fattori di rischio.37,52,53 Un’altra possibile spiegazione è che il passaggio effettivo alla telemedicina, unito all’assenza di distrazioni precedenti (ad esempio, lavoro, viaggi, ecc.), ha portato a una maggiore aderenza al trattamento e a una migliore gestione delle condizioni croniche.54,55

Diffusione della telemedicina per la gestione delle malattie croniche

Prima dell’epidemia di COVID-19, la telemedicina si era già distinta come una strategia efficace per monitorare e gestire le malattie croniche, ad esempio per i pazienti con insufficienza cardiaca e BPCO.56,57 Improvvisamente, il distanziamento sociale, la quarantena e le misure di restrizione ospedaliera hanno costretto le persone con condizioni croniche a ri-immaginare i loro trattamenti di routine da remoto con visite mediche di persona ad hoc.

Ciò ha portato a un aumento diffuso e significativo dell’utilizzo della telemedicina.58-60 Una rapida revisione ha rilevato che l’utilizzo della telemedicina è aumentato di quasi il 90% negli Stati Uniti durante la pandemia di COVID-19.61 Gli usi comuni della telemedicina includono consultazioni video o telefoniche, consentendo alle persone con condizioni croniche di auto-monitorare i sintomi e inviare queste informazioni ai loro medici, app mobili e piattaforme.55,62

Per i pazienti con insufficienza cardiaca cronica, l’assistenza virtuale ha permesso un efficace monitoraggio di routine (ad esempio, ritmo cardiaco, pressione sanguigna, saturazione O2) associato a una migliore conformità ai tassi di trattamento (51% vs 35%) e tassi di follow-up rispetto all’assistenza di persona durante covid-19.63 Tra i pazienti con condizioni respiratorie croniche come asma o BPCO, l’assistenza remota è stata efficace per l’educazione all’auto-gestione (ad esempio, formazione di dispositivi inalatori, tecniche di respirazione, riconoscimento dei sintomi, formazione o rispetto di piani d’azione, ecc.), portando a risultati sanitari migliori.52,64 Per le persone con epilessia, servizi virtuali come riviste di crisi elettroniche, app mobili, messaggistica e le videoconferenze hanno portato ad alti tassi di soddisfazione dei pazienti, a tassi di spettacolo più bassi e a risultati sanitari migliori.65

Nonostante questi vantaggi, la telemedicina è associata a molti ostacoli all’implementazione, tra cui (1) la limitata capacità di eseguire esami fisici o test accessori, (2) la ridotta capacità di raccogliere segnali verbali e non verbali, che potrebbero comportare più errori diagnostici, e (3) la mancanza di accesso alla tecnologia e le limitazioni inerenti alle variazioni dell’alfabetizzazione digitale, specialmente nei pazienti anziani per i quali le condizioni croniche sono comuni.64-66 L’analfabetismo digitale è più comune tra le persone svantaggiate dal punto di vista socioeconomico. , individui razzializzati, anziani e residenti nelle zone rurali, che possono contribuire a ridurre l’accesso alla telemedicina da parte di queste popolazioni.

Coerentemente con ciò, i tassi di visite in telemedicina per i pazienti affetti da malattie croniche sono risultati ridotti tra coloro che hanno un reddito più basso o un’età più avanzata (>60 anni), sono razzializzati (ispanici, Black, Asian/Pacific Islander), che vive in aree rurali, e non di lingua inglese.67,68 Inoltre, ricerche precedenti hanno scoperto che tra gli americani su otto che vivono in povertà, la percentuale che possiede smartphone, ha accesso a banda larga a Internet e ha un’alfabetizzazione digitale di base rispettivamente del 30%, 40% e 50% inferiore rispetto a coloro che non vivono in povertà.69

Questi risultati evidenziano la necessità di salute pubblica per aumentare l’accessibilità finanziaria e tecnologica dei servizi di telemedicina, specialmente nel contesto della pandemia di COVID-19. Pertanto, a meno che i servizi di telemedicina non affrontino le disparità di cui sopra, le iniquità sanitarie preesisteranno saranno ulteriormente esacerbate.70 In ultima analisi, occorre fare di più per fornire ai pazienti malattie croniche, in particolare quelle provenienti da gruppi socioeconomicamente svantaggiati, risorse tecnologiche e finanziarie, come l’accesso a Internet a banda larga e i dispositivi digitali, nonché sostegno allo sviluppo di competenze digitali.67

Carenza di fornitura di farmaci per le persone con malattie croniche

Durante la pandemia di COVID-19, le forniture di farmaci hanno fluttuato a causa dell’interruzione globale delle catene di approvvigionamento e trasporto, delle restrizioni di produzione a causa di materie prime insufficienti o misure di distanziamento sociale per i lavoratori, del comportamento di stoccaggio e di acquisto del panico in alcuni pazienti e delle maggiori richieste di trattare o sviluppare studi clinici per i pazienti COVID-19, che hanno causato carenze di medicinali per i pazienti con condizioni croniche.71-73

In particolare, l’idrossiclorochina, che viene utilizzata per il trattamento di malattie autoimmuni croniche come lupus e artrite reumatoide, ha affrontato una domanda triplicata durante il COVID-19 come promettente farmaco terapeutico per il trattamento dei pazienti con COVID-19, portando a gravi carenze.74 All’inizio del periodo di epidemia, farmaci come dapagliflozin e metformina usati per trattare il diabete,75 e midazolam e propofolo, che sono sedativi che sono stati utilizzati per trattare una condizione respiratoria cronica come la BPCO ,76 ha dovuto affrontare carenze critiche a causa della domanda nel trattamento dei pazienti covid-19 con ventilazione meccanica.

Tra i pazienti affetti da BPCO e asma, le preoccupazioni relative all’uso di nebulizzatori e alla ventilazione non invasiva nell’aerosolizzazione del virus COVID-19, rischiando così l’esposizione agli operatori sanitari, hanno notevolmente aumentato la domanda di inalatori a dosi dosate e successivamente carenze di inalatori.77 La carenza di medicinali porterà probabilmente all’interruzione del trattamento e al peggioramento dei sintomi delle condizioni croniche se continuano. Tuttavia, vi sono ancora prove limitate dei loro effetti diretti a valle sui risultati sanitari a breve e lungo termine nei pazienti affetti da malattie croniche.

Cambiamenti nello stile di vita e fattori di rischio correlati per individui con condizioni croniche

Ostacoli all’attività fisica e all’esercizio fisico per i pazienti con malattie croniche durante il COVID-19

Come accennato in precedenza, le misure di distanziamento sociale e quarantena hanno mitigato la diffusione del COVID-19. Tuttavia, questo ha anche opportunità collateralmente limitate per le persone con condizioni croniche di partecipare a programmi strutturati esercitati (ad esempio, sessioni di fitness di gruppo, sport di squadra) e programmi di fisioterapia di persona specifici per le loro condizioni.78-80 Sono emerse strategie di esercizio alternative, come social media, gruppi di supporto virtuale e app di fitness mobile, che forniscono un ambiente motivante e sociale, aiutando le persone con condizioni croniche a raggiungere i loro obiettivi di attività fisica e in particolare prevenire l’obesità.81 ,82

Gli studi hanno rilevato che durante la pandemia di COVID-19 l’attività fisica e l’esercizio fisico sono diminuiti di circa il 40% nella popolazione generale.83,84 Allo stesso modo, studi trasversali hanno riferito che l’attività fisica quotidiana moderata e ad alta intensità è diminuita rispettivamente di 30 e 11 minuti, con il 70% dei partecipanti, compresi gli individui con condizioni croniche, segnalando complessivamente meno attività fisica.78.80

I pazienti obesi con malattie croniche sono a rischio aggravato per complicanze cardiovascolari, metaboliche e respiratorie; pertanto, portando a risultati sanitari peggiori per le loro condizioni preesistente79, il che può comportare una paura instillata ancora maggiore di una potenziale esposizione al COVID-19 durante le visite mediche di persona.85

Nel complesso, è essenziale che gli individui con condizioni croniche garantiscano livelli adeguati di attività fisica regolare durante la pandemia di COVID-19 per prevenire esacerbazioni delle loro condizioni e promuovere migliori risultati sanitari.86

Considerazioni sulla salute psicosociale e mentale per le persone con condizioni croniche durante il COVID-19

Una maggiore prevalenza di disturbi mentali comorbili come depressione, ansia e stress cronico è stata precedentemente riscontrata in individui con condizioni fisiche croniche.1–3,87 Segnalano costantemente più isolamento sociale, incertezza sul futuro e colpa derivante dai limiti fisici e psicosociali reali o percepiti della loro malattia. Questi tre esiti, che potrebbero essere aggravati dalla pandemia di COVID-19, possono esacerbare la morbilità della loro malattia cronica, creando un circolo vizioso.87,88

Per gli individui con malattie cardiovascolari croniche, maggiori livelli di stress sono stati precedentemente documentati come fattore di rischio per l’aterosclerosi, sviluppo di ipertensione e malattie coronarie ricorrenti,89-91 in particolare con un’incidenza elevata del 40-50% di malattie coronarica ricorrenti.91 Uno studio trasversale statunitense ha rilevato che, rispetto alla popolazione generale, i pazienti con condizioni croniche sperimentano livelli di stress più elevati a causa di un rischio più elevato per peggiori esiti di salute da infezione da COVID-19.92

Ad esempio, tra i pazienti con epilessia, elevati livelli di stress e problemi di salute mentale erano molto diffusi93,94 con una frequenza di crisi più elevata durante l’epidemia di COVID-19, il che è coerente con la preoccupazione amplificata di non poter ricevere un accesso tempestivo ed efficace alle cure primarie e ai farmaci antisequestro.95

Di conseguenza, in uno studio, il 73% e il 40% dei pazienti con epilessia hanno riferito che ottenere farmaci anti-epilessia di routine e gestire i livelli di stress, rispettivamente, sono stati resi “più difficili” dalla pandemia di COVID-19 attraverso una vasta gamma di fattori (maggiore difficoltà nel raggiungere i loro operatori sanitari per l’epilessia, difficoltà nel mantenere normali routine di sonno, maggiore difficoltà con l’ottenimento di farmaci anti-epilessia e con l’assunzione di routine di questi farmaci).87 In particolare , un terzo dei pazienti in questo studio ha riportato un aumento della frequenza delle convulsioni durante la pandemia di COVID-19.95

Interruzione del sonno e disturbi per le persone con condizioni croniche durante il COVID-19

La pandemia di COVID-19 ha amplificato significativamente la frequenza e la gravità delle interruzioni del sonno. In particolare, gli eventi di difficoltà del sonno clinicamente significative sono aumentati dal 30% al 40% dalla pandemia di COVID-19 tra la popolazione generale.96-98 Inoltre, questo aumento è stato quasi duplice tra gli individui con condizioni croniche99.100 che possono essere spiegate da tassi più elevati di malattie mentali e stress durante la pandemia di COVID-19, che potrebbero provocare eccitazione cognitiva e portare a interruzioni del sonno.101

Inoltre, il distanziamento sociale e i mandati di quarantena hanno portato a una maggiore percentuale di individui con condizioni croniche che si sentono soli o socialmente isolati, il che è stato associato in modo bidirezionale a modelli di sonno interrotti.102 Inoltre, routine quotidiane atipiche, orari sonno-veglia, modelli di pasto e attività e spesso ridotta esposizione alla luce possono aver portato alla disregolazione dei ritmi circadiani, ai livelli di eccitazione e alla guida del sonno nei pazienti con malattie croniche.103

Nonostante le interruzioni, molti lavori e attività sono transizione verso il completamento a casa o da remoto, offrendo così orari più flessibili e, successivamente, l’opportunità per i pazienti di allineare i loro regolari programmi sonno-veglia per adattarsi meglio ai loro cronotipi e per aderire meglio alle strategie di gestione delle malattie croniche.101

Il trattamento con dispositivi di trattamento delle vie aeree positive (PAP) per individui con respirazione disordinata al sonno può essere impegnativo durante la pandemia di COVID-19 a causa delle goccioline e dell’aerosol indotte da PAP, che fungono da mezzi per trasmettere o diffondere il virus (SARS-CoV-2).104 Nonostante ciò, tra i pazienti con apnea ostruttiva del sonno (OSA), il rispetto della terapia continua positiva delle vie aeree (CPAP) è aumentato del 27% durante la quarantena.105

L’educazione alla salute del sonno deve essere prioritaria nell’ambito della gestione cronica delle malattie per promuovere una migliore qualità e quantità del sonno per le persone con condizioni croniche per prevenire l’esacerbazione delle loro condizioni, che possono essere fornite attraverso i canali di telemedicina esistenti.103

link di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7894869/


Maggiori informazioni: Meghan O’Hearn et al. DOI: 10.1161/JAHA.120.019259

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.