Se i paesi ricchi continuano ad accumulare vaccini, la pandemia si protrarrà forse per altri sette anni

0
161

Solo 10 paesi rappresentano i tre quarti dei 191 milioni di vaccinazioni COVID-19 che sono state somministrate fino a metà febbraio , segno che la corsa per vaccinare il mondo non è quasi alla pari.

E se le nazioni ricche non agiscono rapidamente per garantire un’allocazione più equa dei vaccini, è una gara che tutti potrebbero perdere, afferma un esperto di salute globale di Duke.

“Se il mondo ricco continua ad accumulare vaccini, la pandemia si trascinerà forse per altri sette anni”, scrive il dottor Gavin Yamey, professore della pratica della salute globale e direttore del Center for Policy Impact in Global Health a Duke.

Yamey ha offerto l’avvertimento in un commento pubblicato sulla rivista Nature, in cui esorta le nazioni ricche a donare porzioni dei vaccini che hanno acquistato a paesi a basso e medio reddito che sono stati scontati per l’acquisizione di dosi.

In circa 130 paesi con una popolazione totale di 2,5 miliardi, non una sola persona è stata vaccinata contro COVID-19, osserva.

“C’è un mantra nella salute globale secondo cui un’epidemia ovunque potrebbe portare a un’epidemia ovunque, ed è per questo che è nel nostro interesse collettivamente come comunità internazionale iniziare a condividere le dosi (e) per assicurarci di espandere la fornitura globale di vaccini”, ha detto Yamey durante un briefing con i media.

Le organizzazioni sanitarie globali speravano di evitare l’accumulo di vaccini incoraggiando i paesi ad acquistare vaccini attraverso COVAX, un’alleanza globale stabilita per condividere le dosi di vaccino con i paesi più poveri.

Ma mentre quasi 190 paesi si sono uniti a COVAX, circa tre dozzine di paesi ad alto reddito hanno anche negoziato accordi diretti con i produttori di vaccini per garantire le dosi ai propri cittadini.

Attraverso questi contratti, una manciata di paesi che rappresentano solo il 16% della popolazione mondiale hanno acquisito più della metà dei vaccini COVID-19 disponibili.

Mentre COVAX prevede di acquistare circa 2 miliardi di dosi entro la fine del 2021, è sufficiente solo per vaccinare circa il 20% delle persone nei paesi a basso e medio reddito.

“Quello che trovo inquietante è che è probabile che mi venga offerta la vaccinazione prima di un operatore sanitario o di una persona ad alto rischio in un paese a basso reddito o in un paese a reddito medio. E non è giusto, non è giusto “, ha detto Yamey.

Credito: Duke University School of Nursing

Ma oltre all’equità, ci sono rischi per la salute pubblica ed economici per le nazioni ricche che eliminano gli scaffali dei vaccini. Yamey afferma che forzare COVAX fino alla fine della linea lascerà miliardi di persone nei paesi più poveri non protetti per un anno o più, consentendo al virus di continuare a diffondersi e aumentare il rischio di nuove varianti che potrebbero essere più trasmissibili o mortali.

Una situazione del genere potrebbe avere effetti economici devastanti per i paesi ad alto e basso reddito, afferma Yamey. Cita uno studio che stima che lasciare le nazioni più povere non protette potrebbe costare all’economia globale circa 9 trilioni di dollari, con la metà delle perdite nei paesi ad alto reddito.

Alcuni paesi che hanno deciso di acquistare grandi quantità di vaccini, come il Regno Unito, si sono impegnati a donare dosi extra a COVAX una volta completata la vaccinazione dei loro cittadini.

Ma Yamey sostiene che devono muoversi più velocemente. Chiede un sistema di decima, in cui i paesi donino fino al 10 per cento delle loro dosi anche se continuano a vaccinare la propria popolazione.

“Dobbiamo smetterla di pensare solo alla nostra nazione. Dobbiamo iniziare a pensare a noi stessi come a una comunità globale interconnessa “, ha detto Yamey. “Come nazioni, siamo come navi su un oceano e saliremo e cadremo insieme”.

Il collega di Yamey e Duke, David McAdams, ha utilizzato la teoria dei giochi per dimostrare come i paesi potrebbero evitare di trasformare l’acquisizione di vaccini in un gioco a somma zero. I ricercatori suggeriscono che i paesi ricchi potrebbero usare il loro potere d’acquisto per strutturare accordi con i produttori di vaccini che aumentano la produzione complessiva.

Quando si acquistano dosi per i propri cittadini, ad esempio, i paesi potrebbero richiedere ai produttori di vaccini di condividere la tecnologia con i produttori in altre parti del mondo.

Yamey dice di essere incoraggiato da azioni recenti come l’impegno degli Stati Uniti di 4 miliardi di dollari per aiutare COVAX ad acquistare più dosi per i paesi a basso e medio reddito. Nota inoltre che la Norvegia ha annunciato che donerà dosi a COVAX parallelamente alla propria campagna di vaccinazione.

“Soprattutto quando si guardano le pandemie passate, non abbiamo mai avuto nulla di simile a un COVAX”, ha detto. “Continuo a sostenere che COVAX è sulla buona strada per fare cose davvero spettacolari entro la fine dell’anno. Le cose stanno cambiando in modi molto positivi, ma non abbastanza velocemente “.


La pandemia COVID-19 ha causato un sostanziale eccesso di mortalità e ha precipitato le economie nazionali in profonde recessioni.1 Sebbene la diffusione del virus possa essere mitigata attraverso l’allontanamento fisico, la copertura del viso, i test e il tracciamento – e potenzialmente con le terapie – il rischio di epidemie e L’interruzione della vita economica e sociale rimarrà probabilmente fino a quando non saranno somministrati vaccini efficaci a vaste porzioni della popolazione mondiale per prevenire il ricovero in ospedale e malattie gravi, e preferibilmente per ottenere l’immunità della mandria per arrestare la trasmissione del virus.

Diversi vaccini COVID-19 sono stati ora autorizzati o approvati per uso umano, con molti altri nelle ultime fasi dello sviluppo clinico. Tuttavia, disporre di vaccini autorizzati non è sufficiente per ottenere il controllo globale di COVID-19: devono anche essere prodotti su larga scala, a un prezzo accessibile, distribuiti a livello globale in modo che siano disponibili dove necessario e ampiamente utilizzati nelle comunità locali (figura 1).

Queste quattro dimensioni della sfida globale della vaccinazione sono strettamente correlate e le fasi di sviluppo e produzione hanno importanti implicazioni per i prezzi, l’allocazione e la fiducia del pubblico.

Figura miniatura gr1
Figura 1 Quattro dimensioni di una strategia di immunizzazione globale efficace contro COVID-19

In questo documento sulla politica sanitaria, esaminiamo le potenziali sfide al successo in ciascuna di queste dimensioni e discutiamo le implicazioni politiche. Per guidare la nostra revisione, abbiamo sviluppato un dashboard (figura 2) per evidenziare le caratteristiche chiave di 26 principali vaccini candidati, sulla base dei profili di prodotto target per i vaccini COVID-19 stabiliti dall’OMS.4 Ci siamo concentrati sulle caratteristiche che distinguono i singoli candidati vaccini da l’un l’altro.

Abbiamo utilizzato un sistema a semaforo per segnalare i potenziali contributi di ciascun candidato al raggiungimento dell’immunità vaccinale globale, con il colore rosso che indica rischi elevati per il raggiungimento di un’immunità diffusa, l’ambra indica un rischio medio e il verde indica un rischio minimo o nullo. L’Appendice 1 delinea la metodologia per la costruzione del cruscotto, inclusi i criteri per l’assegnazione di una luce verde, ambra o rossa per ciascuna caratteristica.

Sebbene i punti dati specifici e le loro classificazioni a semaforo corrispondenti siano soggetti a modifiche con il progredire della risposta alla pandemia, il dashboard continuerà a fornire una lente utile attraverso la quale analizzare le questioni chiave che influenzano l’uso dei vaccini COVID-19.

Figura miniatura gr2
Figura 2 Caratteristiche chiave dei principali candidati vaccini con un sistema di segnalazione a semaforo potenziale per il raggiungimento dell’immunità vaccinale globale

Sviluppo e produzione

Diversi produttori hanno sviluppato con successo i vaccini COVID-19 in meno di 12 mesi: un risultato straordinario, dato che in genere ci vogliono un decennio o più per sviluppare nuovi vaccini.5, 6, 7, 8 Il mondo ora ha bisogno di più dosi di vaccini COVID-19 di quanto abbia fatto per qualsiasi altro vaccino nella storia per inoculare un numero sufficiente di persone per l’immunità vaccinale globale.
I vaccini spesso soffrono di investimenti insufficienti, 9 ma non è stato così in questa pandemia.

Al 3 febbraio 2021, c’erano 289 vaccini COVID-19 sperimentali in fase di sviluppo, 66 dei quali erano in diverse fasi dei test clinici, inclusi 20 nella fase 3. Solo cinque di questi 66 vaccini, quelli sviluppati da AstraZeneca in collaborazione con Oxford Università, BioNTech in collaborazione con Pfizer, Gamaleya, Moderna e Sinopharm in collaborazione con Pechino

Istituto – sono stati autorizzati da rigorose autorità di regolamentazione (secondo i criteri dell’OMS di tali autorità2) o dall’OMS (figura 2). Altri cinque – provenienti da Cina, India, Kazakistan e Russia – hanno ricevuto l’approvazione o sono stati autorizzati per l’uso di emergenza da altre agenzie di regolamentazione; alcune delle organizzazioni che sviluppano questi vaccini hanno presentato la documentazione all’OMS per l’elenco degli usi di emergenza o la prequalificazione, ma queste richieste sono ancora in fase di revisione.10

Si prevede che altri vaccini di Novavax e Johnson & Johnson saranno autorizzati sulla base di risultati positivi ad interim di fase 3. Diversi vaccini hanno mostrato alti livelli di efficacia (cioè più del 70%) negli studi clinici, sebbene non tutti gli sviluppatori abbiano pubblicato i loro risultati; la maggior parte dei vaccini autorizzati ha dimostrato di fornire una forte protezione contro i ricoveri e i decessi dovuti a COVID-19.

Mentre il sostegno pubblico alla ricerca di base e allo sviluppo di farmaci in fase iniziale è diffuso 11, l’urgente necessità di sviluppare vaccini COVID-19 e aumentare l’offerta ha ispirato nuovi modi per aiutare la ricerca, lo sviluppo e le attività di produzione e ottenere un’ampia partecipazione tra le aziende private. 12

I governi e le organizzazioni senza scopo di lucro hanno finanziato sperimentazioni cliniche, investito nella costruzione e nell’espansione degli impianti di produzione e stabilito reti di produzione e distribuzione a contratto per consentire il rapido lancio di vaccini di successo.13
La tabella riassume i dati disponibili pubblicamente sugli investimenti dei governi e organizzazioni senza scopo di lucro nella ricerca, sviluppo e produzione di candidati vaccini COVID-19 avanzati (appendice 2).

In totale, gli sviluppatori hanno ricevuto circa 10 miliardi di dollari di finanziamenti pubblici e senza scopo di lucro per i loro candidati vaccini, sebbene questo numero sia probabilmente sottostimato, data la scarsità di dati su alcuni di questi progetti. Le prime cinque società hanno ricevuto ciascuna tra $ 957 milioni e $ 2,1 miliardi in impegni di finanziamento, principalmente dal governo degli Stati Uniti e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI).

I governi cinese e russo hanno investito in diversi vaccini candidati sviluppati da società private o imprese statali. Poiché molti accordi di finanziamento sono riservati, i dettagli sulla ripartizione specifica della spesa non sono chiari.

TableFinanziamenti pubblici e senza scopo di lucro per la ricerca, lo sviluppo e la produzione dei principali vaccini candidati

TecnologiaConosciuto finanziamento pubblico e senza scopo di lucro, US $Finanziatori
Sanofi con GlaxoSmithKlineSubunità proteica$ 2 · 1 miliardoGoverno degli Stati Uniti
NovavaxSubunità proteica$ 2 · 1 miliardoBill & Melinda Gates Foundation, CEPI, governo degli Stati Uniti
AstraZeneca con l’Università di OxfordVettore virale non replicante$ 1 · 7 miliardiCEPI, governo del Regno Unito, governo degli Stati Uniti
Johnson & JohnsonVettore virale non replicante$ 1 · 5 miliardiGoverno degli Stati Uniti
ModernamRNA$ 957 milioniCEPI, Dolly Parton COVID-19 Research Fund, governo degli Stati Uniti
BioNTech con PfizermRNA445 milioni di dollariGoverno tedesco
Prodotti farmaceutici Clover con DynavaxSubunità proteica$ 430 milioniFondazione Bill & Melinda Gates, CEPI
CureVacmRNA$ 348 milioniCEPI, governo tedesco
Sinopharm con Wuhan InstituteVirus inattivato142 milioni di dollariGoverno cinese
MedicagoParticella simile a virus137 milioni di dollariGoverno canadese
InovioDNA107 milioni di dollariBill & Melinda Gates Foundation, CEPI, governo degli Stati Uniti
Covaxx con la Nebraska UniversitySubunità proteica$ 15 milioniGoverno taiwanese
SK BiosciencesSubunità proteica$ 14 milioniFondazione Bill & Melinda Gates, CEPI
Biological ESubunità proteica$ 9 milioniBill & Melinda Gates Foundation, CEPI, governo indiano
Università di Hong KongReplicazione del vettore virale$ 4 milioniCEPI, governo di Hong Kong
CAMME con IMBVirus inattivato$ 3 milioniGoverno cinese, Fondazione Jack Ma
AnGes con l’Università di OsakaDNASconosciutoGoverno giapponese
Anhui Zhifei con CAMSSubunità proteicaSconosciutoGoverno cinese
Bharat BiotechVirus inattivatoSconosciutoGoverno indiano
CanSinoVettore virale non replicanteSconosciutoSconosciuto
GamaleyaVettore virale non replicanteSconosciutoGoverno russo
RIBSPVirus inattivatoSconosciutoGoverno kazako
SII con Max Planck InstituteVirus vivo attenuatoSconosciutoSconosciuto
Sinopharm con il Beijing InstituteVirus inattivatoSconosciutoGoverno cinese
SinovacVirus inattivatoSconosciutoSconosciuto
Vector InstituteSubunità proteicaSconosciutoGoverno russo

I dati risalgono al 3 febbraio 2021. Le fonti e la metodologia sono delineate nell’appendice 2, che include anche ulteriori informazioni sulle modalità di finanziamento. In breve, per gli sviluppatori con vaccini COVID-19 che sono stati approvati o autorizzati per l’uso umano in uno o più paesi, sono in fase 3 test clinici o sono sotto contratto con CEPI o COVAX Facility, abbiamo cercato comunicati stampa di sviluppatori e finanziatori, nonché rapporti finanziari presentati dagli sviluppatori presso le autorità di regolamentazione in vari paesi, per informazioni sui finanziamenti pubblici e senza scopo di lucro. Non abbiamo contato i fondi forniti ai licenziatari che producono e distribuiscono vaccini per conto di sviluppatori di piombo o per contrattare organizzazioni di sviluppo e produzione, né abbiamo contato prestiti (ad esempio, finanziamento del debito) da istituzioni finanziarie internazionali (ad es. Banca europea per gli investimenti) o governi nazionali. Abbiamo incluso accordi di pre-acquisto tra governi e aziende in cui sembrava che una parte sostanziale del finanziamento fosse destinata allo sviluppo in fase avanzata (ovvero, studi di fase 1-3) o all’aumento della produzione a rischio prima del completamento dei test clinici. CAMS = Accademia cinese delle scienze mediche. CEPI = Coalition for Epidemic Preparedness Innovation. IMB = Institute of Medical Biology (Cina). RIBSP = Istituto di ricerca per problemi di sicurezza biologica (Kazakistan). SII = Serum Institute of India. CAMS = Accademia cinese delle scienze mediche. CEPI = Coalition for Epidemic Preparedness Innovation. IMB = Institute of Medical Biology (Cina). RIBSP = Istituto di ricerca per problemi di sicurezza biologica (Kazakistan). SII = Serum Institute of India. CAMS = Accademia cinese delle scienze mediche. CEPI = Coalition for Epidemic Preparedness Innovation. IMB = Institute of Medical Biology (Cina). RIBSP = Istituto di ricerca per problemi di sicurezza biologica (Kazakistan). SII = Serum Institute of India.

L’attenzione è ora rivolta all’espansione della capacità di produzione per promuovere la diffusione su vasta scala di vaccini di successo, nonché alla loro distribuzione efficiente alle strutture amministrative. Le aziende con candidati leader hanno segnalato capacità di fornitura molto diverse fino alla fine del 2021 (figura 2).

Nove sviluppatori hanno affermato che saranno in grado di produrre al massimo 700 milioni di dosi ciascuno quest’anno, mentre altri dieci produttori hanno fissato obiettivi di produzione di 1 miliardo di dosi ciascuno o più. Nessuna singola azienda sarà in grado di fornire tutti i paesi in questo periodo, anche se soddisfano questi dati di produzione stimati.

Aumentare la produzione per soddisfare la domanda globale è una sfida enorme.14,15 Prima di questa pandemia, non c’erano reti esistenti di produttori a contratto per molti dei principali vaccini candidati che presentassero nuove tecnologie, comprese quelle che si affidavano a piattaforme di consegna di mRNA. Inoltre, il volume di vaccini necessario esercita pressione sulle catene di approvvigionamento globali per gli input, come fiale di vetro, siringhe e agenti stabilizzanti.

La produzione di vaccini COVID-19 è limitata dallo stato altamente concentrato della capacità di produzione globale di vaccini16 e dalle relazioni stabilite tra sviluppatori principali e produttori a contratto. Una soluzione efficace al collo di bottiglia della produzione richiederebbe probabilmente un trasferimento tecnologico diffuso per consentire l’espansione della capacità di produzione. Attualmente, pochi paesi hanno la capacità interna di produrre rapidamente i vaccini COVID-19 da soli e invece avranno bisogno che le aziende condividano attivamente conoscenze, tecnologia e dati con i produttori nazionali.17

Alcuni dei principali sviluppatori di vaccini COVID-19 hanno accordi di collaborazione con produttori nei paesi a reddito medio: AstraZeneca ha accordi di questo tipo con il Serum Institute of India, Fiocruz in Brasile, mAbxience Buenos Aires in Argentina e Siam Bioscience in Tailandia; Johnson & Johnson ha un accordo con Aspen Pharmacare in Sud Africa; e Novavax con il Serum Institute of India, sebbene i termini di queste partnership, inclusa la misura in cui i produttori autorizzati possono negoziare i propri accordi di fornitura con i paesi, non sono chiari.

Accessibilità

Sono necessari meccanismi per garantire l’accessibilità economica e il finanziamento sostenibile dei vaccini COVID-19 nei paesi a basso e medio reddito, che ospitano circa l’85% della popolazione mondiale e che potrebbero non disporre delle risorse per acquistare quantità adeguate di vaccini.18 , 19 Anche nei paesi ad alto reddito, è importante garantire l’accesso ai vaccini COVID-19 per le popolazioni povere ed emarginate.

Prezzi

Le aziende hanno gradualmente divulgato i prezzi che stanno offrendo a paesi con livelli di reddito diversi, con una marcata variazione del prezzo più basso per corso (figura 2). Alcune aziende come AstraZeneca e Johnson & Johnson, che stanno beneficiando pesantemente degli investimenti del settore pubblico, si sono impegnate a vendere i loro vaccini a livello globale a prezzi bassi. Entrambe le società si sono impegnate a mantenere questi prezzi durante la pandemia, 20, 21 sebbene sia necessaria maggiore chiarezza su come sarà determinato che la pandemia è finita, nonché sui modelli di determinazione dei prezzi post-pandemia.

Questi fattori hanno implicazioni per la durata delle campagne di vaccinazione, soprattutto se si rendono necessarie iniezioni annuali. Altre aziende fanno pagare molto di più, con alcune società che fissano prezzi che sono tra i più alti tra quelli esistenti per i vaccini (figura 3). Alcuni produttori stanno anche pianificando di vendere vaccini COVID-19 a premio nei mercati privati ​​in paesi come Bangladesh, Brasile e India.23, 24, 25 Ci sono preoccupazioni che i pazienti più ricchi in questi paesi possano ottenere un accesso più rapido ai vaccini attraverso mercati rispetto ai pazienti più poveri.

Figura miniatura gr3
Figura 3 Prezzo medio per dose per i vaccini esistenti e per i principali candidati vaccini COVID-19 per approvvigionamento o gruppo di reddito del paese

Diversi fattori potrebbero determinare la variazione dei prezzi osservata. Questi includono, ad esempio, le differenze nelle piattaforme tecnologiche e i costi di sviluppo e produzione associati; l’importo del finanziamento pubblico ricevuto dagli sviluppatori; gli approcci delle aziende alla concessione di licenze e alla creazione di reti di produzione; la misura in cui i vaccini COVID-19 si adattano alle strategie globali di profitto delle aziende farmaceutiche; la presenza di diritti di proprietà intellettuale; le richieste dei finanziatori (ad esempio, le condizioni di accesso del CEPI); e pressione politica sulle aziende per mantenere bassi i prezzi.

Per illustrare il confronto tra i prezzi dei vaccini COVID-19 e quelli di altri vaccini, la figura 3 mostra il prezzo mediano per dose dei vaccini esistenti per approvvigionamento o gruppo di reddito, alla fine del 2018. In generale, i paesi coperti da Gavi, il vaccino Alliance (uno dei principali acquirenti di vaccini per i paesi a basso reddito), ha pagato i prezzi più bassi per dose (mediana tra tutti i vaccini $ 0 · 57 [IQR 0 · 16–1 · 90]), seguita dai paesi coperti dall’UNICEF (mediana $ 0 · 80 [IQR 0 · 16–2 · 80]) e l’Organizzazione Panamericana della Sanità (mediana $ 3,50 [IQR 0 · 87–13 · 0]), paesi a reddito medio autoapprovvigionamento (mediana $ 5,30 [IQR 0 · 79–18 · 30]) e paesi ad alto reddito che si autoappaltano (mediana $ 16,3 [IQR 6 · 5–22 · 0]) 22 Molti paesi a reddito medio che si autoappaltano, che ricevono poca assistenza esterna,storicamente sono stati addebitati prezzi dei vaccini in gran parte non correlati ai livelli di reddito

I prezzi dei vaccini sono particolarmente importanti per COVID-19, a causa dei volumi richiesti. I paesi mirano a somministrare i vaccini COVID-19 a quasi tutta la loro popolazione, rendendo questi vaccini potenzialmente inaccessibili per molti governi, anche a prezzi bassi per dose. A seconda della durata della protezione offerta da questi vaccini, nonché della potenziale necessità di vaccini modificati che proteggano da nuove varianti, questi acquisti potrebbero diventare spese ricorrenti.
Finanziamento sostenibile

Per finanziare i vaccini COVID-19 ei programmi di vaccinazione, compresi i costi di distribuzione, amministrazione, registrazione e sorveglianza, i governi avranno bisogno di una sostanziale generazione di entrate nazionali o di aiuti esterni. Le esperienze con la somministrazione di massa di farmaci in precedenti crisi sanitarie, come durante l’epidemia di HIV / AIDS, hanno dimostrato che, anche quando i prodotti farmaceutici sono poco costosi o gratuiti, i paesi hanno bisogno di sostegno finanziario sia per acquistarli che per distribuirli.27, 28

Queste pressioni finanziarie stanno arrivando in un momento in cui molte economie sono in crisi a causa della pandemia. Se i governi in contesti con risorse limitate deviano le risorse da altri programmi di vaccinazione o servizi sanitari essenziali per pagare i vaccini COVID-19 e i programmi di vaccinazione, i bilanci sanitari potrebbero essere distorti con conseguenze negative a lungo termine per la salute e lo sviluppo economico.

I principali donatori e istituti di credito, come la Banca mondiale e altre banche multilaterali di sviluppo, hanno stanziato miliardi di dollari in fondi per i programmi di vaccinazione COVID-19 nei paesi a basso e medio reddito.29, 30 Questi fondi possono essere utilizzati per acquistare vaccini che sono stati autorizzati da severi organismi di regolamentazione o dall’OMS.

L’iniziativa di sospensione del servizio del debito del gruppo del G20 dei paesi ad alto reddito potrebbe fornire anche ulteriore spazio fiscale, consentendo ai paesi più poveri del mondo di distribuire il rimborso del debito dovuto ad altri paesi per periodi prolungati. Sebbene questa iniziativa non affronti il ​​debito nei confronti di creditori privati, la speranza è che la sospensione temporanea di alcuni rimborsi possa liberare risorse per più paesi per sostenere meglio i costi di ottenimento e somministrazione di vaccini.31

Allocazione globale

Oltre allo sviluppo e alla convenienza dei vaccini, un pilastro essenziale della sfida vaccinale è garantire che siano disponibili dosi sufficienti a livello globale. Le decisioni attuali in merito all’allocazione vengono prese nel contesto dell’offerta limitata, con la domanda che supera i livelli di produzione attuali e previsti.16,32 La scarsità dell’offerta unita ai grandi volumi di preordini effettuati dai paesi più ricchi crea sfide per il raggiungimento di accesso. Miliardi di persone in tutto il mondo potrebbero non avere accesso ai vaccini COVID-19 nel 2021, il che potrebbe prolungare la pandemia e aumentare il rischio di ulteriori mutazioni del virus che emergono, forse minando l’efficacia dei vaccini esistenti.

Approccio COVAX all’allocazione globale

L’accesso diseguale ai vaccini non sarebbe senza precedenti. Durante la pandemia influenzale H1N1 del 2009, i paesi ricchi hanno acquistato la maggior parte della fornitura globale di vaccini contro l’influenza pandemica, lasciando quantità inadeguate per i paesi poveri di risorse, molti dei quali sono stati tra i più colpiti al mondo.33,34 Alcuni paesi sono arrivati ​​al impedire che le dosi di vaccino prodotte localmente vengano esportate altrove, 35 qualcosa che gli Stati membri dell’UE stanno prendendo in considerazione anche nell’attuale pandemia.

Per evitare una ripetizione dello scenario H1N1, nell’aprile 2020, l’OMS ha annunciato la creazione di un meccanismo di allocazione globale, il COVID-19 Vaccine Global Access (COVAX) Facility, coordinato congiuntamente con CEPI e Gavi. COVAX è un’iniziativa di approvvigionamento in pool che, oltre a cercare di garantire prezzi bassi, mira a fornire a tutti i paesi l’accesso a un portafoglio diversificato di vaccini durante la fase acuta della pandemia nel 2021.

I paesi ad alto reddito e autofinanziati possono acquistare vaccini da COVAX a un prezzo medio stimato di $ 11 per dose, mentre 92 paesi a basso e medio reddito possono riceverli a prezzi notevolmente inferiori ($ 1 · 6–2 · 0 per dose ), sovvenzionato tramite l’assistenza ufficiale allo sviluppo

Il fulcro dell’approccio COVAX all’allocazione globale è che la vaccinazione dovrebbe procedere per fasi, con priorità data alla protezione degli anziani, degli operatori sanitari e di altri individui ad alto rischio, prima di procedere alla vaccinazione di fasce più ampie della popolazione.37

Secondo il modello COVAX, tutti i paesi partecipanti riceverebbero inizialmente scorte sufficienti per il 20% delle loro popolazioni, dopodiché la distribuzione aderirebbe al quadro dell’OMS per l’assegnazione dei vaccini COVID-19 a livello internazionale sulla base delle necessità.37 La logica generale di COVAX è che nessun paese dovrebbe vaccinare più del 20% della sua popolazione fino a quando tutti i paesi non avranno vaccinato il 20% della propria popolazione, in conformità con i principi di uguaglianza globale. Altri hanno suggerito quadri di allocazione alternativi, sebbene tutti condividano le proprie radici nei principi di equità e distribuzione etica.38, 39, 40, 41, 42

Minacce all’allocazione equa

Perché COVAX abbia successo, ha bisogno di fondi sostanziali per acquistare i vaccini. A febbraio 2021, i governi e altri partner hanno impegnato circa 4 miliardi di dollari in finanziamenti per COVAX, 43 ma Gavi e l’OMS stimano che saranno necessari altri 6,8 miliardi di dollari affinché COVAX possa procurarsi e fornire almeno 2 miliardi di dosi entro la fine. del 2021.3, 44

Una minaccia maggiore per un’allocazione equa proviene dalle strategie di approvvigionamento nazionali che potrebbero lasciare COVAX con un’offerta inadeguata.45, 46, 47, 48, 49, 50, 51 Molti paesi ad alto reddito hanno scelto di non acquistare i loro vaccini tramite COVAX e invece hanno cercato ottenere l’accesso prioritario a quantità abbondanti di vaccini COVID-19 stipulando accordi di acquisto anticipato con gli sviluppatori. L’obiettivo di tali accordi è garantire l’accesso a un numero sufficiente di vaccini per inoculare la maggior parte, se non tutte, le popolazioni adulte dei paesi nel 2021.

Garantire grandi quantità di vaccini in questo modo significa che i paesi anticipano la vaccinazione degli operatori sanitari e delle popolazioni ad alto rischio nei paesi più poveri alla vaccinazione diffusa delle proprie popolazioni. Sulla base dei registri pubblici, i governi dei paesi ad alto reddito, che rappresentano il 16% della popolazione mondiale, hanno stabilito preordini che coprono almeno 4,2 miliardi di dosi di vaccini COVID-19. Questi paesi si sono assicurati almeno il 70% delle dosi disponibili nel 2021 di cinque principali vaccini candidati, sulla base di accordi noti (figura 2).

Sebbene il modello di acquisto di vaccini direttamente dagli sviluppatori e non tramite COVAX sia iniziato con i paesi ad alto reddito (inclusa l’UE come acquirente unificato), numerosi altri paesi hanno seguito l’esempio. Questa dinamica si autoalimenta: poiché più paesi acquistano direttamente le dosi, aumentano le preoccupazioni sull’affidabilità della fornitura di COVAX, creando così maggiori incentivi per i paesi a procurarsi le dosi da soli.

Gli incentivi a procurarsi vaccini in questo modo aumentano ulteriormente dopo l’annuncio dei risultati positivi della sperimentazione, il che riduce il rischio di acquistare in anticipo i vaccini di successo. Al 3 febbraio 2021, almeno 62 paesi o blocchi di paesi avevano firmato accordi di acquisto con i produttori

Ma non tutti i paesi possono procurarsi da soli un numero sufficiente di vaccini COVID-19. Invece, la maggior parte dei paesi conta su COVAX, che ha raggiunto accordi con cinque aziende per circa 2 miliardi di dosi (figura 2) .3 Questo importo potrebbe consentire a COVAX di raggiungere l’obiettivo di vaccinare il 20% delle popolazioni dei paesi partecipanti.

Tuttavia, poiché non è chiaro quali vaccini verranno distribuiti in quali paesi ea che ora, è difficile per i governi che fanno affidamento su COVAX pianificare programmi di vaccinazione. Allo stesso modo, l’incertezza sulla fornitura di COVAX complica le decisioni dei governi su come acquisire i migliori portafogli di vaccini per le loro popolazioni, comprese le dosi oltre quelle coperte da COVAX.

A parte le preoccupazioni sull’equità cross-country sollevate da uno scenario di paesi a basso reddito che vaccinano il 20% della loro popolazione dopo una vaccinazione molto più ampia (se non universale) nei paesi ad alto reddito, c’è incertezza sull’offerta destinata a COVAX. Molte delle dosi garantite da COVAX sono di vaccini che, a partire da febbraio 2021, stanno appena completando gli studi clinici e potrebbero non essere disponibili per i mesi a venire.3

COVAX potrebbe anche avere accesso a vaccini sviluppati da società finanziate da CEPI che non sono così avanti nelle sperimentazioni e potrebbe negoziare ulteriori accordi con altri fornitori. Tuttavia, nel complesso, l’offerta di COVAX è precaria e dipende da ciò che accade ai vaccini negli studi clinici, da quanto dei candidati di successo possono essere prodotti rapidamente e da quanto della produzione è lasciata per COVAX dopo la vendita ai governi nazionali.

Sebbene COVAX sia stato creato per raggiungere l’uguaglianza nelle fasi iniziali della vaccinazione, poiché tutti i paesi inoculano il primo 20% della loro popolazione, è improbabile che raggiunga tale obiettivo. Invece, ciò che COVAX può sperare di ottenere è aiutare i paesi a procurarsi dosi a prezzi inferiori e quindi lanciare le loro campagne di vaccinazione prima di quanto farebbero senza assistenza esterna. Con ulteriori finanziamenti, COVAX potrebbe probabilmente competere meglio nella corsa globale per i vaccini e assicurarsi un posto più in prima fila.

Data la scarsa disponibilità di alcuni dei vaccini sviluppati in Europa e negli Stati Uniti, i governi di America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia si sono rivolti sempre più a vaccini sviluppati da produttori cinesi, indiani e russi.53, 54 Questi vaccini, che sono molto avanti nel processo di sviluppo, potrebbero allentare il vincolo dell’offerta globale.

Nella misura in cui i paesi ad alto reddito continuano ad astenersi dall’acquistare questi prodotti, la loro comparsa potrebbe consentire ai paesi a basso e medio reddito di procurarsi anche dosi abbondanti per raggiungere gli obiettivi di vaccinazione nazionali. Sebbene pochi di questi vaccini siano stati autorizzati dall’OMS o dalle autorità di regolamentazione rigorose classificate dall’OMS, nel farlo, questi vaccini potrebbero anche contribuire al portafoglio COVAX.

Distribuzione

Al di là delle questioni relative alla determinazione di quali paesi riceveranno le dosi di vaccino, quando ea quali prezzi, è essenziale garantire la corretta distribuzione dei vaccini COVID-19. Il rapido ritmo di produzione e sviluppo ha ridotto il tempo a disposizione dei funzionari sanitari nazionali, regionali e locali per pianificare la formazione e la preparazione per i programmi di vaccinazione COVID-19.
Sfide logistiche e amministrative

Sarà necessaria una solida infrastruttura di dati per consentire alle autorità locali di identificare le persone idonee per gruppo prioritario, inviare inviti, organizzare il trasporto per i pazienti più anziani e i pazienti con disabilità e richiamare le persone per ricevere le seconde dosi di alcuni vaccini. Molti dei principali vaccini candidati richiedono catene ultra-fredde e hanno una durata di conservazione breve una volta rimossi dallo stoccaggio.

Il vaccino mRNA di BioNTech e Pfizer, ad esempio, deve essere somministrato entro 5 giorni dalla partenza in condizioni di temperatura ultra bassa (–70 ° C); 55 requisiti simili, se meno estremi, si applicano al vaccino mRNA di Moderna. Sarà necessario un forte coordinamento tra i lavoratori dei depositi centrali e i vaccinatori locali per garantire la distribuzione tempestiva ed efficiente dei lotti di vaccino mRNA alle aree senza congelatori.

Molti paesi a basso e medio reddito dovranno affrontare ostacoli nel fornire programmi di vaccinazione a tutta la loro popolazione adulta, assicurando il completamento dei programmi di vaccinazione a due dosi e mantenendo le catene di approvvigionamento del freddo o del freddo. Nel 2018, 74 dei 194 Stati membri dell’OMS non avevano alcun programma di vaccinazione per adulti per alcuna malattia; meno dell’11% dei paesi dell’Africa e dell’Asia meridionale ha dichiarato di avere un programma simile. 56

Questi paesi potrebbero non disporre di registri di immunizzazione per adulti e di sistemi di stoccaggio, consegna e gestione dei rifiuti necessari per somministrare vaccini a questa scala.56 Vale la pena notare che Gavi ei suoi partner hanno stabilito catene di approvvigionamento ultra fredde in diversi paesi dell’Africa subsahariana dopo l’epidemia di Ebola del 2013-2014 per distribuire un vaccino contro l’Ebola sviluppato da Merck che doveva essere mantenuto a una temperatura compresa tra -60 e -80 ° C.57, 58 Tuttavia, questa infrastruttura è stata impostata su una scala molto più essere proibitivo per la somministrazione globale di vaccini durante questa pandemia.

Diversi vaccini che richiedono solo la refrigerazione durante il trasporto sono stati autorizzati per uso umano, mentre alcuni prodotti monodose sono in fase di sviluppo clinico (figura 2); uno in particolare, quello sviluppato da Johnson & Johnson, ha mostrato promettenti risultati intermedi di fase 3. La disponibilità di vaccini monodose che possono essere conservati in frigorifero oa temperatura ambiente semplificherebbe notevolmente le sfide logistiche e amministrative associate ai programmi di vaccinazione COVID-19.

Inoltre, con il miglioramento della comprensione scientifica delle proprietà dei nuovi vaccini, come la stabilità termica dei vaccini a mRNA, o lo sviluppo di nuovi modi di formulare questi vaccini, le barriere logistiche potrebbero essere abbassate. Un tale sviluppo renderebbe più facile distribuire questi vaccini nei paesi poveri di risorse. In effetti, CureVac ha un vaccino mRNA sperimentale in fase avanzata di sviluppo clinico che può essere conservato in frigorifero.

I profili dei prodotti dei vaccini COVID-19 possono aiutare i governi a decidere quali vaccini acquistare; questi profili, insieme a qualsiasi vincolo riportato dai governi, possono anche aiutare a informare le decisioni di assegnazione di COVAX e potrebbero diventare sempre più importanti man mano che vengono autorizzati vaccini aggiuntivi e differenziati.

Oltre alle questioni tecniche relative ai dati e all’infrastruttura di archiviazione, ai programmi di vaccinazione e ad altre questioni logistiche, ci sono misure che i governi possono intraprendere per promuovere la responsabilità, il che potrebbe rendere le campagne di vaccinazione COVID-19 più efficaci. Questi passaggi includono trasparenza e comunicazione chiara da parte dei funzionari governativi sulle scadenze, la definizione delle priorità dei diversi gruppi, la scelta dei prodotti vaccinali e la progettazione dei programmi di somministrazione.

Potrebbero essere necessari sistemi di monitoraggio e valutazione a livello di paese per monitorare l’introduzione del vaccino, che può aiutare a supportare lo svolgimento efficiente delle campagne, nonché l’adesione continua della popolazione agli interventi non farmaceutici, come l’allontanamento fisico e la copertura del viso, come programmi di vaccinazione vengono stabiliti e ampliati.

Esitazione sui vaccini

L’implementazione può anche essere ostacolata dall’esitazione del vaccino, 59, 60, 61, 62, 63, 64, 65, 66, 67, 68, 69 che potrebbe portare al rifiuto o all’accettazione ritardata dei vaccini COVID-19. L’esitazione è prevalente sia nei paesi a basso reddito che in quelli ad alto reddito, con scettici presenti in tutti i gruppi socioeconomici, religiosi ed etnici.

La Figura 4 presenta i dati originali di un sondaggio di 32 paesi (n = 26758) sulla potenziale accettazione dei vaccini COVID-19 condotto tra il 21 ottobre e il 16 dicembre 2020 (appendice 3). La percentuale di intervistati che hanno affermato che si sarebbero vaccinati definitivamente o probabilmente quando un vaccino COVID-19 sarà disponibile è stata la più alta in Vietnam (98%), seguita da India e Cina (entrambe al 91%), Danimarca e Corea del Sud (entrambe a 87%). Il paese che ha riportato il numero più basso di persone che si sarebbero vaccinate definitivamente o probabilmente è stata la Serbia (38%), seguita da Croazia (41%), Francia e Libano (entrambe al 44%) e Paraguay (51%).

Figura miniatura gr4
Figura 4 Sondaggio sulla potenziale accettazione dei vaccini COVID-19

Numerosi altri sondaggi sull’accettazione del vaccino COVID-19 sono stati condotti tra marzo e ottobre 2020.70, 71, 72, 73, 74, 75 Sebbene non sia possibile confrontare direttamente i risultati di tutti i sondaggi esistenti a causa delle differenze nei paesi inclusi, e nei questionari e nelle metodologie utilizzate, queste indagini nel complesso sembrano suggerire che la volontà di vaccinare contro COVID-19 è diminuita a livello globale tra i primi mesi della pandemia e dicembre 2020, sebbene i tassi tendano a fluttuare.

Almeno tre problemi stanno contribuendo all’esitazione del vaccino COVID-19. In primo luogo, la velocità con cui sono stati sviluppati i vaccini, che riflette la quantità senza precedenti di finanziamenti da parte di governi e gruppi senza scopo di lucro, ha sollevato preoccupazioni sul fatto che le sperimentazioni siano state affrettate e gli standard normativi allentati, 76 preoccupazioni che sono state segnalate in modo simile durante la pandemia influenzale H1N1 .77

In secondo luogo, non ci sono vaccini a mRNA precedentemente approvati, il che ha anche suscitato esitazione data la novità dell’approccio. In terzo luogo, le teorie del complotto sui vaccini COVID-19 sono ampiamente diffuse su piattaforme di social media non regolamentate, 78, 79, 80 a volte da gruppi anti-vaccinazione altamente organizzati. 81, 82, 83

L’evidenza per le misure per mitigare l’esitazione e il rifiuto del vaccino è mista, in parte a causa dell’ampia gamma di strategie che sono state utilizzate in contesti per diversi vaccini e gruppi target.84 Gli elementi comuni alle strategie di successo includono: (1) iniziative per aumentare la vaccinazione conoscenza e consapevolezza; (2) impegno della comunità, compreso il coinvolgimento di religiosi e altri leader influenti, per comprendere le preoccupazioni, creare fiducia e gestire voci e disinformazione; e (3) rendere disponibili i vaccini in luoghi convenienti e accessibili.65, 85, 86, 87

Avere solidi sistemi di farmacovigilanza insieme a schemi di compensazione per gravi eventi avversi potrebbe aiutare a costruire la fiducia nella sicurezza dei vaccini nei periodi successivi all’approvazione, specialmente nei paesi poveri di risorse con sistemi di protezione dei consumatori imperfetti.88, 89 Inoltre, i gruppi svantaggiati, molti dei quali hanno sofferto trascuratezza e abuso, 90 spesso segnalano livelli inferiori di fiducia nella comunità medica91, 92 e minore diffusione degli interventi sanitari, inclusi i vaccini, rispetto alla popolazione generale.93, 94, 95, 96 Sono necessari ulteriori sforzi per creare fiducia tra questi gruppi.

La fiducia nei vaccini potrebbe anche essere rafforzata poiché più produttori ottengono l’autorizzazione da rigorose autorità di regolamentazione o dall’OMS e da questi organismi che comunicano chiaramente al pubblico la logica alla base delle loro decisioni. L’approvazione dei vaccini sperimentali COVID-19 da parte dei regolatori cinesi, indiani e russi prima della conduzione degli studi di fase 3 ha generato una costernazione diffusa tra i regolatori e gli scienziati di altri paesi a causa della scarsità di dati sulla sicurezza e sull’efficacia e le preoccupazioni che potrebbe indebolire la fiducia nei vaccini.54, 97, 98, 99, 100, 101

L’Agenzia europea per i medicinali è stata anche oggetto di pressioni da parte di diversi governi dell’UE, che hanno esortato il regolatore a concedere l’autorizzazione per il vaccino da AstraZeneca e dall’Università di Oxford il prima possibile per accelerare i programmi di vaccinazione.102 Autorizzazioni che sono percepite come premature potrebbero compromettere fiducia nei regolatori, nei vaccini e nei programmi di vaccinazione.

link di riferimento: https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)00306-8/fulltext


Ulteriori informazioni:  Gavin Yamey. I paesi ricchi dovrebbero dare la decima ai loro vaccini,  Nature  (2021). DOI: 10.1038 / d41586-021-00470-9

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.