Migliorare il tuo livello di forma cardiorespiratoria può aiutarti a proteggerti da COVID-19

0
180

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Dalla Lana School of Public Health dell’Università di Toronto suggerisce che migliorare il tuo livello di forma fisica cardiorespiratoria può aiutarti a proteggerti dal COVID-19.

I risultati, pubblicati la scorsa settimana sulla rivista PLOS One, indicano che le persone in forma hanno un rischio ridotto di morire a causa della malattia.

“Una delle scoperte davvero interessanti di questo studio è che chiunque abbia un livello di attività fisica superiore al basso è protetto meglio”, afferma Rebecca Christensen, Ph.D. studente e autore principale dello studio. “Correre una volta in una luna blu non ti proteggerà, ma se corri regolarmente, stai andando bene.”

I ricercatori hanno esaminato una coorte di 2.690 adulti dello studio UK Biobank e si sono concentrati esclusivamente sul rischio associato alla morte e sulla probabilità di contrarre il virus. Non hanno trovato alcuna associazione significativa tra il livello di fitness e il rischio di infezione. Lo studio non ha esaminato la gravità della malattia che includerebbe il ricovero in ospedale.

L’intervallo di dati era limitato a un’età compresa tra i 49 e gli 80 anni, ma il campione era abbastanza ampio per esaminare la morte specifica per COVID.

Il team ha osservato l’attività fisica per percentile all’interno delle fasce di età di dieci anni, date le variabili limitate della Biobanca britannica. Il 20 ° percentile più basso è stato classificato come fitness basso; dal 40 ° all’80 ° percentile era moderato; e al di sopra dell’80 ° percentile era sopra la media.

I ricercatori hanno osservato che anche l’esercizio da basso a moderato sembra fare la differenza.

“Qualcuno che passa da non fare fitness a fare un po ‘di fitness, potrebbe vedere apprezzabili benefici. Ed è per questo che abbiamo estratto i dati in base all’età e alle soglie del livello di attività “, afferma Christensen.

“Vogliamo vedere se potresti fare qualcosa, avrà un impatto?

La risposta è sì, a patto che tu stia facendo qualcosa in modo coerente. “

L’attività fisica diminuisce con l’età, ma “se sei più in forma per le persone della tua fascia d’età, ne trarrai un vantaggio? La risposta è ancora sì “, dice Christensen.

Una routine deve includere un allenamento cardio intenso, in cui sudi o respiri affannosamente, dice Christensen, ma non è necessario essere un maratoneta. Il vantaggio più grande è passare dall’inattività a una quantità consistente di attività fisica.

Sono noti casi di atleti che catturano COVID-19. Christensen afferma che la natura del loro lavoro aumenta la probabilità di contrarre COVID-19 poiché la maggior parte si esercita in un ambiente con altri in ambienti ravvicinati.

La gravità dei sintomi potrebbe essere collegata allo stress fisico degli allenamenti intensi dell’atleta, aggiunge.

“Le persone che si allenano molto possono effettivamente avere una diminuzione del loro sistema immunitario a causa di un esercizio eccessivo”, osserva.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente raddoppiato le sue linee guida sull’attività fisica raccomandate. “Abbiamo fino a 300 minuti (circa cinque ore) invece di 150 minuti (circa due ore e mezza) a settimana. Quindi, stiamo iniziando a vedere l’importanza dell’attività fisica “.

Christensen consiglia: “Prima inizi, meglio è e poi crescerai. Puoi ottenere notevoli guadagni passando dal non fare nulla al fare qualsiasi cosa. “


La malattia da corona virus 2019 (COVID-19) è una malattia infettiva causata dalla “sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2” .1 Le prove suggeriscono che la gravità del COVID-19 è associata allo stato di salute degli individui prima dell’infezione.1, 2, 3

I fattori legati all’aumento del rischio di ospedalizzazione e mortalità nei pazienti COVID-19 includono sovrappeso / obesità, diabete mellito e insulino-resistenza, ipertensione arteriosa e sue comorbidità e malattie coronariche e cerebrovascolari.2,3 Comportamento sedentario, cattive abitudini alimentari e fisico l’inattività sono caratterizzate da infiammazione cronica e alta.4,5

Presumibilmente, queste condizioni rendono le persone più vulnerabili alle forme più gravi di COVID-19. Persone con più morbilità e bassi livelli di capacità funzionale al momento del ricovero in ospedale; immunosoppressione e infiammazione cronica di basso grado caratterizzate da livelli aumentati di diverse citochine proinfiammatorie, in particolare gli anziani, tendono ad avere forme più gravi della malattia e tassi di mortalità più elevati.2, 3, 4, 5 Va notato che livelli moderati di l’esercizio fisico migliora l’immunità e potrebbe fornire un effetto immunoprotettivo

Un punto importante è che durante la pandemia COVID-19, la pratica dell’esercizio fisico potrebbe contribuire a ridurre le preoccupazioni sociali ed economiche e gli impatti negativi sulla salute, fisici e mentali. Tuttavia, per diminuire la diffusione / trasmissione della malattia in molti paesi, 6,7 è necessario mantenere chiuse le strutture pubbliche che coinvolgano gruppi di persone come le strutture per esercizi e le palestre. Presumibilmente, questo scenario potrebbe peggiorare la pandemia di inattività fisica e comportamenti sedentari, nonché disturbi mentali come depressione e ansia.

La pandemia COVID-19 ha portato avanti l’importanza di una vita sana inclusa l’AP durante il periodo di quarantena, isolamento e allontanamento sociale raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) 1,8 e dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) .9 , 10, 11 Tuttavia, l’isolamento sociale e la quarantena possono avere un impatto negativo sui livelli di esercizio fisico, sulla qualità della vita e sull’idoneità fisica, aumentando al contempo i disturbi psichiatrici.12,13

L’esercizio fisico è uno strumento importante perché potrebbe ridurre il rischio di malattie non trasmissibili (malattie cardiache, diabete e cancro e associate alla riduzione dell’ipertensione arteriosa, del sovrappeso e dell’obesità) associate allo stile di vita sedentario14,15 durante e dopo l’isolamento sociale e la quarantena.1, 8, 9, 10, 11,16 Ad esempio, è probabile che la pandemia COVID-19 aumenti il ​​tempo davanti allo schermo e diminuisca il dispendio energetico. Questo tipo di comportamento sedentario è associato ad un aumento della morbilità e alla prevalenza di malattie non trasmissibili.

Secondo l’OMS, 17 la partecipazione a un esercizio fisico regolare è essenziale per prevenire e curare malattie non trasmissibili che possono migliorare e mantenere la salute mentale, la qualità della vita, il benessere e migliorare la qualità del processo di invecchiamento.14,15,18,19

Tuttavia, durante l’epidemia di COVID-19, i livelli di esercizio fisico nel mondo sono diminuiti in modo significativo a causa dell’isolamento sociale e dell’inattività fisica6 e di conseguenza hanno aumentato il rischio di disturbi mentali.6,7 Pertanto, il mantenimento dei livelli di esercizio fisico è un modo efficace per affrontare gli effetti negativi imposti dalla reclusione e le strategie create dagli operatori sanitari per affrontare queste situazioni devono essere attuate.

Ad esempio, attraverso campagne di educazione e promozione della salute, sono state programmate iniziative per incoraggiare e dare accesso all’esercizio fisico da casa. Pertanto, i professionisti dell’esercizio fisico dovrebbero utilizzare diversi canali di comunicazione tra cui televisione, social network e media e risorse tecnologiche per portare l’educazione all’uso di una programmazione di esercizi fisici a basso costo e fattibile. l’uso dell’educazione e dell’inclusione tecnologica, nel contesto della salute pubblica associata alla pandemia, è necessario per aumentare e / o mantenere i livelli globali di esercizio fisico durante l’isolamento sociale e il confinamento.

Infine, la produzione di informazioni scientifiche riguardanti COVID-19 rispetto all’esercizio fisico si sta muovendo a un ritmo rapido, producendo informazioni interessanti sulla salute pubblica. Inoltre, è interessante osservare la dinamica e il profilo della produzione scientifica.

Pertanto, gli obiettivi di questa revisione sono (1) presentare i principali termini e concetti relativi (e applicati) alla pandemia COVID-19 e all’esercizio fisico; (2) descrivere / valutare le dinamiche di produzione di informazioni scientifiche relative all’esercizio fisico e COVID-19 nel database PubMed prese durante i primi due mesi della pandemia; e (3) condurre una revisione di articoli di prova controllati randomizzati per un anno di produzione di informazioni incentrati sull’anno 2020 riguardanti COVID-19 e PA, esercizio fisico, allenamento fisico, sport e forma fisica.

link di riferimento: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S266633762100024X


Ulteriori informazioni:  Rebecca AG Christensen et al. L’associazione del fitness cardiorespiratorio stimato con l’incidenza e la mortalità di COVID-19: uno studio di coorte,  PLOS ONE  (2021). DOI: 10.1371 / journal.pone.0250508

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.