Un basso livello di testosterone significa alto rischio di COVID-19 grave

0
143

Durante la pandemia, i medici hanno visto prove che gli uomini con COVID-19 se la passano peggio , in media, rispetto alle donne con l’infezione. Una teoria è che le differenze ormonali tra uomini e donne possono rendere gli uomini più suscettibili a malattie gravi.

E poiché gli uomini hanno molto più testosterone rispetto alle donne, alcuni scienziati hanno ipotizzato che la colpa possa essere alta.

Ma un nuovo studio della Washington University School of Medicine di St. Louis suggerisce che, tra gli uomini, potrebbe essere vero il contrario: che bassi livelli di testosterone nel sangue sono collegati a malattie più gravi.

Lo studio non ha potuto dimostrare che un basso livello di testosterone è una causa di COVID-19 grave; bassi livelli potrebbero semplicemente servire da indicatore di altri fattori causali. Tuttavia, i ricercatori sollecitano cautela con gli studi clinici in corso che studiano le terapie ormonali che bloccano o abbassano il testosterone o aumentano gli estrogeni come trattamento per gli uomini con COVID-19.

testosterone
Modello ball-and-stick della molecola di testosterone, C19H28O2, come si trova nella struttura cristallina del testosterone monoidrato. Credito: Ben Mills / Wikipedia

“Durante la pandemia, era prevalente l’idea che il testosterone fosse dannoso”, ha detto l’autore senior Abhinav Diwan, MD, professore di medicina.

“Ma abbiamo trovato l’opposto negli uomini. Se un uomo aveva un basso livello di testosterone quando è arrivato per la prima volta in ospedale, il suo rischio di avere un COVID-19 grave – il che significa il suo rischio di richiedere cure intensive o di morire – era molto più alto rispetto agli uomini che avevano più testosterone circolante. E se i livelli di testosterone sono scesi ulteriormente durante il ricovero, il rischio è aumentato. “

I ricercatori hanno misurato diversi ormoni in campioni di sangue di 90 uomini e 62 donne che sono venuti al Barnes-Jewish Hospital con sintomi di COVID-19 e che avevano confermato casi della malattia. Per i 143 pazienti che sono stati ricoverati in ospedale, i ricercatori hanno misurato nuovamente i livelli ormonali ai giorni 3, 7, 14 e 28, a condizione che i pazienti rimanessero ospedalizzati durante questi periodi di tempo.

Oltre al testosterone, i ricercatori hanno misurato i livelli di estradiolo, una forma di estrogeni prodotta dall’organismo, e IGF-1, un importante ormone della crescita simile all’insulina e che svolge un ruolo nel mantenimento della massa muscolare.

Tra le donne, i ricercatori non hanno trovato alcuna correlazione tra i livelli di alcun ormone e la gravità della malattia. Tra gli uomini, solo i livelli di testosterone erano collegati alla gravità del COVID-19. Un livello di testosterone nel sangue di 250 nanogrammi per decilitro o meno è considerato basso livello di testosterone negli uomini adulti.

Al momento del ricovero in ospedale, gli uomini con COVID-19 grave avevano livelli medi di testosterone di 53 nanogrammi per decilitro; gli uomini con una malattia meno grave avevano livelli medi di 151 nanogrammi per decilitro. Al terzo giorno, il livello medio di testosterone degli uomini più gravemente ammalati era di soli 19 nanogrammi per decilitro.

Più bassi sono i livelli di testosterone, più grave è la malattia. Ad esempio, quelli con i livelli più bassi di testosterone nel sangue erano a maggior rischio di andare su un ventilatore, aver bisogno di cure intensive o morire. Trentasette pazienti, 25 dei quali uomini, sono morti nel corso dello studio.

I ricercatori hanno notato che altri fattori noti per aumentare il rischio di COVID-19 grave, tra cui l’età avanzata, l’obesità e il diabete, sono associati anche a un basso livello di testosterone. “I gruppi di uomini che stavano diventando più malati erano noti per avere un livello di testosterone più basso su tutta la linea”, ha detto il primo autore Sandeep Dhindsa, MD, un endocrinologo presso la Saint Louis University.

“Abbiamo anche scoperto che quegli uomini con COVID-19 che inizialmente non erano gravemente malati, ma avevano bassi livelli di testosterone, avevano probabilmente bisogno di cure intensive o intubazione nei prossimi due o tre giorni. Livelli più bassi di testosterone sembravano predire quali pazienti avrebbero potuto ammalarsi gravemente nei prossimi giorni “.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che livelli inferiori di testosterone negli uomini erano anche correlati a livelli più elevati di infiammazione e ad un aumento dell’attivazione dei geni che consentono al corpo di svolgere le funzioni degli ormoni sessuali circolanti all’interno delle cellule.

In altre parole, il corpo potrebbe adattarsi a una minore quantità di testosterone circolante nel flusso sanguigno aumentando la sua capacità di rilevare e utilizzare l’ormone. I ricercatori non conoscono ancora le implicazioni di questo adattamento e chiedono ulteriori ricerche.

“Stiamo ora indagando se esiste un’associazione tra ormoni sessuali ed esiti cardiovascolari nel lungo COVID-19, quando i sintomi persistono per molti mesi”, ha detto Diwan, che è un cardiologo.

“Siamo anche interessati a sapere se gli uomini che si stanno riprendendo da COVID-19, compresi quelli con COVID-19 lungo, possano trarre beneficio dalla terapia con testosterone. Questa terapia è stata utilizzata negli uomini con bassi livelli di ormoni sessuali, quindi potrebbe valere la pena di indagare se un approccio simile può aiutare i sopravvissuti di COVID-19 maschi con la loro riabilitazione “.


Ormoni sessuali e COVID-19

L’evidenza epidemiologica suggerisce una suscettibilità simile alla SARS-CoV-2 negli uomini e nelle donne. Tuttavia, la gravità e la mortalità della malattia COVID-19 sono più elevate negli uomini [12]. Una meta-analisi di oltre 3,1 milioni di casi globali ha riportato odds ratio di 2,8 e 1,4 per il ricovero in terapia intensiva e la morte negli uomini rispetto alle donne [118].

Allo stesso modo, una recente analisi a livello nazionale di 84.000 pazienti e 434.000 controlli in Svezia ha rilevato che il sesso maschile era associato a un aumento del rischio di 1,6 volte per il ricovero non in terapia intensiva, un aumento del rischio di tre volte di ricovero in terapia intensiva e un aumento del rischio di mortalità di 1,7 volte dopo aggiustamento per fattori confondenti [119].

Date le disparità dei risultati clinici tra uomini e donne, l’impatto del sesso biologico sulla risposta immunitaria contro l’infezione da COVID-19 è diventato un’area di interesse

I dati clinici suggeriscono che le differenze comportamentali potrebbero svolgere un ruolo nel risultato di COVID-19. Tassi più elevati di fumo [120], vari fattori sociali tra cui l’adesione a misure di protezione [121] potrebbero contribuire all’aumento del rischio di malattie gravi negli uomini, nonché a un numero maggiore di malattie comorbide [122] e una bassa probabilità da trattare con vitamina D per l’osteoporosi [123].

I meccanismi fisiologici che possono svolgere un ruolo nel dimorfismo sessuale del risultato COVID-19 includono l’ingresso del virus nel corpo e differenze immunologiche. SARS-CoV-2 utilizza ACE2 e la superficie cellulare TMPRSS2 per entrare nelle cellule. Recentemente, è stato dimostrato che gli androgeni regolano la trascrizione di questi due fattori di ingresso dell’ospite di SARS-CoV-2 nelle cellule epiteliali polmonari, spiegando in parte l’osservazione clinica di una maggiore morbilità e mortalità COVID-19 negli uomini [124].

Inoltre, l’ACE2 è ampiamente distribuito in tutto il corpo e una maggiore espressione e attività è correlata al COVID-19 grave [125]. Le differenze basate sul sesso e la regolazione dell’ACE2 in vari organi potrebbero contribuire a diverse manifestazioni cliniche negli uomini e nelle donne.

Donne e uomini differiscono nella loro risposta immunitaria alle infezioni [126]. Un recente studio sull’uomo ha riportato che i pazienti maschi avevano livelli plasmatici più elevati di citochine immunitarie innate insieme a un’induzione più robusta di monociti non classici. Le pazienti di sesso femminile hanno un’attivazione dei linfociti T significativamente più robusta rispetto ai pazienti di sesso maschile durante l’infezione da SARS-CoV-2, che è stata sostenuta in età avanzata.

Una scarsa risposta dei linfociti T è correlata negativamente con l’età dei pazienti ed è associata a un peggioramento della malattia nei pazienti di sesso maschile, ma non nelle pazienti di sesso femminile. Al contrario, citochine immunitarie innate più elevate nelle pazienti di sesso femminile sono state associate a una peggiore progressione della malattia, ma non nei pazienti di sesso maschile [127]. Nel complesso, le risposte immunitarie contro SARS-CoV-2 sembrano differire tra uomini e donne.

I dati della letteratura dermatologica suggeriscono che gli uomini calvi sono più inclini a COVID-19 [128] e che l’alopecia androgenetica è frequente anche nelle donne con COVID-19 [129]. Tuttavia, una delle osservazioni più significative in questo campo è arrivata da pazienti con cancro alla prostata.

In effetti, quei pazienti sottoposti a terapia di deprivazione androgenica [130] hanno dimostrato in alcuni studi di essere meno vulnerabili all’infezione da SARS-CoV-2, rispetto ai pazienti che non erano privati ​​di androgeni [131].

La cosa più interessante è che i recenti studi in doppio cieco controllati con placebo hanno dimostrato che i modulatori selettivi del recettore degli androgeni accelerano la clearance virale e riducono il tempo alla remissione clinica nei pazienti maschi senza cancro alla prostata ospedalizzati con COVID-19 da lieve a moderato e un nuovo inibitore del recettore degli androgeni. effetti positivi simili sia nei maschi che nelle femmine con COVID-19 [132, 133].

Pertanto, una nota di cautela appare ragionevole riguardo all’uso del testosterone in particolare negli anziani con il cosiddetto ipogonadismo ad esordio tardivo in cui l’utilità della terapia sostitutiva androgenica è ancora dibattuta [134].

link di riferimento: https://link.springer.com/article/10.1007/s12020-021-02734-w


Maggiori informazioni:  JAMA Network Open  (2021). DOI: 10.1001 / jamanetworkopen.2021.11398

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.