Il digiuno intermittente non è una bacchetta magica rispetto alle diete standard

0
129

Una nuova ricerca pubblicata questa settimana sfida la credenza popolare secondo cui le diete a digiuno intermittente come il digiuno a giorni alterni o il “5:2” sono i modi più efficaci per perdere peso.

Negli ultimi anni, le diete che vedono le persone digiunare pochi giorni alla settimana sono aumentate di popolarità, rafforzate da immagini di miracolose trasformazioni di peso delle persone e sostenute da testimonial.

Tuttavia, le prove fino ad oggi sull’efficacia del digiuno rispetto alle diete più tradizionali che mirano a ridurre l’apporto calorico nel corso di un’intera settimana sono state limitate.

Pubblicato sulla prestigiosa rivista  Science Translational Medicine , il nuovo studio di un team di fisiologi dell’Università di Bath costruisce queste prove e indica che non c’è “niente di speciale” nel digiuno.

I partecipanti al loro studio di controllo randomizzato hanno perso meno peso durante il digiuno rispetto a quelli che seguivano una dieta tradizionale, anche quando il loro apporto calorico era lo stesso nel complesso.

Lo studio, organizzato da un team del Centro per la nutrizione, l’esercizio e il metabolismo (CNEM) dell’Università, ha visto i partecipanti suddivisi in uno dei tre gruppi:

  • Gruppo 1 che digiunava a giorni alterni con il giorno del digiuno seguito da un giorno in cui mangiava il 50% in più del solito.
  • Gruppo 2 che ha ridotto le calorie in tutti i pasti giornalieri del 25%.
  • Gruppo 3 che ha digiunato a giorni alterni (nello stesso modo del Gruppo 1) ma ha seguito il giorno di digiuno con un giorno di mangiare il 100% in più del solito.
Senior author Dr. Betts explains the background and findings of Templeman et al. (2021) Credit: James Betts

I partecipanti di tutti e tre i gruppi stavano consumando una dieta tipica di circa 2000-2500 kcal al giorno in media all’inizio dello studio. Nel corso del periodo di monitoraggio di tre settimane, i due gruppi con restrizioni energetiche hanno ridotto questo valore a una media di 1500-2000 kcal. Mentre i gruppi 1 e 2 hanno ridotto il loro apporto calorico della stessa quantità in modi diversi, la dieta del gruppo 3 li ha visti velocemente senza ridurre le calorie complessive.

I loro risultati hanno scoperto che il gruppo a dieta non a digiuno (Gruppo 2) ha perso 1,9 kg in sole tre settimane e le scansioni del corpo DEXA hanno rivelato che questa perdita di peso era quasi interamente dovuta a una riduzione del contenuto di grasso corporeo.

Al contrario, il primo gruppo a digiuno (Gruppo 1) che ha sperimentato la stessa riduzione dell’apporto calorico digiunando a giorni alterni e mangiando il 50% in più nei giorni senza digiuno, ha perso quasi lo stesso peso corporeo (1,6 kg) ma solo la metà di questa perdita di peso. proveniva dalla riduzione del grasso corporeo con il resto dalla massa muscolare.

Il gruppo 3, che digiunava ma aumentava l’apporto energetico del 100% nei giorni in cui non si digiunava, non aveva bisogno di attingere energia alle riserve di grasso del proprio corpo e quindi la perdita di peso era trascurabile.

Il professor James Betts, direttore del Centro per la nutrizione, l’esercizio e il metabolismo dell’Università di Bath, che ha guidato la ricerca, spiega: “Molte persone credono che le diete basate sul digiuno siano particolarmente efficaci per la perdita di peso o che queste diete abbiano particolari benefici per la salute metabolica anche se non dimagrisci

Studio: digiuno intermittente "nessuna bacchetta magica per la perdita di peso"
Estratto visivo. Credito: James Betts

“Ma il digiuno intermittente non è una bacchetta magica e i risultati del nostro esperimento suggeriscono che non c’è niente di speciale nel digiuno rispetto alle diete standard più tradizionali che le persone potrebbero seguire.

“Ancora più significativo, se stai seguendo una dieta a digiuno, vale la pena pensare se periodi di digiuno prolungati stanno effettivamente rendendo più difficile mantenere la massa muscolare e i livelli di attività fisica, che sono noti per essere fattori molto importanti per la salute a lungo termine”.

Questi risultati si sono concentrati sui partecipanti che sono stati definiti ‘magri’ (cioè indice di massa corporea 20-25 kg/m2). 36 persone hanno partecipato allo studio condotto tra il 2018 e il 2020 e finanziato dall’Università di Bath.

Lo studio completo “Uno studio randomizzato controllato per isolare gli effetti del digiuno e della restrizione energetica sulla perdita di peso e sulla salute metabolica negli adulti magri” è stato pubblicato su Science Translational Medicine mercoledì 16 giugno.


L’attuale epidemia di obesità nei paesi sviluppati è sbalorditiva in termini di portata e impatto sulla salute pubblica. Gli individui di peso sano (indice di massa corporea (BMI) di 18,5-25 kg/m2) sono ora la minoranza negli Stati Uniti [1]. La spesa medica attribuibile al sovrappeso e all’obesità è stata stimata in oltre 90 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti [2]. Ridurre l’apporto calorico giornaliero è la strategia più prescritta per indurre la perdita di peso [3].

Le attuali linee guida raccomandano una restrizione energetica continua (CER; un deficit energetico giornaliero di ~500 o 750 kcal o una restrizione del 30% rispetto al fabbisogno energetico di base), insieme a un intervento completo sullo stile di vita, come pietra angolare del trattamento dell’obesità [4]. In media, questo approccio produce una modesta perdita di peso (5-10% sostenuta per ≥1 anno) [4]. L’entità della perdita di peso con CER è minimamente influenzata dalle variazioni del contenuto di macronutrienti nella dieta, specialmente durante il follow-up a lungo termine [5,6,7,8,9,10]. Indipendentemente dalla dieta e dal contenuto di macronutrienti, l’aderenza al CER tipicamente diminuisce entro 1-4 mesi [11]. Di conseguenza, la maggior parte delle persone che perdono peso con CER riacquista un peso significativo entro 1 anno [12,13,14].

A causa della relativa inefficacia dei tradizionali approcci CER per raggiungere e sostenere la perdita di peso, c’è stato un maggiore interesse nell’identificare strategie dietetiche alternative per la perdita di peso. Uno di questi approcci è il prolungamento dell’intervallo di digiuno tra i pasti (cioè, restrizione energetica intermittente, IER). La premessa di questo approccio è che gli individui non compensano completamente durante i periodi di alimentazione per il deficit energetico prodotto durante lunghi periodi di digiuno tra i periodi di alimentazione. Inoltre, questi regimi possono essere più facili da rispettare e mantenere nel tempo rispetto al CER. Infine, l’IER può portare ad adattamenti metabolici che favoriscono una maggiore perdita di massa grassa, il mantenimento della massa magra e una maggiore capacità di sostenere la perdita di peso [15].

Vari regimi IER hanno guadagnato popolarità negli ultimi anni come strategie per ottenere la perdita di peso e altri benefici per la salute metabolica [16,17,18]. Questi paradigmi implicano periodi ricorrenti con poca o nessuna assunzione di energia (p. es., 16-48 h), con periodi intermedi di assunzione di cibo ad libitum. Studi sui roditori hanno dimostrato che le strategie IER come il digiuno intermittente (FMI; restrizione energetica ≥60% su 2-3 giorni alla settimana o a giorni alterni) e l’alimentazione a tempo limitato (TRF; limitare il periodo giornaliero di assunzione di cibo a 8 –10 h o meno nella maggior parte dei giorni della settimana) esercitano effetti benefici sulla composizione corporea, sul dispendio energetico e sull’ossidazione del substrato. Tuttavia, gli studi clinici che confrontano la perdita di peso con i regimi IER con la CER tradizionale negli adulti con sovrappeso e obesità sono limitati.

L’obiettivo di questa revisione è di riassumere l’evidenza attuale per i regimi IER come trattamenti per il sovrappeso e l’obesità. Esaminiamo prima le prove degli studi preclinici per fornire uno sfondo sui presunti meccanismi con cui l’IER induce benefici a lungo termine per il peso corporeo e la composizione.

Presentiamo quindi una revisione narrativa di studi randomizzati di durata ≥8 settimane eseguiti in adulti con sovrappeso o obesità (BMI ≥ 25 kg/m2) in cui un paradigma IER (IMF o TRF) è stato confrontato con CER e l’esito primario era il peso perdita. Abbiamo identificato gli studi da includere in questa revisione della letteratura utilizzando termini di ricerca specifici in PubMed e citazioni di riferimenti incrociati. L’obiettivo finale di questa revisione è identificare le lacune nell’attuale base di prove e le questioni scientifiche in sospeso relative alle strategie IER per la perdita di peso.

Definite strategie di restrizione energetica intermittente (IER)

Un problema importante nel campo è la mancanza di standardizzazione della terminologia per descrivere diversi paradigmi di restrizione energetica intermittente. Mattson et al. [15,19] hanno usato il digiuno intermittente come termine generico per definire “modelli alimentari in cui gli individui trascorrono periodi di tempo prolungati (ad es. 16-48 ore) con poca o nessuna assunzione di energia, con periodi intermedi di normale assunzione di cibo, su un base ricorrente”.

Inoltre “distinguono gli studi sui periodi di digiuno frequenti a breve termine dagli studi sui periodi di digiuno meno frequenti ma più lunghi” usando il termine digiuno periodico (PF) per riferirsi a regimi IMF con periodi di digiuno che durano da 2 a 21 o più giorni. Il termine alimentazione a tempo limitato (TRF) è usato come sottocategoria dell’IMF per descrivere “un modello alimentare in cui l’assunzione di cibo è limitata a una finestra temporale di 8 ore o meno ogni giorno”.

La categorizzazione della TRF come un tipo di dieta IMF è problematica perché la TRF è fondamentalmente diversa da un giorno di digiuno completo o anche da un giorno di digiuno modificato (generalmente definito come un giorno in cui gli individui consumano fino al 25% del fabbisogno energetico giornaliero). Come verrà discusso di seguito, la TRF è semplicemente un modello alimentare appropriato (mangiare durante il giorno e non di notte) che gli esseri umani hanno deviato dalla forma negli ultimi decenni.

Studi sui roditori hanno dimostrato che ridurre la durata del pasto giornaliero ha effetti benefici su peso, composizione corporea e metabolismo. È importante sottolineare che questi effetti si osservano anche senza una riduzione dell’apporto energetico giornaliero [20,21,22]. Per queste ragioni, proponiamo l’uso del termine generico IER, che ha due categorie distinte: FMI e TRF (vedi Figura 1).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è nutrienti-11-02442-g001.jpg
Figura 1
Varianti popolari della restrizione energetica intermittente. All’interno dei cerchi, ogni anello rappresenta un distinto giorno di 24 ore. Le aree ombreggiate verdi rappresentano i periodi di consumo. Le aree ombreggiate in grigio indicano il tempo di sonno e i cerchi/spazi bianchi indicano i periodi di digiuno. Il digiuno intermittente (IMF) è caratterizzato da periodi ricorrenti (p. es., 16-48 h) con poco o nessun apporto energetico. Molte varianti sono state utilizzate per studiare gli effetti dell’IMF sul peso corporeo, tra cui (A) digiuno a giorni alterni (apporto calorico zero nei giorni di digiuno), (B) digiuno modificato a giorni alterni (>60% di restrizione energetica nei giorni di digiuno), e (C) digiuno o digiuno modificato due giorni alla settimana (2DW). (D) Il digiuno periodico comporta il digiuno da 2 a ben 21 o più giorni. Questo paradigma del FMI è riconosciuto nella presente revisione ma non sarà discusso poiché ci sono pochi studi in letteratura. L’alimentazione a tempo limitato (TRF) è caratterizzata da schemi alimentari che sono limitati a un breve intervallo (<8-10 h) ogni giorno, come durante (E) la prima parte o (F) la parte centrale della giornata.

I regimi di digiuno intermittente comportano una restrizione energetica del 60-100% nei giorni di digiuno con assunzione di energia ad libitum nei giorni di digiuno. Sono stati proposti vari regimi FMI, con il più popolare essere il digiuno a giorni alterni (ADF) e un regime di digiuno per due giorni alla settimana (2DW). Una caratteristica comune e interessante dell’IMF è che le persone a dieta non devono limitare le calorie ogni giorno [17]. La perdita di peso si verifica probabilmente perché gli individui non compensano completamente nei giorni di non digiuno il deficit calorico che si verifica nei giorni di digiuno [23,24,25,26,27]. Inoltre, la natura periodica del digiuno può mitigare la fame costante associata al CER [28]. Ad esempio, diversi studi che utilizzano un paradigma di digiuno modificato (~ 25% del fabbisogno energetico nei giorni di digiuno) hanno dimostrato che la fame diminuisce [23,29] o rimane invariata [30,

La TRF si riferisce a un modello alimentare in cui l’assunzione di cibo è limitata a una finestra temporale di 8-10 ore o meno ogni giorno. Recenti studi sugli esseri umani suggeriscono che la durata media del mangiare è di circa 14,5 ore al giorno, e l’ipotesi che la maggior parte degli individui si sottoponga regolarmente a un “digiuno notturno” potrebbe quindi essere errata [32]. È stato suggerito che mangiare “24 ore su 24” abbia effetti dannosi sulla salute e sul peso corporeo, portando al desiderio di studiare l’alimentazione a tempo limitato come strategia per la perdita di peso [15]. Limitare la durata del pasto può essere una strategia efficace per ridurre l’apporto calorico complessivo; tuttavia, la TRF non deve necessariamente comportare la restrizione calorica. La TRF si distingue dalla IMF perché implica un elemento di tempistica allineato in modo ottimale al giorno biologico.

Effetti dell’IMF sul peso corporeo, sulla composizione corporea e sugli esiti metabolici: prove da studi preclinici

Una domanda chiave della ricerca è se l’IMF susciti benefici per il peso corporeo e il metabolismo periferico/tissutale che siano almeno paragonabili al CER. Questa domanda è difficile da affrontare in modo rigoroso negli studi clinici sull’uomo a causa di problemi con l’aderenza alle prescrizioni sull’assunzione di energia e la mancanza di un metodo criterio per misurare l’effettiva assunzione di vita libera. Al contrario, la manipolazione dell’apporto energetico e la determinazione dell’apporto effettivo possono essere realizzati con un alto grado di accuratezza nei modelli animali.

Il digiuno a giorni alterni è stato il protocollo IMF più studiato nei roditori da laboratorio [15,33,34,35]. Alcuni studi hanno utilizzato un protocollo CER per 3-6 giorni consecutivi, seguito da un periodo di “interruzione” di alimentazione ad libitum (ad es., 4 giorni di CER seguiti da 3 giorni di alimentazione ad libitum) [15,19]. Tuttavia, ai fini di questa recensione, prenderemo in considerazione solo studi preclinici di ADF poiché questo protocollo è più coerente con la definizione di IMF che abbiamo fornito qui e con le definizioni precedenti proposte da Mattson et al. [15,19].

Rispetto agli animali alimentati ad libitum, l’ADF sembra migliorare diversi biomarcatori circolanti e tessuto-specifici associati allo stato di salute metabolica (per le revisioni, vedere i riferimenti [15,19]). Nei topi, l’ADF mitiga gli effetti negativi dell’alimentazione ad libitum ad alto contenuto di grassi, con conseguente riduzione della massa grassa, riduzione dei livelli plasmatici di glucosio, insulina e leptina e miglioramento della tolleranza al glucosio [15,19].

Per quanto ne sappiamo, solo due studi preclinici (Anson et al. [34] e Mager et al. [33]) hanno eseguito confronti diretti dei regimi ADF e CER e misurato la variazione longitudinale del peso e gli esiti metabolici. Anson et al. [34] hanno studiato i topi per un periodo di circa 20 settimane assegnati a uno dei quattro gruppi: topi alimentati ad libitum; i topi fornivano accesso ad libitum al cibo a giorni alterni (cioè, ADF); topi provvisti di una quota giornaliera limitata di cibo pari al 60% di quello consumato dagli animali alimentati ad libitum (es. CER); e topi alimentati in coppia a cui è stata fornita una razione giornaliera di cibo pari all’assunzione giornaliera media di topi nel gruppo ADF.

Il quarto gruppo ha fornito l’opportunità di isolare gli effetti dell’apporto calorico totale rispetto all’ADF. Per circa 20 settimane, i topi ADF hanno compensato i periodi di digiuno quasi raddoppiando l’assunzione di cibo nei giorni di alimentazione, aumentando così di peso a tassi simili ai topi nutriti ad libitum. Come previsto, i topi alimentati in coppia hanno guadagnato una quantità di peso identica ai topi alimentati con ADF e ad libitum, mentre i topi CER hanno mantenuto un peso significativamente inferiore.

È interessante notare che, nonostante diversi pesi corporei e livelli di assunzione, le concentrazioni di glucosio e insulina a digiuno sono migliorate in misura simile nei gruppi ADF e CER, un effetto che non è stato osservato nei topi alimentati in coppia o ad libitum. Questo è in contrasto con uno studio condotto da Mager et al. [33] che riportavano concentrazioni di glucosio invariate nei ratti Sprague-Dawley dopo un periodo di ADF e concentrazioni di glucosio ridotte in un gruppo di ratti che seguivano un regime CER del 40%. Simile ai risultati di Anson et al. [34], il peso corporeo è rimasto inferiore nei ratti CER rispetto ai ratti che hanno ricevuto ADF.

Un ulteriore studio degno di nota (Gotthardt et al. [35]) ha confrontato l’ADF combinato con una dieta povera o ricca di grassi con gruppi di topi alimentati ad libitum con diete a basso e alto contenuto di grassi. Questo studio è rilevante per la perdita di peso nell’uomo perché gli animali sono stati inseriti nei gruppi di dieta dopo un periodo di aumento di peso. I topi C57/BL6 sono stati nutriti ad libitum con una dieta ricca di grassi (HFD; 45% di grassi) per promuovere un fenotipo obeso e i topi sono stati quindi divisi in quattro gruppi che sono stati mantenuti per quattro settimane con un alto contenuto di grassi ad libitum. dieta (HFD), mantenuto ad libitum con una dieta povera di grassi, ha ricevuto una dieta ricca di grassi a giorni alterni (ADF-HFD) o ha ricevuto una dieta povera di grassi del 10% a giorni alterni (ADF-LFD).

A 4 settimane, il peso corporeo era significativamente più basso nel gruppo ADF-HFD (riduzione ~13%) e nel gruppo ADF-LFD (riduzione ~18%) rispetto al gruppo HFD. Tutti e tre i gruppi di dieta hanno avuto un apporto energetico statisticamente simile durante l’intervento. I topi con ADF-LFD hanno mantenuto una massa magra superiore del 12% circa per 4 settimane rispetto ai gruppi LFD e HFD ad libitum. Solo il gruppo ADF-LFD aveva una migliore tolleranza al glucosio a 4 settimane rispetto agli altri gruppi. Sebbene un limite dello studio sia la mancanza di un gruppo con restrizioni caloriche specifico per la dieta, i risultati suggeriscono che la composizione dei macronutrienti nella dieta modifica potenzialmente la risposta metabolica all’ADF.

Presi insieme, gli effetti dell’ADF sul peso corporeo e sul glucosio (almeno nei roditori) sembrano dipendere da una serie di fattori, come l’energia e il contenuto di macronutrienti della dieta. È importante sottolineare che, contrariamente agli esseri umani, i roditori alimentati con cibo normale a giorni alterni tendono a compensare completamente nei giorni in cui si mangia il bilancio energetico negativo sostenuto nei giorni di digiuno [34] (vedere la sezione successiva). La mancanza di studi preclinici ben controllati che confrontino ADF e CER rappresenta una lacuna di evidenza chiave che potrebbe essere affrontata in studi futuri includendo sia i gruppi CER che ADF e, idealmente, animali alimentati in coppia al gruppo IMF, come è stato fatto nel lavoro condotto di Anson et al. [34].

Gli studi futuri dovrebbero anche considerare attentamente come il gruppo CER riceve la sua assegnazione giornaliera di cibo. I roditori ipocalorici tendono a mangiare tutto il loro cibo non appena è reso disponibile (p. es., finestra temporale di 3-6 ore) [36]. Questo è un fattore di confusione che aggiunge una componente temporale alla riduzione delle calorie e prolunga la durata del digiuno, rendendo potenzialmente indistinguibile il gruppo CER dagli animali ADF.

Effetti della TRF sul peso corporeo, sulla composizione corporea e sugli esiti metabolici: evidenza da studi preclinici
A differenza dell’IMF, non ci sono studi preclinici che confrontino direttamente i regimi TRF con CER nel contesto della perdita di peso, quindi non è noto se questa forma di L’IER ha un impatto diverso sulle risposte metaboliche alla perdita di peso. Pertanto, affronteremo brevemente gli studi che hanno esaminato le risposte metaboliche alla TRF rispetto a un gruppo di alimentazione ad libitum abbinato all’energia (cioè, senza limiti di tempo).

Panda et al. [20,21,22] hanno studiato un paradigma alimentare in cui i roditori alimentati ad libitum con un HFD vengono confrontati con roditori autorizzati a consumare lo stesso numero di calorie entro un intervallo di tempo limitato di 8-10 ore allineato al periodo attivo. In questi studi, i topi TRF sono protetti dall’obesità indotta dalla dieta e hanno un aumento del dispendio energetico e dell’ossidazione dei grassi. Un meccanismo ipotizzato per spiegare l’aumento di peso attenuato nonostante l’alimentazione ricca di grassi nei topi TRF sembra ottimizzare l’allineamento dell’intervallo di alimentazione al tempo circadiano appropriato.

Gli “orologi” circadiani molecolari agiscono insieme per promuovere l’assunzione di energia principalmente durante la fase attiva di un organismo [37]. Questo controllo circadiano dell’apporto energetico coinvolge un orologio primario nei nuclei soprachiasmatici dell’ipotalamo che si sincronizza con il ciclo solare luce-buio e orologi secondari situati in altre regioni ipotalamiche e del tronco cerebrale. I ritmi negli ormoni metabolici centrali, i nutrienti circolanti e gli input neurali trasmettono segnali temporali agli organi periferici che consentono agli organi periferici di anticipare i periodi di alimentazione e digiuno e di innescare le risposte metaboliche in modo appropriato.

Un altro meccanismo attraverso il quale la TRF può migliorare la regolazione del peso corporeo è quello di una prolungata durata del digiuno. Simile a quanto accade nell’IMF, l’estensione della durata del digiuno giornaliero probabilmente promuove la mobilitazione degli acidi grassi liberi (FFA), aumenta l’ossidazione dei grassi e aumenta la produzione di chetoni [22]. Se questi effetti sono potenziati quando il TRF è combinato con il CER e se questa combinazione è superiore al solo CER sono questioni aperte di ricerca sia nella ricerca preclinica che clinica.

Infine, uno studio ha suggerito che la TRF sembra influenzare il metabolismo dell’ospite alterando il microbioma intestinale in uno meno obesogenico [38]. La TRF sembra ripristinare la variazione diurna in diverse famiglie di batteri coinvolti nell’assorbimento dei nutrienti quando gli animali sono alimentati con una dieta ricca di grassi [39]. Nello studio di Panda et al. [38], la TRF ha ripristinato la variazione diurna nelle famiglie Lactobacillus e Ruminococcacea, che sono state ipotizzate per proteggere dalle conseguenze metaboliche dell’obesità. I topi TRF hanno anche escreto più prodotti di degradazione dei carboidrati complessi (ad esempio, xilosio e galattosio), che possono essere degradati solo dalla microflora intestinale [39]. Questi dati sono stati interpretati per suggerire che i carboidrati complessi sono assorbiti meno facilmente nei topi TRF rispetto ai topi nutriti ad alto contenuto di grassi.

Prove attuali per l’FMI come strategia per la perdita di peso: prove dagli esseri umani? Studi clinici

Abbiamo esaminato tutti gli studi randomizzati sulla perdita di peso eseguiti in adulti con sovrappeso o obesità (BMI ≥ 25 kg/m2) che prevedevano un confronto tra IMF e CER. Gli studi inclusi nella revisione erano di durata ≥8 settimane e il paradigma IMF prescriveva una restrizione energetica ≥60% nei giorni di “digiuno”, con giorni intermedi di “nutrimento” di assunzione ad libitum o assunzione pari o superiore al fabbisogno energetico giornaliero (vedere Tabella 1 ). Non abbiamo incluso studi che utilizzassero una restrizione energetica ≤60% nei giorni di digiuno per rimanere coerenti con le precedenti definizioni di IMF in letteratura [15].

Gli interventi inferiori a 8 settimane non sono stati inclusi perché 8 settimane non sono una durata sufficiente per fornire informazioni significative e clinicamente rilevanti riguardo alla perdita di peso. Undici studi hanno soddisfatto i nostri criteri e sono riassunti nella Tabella 1. Poiché non esistono definizioni e terminologia comunemente accettate utilizzate per descrivere i vari paradigmi dell’IMF, nella tabella viene fornita una descrizione di ciascun intervento. Harvie et al., 2011 [40]; Harvie et al., 2013 [41]; Carter et al., 2016 [42]; Carter et al., 2018 [43]; Schübel et al. [44]; Conley et al. [45]; e Sundfør et al. [46] tutti hanno valutato varie forme della dieta 2DW IMF (o 25% [40,44] o 30% [41] di apporto energetico (EI) o obiettivi calorici specifici in 2 giorni ristretti a settimana [42,43,46] , senza limitazioni per gli altri 5 giorni).

Catenacci et al. [25] hanno valutato il digiuno a giorni alterni a zero calorie (restrizione energetica del 100% nei giorni di digiuno alternati con l’assunzione ad libitum nei giorni a digiuno), mentre Varady et al. [47], Trepanowski et al. [48] ​​e Hutchison et al. [49] hanno valutato il digiuno modificato a giorni alterni (ADMF) (25% [47,48] e 37% [49] del fabbisogno energetico nei giorni di digiuno alternato con l’assunzione ad libitum nei giorni a stomaco pieno [47] o la fornitura di 100-145 % [48,49] di EI nei giorni alimentati).

Questi studi generalmente hanno arruolato partecipanti che erano fisicamente inattivi o impegnati in attività fisiche leggere o basse al basale. Tutti gli studi hanno avuto una maggioranza di partecipanti di sesso femminile, ad eccezione di Schübel et al. [44] e Sundfør et al. [46], che includevano entrambi il 50% di maschi, e Conley et al. [45], che includeva solo veterani di guerra maschi più anziani. Quattro studi—Varady et al. [47], Catenacci et al. [25], Trepanowski et al. [48], e Hutchison et al. [49]—fornito pasti per studiare i partecipanti durante alcuni o tutti gli interventi; tutti gli altri studi hanno dato obiettivi di assunzione di energia ma hanno permesso ai partecipanti di mangiare il proprio cibo.

Il livello di consulenza dietetica e il contatto con i dietologi era variabile tra gli studi. Gli studi che fornivano cibo generalmente non includevano la consulenza dietetica [25,47], mentre altri studi fornivano consulenza dietetica settimanale [49] o bisettimanale [40,41,42,43,44,46] di persona o per telefono. Alcuni studi non hanno fornito raccomandazioni sull’esercizio durante l’intervento [42,43,49], ma la maggior parte degli studi ha raccomandato ai partecipanti di mantenere i loro livelli abituali di attività fisica [25,40,44,46,47,48]. Solo lo studio Harvie et al., 2013 [41] ha fornito la raccomandazione di aumentare gradualmente la frequenza e l’intensità dell’esercizio. L’unico studio che ha misurato oggettivamente l’attività fisica (Trepanowski et al. [50]) non ha riscontrato alcun cambiamento nel numero di passi al giorno in nessun gruppo.

Nel complesso, le prove disponibili suggeriscono che i paradigmi IMF producono una perdita di peso equivalente rispetto al CER, con 9 studi su 11 esaminati che non mostrano differenze significative nel peso o nella perdita di grasso corporeo tra i gruppi IMF e CER. I nostri risultati sono coerenti con una recente revisione sistematica e meta-analisi condotta da Harris et al. [51] che includeva quattro studi di confronto tra FMI e CER pubblicati fino a novembre 2015.

Abbiamo escluso due studi inclusi in quella revisione sistematica e meta-analisi (Hill et al. [52] e Viegener et al. [53]) a causa del fatto che i regimi non includevano giorni intermedi di assunzione di cibo ad libitum, ma alternavano periodi di significativa (600–900 kcal/giorno) con moderata (1200–1500 kcal/giorno) restrizione energetica. In Harris et al. revisione, gli autori non hanno riscontrato differenze significative tra IMF e CER (-1,03 kg, 95% CI da -2,46 kg a 0,40 kg).

Nella presente revisione, gli unici studi che hanno mostrato differenze di peso o perdita di grasso corporeo sono stati Harvie et al., 2013 [41] e Hutchison et al. [49]. Lo studio di Harvie et al., 2013 includeva un regime IMF 2DW che richiedeva due giorni consecutivi/settimana di una dieta a basso contenuto di carboidrati (restrizione energetica del 70% e 40 g di carboidrati) o una dieta IMF 2DW a basso contenuto di carboidrati meno restrittiva che consentiva ad libitum e acidi grassi monoinsaturi. Le diete 2DW IMF sono state confrontate con una dieta isocalorica 25% CER di tipo mediterraneo.

Sebbene non vi fosse alcuna differenza significativa nella perdita di peso tra i gruppi, vi era una maggiore perdita di grasso corporeo (misurata utilizzando la bioimpedenza) con entrambi i regimi 2DW rispetto al CER in 3 mesi: la variazione media del grasso corporeo era di -3,7 kg (IC 95% -2,5, -4,9) per il gruppo 2DW a basso contenuto di carboidrati, -3,7 kg (95% CI -2,8, -4,7) per il gruppo 2DW a basso contenuto di carboidrati più proteine ​​ad lib e -2,0 kg (95% CI -1,0, 3.0) per il gruppo CER.

Hutchison et al. [49] lo studio ha incluso un gruppo ADMF a cui è stata fornita una dieta al 70% del fabbisogno energetico di base calcolato a settimana (ADMF 70), una dieta AMDF al 100% del fabbisogno energetico di base calcolato a settimana (ADMF 100) e un Gruppo CER al 70% del fabbisogno energetico di base calcolato giornalmente (CER). Ai due gruppi ADMF sono stati forniti i pasti nei loro giorni di pappa (~100% del fabbisogno energetico per ADMF 70 e ~145% del fabbisogno energetico per ADMF 100) e gli è stato chiesto di consumare la colazione (32% del fabbisogno energetico per ADMF 70 e 37% in ADMF 100) prima delle 8:00 in 3 giorni di digiuno non consecutivi a settimana, seguiti da un digiuno di 24 ore fino alle 8:00 del giorno successivo. ADMF 70 ha prodotto una maggiore perdita di peso (-5,4 ± 0,5 kg) e di grasso (-3,9 ± 0,4 kg) rispetto a CER (-3,9 ± 0,4 kg; -2,8 ± 0,4 kg) e ADMF 100 (-2,7 ± 0,5 kg; -2,3 ± 0,4 kg).

Questa restrizione energetica spontanea nei giorni di alimentazione è stata osservata anche in Harvie et al., 2013 [41] e Trepanowski et al. [48], ed è stato ipotizzato che sia un vantaggio del FMI [54]. Schubel et al. [44] hanno mostrato una tendenza verso una maggiore perdita di peso con 2DW IMF rispetto a CER (log variazione di peso relativa -7,1 ± 0,7% vs. -5,2 ± 0,6%, p = 0,053). Cinque studi (Harvie et al., 2013 [41], Catenacci et al. [25], Schubel et al. [44], Trepanowski et al. [48] e Sundfør et al. [46]) hanno incluso la manutenzione e/ o fasi di follow-up, con contatti relativamente minimi con i partecipanti per 4-26 settimane. In generale, non c’era differenza nel recupero di peso tra i gruppi IMF e CER durante questi periodi di follow-up.

Prove attuali per la TRF come strategia per la perdita di peso: prove dagli esseri umani? Studi clinici

Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’orario dei pasti può influire sulla perdita di peso. In due interventi per la perdita di peso, gli individui che hanno dichiarato di consumare più calorie al mattino rispetto alla sera hanno perso più peso, anche se sia l’apporto energetico che l’attività fisica dichiarata erano simili [55,56]. Inoltre, l’assunzione di cibo durante la notte (come visto con il lavoro a turni) è collegata all’obesità, indipendentemente dall’assunzione di energia [57,58,59].

Tuttavia, solo pochi studi sull’uomo di TRF (finestra alimentare ≤8-10 ore per ≥8 settimane) sono stati condotti in individui con sovrappeso/obesità con perdita di peso come risultato, e nessuno di questi studi ha confrontato TRF con CER. Gill e Panda [32] hanno studiato otto uomini e donne in sovrappeso con una durata alimentare abituale > 14 ore a cui è stato chiesto di limitare l’EI a una finestra autoselezionata di 10-12 ore. Sebbene ai partecipanti non sia stato chiesto di ridurre l’EI, la finestra alimentare ristretta ha comportato una riduzione del 20% circa dell’apporto calorico giornaliero stimato utilizzando registrazioni fotografiche del cibo.

I soggetti hanno perso peso (-3,3 kg, 95% CI da -5,6 a -0,9 kg) e hanno mantenuto la perdita di peso a 1 anno. È interessante notare che hanno anche riportato miglioramenti soggettivi nella soddisfazione del sonno, meno fame prima di coricarsi e aumento dei livelli di energia. In uno studio di Gabel et al. [60], a 23 soggetti obesi è stato chiesto di limitare l’alimentazione (senza conteggio delle calorie) a una finestra di 8 ore (dalle 10:00 alle 18:00) per 12 settimane e la perdita di peso è stata confrontata con i controlli storici.

La TRF ha comportato una modesta perdita di peso (-2,6 ± 0,5%) rispetto al controllo (nessuna variazione). In uno studio di Antoni et al. [61], 16 uomini e donne (BMI 20-39) sono stati randomizzati a TRF senza restrizione energetica o controllo per 10 settimane. Al gruppo TRF è stato chiesto di ritardare il primo apporto energetico e di anticipare l’ultimo apporto energetico della giornata di 1,5 h ciascuno. I partecipanti al gruppo TRF hanno ridotto con successo le finestre per mangiare di circa 4,5 ore e hanno ridotto l’apporto energetico complessivo rispetto al gruppo di controllo. Il gruppo TRF ha avuto una significativa riduzione della percentuale di grasso corporeo (1,9 ± 0,3%), misurata dalla bioimpedenza, ma non vi è stata alcuna variazione significativa del peso corporeo in entrambi i gruppi.

I benefici metabolici di IMF e TRF negli studi clinici sono dovuti esclusivamente alla restrizione calorica e alla perdita di peso?

In generale, le prove disponibili suggeriscono che l’IMF offre poco o nessun vantaggio rispetto al CER per il miglioramento dei fattori di rischio per la malattia cardiometabolica (vedere la tabella 2). Piccole riduzioni del colesterolo totale (TC), del colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), dei trigliceridi e del glucosio e dell’insulina a digiuno con IMF sono state riportate in diversi studi [25,40,41,42,44,47,48,49, 50,62], ma questi cambiamenti sono generalmente di entità simile a quelli osservati con CER.

Poiché la perdita di peso era simile nella maggior parte degli studi, sembra che l’entità della perdita di peso, piuttosto che il trattamento dietetico, sia il fattore più importante che guida questi cambiamenti. Sebbene Hutchison et al. [49] hanno riferito che le diminuzioni di LDL e colesterolo totale erano maggiori con ADMF (dopo l’aggiustamento per la perdita di peso), l’entità di queste differenze era piccola [49]. I livelli di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) sono rimasti invariati nella maggior parte degli studi e, quando sono stati osservati cambiamenti significativi, i cambiamenti non erano diversi da quelli osservati con CER.

Diversi studi hanno riportato miglioramenti nella resistenza all’insulina misurata utilizzando il modello Homeostatic Model Assessment of Insulin Resistance (HOMA) [40,41,62] con 2DW IMF, e uno studio ha dimostrato maggiori miglioramenti nella sensibilità all’insulina misurata utilizzando il metodo del clamp euglicemico con ADMF [49 ], ma i partecipanti all’ADMF hanno perso peso leggermente di più rispetto a quelli del CER. Quando osservati, i cambiamenti in HOMA IR sembrano essere guidati da piccole diminuzioni dell’insulina a digiuno.

Tuttavia, le misurazioni metaboliche erano risultati secondari nella maggior parte di questi studi e, quindi, è probabile che questi studi fossero sottodimensionati per rilevare le differenze tra i trattamenti dietetici. Tuttavia, i cambiamenti relativamente piccoli in queste misure suggeriscono che qualsiasi cambiamento osservato o differenza tra i gruppi ha un’importanza clinica minima. Va notato che la maggior parte degli studi fino ad oggi ha arruolato partecipanti relativamente sani con sovrappeso e obesità.

A nostra conoscenza, è stato eseguito solo un piccolo studio che confrontava 2DW IMF e CER in individui con diabete di tipo 2 [42]. In quello studio, l’HbA1c era significativamente ridotta dopo l’intervento (-0,5% ± 0,2% nel gruppo CER e -0,3% ± 0,1% nel gruppo 2DW), ma non differiva per gruppo di intervento. Pertanto, se l’IMF (2DW o un’altra variazione) avrebbe maggiori benefici in individui con profili metabolici più avversi rimane un’area di indagine futura.

Una questione importante da considerare nel disegno dello studio è la tempistica delle misurazioni relative ai periodi di digiuno. La maggior parte degli studi ha ottenuto campioni per misurazioni metaboliche il giorno successivo a quello nutrito. L’unica eccezione è lo studio di Hutchison et al. [49], in cui i campioni sono stati ottenuti a seguito di un giorno sia di alimentazione che di digiuno. Ironia della sorte, la sensibilità all’insulina misurata con il clamp tendeva a peggiorare nell’ADMF quando misurata il giorno dopo un digiuno.

Questo effetto potrebbe essere dovuto all’aumento acuto degli FFA a digiuno dopo un giorno di digiuno, che dovrebbe compromettere la sensibilità all’insulina [63]. Tuttavia, questo studio evidenzia alcune delle sfide dell’esecuzione di misure di laboratorio negli studi che confrontano l’IMF con il CER. A nostra conoscenza, nessuno studio ha utilizzato misure ambulatoriali (ad es. monitoraggio continuo del glucosio) quando si confronta IMF con CER. L’esecuzione di tali studi in individui con glicemia a digiuno alterata o diabete di tipo 2 è giustificata.

Vale anche la pena notare che la maggioranza dei partecipanti a questi studi erano donne in pre-menopausa e non vi sono indicazioni che siano stati fatti tentativi per spiegare gli effetti potenzialmente confondenti delle fasi del ciclo mestruale. Poiché è noto che alcuni di questi esiti variano tra le fasi del ciclo mestruale, si suggerisce di controllare questo potenziale effetto confondente negli studi in cui vengono valutati gli esiti metabolici.

I dati sugli effetti metabolici della TRF nell’uomo sono limitati. Lo studio di Gabel et al. [60] hanno mostrato una riduzione della pressione sanguigna sistolica nel gruppo TRF rispetto ai controlli, ma la perdita di peso è stata maggiore nel gruppo TRF. Non c’erano differenze nella pressione sanguigna diastolica, composizione corporea, colesterolo, omocisteina, glucosio a digiuno o insulina. Antoni et al. [61] hanno mostrato una significativa interazione dieta x gruppo per il cambiamento del glucosio a digiuno, ma questo è stato guidato da elevati livelli di glucosio nel gruppo di controllo alla fine del periodo di intervento. Non sono state osservate variazioni del colesterolo LDL.

Limitazioni di precedenti studi clinici e lacune nelle prove

Nonostante la popolarità di IMF e TRF come strategie per la perdita di peso, è da notare che solo undici studi randomizzati hanno confrontato IMF con CER e nessuno studio randomizzato ha confrontato TRF con CER. Inoltre, molti degli studi dell’IMF hanno fornito ai partecipanti sia ai bracci dell’IMF che del CER alcuni [47,48,49] o tutti i [25] del loro cibo, il che limita significativamente l’applicabilità a un ambiente reale.

Inoltre, mentre le attuali linee guida per il trattamento dell’obesità raccomandano un intervento completo sullo stile di vita consistente in un supporto comportamentale in loco ad alta intensità (≥14 sessioni in 6 mesi) fornito in sessioni individuali o di gruppo da un interventista qualificato [4], nessuno degli studi che abbiamo riesaminato ha fornito supporto comportamentale per il FMI che soddisfa questi criteri. La durata degli interventi variava da sole 8 a 26 settimane, quindi l’efficacia dell’IMF per una durata maggiore, o durante il mantenimento della perdita di peso, non è stata ben valutata.

Infine, nessuno di questi studi ha valutato gli effetti dell’IMF o della TRF sull’appetito (ormoni legati all’appetito o espressione ipotalamica di peptidi oressizzanti), sull’attività fisica o sull’esercizio fisico, né ha valutato le differenze tra i sessi. Chiaramente, sono necessari studi randomizzati ben progettati e a lungo termine per valutare l’efficacia dell’IMF rispetto all’attuale approccio dietetico alla perdita di peso (CER), quando questi approcci vengono forniti in un ambiente reale con supporto comportamentale basato sulle linee guida.

Sebbene sia ben noto che l’adesione agli interventi per la perdita di peso sia il più grande predittore di successo nella perdita di peso [11], i dati relativi all’aderenza e all’accettabilità degli interventi dell’IMF e della TRF in questi studi sono limitati e variabili. Inoltre, gli studi presentano i dati di aderenza in modi variabili (ad esempio, percentuale rispetto al numero assoluto di giorni di adesione alla restrizione energetica, rispetto alla restrizione energetica percentuale assoluta), il che rende difficili i confronti diretti tra gli studi. Due studi non hanno fornito dati sull’aderenza alle diete prescritte [42,47]. La maggior parte degli studi dell’IMF ha utilizzato record di dieta di sette giorni [40,41,44,46,48,49] o liste di controllo della dieta [43] per valutare l’aderenza, con l’eccezione di Catenacci et al. [25] e Hutchison et al. [49], che forniva cibo e ne valutava l’adesione tramite la restituzione del cibo.

In un sottogruppo di partecipanti, Trepanowski et al. [48] ​​ha valutato l’aderenza alla dieta utilizzando acqua doppiamente etichettata e non ha riportato alcuna differenza statisticamente significativa nella restrizione energetica percentuale tra ADMF e CER entro il mese 6 dell’intervento. In altri studi, l’aderenza auto-riferita ai giorni di digiuno era variabile, con la percentuale di potenziali giorni limitati che variava dal 43% in Harvie et al. [40] al 97% in Carter et al. [43] a 3 mesi. Gli studi con dati di follow-up a lungo termine hanno mostrato che l’aderenza auto-riferita ai giorni di digiuno è scesa tra il 21% [44] e il 44% [43] a un anno.

Due studi non hanno fornito dati sull’accettabilità dell’intervento del FMI [47,49], ma la maggior parte degli studi ha valutato l’accettabilità dell’intervento attraverso i dati sui principali eventi avversi e sui tassi di abbandono, che generalmente non differivano tra i gruppi [25,40 ,41,42,43,45].

Tuttavia, Trepanowski et al. [50] hanno riportato un tasso di abbandono maggiore nel gruppo ADMF (38%) rispetto a CER (29%), con più partecipanti nel gruppo ADMF che hanno riportato insoddisfazione per la dieta come motivo di ritiro. Harvie et al. [40] hanno riferito che un minor numero di partecipanti al gruppo IMF 2DW ha pianificato di continuare la dieta alla fine dello studio rispetto al gruppo CER (58% contro 85%). Sundfør et al. [46] hanno scoperto che i partecipanti al gruppo 2DW IMF hanno riportato più fame, più eventi avversi, cambiamenti meno favorevoli nella composizione nutrizionale della dieta e nel comportamento alimentare [64] e un maggiore recupero di peso misurato rispetto ai partecipanti al gruppo CER.

Negli studi TRF, l’aderenza auto-riferita (numero di giorni di adesione alla finestra alimentare basata sui diari dietetici) era del 62,5% e dell’80% negli studi di Antoni et al. [61] e Gabel et al. [60], rispettivamente. Tuttavia, nello studio di Gill e Panda [32], è stato riportato che tutti i partecipanti hanno ridotto la durata del pasto (misurata con registrazioni fotografiche di cibo basate su app).

Tuttavia, non sono stati presentati dati relativi al numero o alla percentuale di giorni in cui i partecipanti hanno aderito alle loro finestre alimentari. Mentre Gill e Panda [32] hanno riferito che tutti i partecipanti hanno espresso interesse a continuare il regime TRF dopo la conclusione dello studio, i partecipanti allo studio Antoni et al. [61] lo studio ha valutato il regime con un punteggio di difficoltà medio di 7/10 (10 = estremamente difficile da seguire ogni giorno) e il 57% ha ritenuto che non avrebbe potuto mantenere il protocollo TRF oltre l’intervento di 10 settimane. Pertanto, sono necessari metodi più rigorosi e oggettivi per valutare l’aderenza e l’accettabilità di IMF e TRF come regimi di perdita di peso a lungo termine, nonché analisi di efficacia che tengano conto dell’aderenza.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6836017/


Maggiori informazioni:  I. Templeman el al., “Uno studio randomizzato controllato per isolare gli effetti del digiuno e della restrizione energetica sulla perdita di peso e sulla salute metabolica in magra”,  Science Translational Medicine  (2021). stm.sciencemag.org/lookup/doi/ … scitranslmed.abd8034

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.