sabato, Luglio 24, 2021
HomeHealthCareLo scetticismo sui vaccini tra i giovani adulti può bloccare gli sforzi...

Lo scetticismo sui vaccini tra i giovani adulti può bloccare gli sforzi per raggiungere l’immunità di gregge

Lo scetticismo sui vaccini tra i giovani adulti può rallentare gli sforzi per raggiungere l’immunità di gregge, una soglia in cui circa l’80% di una popolazione è vaccinata contro il coronavirus.

Uno studio dei ricercatori della UC San Francisco ha scoperto che circa una persona su quattro non vaccinata di età compresa tra 18 e 25 anni ha affermato che “probabilmente non otterrà” o “sicuramente non riceverà” la vaccinazione COVID-19 , nonostante il fatto che questo gruppo demografico sia stato trovato per è più probabile che altri gruppi di età trasmettano il coronavirus, mettendo a rischio la salute degli adulti più anziani non vaccinati e facilitando l’aumento di varianti virulente del vaccino.

I ricercatori hanno analizzato i dati del marzo 2021 dell’Household Pulse Survey, un campione online rappresentativo della popolazione a livello nazionale condotto dall’US Census Bureau in collaborazione con il National Center for Health Statistics e altre agenzie.

Tra i 5.082 intervistati, l’83 percento ha dichiarato di non essere stato vaccinato, il 10 percento ha affermato che sicuramente non riceverà il vaccino e il 14 percento ha affermato che probabilmente non lo farà. Lo studio appare il 14 luglio 2021 sul Journal of Adolescent Health.

Mentre i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) mostrano che pochissimi tra i 18 e i 29 anni muoiono di COVID rispetto agli anziani, questa fascia di età rappresenta fino ad oggi oltre il 20% di tutti i casi di COVID. Inoltre, una precedente ricerca dell’autore principale Sally Adams, Ph.D., RN, dell’UCSF National Adolescent and Young Adult Health Information Center, ha rilevato che fino a un giovane adulto su tre è a rischio di grave COVID.

Il “Covid lungo” può avere un impatto sui giovani adulti anche con sintomi lievi

“I giovani adulti che hanno avuto il COVID, indipendentemente dai sintomi, possono essere vulnerabili a complicazioni a lungo termine e sintomi debilitanti che possono includere difficoltà respiratorie, perdita dell’olfatto e annebbiamento cerebrale, spesso indicati come “COVID lungo”. Le stime vanno dal 10 al 50 percento per i sintomi lunghi del COVID, il che è una seria preoccupazione per i giovani adulti dati i loro alti tassi di infezione e bassi tassi di vaccinazione”, ha detto Adams.

“Le vaccinazioni tempestive potrebbero aiutare a limitare l’ulteriore sviluppo di varianti virulente e i tassi di infezione tra le persone vulnerabili e non vaccinate”, ha aggiunto.

Tra gli intervistati non vaccinati che hanno affermato che sicuramente non avrebbero o probabilmente non avrebbero ricevuto il vaccino, più della metà ha dichiarato di essere preoccupata per i possibili effetti collaterali. La metà ha affermato di aver pianificato di aspettare e vedere se il vaccino era sicuro e potrebbe ottenerlo in seguito. Inoltre, all’interno di questo gruppo, un terzo ha affermato di non fidarsi del vaccino, rispetto a meno di uno su 10 di coloro che hanno affermato che probabilmente si sarebbero vaccinati.

La recente ondata di casi di infiammazione cardiaca negli adolescenti e nei giovani adulti a seguito dei vaccini Pfizer e Moderna potrebbe aver amplificato le paure di molte persone, ha affermato l’autore senior Charles Irwin Jr., MD, direttore della Divisione di medicina per adolescenti e giovani adulti presso gli ospedali per bambini UCSF Benioff. .

“È importante notare che il tasso di infiammazione cardiaca nei giovani che sono stati vaccinati è solo leggermente superiore rispetto ai giovani che non sono stati vaccinati. Nella maggior parte dei casi, i sintomi sono lievi e si risolvono con un trattamento minimo”, ha affermato Irwin. “Di conseguenza, la maggior parte dei fornitori supporta il CDC e altri organi consultivi che continuano a raccomandare il vaccino per tutti coloro che hanno 12 anni o più”.

I ricercatori raccomandano che le preoccupazioni dei giovani adulti sulla sicurezza dei vaccini e sugli effetti collaterali vengano affrontate tramite campagne di educazione pubblica. “Sono necessari messaggi di educazione e salute pubblica che incoraggino la vaccinazione dei giovani adulti, sfruttando idealmente i social media e gli influencer chiave”, ha affermato Irwin, “compresi i medici che hanno un ruolo chiave nel ridurre l’esitazione al vaccino nei pazienti giovani e adulti”.


Nel 2019, l’esitazione vaccinale (VH), definita dal gruppo di lavoro SAGE come “ritardo nell’accettazione o rifiuto della vaccinazione nonostante la disponibilità dei servizi di vaccinazione” [1] è apparsa nell’elenco dell’OMS delle prime 10 minacce per la salute pubblica che richiedono attenzione urgente, insieme con altre questioni globali molto più coperte dai media, come l’infezione da virus Ebola e il cambiamento climatico [2]. Ciò ha portato diversi paesi in tutto il mondo a mettere in atto, rafforzare o contemplare l’immunizzazione obbligatoria e/o raccomandata per l’infanzia e l’infanzia per colmare questa lacuna.

Nel gennaio 2020, una nuova minaccia infettiva, che si è rivelata una pandemia, SARS-CoV-2, ha colpito il mondo [3]. Gli interventi non farmaceutici (NPI), ovvero mascherine, distanziamento sociale e lock-down, hanno rappresentato le uniche strategie disponibili per contenere il virus diffuso fino all’autunno del 2020, quando ModeRNA e Pfizer hanno annunciato al mondo [4,5] il completamento degli studi di fase 3 e la prossima disponibilità dei primi vaccini anti-COVID.

Ciò ha immediatamente riportato l’attenzione della comunità scientifica sull’accettazione da parte delle persone del nuovo vaccino [6,7].
Il successo delle campagne di vaccinazione di massa registrate nei primi mesi nella stragrande maggioranza dei paesi ad alto reddito suggerisce che la percezione dell’alto rischio legato all’infezione da SARS-CoV-2, unita al forte desiderio di tornare a una vita normale dopo lunghi -limiti di durata nella vita sociale, ha complessivamente superato la comprensibile riluttanza verso i nuovi vaccini, approvati dopo tempi ridotti delle fasi di sperimentazione. Allo stesso tempo, sono state identificate importanti differenze nei tassi di VH in base all’origine geografica, all’età, al sesso e alla professione del paziente [6].

Oggi, mentre la fase 2 della campagna di vaccinazione di massa COVID-19 negli adulti sta procedendo rapidamente, alcune questioni sono ancora dibattute, tra cui l’opportunità della vaccinazione di neonati e bambini piccoli. Alcuni studi condotti su adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni [8,9] sono appena terminati, offrendo così la possibilità di estendere la vaccinazione a questa popolazione target.

Questo numero speciale intitolato: “Vaccine Hesitancy and Childhood Immunization: Rationals, Issues and Knowledge Gaps” è stato concepito in questo particolare contesto, con l’obiettivo di concentrarsi su conoscenze e strategie per migliorare la consapevolezza dei genitori/tutori, riducendo così l’IV e migliorando la vaccinazione tassi di copertura nei neonati e nei bambini.

La prima questione da considerare è etica, come discusso da Meta Rus e Urh Groselj [10]. È importante, infatti, trovare un cosiddetto “equilibrio etico” tra autonomia genitoriale e livelli di immunità di gregge raggiunti in uno specifico contesto sociale e geografico, poiché, in caso di tassi di copertura insufficienti, un intervento istituzionale con politiche vaccinali obbligatorie potrebbe essere richiesto.
La vaccinazione obbligatoria ha dimostrato di svolgere un ruolo primario per contrastare la progressiva diminuzione dei tassi di copertura vaccinale registrata negli ultimi decenni [11,12,13]. Tuttavia, come osservato da D’Errico et al., l’attuale tendenza della politica globale nei paesi sviluppati è quella di abbandonare progressivamente questa strategia, fortemente osteggiata dai cosiddetti gruppi “no-vax”, che traggono grande beneficio dalla facilità di diffusione dei contenuti sui nuovi social media [14]. Piedrahita-Valdés et al., dopo aver esaminato attraverso un algoritmo dedicato circa 1,5 milioni di tweet scritti nell’ultimo decennio, hanno riferito che stiamo assistendo ad una crescente polarizzazione dei contenuti veicolati dai nuovi social media (in particolare Twitter) contro la vaccinazione [15].

A causa della crescente incredulità e scetticismo che si diffonde attraverso i genitori/tutori nei confronti della vaccinazione di neonati e bambini, nuove strategie volte a diffondere informazioni corrette mirate, insieme a programmi più efficienti per segnalare potenziali eventi avversi a seguito dell’immunizzazione e, non meno importante, la formulazione di efficaci “ rifiuto informato” (come suggerito dall’esperienza lettone) sono fortemente richiesti [13,14,16].

A questo proposito, è stato osservato da Fanxing Du et al. che i genitori che si informano utilizzando fonti professionali sono significativamente più inclini alla vaccinazione, mentre quelli che si affidano principalmente ai social media come fonte primaria di informazioni hanno maggiori probabilità di essere titubanti. Questi risultati sottolineano anche come, per affrontare la VH, sia necessario un maggiore accesso alle fonti professionali relative alla vaccinazione, compresi i social media stessi, per recuperare il maggior numero di informazioni dettagliate [17].
D’altra parte, come analizzato da Louis Torracinta et al., esistono fattori involontari che limitano l’accesso alle vaccinazioni, con particolare riferimento ai determinanti nelle minoranze, che, sebbene spesso ignorati dal dibattito pubblico, impattano in modo significativo sulla copertura vaccinale [18].
L’importanza delle strategie e della copertura vaccinale anche per altri disturbi è diventata più importante alla luce dell’attuale pandemia di SARS-CoV-2. Una potenziale relazione tra la vaccinazione al Bacillus Calmette Guerìn e la minore incidenza della malattia COVID-19 è stata trovata da Garzon-Chavez in un campione ecuadoriano, ipotizzando un potenziale effetto protettivo delle campagne di vaccinazione per la tubercolosi nella diffusione del SARS-CoV-2 [19], anche se questi dati preliminari necessitano di essere confermati da altri studi.
Parlando di VH e fiducia nei confronti dei vaccini anti-COVID-19, Sallam et al. ha fornito un quadro chiaro di come i tassi di accettazione fossero ampiamente distribuiti in tutto il mondo, passando dal 91,3% in Cina al 23,6% in Kuwait, confermando la natura estremamente eterogenea di contesto e contesto di questo fenomeno [20].

L’atteggiamento vaccinale anti-COVID-19 è stato studiato anche in popolazioni di interesse più piccole. Ad esempio Pastorino et al. ha riportato un tasso di fiducia del 94,7% tra gli studenti universitari e ha sottolineato la natura specifica del vaccino del fenomeno confrontando questo tasso con il 77,5% di fiducia registrato per la vaccinazione antinfluenzale nella stessa popolazione di studio [21]. La complessità della descrizione di VH è ancora più evidente dal lavoro di Qunaibi et al. indagando sui tassi di fiducia degli operatori sanitari in generale e, più specificamente, tra gli operatori sanitari arabi, riportando tassi di VH che vanno dal 25,8 al 32,8% [22]. Questa osservazione ci ricorda l’estrema complessità e, allo stesso tempo, l’importanza di una valutazione dettagliata di VH.

Infine, l’atteggiamento nei confronti della vaccinazione può cambiare a seconda che la procedura venga eseguita sul soggetto stesso o sui suoi figli, poiché molte altre preoccupazioni potrebbero contribuire alla decisione dei genitori. A tal fine, abbiamo svolto un’indagine su un gran numero di genitori/tutori di bambini residenti nel Nord Italia, riscontrando un tasso complessivo di atteggiamento nei confronti della vaccinazione del 60,4%, con tassi di VH più elevati nelle giovani madri con basso livello di istruzione, basandosi sulle informazioni trovato sul web/social media e non gradiscono le politiche di vaccinazione obbligatoria [23]. Oltre a studiare come i determinanti socio-demografici potrebbero influenzare l’aumento dell’esitazione, Graffigna et al. ha mostrato, con una prospettiva più psicologica, come anche l’impegno sanitario potrebbe rivelarsi un fattore rilevante in termini di impatto sulla decisione di vaccinare o meno [24].

L’indagine di una moltitudine di fattori e preoccupazioni culturali individuali e di popolazione che contribuiscono a VH è estremamente complessa, soprattutto considerando la natura in continua evoluzione del fenomeno. Allo stesso tempo, per ottenere il risultato auspicabile, ovvero la risoluzione/riduzione significativa del carico sociale e sanitario associato alle malattie trasmissibili attraverso l’immunizzazione della popolazione, tutti gli sforzi dovrebbero essere dedicati all’identificazione di quegli aspetti che potrebbero contribuire al successo dei programmi di vaccinazione di massa .

Ci auguriamo che questo numero speciale abbia contribuito a mettere a fuoco alcuni temi importanti del dibattito scientifico su un tema così rilevante e delicato come questo, partendo dal punto di vista etico per affrontare affrontando il tema dei nuovi media, colmando lacune di conoscenza di massima importanza in questo periodo storico.

collegamento di riferimento: https://www.mdpi.com/2076-393X/9/7/752/htm


Fornito dall’Università della California, San Francisco

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular