La Nigella Sativa potrebbe essere usata per curare il COVID-19

0
173

Una pianta da fiore originaria del Nord Africa e dell’Asia occidentale potrebbe essere utilizzata nel futuro trattamento dell’infezione da COVID-19.

I semi della pianta, Nigella sativa, sono stati usati per secoli come rimedio tradizionale per molteplici condizioni mediche, tra cui infiammazioni e infezioni. Ora, un primo articolo di revisione della ricerca australiana ha scoperto che potrebbe essere usato per trattare COVID-19.

“Ci sono prove crescenti da studi di modellizzazione che il timochinone, un ingrediente attivo della Nigella sativa, più comunemente noto come il fiore di finocchio, può attaccarsi alla proteina spike del virus COVID-19 e impedire al virus di causare un’infezione polmonare.

“Potrebbe anche bloccare la tempesta di ‘citochine’ che colpisce i pazienti gravemente malati che sono ricoverati in ospedale con COVID-19″, ha affermato il professor Kaneez Fatima Shad, autore principale di un articolo di revisione completo pubblicato di recente su Clinical and Experimental Pharmacology and Physiology.

Il timochinone è stato ampiamente studiato nei laboratori, compresi gli studi sugli animali. Questi studi hanno dimostrato che il timochinone può moderare il nostro sistema immunitario in modo positivo, prevenendo il rilascio di sostanze chimiche pro-infiammatorie come le interleuchine.

Ciò conferisce al timochinone un ruolo potenziale come trattamento per condizioni allergiche come asma, eczema, condizioni di artrite tra cui reumatoide e osteoartrite e persino possibilmente sclerosi multipla.

Il documento di revisione descrive in dettaglio i meccanismi d’azione della Nigella sativa e del timochinone e come sono un promettente trattamento futuro dell’infezione da COVID-19 . Ci sono stati molti ostacoli allo sviluppo della Nigella sativa come agente terapeutico in gran parte a causa del suo scarso assorbimento gastrointestinale naturale.

“I progressi nello sviluppo farmacologico come la nanotecnologia hanno visto la possibilità di superare questa barriera per consentirne l’uso come farmaco orale efficace.

“Inoltre, il farmaco è stato recentemente somministrato con successo ai pazienti come spray nasale e pasta topica”, ha affermato il dott. Wissam Soubra, coautore.

La Nigella sativa ha dimostrato di essere utile nel trattamento dell’ipertensione, del colesterolo alto e del diabete mellito. Come trattamento antinfiammatorio, la Nigella sativa è stata trovata anche per aiutare i pazienti con rinite allergica e sinusite, eczema, osteoartrite ed epilessia infantile.

La Nigella sativa si è anche dimostrata efficace in un ambiente di laboratorio nell’uccidere batteri come lo staphylococcus aureus che possono causare una serie di infezioni da lievi a gravi se entrano nella pelle e virus inclusa l’influenza.

“Il documento di revisione fornisce informazioni su un prodotto naturale che è stato utilizzato come rimedio tradizionale per oltre mille anni e potrebbe finalmente ricevere il riconoscimento che merita”, ha affermato il professore associato Dennis Cordato, coautore.

Lo studio, “Il ruolo del timochinone, un importante costituente della Nigella sativa, nel trattamento delle malattie infiammatorie e infettive”, è stato recentemente pubblicato sulla rivista Clinical and Experimental Pharmacology and Physiology.


La pandemia di Coronavirus 2019 (COVID-19) ha infettato più di quaranta milioni di persone e ha provocato più di un milione di morti in tutto il mondo. In assenza di un vaccino profilattico efficace, c’è un disperato bisogno di trovare trattamenti efficaci per i pazienti COVID-19. Come minimo, un trattamento ideale dovrebbe accelerare il recupero sintomatico, ridurre la trasmissione virale nella comunità con una precedente eliminazione virale nei pazienti infetti e ridurre la mortalità.

In questo contesto, i trattamenti tra cui idrossiclorochina/azitromicina, lopinavir-ritonavir, remdesivir, desametasone, plasma convalescente e terapie anticorpali hanno mostrato una certa efficacia.1-4 Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare prima di avere un regime di trattamento efficace per COVID. -19.

A tal fine, abbiamo condotto uno studio clinico in cui abbiamo studiato la potenziale efficacia di una combinazione di miele e Nigella sativa (HNS) nel trattamento dei pazienti COVID-19.

Entrambi i componenti di HNS hanno effetti antivirali, antimicrobici, antinfiammatori e immunomodulatori con comprovati profili di sicurezza. 5-8 Gli effetti benefici del miele contro diversi virus tra cui il virus della rosolia, il virus dell’herpes simplex, il virus dell’epatite e il virus della varicella-zoster sono stati segnalati in precedenza.6

Inoltre, studi di docking molecolare in silico hanno dimostrato che sei composti flavonoidi del miele potrebbero inibire la replicazione del coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave legandosi alla proteasi virale 3-chimotripsina simile alla cisteina.9 Anche il miele ha forte attività antibatterica contro batteri gram-positivi clinicamente importanti (Staphylococcus aureus resistente alla meticillina) e batteri gram-negativi (Pseudomonas aeruginosa, Enterobacter spp e Klebsiella).

Inoltre, il miele ha mostrato sinergia con altri antibiotici come oxacillina, tetraciclina, imipenem e meropenem.6 L’uso del miele non solo migliora la proliferazione dei linfociti T e B, ma anche la loro attività fagocitaria. Inibisce inoltre l’espressione di citochine pro-infiammatorie vitali come l’interleuchina (IL) 1 beta e IL-6.

L’attività antivirale mediata dai linfociti si è dimostrata scarsamente efficace contro il COVID-19, soprattutto considerando il rilascio esagerato di mediatori pro-infiammatori nonostante la linfocitopenia. Pertanto, si ipotizza che il miele svolga un ruolo fondamentale nella lotta contro il COVID-19.10 Il suo uso ha dimostrato di essere più vantaggioso nelle infezioni del tratto respiratorio superiore rispetto alle cure abituali, specialmente nel contesto della frequenza e della gravità della tosse.11

La Nigella sativa (NS), una pianta medicinale ampiamente utilizzata della famiglia delle Ranunculaceae e comunemente nota come Black Cumin/Kalonji, ha dimostrato di esercitare effetti antivirali contro vari virus come il virus dell’immunodeficienza umana e il virus dell’epatite C.12

Ha anche dimostrato di ridurre la replicazione di SARS-CoV in vitro nelle colture cellulari.13 Studi di docking molecolare hanno dimostrato che alcuni dei suoi componenti come nigelledina, α-hederin e timochinone hanno un’elevata affinità con diversi SARS-CoV-2 enzimi e proteine.

In effetti, mostrano un punteggio del complesso energetico migliore di quello di clorochina, idrossiclorochina e favipiravir, i farmaci che hanno mostrato una certa attività anti-SARS-CoV-2. NS ha mostrato proprietà antibatteriche contro molti batteri tra cui S. aureus sensibile e resistente ai farmaci, P. aeruginosa, Helicobacter pylori ed Escherichia coli. Inoltre, NS ha mostrato sinergismo con streptomicina e gentamicina.

Demodula anche la secrezione di una serie di mediatori pro-infiammatori e migliora il rapporto tra cellule T helper (T4) e cellule T soppressore (T8) con una maggiore attività delle cellule natural killer (NK). Manifesta anche un potenziale scavenging radicale.14, 15

Poiché il miele e la Nigella sativa mostrano profili farmacologici sovrapposti, abbiamo pensato che la combinazione potesse essere più efficace nel mitigare la gravità della malattia, controllare la replicazione virale e curare i pazienti COVID-19.

La combinazione è stata utilizzata con successo in varie condizioni di malattia.16-18 Segnaliamo qui che il trattamento HNS si traduce in un recupero più precoce e nell’eliminazione virale nei pazienti COVID-19.

link di riferimento: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.10.30.20217364v4.full


Ulteriori informazioni: Kaneez Fatima Shad et al, Il ruolo del timochinone, uno dei principali costituenti della Nigella sativa, nel trattamento delle malattie infiammatorie e infettive, Farmacologia e fisiologia clinica e sperimentale (2021). DOI: 10.1111/1440-1681.13553

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.