Una dose di vaccino Pfizer è sufficiente per gli individui con una precedente infezione da COVID-19

0
124

Penso di aver già avuto il COVID-19, quindi ho davvero bisogno di due dosi di vaccino?

È una domanda che milioni di persone in tutto il mondo si pongono, e ora un piccolo studio nuovo rileva che le persone che sanno di essere state infettate da SARS-CoV-2 in passato potrebbero aver bisogno di un solo colpo del vaccino Pfizer per ottenere una forte immunità.

Infatti, “abbiamo osservato livelli di anticorpi SARS-CoV-2 più elevati in individui precedentemente infetti dopo 1 dose di [vaccino Pfizer], rispetto a individui naive all’infezione dopo 2 dosi”, ha concluso un team guidato dal Dr. James Moy, di la divisione di allergia e immunologia presso il Rush University Medical Center di Chicago.

Inoltre, dare a persone precedentemente infette una seconda dose del vaccino Pfizer ha fatto ben poco per aumentare ulteriormente i loro livelli di anticorpi, “suggerendo che 1 dose potrebbe essere accettabile in questo gruppo”, hanno aggiunto i ricercatori.

La linea di fondo: ” Gli individui con una precedente infezione da COVID-19 documentata possono essere sufficientemente protetti dalla reinfezione dopo una singola dose di vaccino mRNA, il che potrebbe liberare la disponibilità di milioni di dosi aggiuntive”, ha riferito il gruppo di Moy.

Il nuovo studio era piccolo: 29 residenti nell’area di Chicago con un precedente caso di infezione da COVID-19 basato su test PCR e un altro gruppo di 30 persone senza tali anamnesi.

I partecipanti avevano in media 42 anni e circa tre quarti erano donne.

Lo studio ha evidenziato che l’infezione precedente da sola non è una solida difesa contro COVID-19 : al basale, le unità arbitrarie per millilitro (AU/mL) nei campioni di sangue per gli anticorpi contro SARS-CoV-2 in persone che avevano precedentemente incontrato il virus era circa 621. Dopo una dose del vaccino Pfizer, quel livello è salito a un livello molto più protettivo di 30.000 AU/mL, ha riferito il team di Moy.

L’aggiunta di una seconda dose di vaccino ha solo portato quel numero leggermente più alto, a circa 37.000 AU/mL.

Per le persone che non avevano mai incontrato SARS-CoV-2 prima , erano assolutamente necessarie due dosi di vaccino per raggiungere un buon livello di anticorpi protettivi. Dopo una dose, gli anticorpi di questo gruppo avevano una media di poco più di 1.800 AU/mL nei campioni di sangue, ma dopo aver ricevuto una seconda dose quel numero è balzato a più di 15.000 AU/mL, ha affermato il team di ricerca.

Quindi, mentre due dosi del vaccino Pfizer sono essenziali se non hai mai avuto COVID-19, una dose potrebbe essere sufficiente se l’hai già avuto, ha concluso il team.

Un esperto di malattie infettive ha affermato che i risultati potrebbero essere importanti per il lancio di vaccini negli Stati Uniti e nel mondo.

“Una parte degli esitanti al vaccino sono coloro che hanno avuto una precedente infezione che sono confusi sul motivo per cui dovrebbero essere trattati esattamente come qualcuno senza alcuna immunità precedente”, ha spiegato il dott. Amesh Adalja, che non era coinvolto nella nuova ricerca.

I nuovi dati “dovrebbero essere utilizzati dai [Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie] per aggiornare le raccomandazioni per coloro che hanno avuto un’infezione precedente, consentendo loro di aver bisogno di una sola dose [dei vaccini a due dosi] per essere considerati completamente vaccinati, “, ha affermato Adalja, ricercatrice senior presso il Johns Hopkins Center for Health Security, a Baltimora.

“Questo potrebbe aumentare il numero di persone vaccinate e rimuovere un punto di discussione dei gruppi anti-vaccini, che affermano che la precedente immunità naturale viene ignorata”, ha aggiunto.


Abbiamo scoperto che gli individui guariti da COVID-19 sviluppano un livello di risposta anticorpale provocata, a seguito di una singola dose di vaccino mRNA, che è paragonabile alla risposta anticorpale provocata osservata dopo un ciclo di vaccinazione a due dosi somministrato a persone naïve all’infezione. Estendendosi da risultati simili visti in studi più piccoli,5,6 i nostri risultati in una coorte ampia e diversificata di operatori sanitari evidenziano il potenziale di una strategia per massimizzare la fornitura di vaccini che merita ulteriori indagini.

Recenti lavori hanno dimostrato che gli anticorpi specifici per il COVID-19 sono generati in modo efficiente e rilevabili nella circolazione a seguito di una singola dose di vaccini che originariamente erano destinati alla somministrazione completa per includere una dose di richiamo aggiuntiva.5 Questi risultati hanno spinto alcune organizzazioni a preferire la priorità almeno una prima dose di vaccino ai segmenti maggioritari della popolazione, considerando tempistiche variabili per la seconda dose.

In assenza di dati sugli esiti clinici a supporto di eventuali variazioni dai protocolli di vaccinazione pre-specificati,8-10 ci sono dati immuno-biologici che suggeriscono possibili strategie alternative per gli individui guariti da COVID-19. Infatti, la presenza rilevabile di anticorpi anti-SARS-CoV-2 acquisiti naturalmente e le misure di immunità mediata dalle cellule T distinguibili, specialmente nelle persone che si sono riprese con successo da un’infezione recente rispetto a quella remota, hanno spinto alcuni esperti a suggerire di ritardare qualsiasi vaccinazione per questi individui.11-13

Tuttavia, riconoscendo la durata poco chiara dell’immunità acquisita naturalmente e la misura sconosciuta in cui l’immunità a un ceppo di SARS-CoV-2 conferisce protezione dalle varianti, vi è un accordo generale sul fatto che le strategie di vaccinazione per le persone guarite da COVID-19 meritino un’attenta considerazione.

I nostri dati suggeriscono il potenziale beneficio di almeno una dose di vaccino, dato che abbiamo osservato che i livelli pre-vaccino di IgG anti-S nelle persone guarite da COVID-19 erano leggermente inferiori rispetto ai livelli rilevati tra le persone naïve all’infezione a seguito di una singola dose di vaccino. In assenza di livelli di anticorpi neutralizzanti misurati direttamente, abbiamo esaminato secondariamente la proporzione di valori di IgG anti-S noti per corrispondere a titoli elevati del test PRNT e abbiamo riscontrato una frequenza comparabile, sebbene leggermente inferiore, nelle persone guarite da COVID-19 dopo una singola dose di vaccino rispetto alle persone naïve all’infezione dopo due dosi.

Nonostante la necessità di ulteriori studi con fenotipizzazione sierologica aggiuntiva, questa scoperta potrebbe essere correlata all’eterogeneità all’interno delle persone guarite da COVID-19, comprese le variazioni nei tempi e nella gravità della malattia precedente. Sebbene i livelli anticorpali circolanti da soli non siano misure definitive dello stato immunitario, è noto che misure seriali della risposta sierologica a esposizioni naturali o inoculate si correlano bene con l’immunità efficace14 e i nostri risultati indicano la loro potenziale utilità nel guidare le strategie di distribuzione del vaccino sia per l’infezione recuperata che per persone ingenue.

Diverse limitazioni del nostro studio meritano di essere prese in considerazione. Abbiamo esaminato la risposta anticorpale entro 7-21 giorni dopo ogni dose di vaccino ed è probabile che il follow-up a lungo termine fornisca ulteriori dati informativi, in particolare per quanto riguarda la durata presunta dell’immunità acquisita dalla somministrazione di una dose singola o doppia di somministrazione del vaccino.

Le misure dirette per neutralizzare i livelli di anticorpi fanno parte del nostro lavoro in corso. Nonostante le dimensioni della nostra coorte di studio, sono necessari campioni ancora più grandi per avere una potenza statistica sufficiente per esaminare le differenze tra i sottogruppi demografici e clinici che sono noti per mostrare variazioni nella risposta anticorpale dopo la vaccinazione.15-17

In sintesi, abbiamo riscontrato in diverse coorti di destinatari del vaccino mRNA che i livelli di IgG anti-S sono simili tra quelli con e senza precedente infezione da COVID-19 dopo aver ricevuto rispettivamente la prima e la seconda dose. Questi risultati offrono prove preliminari a sostegno di una via di mezzo tra strategie vaccinali motivate dalla salute pubblica e supportate immunologicamente.

Se convalidato, un approccio che preveda la somministrazione di una singola dose di vaccino a persone con una storia confermata di infezione da COVID-19 insieme a un programma vaccinale completo e puntuale per le persone naïve all’infezione potrebbe aiutare a massimizzare il beneficio di una fornitura limitata di vaccini.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7924304/


Ulteriori informazioni: Scopri di più sulla sicurezza e sui benefici della vaccinazione COVID-19 presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.
Mark Anderson et al, Risposte anticorpali SARS-CoV-2 in individui naive o precedentemente infetti dopo 1 e 2 dosi del vaccino BNT162b2, JAMA Network Open (2021). DOI: 10.1001/jamanetworkopen.2021.19741 , jamanetwork.com/journals/jaman … /fullarticle/2782762

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.