Il trattamento con gli anticorpi AstraZeneca ha mostrato un rischio ridotto del 77% di sviluppare una malattia sintomatica

0
133

Venerdì l’azienda farmaceutica AstraZeneca ha annunciato risultati positivi da una sperimentazione di un trattamento per i sintomi di COVID-19.

Il farmaco, costituito da una combinazione di due anticorpi, è stato inizialmente sviluppato come trattamento per coloro che erano già stati esposti alla malattia.

Un nuovo studio su 5.197 partecipanti che non erano stati esposti ha mostrato un rischio ridotto del 77% di sviluppare malattie sintomatiche, senza casi gravi registrati, ha affermato Astra in una nota.

Una precedente sperimentazione del farmaco AZD7442 aveva dimostrato che riduceva il rischio di sviluppare sintomi solo del 33%, conclusione che a giugno non era statisticamente significativa.

I dati mostrano che una dose potrebbe “prevenire rapidamente ed efficacemente il COVID-19 sintomatico”, ha affermato Myron Levin, investigatore principale dello studio.

“Con questi risultati entusiasmanti, AZD7442 potrebbe essere uno strumento importante nel nostro arsenale per aiutare le persone che potrebbero aver bisogno di più di un vaccino per tornare alle loro vite normali”.

Si spera che il farmaco possa essere utilizzato insieme ai vaccini per coloro che necessitano di maggiore protezione, offrendo fino a 12 mesi di difesa.

I partecipanti allo studio erano adulti con scarsa risposta o intolleranza ai vaccini o che avevano un rischio maggiore di infezione a causa della loro posizione o delle circostanze.

Il governo degli Stati Uniti ha finanziato lo sviluppo di AZD7442 e ha accordi per ricevere 700.000 dosi.

L’azienda invierà ora i dati alle autorità sanitarie per una potenziale autorizzazione all’uso di emergenza o approvazione condizionata.

AstraZeneca produce già il vaccino più diffuso nel Regno Unito, anche se a chi ha meno di 40 anni viene offerto Pfizer o Moderna a causa delle preoccupazioni sui possibili effetti collaterali.


Prima combinazione di anticorpi a lunga durata d’azione per prevenire il COVID-19

I risultati positivi di alto livello dello studio di profilassi pre-esposizione PROVENT di fase III hanno mostrato che AZD7442 di AstraZeneca ha ottenuto una riduzione statisticamente significativa dell’incidenza di COVID-19 sintomatico, l’endpoint primario dello studio.

AZD7442, una combinazione di due anticorpi a lunga durata d’azione (LAAB), ha ridotto il rischio di sviluppare COVID-19 sintomatico del 77% (intervallo di confidenza 95% (CI): 46, 90), rispetto al placebo. Lo studio ha accumulato 25 casi di COVID-19 sintomatico all’analisi primaria.

Non ci sono stati casi di gravi decessi correlati a COVID-19 o COVID-19 in quelli trattati con AZD7442. Nel braccio placebo, ci sono stati tre casi di COVID-19 grave, che includevano due decessi.

AZD7442 è la prima combinazione di anticorpi (non vaccini) modificata per fornire potenzialmente una protezione di lunga durata che ha dimostrato la prevenzione di COVID-19 in uno studio clinico.

Lo studio ha incluso 5.197 partecipanti in una randomizzazione 2:1 AZD7442 al placebo. L’analisi primaria si è basata su 5.172 partecipanti che non avevano l’infezione da SARS-CoV-2 al basale.

Più del 75% dei partecipanti ha avuto comorbilità, che includono condizioni che sono state segnalate per causare una ridotta risposta immunitaria alla vaccinazione.

Il LAAB è stato ben tollerato e le analisi preliminari mostrano che gli eventi avversi sono stati bilanciati tra i gruppi placebo e AZD7442.

Myron J. Levin, MD, Professor of Pediatrics and Medicine, University of Colorado School of Medicine, USA, e investigatore principale dello studio, ha dichiarato: “I dati PROVENT mostrano che una dose di AZD7442, somministrata in una comoda forma intramuscolare, può prevenire rapidamente ed efficacemente il COVID-19 sintomatico. Con questi risultati entusiasmanti, AZD7442 potrebbe essere uno strumento importante nel nostro arsenale per aiutare le persone che potrebbero aver bisogno di più di un vaccino per tornare alle loro vite normali”.

Mene Pangalos, Executive Vice President, BioPharmaceuticals R&D, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di approcci aggiuntivi per le persone che non sono adeguatamente protette dai vaccini COVID-19. Siamo molto incoraggiati da questi dati di efficacia e sicurezza nelle persone ad alto rischio, che dimostrano che la nostra combinazione di anticorpi a lunga durata d’azione ha il potenziale per proteggere da malattie sintomatiche e gravi, insieme ai vaccini. Non vediamo l’ora di condividere ulteriori dati dal programma di sperimentazione clinica di Fase III AZD7442 entro la fine dell’anno”.

AZD7442 è stato ottimizzato utilizzando la tecnologia proprietaria di estensione dell’emivita YTE di AstraZeneca, che potrebbe offrire fino a 12 mesi di protezione da COVID-19 e viene erogata mediante iniezione intramuscolare.

I risultati preliminari “in vitro” degli investigatori dell’Università di Oxford e della Columbia University dimostrano che AZD7442 neutralizza le recenti varianti virali emergenti di SARS-CoV-2, inclusa la variante Delta.1-6

AstraZeneca preparerà la presentazione normativa dei dati di profilassi (PROVENT e STORM CHASER) alle autorità sanitarie per la potenziale autorizzazione all’uso di emergenza o l’approvazione condizionata di AZD7442. I risultati completi di PROVENT saranno presentati per la pubblicazione in una rivista medica sottoposta a revisione paritaria e presentati in una prossima riunione medica.

PROVENT
PROVENT è uno studio multicentrico di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che valuta la sicurezza e l’efficacia di una singola dose da 300 mg di AZD7442 rispetto al placebo per la prevenzione di COVID-19. Lo studio è stato condotto in 87 siti negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Spagna, Francia e Belgio. 5.197 partecipanti sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a ricevere una singola dose intramuscolare (IM) di 300 mg di AZD7442 (n = 3460) o placebo salino (n = 1.737), somministrata in due iniezioni IM sequenziali separate.

L’endpoint primario di efficacia era il primo caso di qualsiasi malattia sintomatica positiva per SARS-CoV-2 RT-PCR verificatasi dopo la dose prima del giorno 183. I soggetti continueranno a essere seguiti per 15 mesi.

I partecipanti erano adulti di età pari o superiore a 18 anni che trarrebbero beneficio dalla prevenzione con il LAAB, definita come avente un rischio aumentato di risposta inadeguata all’immunizzazione attiva (prevedibile scarsa risposta ai vaccini o intollerante al vaccino) o con aumentato rischio di SARS-CoV-2 infezione, compresi quelli le cui posizioni o circostanze li mettono a rischio apprezzabile di esposizione al virus SARS-CoV-2. I partecipanti al momento dello screening non erano vaccinati e avevano un test sierologico SARS-CoV-2 al punto di cura negativo.

Circa il 43% dei partecipanti aveva 60 anni e più. Inoltre, oltre il 75% presentava comorbilità di base e altre caratteristiche associate a un aumento del rischio di COVID-19 grave in caso di infezione, compresi quelli con malattia immunosoppressiva o che assumevano farmaci immunosoppressori, diabete, obesità grave o malattie cardiache, malattia polmonare ostruttiva cronica, malattia renale cronica e malattia epatica cronica. Circa il 73% era bianco/caucasico, il 17% nero/afroamericano e il 3% asiatico. Circa il 15% dei partecipanti erano ispanici.

AZD7442
AZD7442 è una combinazione di due LAAB – tixagevimab (AZD8895) e cilgavimab (AZD1061) – derivati ​​da cellule B donate da pazienti convalescenti dopo il virus SARS-CoV-2. Scoperti dal Vanderbilt University Medical Center e concessi in licenza ad AstraZeneca nel giugno 2020, gli anticorpi monoclonali umani si legano a siti distinti sulla proteina spike di SARS-CoV-27 e sono stati ottimizzati da AstraZeneca con estensione dell’emivita e ridotto recettore Fc e legame del complemento C1q. L’estensione dell’emivita triplica la durata della sua azione rispetto agli anticorpi convenzionali e potrebbe offrire fino a 12 mesi di protezione da COVID-19 dopo una singola somministrazione.8-11 Il ridotto legame del recettore Fc mira a ridurre al minimo il rischio di anticorpi -potenziamento dipendente dalla malattia – un fenomeno in cui gli anticorpi virus-specifici promuovono, piuttosto che inibire,

AZD7442 è in fase di studio in un programma completo di studi clinici sia per la prevenzione che per il trattamento di COVID-19 in oltre 9.000 partecipanti. Gli studi in corso includono TACKLE COVID-1913, uno studio di trattamento di Fase III in ambito ambulatoriale e studi di trattamento dei collaboratori in ambito ambulatoriale e ospedaliero. AZD7442 è in corso di valutazione sia nella via di somministrazione IM che endovenosa.

AZD7442 è stato sviluppato con il supporto del governo degli Stati Uniti, compresi i fondi federali del Dipartimento della salute e dei servizi umani; Ufficio del Segretario aggiunto per la preparazione e la risposta; Autorità per la ricerca e lo sviluppo biomedico avanzato in collaborazione con il Dipartimento della Difesa; Ufficio esecutivo del programma congiunto per la difesa chimica, biologica, radiologica e nucleare, con contratto n. W911QY-21-9-0001.

AstraZeneca sta lavorando con i governi di tutto il mondo per rendere l’AZD7442 accessibile alle popolazioni ad alto rischio come un’altra valida opzione nella lotta per porre fine al COVID-19, qualora si dimostrasse efficace e ben tollerato.

I dati pubblicati su Nature nel luglio 2020 hanno mostrato che negli esperimenti preclinici, i LAAB sono stati in grado di bloccare il legame del virus SARS-CoV-2 alle cellule ospiti e proteggere dalle infezioni in modelli cellulari e animali di malattia.14

Secondo i termini dell’accordo di licenza con Vanderbilt, AstraZeneca pagherà royalties a una cifra sulle vendite nette future.

AstraZeneca
AstraZeneca (LSE/STO/Nasdaq: AZN) è un’azienda biofarmaceutica globale guidata dalla scienza che si concentra sulla scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di medicinali soggetti a prescrizione in oncologia, malattie rare e biofarmaci, inclusi quelli cardiovascolari, renali e metabolici e Respiratorio e immunologia. Con sede a Cambridge, nel Regno Unito, AstraZeneca opera in oltre 100 paesi e i suoi farmaci innovativi sono utilizzati da milioni di pazienti in tutto il mondo. Visita astrazeneca.com e segui l’azienda su Twitter @AstraZeneca.

Contatti
Per i dettagli su come contattare il team di relazioni con gli investitori, fare clic qui. Per i contatti con i media, clicca qui.

Riferimenti

  1. Liu C, et al. Neutralizzazione ridotta di SARS-CoV-2 B.1.617 mediante vaccino e siero convalescente. Cellula. 2021 https://doi.org/10.1016/j.cell.2021.06.020
  2. Zhou D, et al. Prove di fuga della variante SARS-CoV-2 B.1.351 da sieri naturali e indotti da vaccino. Cellula. 2021; doi: 10.1016/j.cell.2021.02.037.
  3. Dejnirattisai W, et al. Evasione anticorpale da parte del ceppo brasiliano P.1 di SARS-CoV-2. bioRxiv. 2021; https://doi.org/10.1101/2021.03.12.435194.
  4. Wang P, Nair MS, Liu L. et al. Resistenza anticorpale delle varianti SARS-CoV-2 B.1.351 e B.1.1.7. Natura 2021 Mar 8. doi: 10.1038/s41586-021-03398-2. Epub prima della stampa. PMID: 33684923.
  5. Chen RE, et al. Resistenza delle varianti SARS-CoV-2 alla neutralizzazione da parte di anticorpi policlonali monoclonali e derivati ​​dal siero. Nat Med 2021; 27, 717–726. https://doi.org/10.1038/s41591-021-01294-w.
  6. Wang P, et al. Aumento della resistenza della variante P.1 di SARS-CoV-2 alla neutralizzazione anticorpale. Microbo ospite cellulare. 2021; 29 (5): 747–751.e4.
  7. Dong J, et al. Basi genetiche e strutturali per il riconoscimento della proteina spike SARS-CoV-2 da parte di un cocktail di due anticorpi. bioRxiv. 2021; doi: 10.1101/2021.01.27.428529.
  8. Robbie GJ, et al. Un nuovo anticorpo monoclonale umanizzato modificato con Fc sperimentale, motavizumab-YTE, ha un’emivita estesa negli adulti sani. Agenti antimicrobici Chemother. 2013; 57 (12): 6147-53.
  9. Griffin MP, et al. Sicurezza, tollerabilità e farmacocinetica di MEDI8897, l’anticorpo monoclonale di prefusione del virus respiratorio sinciziale F-targeting con un’emivita estesa, in adulti sani. Agenti antimicrobici Chemother. 2017; 61(3): e01714-16.
  10. Yu XQ, et al. Sicurezza, tollerabilità e farmacocinetica di MEDI4893, un anticorpo monoclonale umano sperimentale, con emivita prolungata, anti-staphylococcus aureus alfa-tossina, in adulti sani. Agenti antimicrobici Chemother. 2016; 61 (1): e01020-16.
  11. Domachowske JB, et al. Sicurezza, tollerabilità e farmacocinetica di MEDI8897, un anticorpo monoclonale di prefusione del virus respiratorio sinciziale monodose con emivita prolungata contro l’F, somministrato in dose singola a neonati prematuri sani. Pediatr Infect Dis J. 2018; 37(9): 886-892.
  12. van Erp EA, et al. Funzioni effettrici anticorpali mediate da Fc durante l’infezione e la malattia da virus respiratorio sinciziale. Immunolo anteriore. 2019; 10: 548.
  13. Clinicaltrials.gov. Studio di fase III su AZD7442 per il trattamento di COVID-19 negli adulti ambulatoriali (TACKLE). Disponibile su: https://clinicaltrials.gov/ct2/show//NCT04723394. [Ultimo accesso: 30 giugno 2021].
  14. Zost SJ, et al. Anticorpi umani potentemente neutralizzanti e protettivi contro SARS-CoV 2. Natura. 2020; 584: 443–449.

riferimento: https://www.astrazeneca.com/media-centre/press-releases/2021/azd7442-prophylaxis-trial-met-primary-endpoint.html

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.