Il fenofibrato migliora rapidamente le condizioni dei pazienti COVID19

0
135

I ricercatori dell’Università Ebraica affermano che Tricor (fenofibrato) potrebbe potenzialmente trasformare una malattia devastante in una forma molto più gestibile di malattia respiratoria lieve in un test su più pazienti in cui 14 su 15 pazienti gravi sono stati disconnessi dai ventilatori.

Tricor abbassa gli alipidi e riduce l’infiammazione nei pazienti con coronavirus in 48 ore ed elimina la necessità di supporto di ossigeno entro cinque-sette giorni, secondo uno studio dell’Università Ebraica pubblicato lunedì.

I recenti sforzi di vaccinazione in tutto il mondo sono stati ostacolati da molteplici varianti che sfidano i vaccini esistenti. Mentre l’infezione generalmente produce una malattia lieve, in alcuni pazienti può trasformarsi in una grave malattia infiammatoria, che richiede un intervento medico.

Recentemente, il team del professor Yaakov Nahmias presso l’Università Ebraica di Gerusalemme ha riferito che il nuovo ceppo di coronavirus provoca un accumulo anomalo di lipidi, che sono noti per avviare una grave infiammazione in un processo chiamato lipotossicità.
L’anno scorso, il team ha identificato il farmaco ipolipemizzante TriCor (fenofibrato) come un efficace antivirale, dimostrando che riduce i danni alle cellule polmonari e blocca la replicazione del virus.

Questi risultati sono stati da allora confermati da diversi gruppi di ricerca internazionali.


Uno studio condotto in più centri clinici in Israele è stato avviato lo scorso ottobre per supportare i risultati originali e quindi il team medico ha avviato uno studio clinico interventistico per il trattamento di pazienti affetti da COVID19 gravi presso il Barzilai Medical Center con il supporto di Abbott. Laboratori.

Ora, il team dell’Università Ebraica sta riportando risultati promettenti da uno studio clinico interventistico condotto da Nahmias e coordinato dal Prof. Shlomo Maayan, capo dell’Unità Malattie Infettive a Barzilai.

In questo studio a braccio singolo, sono stati trattati 15 pazienti con COVID19 ricoverati in ospedale con supporto di ossigeno. Oltre alle cure standard, ai pazienti sono stati somministrati 145 mg/die di TriCor per 10 giorni e sono stati continuamente monitorati per la progressione della malattia e gli esiti.

“I risultati sono stati sorprendenti”, ha condiviso Nahmias. “I marcatori di infiammazione progressiva, che sono il segno distintivo del COVID19 peggiorativo, sono diminuiti entro 48 ore dal trattamento.

Inoltre, 14 dei 15 pazienti gravi non hanno richiesto supporto con ossigeno una settimana dopo il trattamento, mentre i dati storici mostrano che la stragrande maggioranza dei pazienti gravi trattati con lo standard di cura richiede supporto respiratorio a lungo termine “, ha aggiunto.

Questi risultati sono promettenti poiché TriCor è stato approvato dalla FDA nel 1975 per l’uso a lungo termine e ha un forte record di sicurezza.
“Non ci sono proiettili d’argento”, ha detto Nahmias, “ma il fenofibrato è molto più sicuro di altri farmaci proposti fino ad oggi, e il suo meccanismo d’azione lo rende meno probabile che sia specifico per la variante”.

“Tutti i pazienti trattati con Tricor sono stati dimessi entro meno di una settimana dall’inizio del trattamento e sono stati dimessi per completare il trattamento di 10 giorni a casa, senza che siano stati segnalati eventi avversi correlati al farmaco”, come ha osservato Maayan.

“Inoltre, un minor numero di pazienti ha riportato effetti collaterali COVID19 durante il loro appuntamento di follow-up di 4 settimane”, ha aggiunto.

Questi risultati preliminari offrono la promessa di alleviare i sostanziali oneri sanitari vissuti dai pazienti che sopravvivono alla fase acuta del COVID19″, ha affermato. I ricercatori hanno sottolineato che, sebbene i risultati siano stati estremamente promettenti, solo studi randomizzati controllati con placebo possono servire come base per le decisioni cliniche.

“Siamo entrati nella seconda fase dello studio e stiamo attivamente reclutando pazienti”, ha affermato Nahmias, osservando che due studi di fase 3 sono già stati condotti in Sud America, negli Stati Uniti e in Israele.


La sindrome respiratoria acuta grave coronavirus-2 (SARS-CoV-2) è responsabile di una pandemia, che finora è costata oltre 1,9 milioni di vite in tutto il mondo (Dhama et al., 2020; Organizzazione mondiale della sanità, 2020; Wu et al., 2020 ). L’emergere di nuove varianti di virus con tassi di trasmissibilità più elevati sta assistendo a rapidi aumenti dei tassi di infezione e dei decessi in tutto il mondo.

Diversi vaccini hanno subito un’approvazione accelerata e vengono lanciati in tutto il mondo (Baden et al., 2021; Voysey et al., 2021). Sebbene i dati clinici siano molto promettenti, i vaccini non sono raccomandati o adatti a tutti i gruppi di pazienti, ad esempio i bambini, quelli con disturbi iperimmuni e quelli che utilizzano immunosoppressori (Meo et al., 2021) e con la diffusione globale di varianti virali di preoccupazione, ad esempio Alpha-B.1.1.7, Beta-B.1.351, Gamma-P.1 e Delta-B.1.617.2, non è attualmente chiaro se gli attuali vaccini offriranno una protezione sufficiente ai ceppi emergenti ( Meo et al., 2021).

Mentre in alcuni paesi i programmi di vaccinazione stanno progredendo rapidamente, i tassi di accettazione dei vaccini sono variabili e per la maggior parte dei paesi a reddito medio basso, è improbabile che proporzioni significative della popolazione vengano vaccinate fino al 2022. Inoltre, mentre è stato dimostrato che la vaccinazione riduce i tassi di infezione e la gravità della malattia, non siamo ancora sicuri della forza e della durata della risposta. Le terapie sono ancora urgenti per gestire i pazienti COVID-19 che sviluppano sintomi e/o richiedono il ricovero.

Il virus entra nelle cellule umane tramite il dominio di legame al recettore (RBD) della proteina spike virale che si lega all’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) sulle cellule umane (Clausen et al., 2020; Hoffmann et al., 2020). Sebbene siano stati identificati altri recettori del virus (Cantuti-Castelvetri et al., 2020; Daly et al., 2020), i farmaci che bloccano il legame del virus all’ACE2 possono ridurre sostanzialmente l’assorbimento del virus, riducendo/alleviando così i sintomi nei pazienti con un infezione o ridurre la trasmissione del virus a individui non infetti.

Mentre la rapida escalation dell’epidemia di SARS-CoV-2 lascia tempo insufficiente per sviluppare nuovi farmaci attraverso le tradizionali pipeline, il riutilizzo dei farmaci offre un’alternativa rapida e attraente. I farmaci riutilizzati sono disponibili per l’uso clinico immediato e i loro profili farmacocinetici e di sicurezza sono generalmente ben descritti.

Ciò si è già dimostrato vero, con l’identificazione che il desametasone riduce la mortalità dei pazienti SARS-CoV-2 (RECOVERY Collaborative Group et al., 2021) e remdesivir riduce il tempo necessario ai pazienti per riprendersi dall’infezione (Beigel et al., 2020) . In questi casi, sebbene i farmaci siano tecnicamente riutilizzati, il loro uso dipende ancora dal meccanismo d’azione riconosciuto del farmaco. È meno ovvio quali farmaci potrebbero avere un nuovo meccanismo d’azione e interferire con il legame SARS-CoV-2 e l’ingresso cellulare mediato da ACE2. A tal fine, abbiamo recentemente sviluppato un test per misurare il legame RBD della proteina spike virale con ACE2 (Lima et al., 2021).

Studi strutturali hanno dimostrato che ACE2 è un dimero e che potrebbero esserci più RBD spike che interagiscono con ciascun dimero ACE2 (Yan et al., 2020). Le simulazioni di dinamica molecolare hanno suggerito una notevole flessibilità in ACE2 e questo potrebbe consentire a più dimeri ACE2 di legarsi a ciascun trimero spike (Barros et al., 2021). Se così fosse, la dimerizzazione di ACE2 porterebbe a più contatti con ciascun trimero spike, aumentando l’avidità del legame.

In alternativa, la dimerizzazione di ACE2 potrebbe impedire stericamente ai protomeri di legarsi alla proteina spike. Sembra quindi ragionevole che l’entità della dimerizzazione di ACE2 possa influenzare l’avidità del legame con RBD. Inoltre, è stato dimostrato che la dimerizzazione influisce sull’internalizzazione di altri recettori.

Ad esempio, la dimerizzazione dei recettori EGF o FGF promuove la loro endocitosi (Wang et al., 2005; Opalinski et al., 2017) e possono esistere diversi meccanismi di internalizzazione per i recettori GH monomerici e dimerici (Gent et al., 2002). Ciò ha portato all’ipotesi che i farmaci che alterano la dimerizzazione di ACE2 potrebbero influenzare l’infezione virale per endocitosi. Per testare questa ipotesi, abbiamo sviluppato un saggio per misurare la dimerizzazione di ACE2, utilizzando il sistema di interazione proteica NanoBIT (Dixon et al., 2016).

Questo si basa su una luciferasi modificata (NanoLuc) che è stata scissa in due componenti cataliticamente incompleti, LgBIT e SmBIT, che devono legarsi insieme per formare una luciferasi attiva. LgBIT e SmBIT si associano a bassa affinità ma quando fuse con altre proteine ​​che interagiscono tra loro, la colocalizzazione delle proteine ​​di fusione consente la formazione di una luciferasi attiva (Dixon et al., 2016). Qui, abbiamo utilizzato questo sistema per misurare la dimerizzazione di ACE2 e vagliato una libreria di farmaci approvati (Libreria FMC (Khanim et al., 2011)) utilizzando un approccio non supervisionato per identificare i farmaci candidati per il riutilizzo.

I nostri esperimenti hanno dimostrato che l’acido fenofibrico (Figura supplementare S1), il metabolita attivo del farmaco iperlipidemico orale fenofibrato, apparentemente induceva la dimerizzazione dell’ACE2 e destabilizzava lo spike RBD che inibiva il legame di spike RBD con ACE2. È importante sottolineare che, come ipotizzato, i cambiamenti indotti dal fenofibrato nelle interazioni RBD-ACE2 erano correlati a livelli di infezione significativamente più bassi (< 60%) e rilascio virale in modelli di coltura cellulare utilizzando SARS-CoV-2 vivo. I nostri dati combinati con dati non pubblicati di altri gruppi e le conoscenze cliniche esistenti sul fenofibrato lo identificano come un forte candidato per il trattamento delle infezioni da SARS-CoV-2.

Discussione

Lo sviluppo di nuove varianti SARS-CoV-2 più infettive ha portato a una rapida espansione dei tassi di infezione e dei decessi in diversi paesi del mondo, in particolare nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Europa. Mentre si spera che i programmi vaccinali riducano i tassi di infezione e la diffusione del virus a lungo termine, c’è ancora un urgente bisogno di espandere il nostro arsenale di farmaci per curare i pazienti SARS-CoV-2 positivi. 

Utilizzando un approccio non supervisionato, abbiamo identificato che il farmaco fenofibrato con licenza fuori brevetto ha il potenziale per trattare le infezioni da SARS-CoV-2. Il farmaco è stato identificato attraverso uno schermo di farmaci approvati per identificare quelli che alterano la dimerizzazione di ACE2. Il clofibrato è stato identificato come un successo in questo screening e il test di altri fibrati ha portato all’identificazione del fenofibrato come il più probabile che sia efficace come agente antivirale. L’acido fenofibrico sembra anche influenzare la stabilità della proteina spike RBD e inibire il legame all’ACE2.

 È importante sottolineare che questi effetti sull’RBD di acido fenofibrico/fenofibrato sono correlati con la diminuzione dei tassi di infezione da SARS-CoV-2 in vitro utilizzando due diversi test del virus (colorazione per la formazione di proteine ​​spike e placca) in due laboratori indipendenti.

I saggi di dimerizzazione ACE2 dipendono dalla colocalizzazione di LgBIT e SmBIT determinata dalla formazione di dimeri ACE2. Nessun segnale è stato osservato utilizzando subunità della proteina chinasi A che non interagiscono con ACE2 e la sovraespressione di ACE2 non etichettato ha soppresso il segnale dai reporter NanoBIT, dando fiducia che il test misura l’interazione dei protomeri ACE2. 

Sebbene descritto qui come test di dimerizzazione, il test potrebbe non discriminare tra formazione di dimeri e oligomeri di ordine superiore e i farmaci che mostrano attività nel test di dimerizzazione potrebbero in alternativa suscitare cambiamenti conformazionali nei complessi ACE2 che migliorano l’interazione dei reporter NanoBIT. Riconosciamo anche che sebbene ACE2 sia ben consolidato come proteina di membrana e questo sia supportato dai nostri tes

t di legame, non abbiamo formalmente dimostrato che le proteine ​​marcate con NanoBIT si trovino sulla membrana cellulare. Tutti i fibrati testati hanno mostrato una certa attività nei saggi di dimerizzazione, ma gli effetti più pronunciati sono stati osservati con l’acido fenofibrico. Dopo somministrazione orale di fenofibrato, il profarmaco estere viene completamente convertito in acido libero (Figura 6) in una reazione che si pensa sia catalizzata dalle carbossilesterasi. Il profarmaco fenofibrato (l’estere isopropilico dell’acido fenofibrico) era inattivo nel saggio di dimerizzazione, suggerendo che l’acido carbossilico libero è necessario. il profarmaco estere viene completamente convertito nell’acido libero (Figura 6) in una reazione che si pensa sia catalizzata dalle carbossilesterasi. 

Il profarmaco fenofibrato (l’estere isopropilico dell’acido fenofibrico) era inattivo nel saggio di dimerizzazione, suggerendo che l’acido carbossilico libero è necessario. il profarmaco estere viene completamente convertito nell’acido libero (Figura 6) in una reazione che si pensa sia catalizzata dalle carbossilesterasi. Il profarmaco fenofibrato (l’estere isopropilico dell’acido fenofibrico) era inattivo nel saggio di dimerizzazione, suggerendo che l’acido carbossilico libero è necessario.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è ffhar-12-660490-g006.jpg
FIGURA 6
Potenziali meccanismi attraverso i quali il fenofibrato può migliorare il trattamento delle infezioni da SARS-COV-2. L’acido fenofibrico, il metabolita del fenofibrato, stimola la dimerizzazione dell’ACE2, destabilizza l’RBD ed esercita effetti metabolici che possono ridurre l’infezione. L’acido fenofibrico possiede proprietà antinfiammatorie che possono attenuare la risposta immunitaria e alleviare di conseguenza i sintomi. Infine, l’acido fenofibrico inibisce l’attivazione e l’aggregazione piastrinica, che dovrebbe ridurre i problemi emodinamici osservati nei pazienti con SARS-COV2.

Oltre agli effetti sull’ACE2, il DSF ha mostrato che tutti i fibrati hanno destabilizzato la proteina spike virale RBD e ne hanno abbassato la temperatura di “scioglimento”. Gli effetti più potenti sono stati nuovamente osservati con l’acido fenofibrico. Questi risultati sono stati confermati con un test “CETSA” modificato che ha misurato l’aggregazione di RBD dopo denaturazione termica. Gli effetti dell’acido fenofibrico sull’RBD possono contribuire alla sua inibizione del legame dell’RBD all’ACE2 negli studi ELISA e di legame cellulare condotti a 37°C.

Quando misurati in cellule a 0°C, i fibrati non hanno inibito il legame con ACE2; è probabile che questa temperatura impedisca la fusione, fornendo una potenziale spiegazione per la mancanza di attività dei fibrati nei saggi di legame a temperature più basse. Per fornire prove di un doppio meccanismo d’azione del fenofibrato sia su RBD che su ACE2, abbiamo confrontato la preincubazione di cellule o RBD con acido fenofibrico a esperimenti in cui è stato misurato il legame di RBD quando tutti e tre i reagenti sono stati cocubati.

La preincubazione del fenofibrato con cellule che esprimono ACE2 o con RBD ha aumentato l’inibizione del legame con RBD da parte dell’acido fenofibrico, coerentemente con il fatto che il farmaco ha effetti sia su RBD che su ACE2. Presi insieme, questi dati ci hanno spinto a valutare se l’acido fenofibrico o il fenofibrato avrebbero ridotto l’infezione da SARS-CoV-2.

Per fornire dati affidabili che valutino il potenziale dell’acido fenofibrico/fenofibrato di inibire l’infezione da SARS-CoV-2, i farmaci sono stati valutati in modo indipendente in due laboratori separati utilizzando diversi test di infezione virale eseguiti su cellule Vero e due isolati SARS-CoV-2 separati, entrambi identici al ceppo Wuhan originale (hCOV-19/Inghilterra/2/2020 e Italia/UniSR1/2020).

In entrambi i casi, è stato riscontrato che fenofibrato/acido fenofibrico riduce significativamente i tassi di infezione. Il fenofibrato/acido fenofibrico ha diminuito il numero di cellule Vero che risultavano positive per la proteina spike virale a 24 ore, indicando l’inibizione dell’infezione primaria. Anche il numero di cellule infettate 48 ore dopo l’infezione è stato significativamente ridotto, dimostrando il potenziale per un’inibizione prolungata dell’infezione.

Ciò è stato ulteriormente confermato dalla PCR che ha mostrato una riduzione dell’mRNA virale rilasciato dalle cellule nel surnatante della coltura. Allo stesso modo, abbiamo visto riduzioni significative con acido fenofibrico/fenofibrato nei test di formazione della placca che sono considerati il ​​test standard per misurare l’infettività da SARS-CoV-2. Diversi saggi dimostrano che la ridotta infezione virale non era dovuta a un effetto citotossico dei fibrati nelle cellule ospiti.

Considerando che il fenofibrato è utilizzato nel trattamento dell’ipercolesterolemia e dell’iperlipidemia, è stato valutato anche l’effetto di diverse statine sull’infezione da SARS-CoV-2. Questi includevano statine sia idrofile (pravastatina; rosuvastatina) che lipofile (pitavastatina; simvastatina). Nessuna delle statine ha inibito l’infezione virale, suggerendo che l’effetto antivirale non era mediato dall’inibizione della sintesi del colesterolo.

Le differenze che abbiamo osservato nella potenza tra fenofibrato e acido fenofibrico nei due test antivirali possono riflettere diversi ceppi del virus o diverse metodologie. Sebbene non possiamo attualmente spiegarli completamente, è chiaro che il fenofibrato o il suo metabolita acido fenofibrico hanno dimostrato attività anti-SARS-CoV-2.

L’acido fenofibrico è stato identificato come un potenziale agente antivirale attraverso i suoi effetti sulla dimerizzazione dell’ACE2, ma resta da chiarire in che misura gli effetti del fenofibrato/acido fenofibrico sulla dimerizzazione contribuiscono alla sua attività antivirale. Il meccanismo attraverso il quale una maggiore dimerizzazione potrebbe inibire l’infezione virale non è stato studiato e sono plausibili diverse spiegazioni. Non è stato possibile misurare l’effetto dei fibrati sulla dimerizzazione dell’ACE2 nei saggi di precipitazione della streptavidina.

Ciò può riflettere l’insensibilità di quest’ultimo metodo o che il fenofibrato altera la conformazione dell’ACE2 piuttosto che indurre la dimerizzazione. Studi strutturali hanno dimostrato che ACE2 adotta conformazioni “aperte” e “chiuse” (Yan et al., 2020) che possono essere rilevate dai reporter di NanoBIT. Le conformazioni aperta e chiusa possono anche influenzare il legame RBD a ciascun protomero ACE2 o il numero di proteine ​​​​spike che possono legarsi a un dimero ACE2, influenzando così l’avidità del virus per le cellule. I cambiamenti conformazionali in ACE2 possono anche influenzare la sua suscettibilità alla proteolisi da parte di TMPRSS2.

Il suggerimento che l’attività antivirale del fenofibrato dipenda almeno in parte dagli effetti sull’ACE2 offre anche vantaggi rispetto ai farmaci che inibiscono le proteine ​​virali. Le mutazioni nel genoma virale hanno meno probabilità di influenzare l’attività antivirale dei farmaci che prendono di mira le proteine ​​umane piuttosto che quelle virali. È interessante notare che il fenofibrato ha anche destabilizzato l’RBD e ridotto il suo legame all’ACE2. È altamente probabile che ciò contribuisca alla riduzione dell’infezione nelle cellule trattate con fenofibrato.

Ciò suggerisce anche che il fenofibrato ha molteplici meccanismi d’azione, il che rende meno probabile che emerga rapidamente resistenza ad esso e che il fenofibrato possa mantenere l’attività contro i ceppi emergenti di SARS-CoV-2. Tuttavia, i nostri dati suggeriscono che l’attività antivirale del fenofibrato misurata nei test di infezione qui presentati non è mediata dal fattore di trascrizione PPARα. L’efficacia dei fibrati nel trattamento dell’iperlipidemia dipende dalla loro capacità di attivare il PPARα Tuttavia, GW6471, un antagonista del PPARα (Xu et al., 2002), non ha impedito al fenofibrato di inibire l’infezione virale.

A nostra conoscenza, questa è la prima prova sperimentale che il fenofibrato può modulare le proteine ​​RBD e ACE2 e inibire l’infezione da SARS-CoV-2. È importante sottolineare che altri hanno anche proposto il suo uso terapeutico nella SARS-CoV-2. Queste proposte si basano su effetti farmacologici del fenofibrato che sono aggiuntivi a quelli che abbiamo identificato qui (riassunti nella Figura 6). Il fenofibrato aumenta i livelli del glicosfingolipide solfato e questo è stato proposto per ridurre l’infezione da SARS-CoV-2 (Buschard, 2020).

L’infezione da SARS-CoV-2 è associata alla sovrapproduzione di citochine, come TNF-α, IFN-γ, IL-1, IL-2 e IL-6, e successivamente a una tempesta di citochine che induce diverse complicanze extrapolmonari tra cui lesioni miocardiche, miocardite, danno renale acuto, trasporto ionico alterato, danno epatico acuto e manifestazioni gastrointestinali come diarrea e vomito (Gupta et al., 2020; Lee e Choi, 2021).

Simile al desametasone, è stato dimostrato che il fenofibrato sopprime l’infiammazione delle vie aeree e il rilascio di citochine inclusi TNF-α, IL-1 e IFN-γ in studi sia sui topi che sull’uomo (Madej et al., 1998; Delayre-Orthez et al., 2008 ; Stolarz et al., 2015). È stato anche dimostrato che il fenofibrato ha attività antitrombotiche e antipiastriniche (Jeanpierre et al., 2009; Lee et al., 2009) riducono i livelli di fibrinogeno e aumentano la permeabilità del coagulo, migliorando così la fibrinolisi (Undas et al., 2006).

Queste proprietà possono ridurre o prevenire l’ipercoagulabilità osservata nella fase avanzata della malattia in molti pazienti SARS-CoV-2 (Rogosnitzky et al., 2020). Una meta-analisi ha anche suggerito che il fenofibrato può essere utile nel trattamento dell’infezione da epatite C (Grammatikos et al., 2014). Infine, notiamo una prestampa del gruppo di Nahmias che ha anche suggerito che il fenofibrato può avere effetti clinici contro l’infezione da SARS-CoV-2 che dipende dalle alterazioni mediate da PPARα nel metabolismo delle cellule ospiti (Ehrlich et al., 2020).

Sulla base dei dati in questa prestampa, sono stati registrati due studi clinici utilizzando il fenofibrato in pazienti con SARS-CoV-2 che richiedono il ricovero in ospedale (Ospedale dell’Università della Pennsylvania (NCT04517396) e Università Ebraica di Gerusalemme (NCT04661930)). Gli effetti metabolici del fenofibrato possono essere mediati non solo dal suo bersaglio affine, PPARα, ma anche dall’attivazione di AMPK (Murakami et al., 2006) che regola la sintesi proteica e le vie di autofagia attraverso mTORC1.

Data l’attuale accelerazione dei tassi di infezione e mortalità osservati in diversi paesi, sosteniamo fortemente gli studi clinici sul fenofibrato in pazienti con SARS-CoV-2 che richiedono il ricovero in ospedale. Il fenofibrato ha una storia di utilizzo relativamente sicura, gli effetti avversi più comuni sono dolore addominale, diarrea, flatulenza, nausea e vomito. L’emivita dell’acido fenofibrico è di 20 ore (Desager et al., 1996), consentendo un comodo dosaggio una volta al giorno.

Le dosi raccomandate nel Regno Unito (fino a 267 mg) forniscono concentrazioni plasmatiche (Cmax 70 μM; Css 50 μM) paragonabili a quelle a cui noi e altri abbiamo riscontrato attività antivirale. Infine, se dimostrato efficace, il fenofibrato è disponibile come “ generico” e di conseguenza è relativamente economico, rendendolo accessibile per l’uso in tutti i contesti clinici, in particolare quelli nei paesi a basso e medio reddito. I dati preliminari indicano che il fenofibrato è ugualmente efficace contro la variante B.1.1.7 (dati non mostrati), il che implica che è improbabile che mutazioni nella proteina S influenzino l’efficacia del fenofibrato. Esistono una serie di condizioni mediche che controindicano l’uso del fenofibrato, come la funzionalità renale significativamente compromessa, e queste potrebbero potenzialmente limitarne l’uso nel trattamento dei pazienti COVID.

Esistono anche numerose interazioni farmacologiche con il fenofibrato che sono potenzialmente gravi, sebbene alcune di queste possano essere evitate sospendendo temporaneamente il farmaco che interagisce. Una volta definita l’attività clinica antivirale del fenofibrato, sarà necessaria un’analisi rischio-beneficio appropriata per identificare quali pazienti SRS-COV2 possono essere trattati in sicurezza con fenofibrato. Mentre sono in corso ulteriori studi per chiarire il meccanismo preciso dell’attività antivirale del fenofibrato, i nostri dati supportano la valutazione clinica del fenofibrato nel contesto dell’infezione comunitaria e anche nei pazienti che richiedono il ricovero.

Una possibilità è che il fenofibrato venga testato in pazienti sintomatici di nuova diagnosi, che non richiedono il ricovero in ospedale, nei quali la riduzione dei livelli di infezione virale da parte del fenofibrato ridurrebbe la gravità della malattia e la diffusione dell’infezione ad altri individui.

riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8377159/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.