Covid-19: sperimentazione clinica sull’utilizzo di miele e Nigella Sativa L contro SARS-CoV-2

0
50

Instagram blocca l’hashtag #naturalimmunity

È stato riferito che a partire da circa 12 ore fa, Instagram ha bloccato l’hashtag “immunità naturale” per le preoccupazioni della cosiddetta “disinformazione”.

Facebook, il proprietario di Instagram, tuttavia, non ha ancora rimosso l’hashtag.

Prima del divieto, gli usi di #naturalimmunity coincidevano con nozioni relative a uno studio scientifico condotto fuori da Israele. Il documento conclude che “l’immunità naturale conferisce una protezione più duratura e più forte contro l’infezione, la malattia sintomatica e il ricovero in ospedale causati dalla variante Delta di SARS-CoV-2, rispetto all’immunità indotta dal vaccino a due dosi BNT162b2. https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.24.21262415v1.full

Tuttavia, lo studio evidenzia anche che “gli individui che erano stati entrambi precedentemente infettati da SARS-CoV-2 e che avevano ricevuto una singola dose del vaccino hanno ottenuto una protezione aggiuntiva contro la variante Delta”.

Le agenzie di social media stanno gridando allo scandalo e affermando che era “contro intuitivo vietare alcuni [hashtag] in quanto fornisce solo ulteriori munizioni per i teorici della cospirazione”. 

Come molti stanno dicendo: “Oltre ai commenti dannosi, violenti o pieni di odio, [vietare gli hashtag è] dannoso per le nostre tradizioni sulla libertà di parola e un posto molto pericoloso se le piattaforme di social media iniziano a censurare opinioni, conversazioni o opinioni”.

Un’iniziativa TMN e Doctor’s Lounge: sperimentazione clinica sul potenziale profilattico di miele e Nigella  Sativa  L contro SARS-CoV-2

Medici del Massachusetts General Hospital, della Harvard Medical School-USA, dello Shaikh Zayed Post-Graduate Medical Institute-Pakistan, di Riphah International e del Consorzio Medici Lounge del TMN che coinvolge numerosi medici e ospedali provenienti da Pakistan, Stati Uniti, Cile, Bahrain, Canada, Arabia Saudita e Taiwan ha già registrato una sperimentazione clinica e ha già iniziato a reclutare partecipanti per una sperimentazione clinica che prevede l’uso di miele e Nigella Sativa L.
https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT04767087

Nell’ambito di un pre-accordo tra TMM, tutti studi clinici randomizzati e ricerche che coinvolgono erbe e sostanze fitochimiche da utilizzare come profilattici o come terapeutici per COVID-19 e anche Long COVID, saranno sempre coperti da riviste del gruppo Springer come in questo caso. https://trialsjournal.biomedcentral.com/articles/10.1186/s13063-021-05510-3


Delta Plus e altre nuove sottovarianti Delta con mutazioni G142D e D950N che causano infezioni da vaccino in Houton-Texas.

Un nuovo studio ha riportato che Houston-Texas sta affrontando un enorme carico di casi di infezioni rivoluzionarie tra quelle che erano state precedentemente completamente vaccinate contro il COVID-19. Molti casi hanno comportato ricoveri in quanto i vaccini sono risultati non essere in grado di prevenire la gravità della malattia e nemmeno la mortalità nella maggior parte dei casi.

I sequenziamenti genomici hanno mostrato che la maggior parte delle infezioni da svolta sono state causate dalla variante Delta plus e anche da nuove sottovarianti Delta  che possiedono  mutazioni G142D e D950N su di esse.

In modo allarmante, a Houston sono stati trovati alcuni casi di varianti Lambda e Mu. Entrambe queste varianti sono anche immuni evasive e la maggior parte dei casi che coinvolgono le loro infezioni ha richiesto il ricovero in ospedale. https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.07.19.21260808v3.full

Nonostante l’alto numero di vaccinazioni, Israele vede un’ondata di COVID “record”
È stato riportato dai media locali che Israele continua a lottare sotto il peso di una devastante SARS -Onda Cov-2, che ha raggiunto quello che un funzionario sanitario ha detto essere un numero “record” di casi anche se il paese registra alcuni dei tassi di vaccinazione più alti al mondo. https://www.timesofisrael.com/health-ministry-chief-says-coronavirus-spread-reaching-record-heights/

Israele sta registrando “una media di 8.000 nuove infezioni ogni giorno, con picchi occasionali di oltre 10.000”, ha riportato il Times of Israel questa settimana.

I nuovi tassi di infezione rappresentano “un record che non esisteva nelle precedenti ondate”, ha detto al giornale il direttore generale del ministero della Sanità israeliano Nachman Ash. 

Il numero di replicazione del virus era recentemente diminuito, ha sottolineato, prima di iniziare ad aumentare. “Speravo che avremmo visto un calo più chiaro, ma ancora non lo vediamo”, ha detto.


I coronavirus, virus a RNA con involucro, sono caratterizzati da punte sulla loro superficie e appartengono all’ordine Nidovirales.1 Sono responsabili di un crescente onere economico, sociale e di mortalità negli esseri umani negli ultimi decenni. Lo spettro delle malattie associate ai coronavirus umani va dal comune raffreddore alla sindrome respiratoria acuta grave e alla sindrome respiratoria mediorientale.

Da dicembre 2019, un coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave recentemente scoperto (SARS-CoV-2) è stato l’agente eziologico dell’attuale pandemia di malattia infettiva chiamata malattia del coronavirus 2019 (COVID-19). Sfortunatamente, non esistono agenti antivirali approvati efficaci per questi ceppi di coronavirus.2,3

I prodotti naturali forniscono una vasta gamma di molecole biologicamente attive con attività antivirale e quindi possono avere utilità come potenziali agenti terapeutici contro le infezioni da coronavirus.4 Tra questi prodotti c’è la Nigella sativa, che ha mostrato diverse proprietà antivirali.5

N sativa è un integratore alimentare ben noto e una pianta medicinale in diverse culture. I semi di N sativa contengono diversi composti attivi nelle classi di olio fisso, olio essenziale, saponine e alcaloidi. In letteratura, N sativa ha mostrato diverse proprietà farmacologiche tra cui attività antinfiammatorie, antimicrobiche e immunostimolanti.5,6

La sicurezza e l’efficacia di N sativa utilizzata per molte malattie umane sono state stabilite in diversi studi clinici randomizzati.7 Abbiamo anche usato l’olio di N sativa in uno studio randomizzato, in doppio cieco controllato con placebo su pazienti asmatici con un profilo di sicurezza ed efficacia accettabile.8

Inoltre, diverse meta-analisi hanno confermato gli effetti benefici e la sicurezza di N sativa su iperlipidemia, diabete di tipo 2, obesità, ipertensione e asma.9, 10, 11, 12, 13 In uno studio clinico, il dosaggio di olio orale di N sativa di si ritiene che fino a 5 g al giorno per un massimo di 12 settimane sia sicuro

In studi in vitro, le attività antivirali di N sativa su diversi virus sono state documentate in letteratura.5 L’olio di N sativa sopprime la carica virale del citomegalovirus murino nei topi infetti a un livello non rilevabile.15 È stato scoperto che il miele di N sativa inibisce l’HIV-1 replicazione.16 N sativa ha avuto attività virucida contro le infezioni da herpes simplex e virus dell’epatite A.16

N sativa ha ridotto il carico di coronavirus nelle cellule HeLa infette con la secrezione di interleuchina 8 stimolata e la sottoregolazione dell’espressione dei geni del potenziale recettore transitorio (TRP) come TRPM6, TRPA1, TRPC4 e TRPM7.17 La replicazione del virus dell’epatite C è stata inibita da N sativa.18 N sativa ha inibito la crescita del virus dell’influenza H5N1 in vitro.19

In uno studio clinico sull’uomo, i pazienti con infezione da virus dell’epatite C hanno mostrato un miglioramento significativo della carica virale del virus dell’epatite C dopo 3 mesi di trattamento con N sativa.20 Un caso clinico di trattamento con N sativa per 6 mesi ha mostrato una sieroreversione sostenuta in un -anziano paziente con HIV ed è stato anche segnalato in altri 6 casi di HIV.21,22

Negli ultimi anni, gli studi di docking molecolare in silico su prodotti naturali consentono approcci di screening computazionale per valutarne il potenziale terapeutico.

Questi studi utilizzano tecniche bioinformatiche e possono essere utilizzati per scoprire come i farmaci candidati causino l’attività terapeutica prevedendo le interazioni tra farmaci e proteine ​​e analizzando l’influenza su percorsi e funzioni biologiche.23

Lo scopo di questa mini revisione della letteratura era esplorare qualsiasi pubblicazione o prestampa su studi in silico sul potenziale anticoronavirus specifico di N sativa.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7445151/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.