Le future mamme che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna hanno trasmesso alti livelli di anticorpi ai loro bambini

0
109

Un modo per proteggere i neonati dal COVID-19 è che le donne ricevano il vaccino COVID-19 durante la gravidanza.

Un nuovo studio ha scoperto che le future madri che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna hanno trasmesso alti livelli di anticorpi ai loro bambini.

I ricercatori della NYU Grossman School of Medicine hanno scoperto che il 100% dei 36 neonati testati al momento della nascita aveva anticorpi protettivi dopo che le loro madri avevano ricevuto i vaccini.

Hanno osservato i livelli più alti di anticorpi nel sangue del cordone ombelicale delle madri che erano state completamente vaccinate nella seconda metà delle loro gravidanze. Ciò è correlato alla protezione dei bambini nei primi mesi di vita.

“Gli studi continuano a rafforzare l’importanza dei vaccini durante la gravidanza e il loro potere di proteggere due vite contemporaneamente prevenendo gravi malattie sia nelle madri che nei bambini”, ha affermato il coautore dello studio Dr. Ashley Roman, direttore della medicina materno-fetale presso la NYU Langone. Salute.

“Se i bambini potessero nascere con gli anticorpi, potrebbe proteggerli nei primi mesi della loro vita, quando sono più vulnerabili”, ha detto Roman in un comunicato stampa del sistema sanitario.

Il team di ricerca è stato anche in grado di distinguere gli anticorpi nel sangue neonatale che sono stati creati in risposta all’infezione naturale da quelli prodotti in risposta ai vaccini. Ciò è importante perché le risposte anticorpali naturali al virus non sono sufficientemente protettive, secondo lo studio.

Anche con la piccola dimensione del campione dello studio, “è incoraggiante che i livelli di anticorpi neonatali siano alti se le donne vengono vaccinate”, ha affermato la coautrice dello studio, la dott.ssa Jennifer Lighter, specialista in malattie infettive pediatriche presso la NYU Langone.

Questo team ha precedentemente confermato la forte evidenza che i due vaccini mRNA sono sicuri durante la gravidanza in uno studio pubblicato il 16 agosto sull’American Journal of Obstetrics & Gynecology – Maternal Fetal Medicine. Quello studio non ha rilevato rischi aumentati durante la gravidanza, complicazioni alla nascita o rischi identificabili per il feto legati al vaccino durante la gravidanza.

Secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, le donne incinte sono a maggior rischio di malattie gravi dovute al virus, ma solo il 23% delle donne in gravidanza è stato vaccinato.

“I nostri risultati si aggiungono a un elenco crescente di importanti motivi per cui le donne dovrebbero essere avvisate di ricevere il vaccino COVID-19 durante la gravidanza per l’ulteriore beneficio che il loro neonato riceva una protezione cruciale”, ha affermato Lighter nel comunicato.

Saranno necessari studi futuri per determinare se la vaccinazione durante la seconda metà della gravidanza è paragonabile alla vaccinazione all’inizio della gravidanza, nonché per quanto tempo dura la protezione del neonato.

La ricerca è stata pubblicata online il 22 settembre sull’American Journal of Obstetrics & Gynecology—Maternal Fetal Medicine.


Figura 1 Riepilogo della protezione immunitaria dai vaccini COVID-19 in gravidanza e allattamento. (A) Sebbene escluse dalle sperimentazioni sui vaccini iniziali, le persone in gravidanza e in allattamento sono state idonee a ricevere i vaccini mRNA Pfizer/BioNTech e Moderna e il vaccino Janssen/Johnson&Johnson Ad26-vector. I profili di sicurezza e reattogenicità sono simili a quelli di individui non gravidi e non in allattamento. L’immunizzazione con il protocollo a due dosi per i vaccini mRNA porta a titoli comparabili di IgG, IgA e IgM in soggetti in gravidanza e allattamento completamente vaccinati rispetto ai controlli non gravidi. La longevità dell’immunità derivata durante la gravidanza e la capacità di conferire protezione contro le varianti non è stata studiata direttamente in queste popolazioni. (B) I vaccini COVID-19 generano anticorpi anti-Spike in individui in gravidanza e in allattamento con immunogenicità simile rispetto ai controlli non gravidi. Gli anticorpi anti-Spike indotti dal vaccino dimostrano capacità neutralizzante, fagocitosi neutrofila anticorpo-dipendente (ADNP), fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente (ADCP) e deposizione del complemento anticorpo-dipendente (ADCD) e attivazione delle cellule NK. L’attività delle cellule T CD4+ e CD8+ è simile a quella osservata in individui non gravidi. Anti-Spike IgG e IgA con attività legante, neutralizzante e funzionale sono rilevabili anche nel latte materno. Non è ancora noto se il latte materno contenga fattori immunitari cellulari o altri fattori protettivi indotti dal vaccino. Nessun mRNA del vaccino è stato rilevato nel latte materno immediatamente dopo la vaccinazione. (C) Le IgG neutralizzanti anti-Spike vengono trasferite per via transplacentare dalla madre al feto. La tempistica del vaccino e i titoli anticorpali materni influiscono sui titoli del cordone. IgG, IgM e IgA vengono trasferiti attraverso il latte materno. Non è nota né la quantità di anticorpi di origine materna necessaria per conferire protezione neonatale dall’infezione da COVID-19, né la durata di tale protezione. Creato con BioRender.com. ADNP, fagocitosi neutrofila anticorpo-dipendente; ADCP, fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente; ADCD, deposizione del complemento anticorpo-dipendente. Creato con BioRender.com. ADNP, fagocitosi neutrofila anticorpo-dipendente; ADCP, fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente; ADCD, deposizione del complemento anticorpo-dipendente. Creato con BioRender.com. ADNP, fagocitosi neutrofila anticorpo-dipendente; ADCP, fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente; ADCD, deposizione del complemento anticorpo-dipendente.

Sicurezza dei vaccini COVID-19 nella riproduzione

Poiché le persone in gravidanza e in allattamento non sono state incluse negli studi iniziali sui vaccini, i dati sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino in queste popolazioni sono stati limitati (Bianchi et al., 2021) e le indicazioni dei funzionari della sanità pubblica sono state vaghe e talvolta contrastanti (Adhikari e Spong, 2021). I dati disponibili sulla sicurezza del vaccino in gravidanza dagli studi di sviluppo e tossicità riproduttiva (DART) sono stati complessivamente rassicuranti, sebbene di portata limitata.

Un rapporto presentato all’Agenzia europea per i medicinali ha dimostrato che le femmine di ratto iniettate con 4 dosi umane di vaccino Pfizer/BioNTech prima e durante la gestazione non hanno avuto effetti correlati al vaccino sulla fertilità femminile, sulla gravidanza o sullo sviluppo embrio-fetale o postnatale (Pfizer/BioNTech, 2020 ). Allo stesso modo, uno studio DART sul vaccino di Moderna rivisto dalla FDA non ha riscontrato effetti negativi sulla riproduzione o sullo sviluppo quando somministrato a ratti a dosi umane (ModernaTX, Inc, 2020) e lo studio DART sul vaccino Janssen COVID-19 rivisto dalla FDA non ha rilevato effetti negativi effetto sulla fertilità, sullo sviluppo embrio-fetale o postnatale quando due volte la dose umana è stata iniettata in conigli femmine 7 giorni prima dell’accoppiamento e nei giorni di gestazione 6 e 20 (inizio e fine della gestazione) [US Food and Drug Administration (FDA), 2021] .

L’esperienza di altri vaccini che utilizzano le piattaforme mRNA e adenovirus-vettore ha fornito una certa rassicurazione sul fatto che nessuna delle due tecnologie comporta specifici problemi di sicurezza riproduttiva. Sebbene le persone in gravidanza siano state escluse dagli studi di Fase 1 delle piattaforme di vaccini mRNA contro altri agenti patogeni come l’influenza, l’HIV Zika e i virus della rabbia (Alberer et al., 2017; Feldman et al., 2019; Maruggi et al., 2019), studi sugli animali del vaccino mRNA contro il virus Zika ha dimostrato che la vaccinazione di topi non gravidi prima della gestazione proteggeva dalla trasmissione transplacentare senza alcun evento di sicurezza riproduttiva associato al vaccino (Richner et al., 2017). In un’analisi di 1.522 casi di gravidanza da studi in corso sul vaccino con vettore Ad26 per il vaccino Ebola, in cui le persone in gravidanza hanno diritto a ricevere il vaccino,

Nonostante l’esclusione delle persone in gravidanza e in allattamento dagli studi sui vaccini COVID-19, l’American College of Obstetricians and Gynecologists e la Society for Maternal-Fetal Medicine hanno costantemente affermato che il vaccino COVID-19 dovrebbe essere disponibile per le persone in gravidanza e in allattamento, e sia le società professionali che il CDC ora raccomandano la vaccinazione in queste popolazioni (ACOG, 2021Immunization, Infectious Disease and Public Health Preparedness Expert Working Group; CDC, b, 2021).

L’inclusione delle persone in gravidanza e in allattamento che hanno scelto di ricevere il vaccino COVID-19 negli studi osservazionali e nei programmi di monitoraggio della sicurezza del vaccino è stata essenziale per generare ulteriori dati sulla sicurezza in queste popolazioni. Anche uno studio su 84 donne in gravidanza, 31 in allattamento e 16 non gravide che hanno ricevuto il vaccino Pfizer/BioNTech o Moderna non ha dimostrato eventi avversi importanti e profili di reattogenicità simili tra i gruppi (Gray et al., 2021).

In uno studio su 84 persone che allattavano al seno vaccinate con il vaccino Pfizer/BioNTech in Israele, nessuna madre o bambino ha avuto alcun evento avverso grave durante il periodo di studio (Perl et al., 2021) e un recente studio su 7 individui che allattavano ricevuto il vaccino Pfizer/BioNTech o Moderna non ha rilevato alcun mRNA associato al vaccino nel latte materno raccolto tra 4 e 48 ore dopo la vaccinazione (Golan et al., 2021).

Citando come motivazione il fatto che i vaccini mRNA inducono una risposta immunitaria attraverso l’attivazione del recettore toll-like 3 (TLR3) e l’attivazione del TLR3 è stata collegata a esiti avversi della gravidanza mediati dalla placenta in modelli di roditori come arteriopatia decidua, restrizione della crescita, parto pretermine, e la perdita del feto (Zhang et al., 2007; Koga et al., 2009; Thaxton et al., 2013; Pardi et al., 2018; Baines et al., 2020), un altro studio su 84 donne in gravidanza che hanno ricevuto il COVID- 19 vaccini mRNA in gravidanza hanno esaminato la placenta per lesioni rilevabili sull’istopatologia H&E (Shanes et al., 2021).

Questi ricercatori non hanno riscontrato un aumento dell’incidenza di arteriopatia decidua, malperfusione vascolare fetale, villite cronica di basso grado o intervillosite istiocitica cronica nelle 84 persone che hanno ricevuto vaccini COVID-19 in gravidanza rispetto alle 116 persone in gravidanza non vaccinate nel gruppo di controllo. Nessuno studio ha ancora esaminato la risposta immunitaria placentare ai vaccini COVID-19 a livello molecolare e cellulare e tali studi sarebbero in grado di rilevare impatti più sottili dei vaccini COVID-19 sull’infiammazione e sulla funzione della placenta.

Il team CDC V-safe COVID-19 Pregnancy Registry ha recentemente pubblicato risultati preliminari sulla sicurezza dei vaccini mRNA COVID-19 nelle persone in gravidanza (Shimabukuro et al., 2021). Un totale di 35.691 persone in gravidanza sono state identificate dal sistema di sorveglianza “v-safe dopo la vaccinazione”, dal registro delle gravidanze v-safe e dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). Delle 827 gravidanze completate, l’incidenza di gravidanze avverse e di esiti neonatali, tra cui l’interruzione della gravidanza (13,9%), la nascita pretermine (9,4%), e l’età gestazionale di piccole dimensioni (3,2%) si avvicinano ai tassi pre-pandemici e nessun segnale di sicurezza evidente tra sono state identificate persone gravide (Shimabukuro et al., 2021).

La guida ufficiale del CDC afferma che, poiché non sono stati identificati problemi di sicurezza per le persone in gravidanza vaccinate o per i loro bambini, le persone in gravidanza possono ricevere il vaccino COVID-19 e che non è richiesta l’approvazione da parte di un fornitore di cure (CDC, c, 2021 ). A causa delle segnalazioni di rari casi di coaguli di sangue con trombocitopenia che si verificano in donne di età inferiore a 50 anni che ricevono il vaccino J&J, il CDC afferma che le persone in gravidanza dovrebbero essere consapevoli di questi rischi e della disponibilità di altri vaccini per i quali questo rischio ha non è stato osservato (CDC, c, 2021).

I dati sulla sicurezza del vaccino a lungo termine nelle persone in gravidanza e nella loro prole sono comprensibilmente carenti in questo momento, ma sono estremamente necessari per la consulenza non solo sulla sicurezza dei vaccini COVID-19 in particolare, ma per le piattaforme di vaccini mRNA in generale, come percezione pubblica riguardo alla sicurezza di i vaccini somministrati in gravidanza si basano sulla fornitura di informazioni di alta qualità sugli esiti neonatali e infantili, compresi i difetti alla nascita e i disturbi dello sviluppo infantile. Dato l’orizzonte temporale più lungo necessario per raccogliere questi dati, è improbabile che informino l’attuale pratica vaccinale, ma hanno l’opportunità di influire sui futuri sforzi di sviluppo di vaccini mRNA e adenovirus e sulle campagne di salute pubblica.

Immunogenicità e implicazioni delle interazioni ospite-virus in gravidanza

La gravidanza comporta complessi cambiamenti immunologici, inclusa la modulazione del sistema immunitario per tollerare il semi-allotrapianto fetale (Jennewein et al., 2017; Than et al., 2019). Insieme ai cambiamenti fisiologici e ormonali, questi adattamenti immunologici contribuiscono all’aumentata vulnerabilità osservata delle persone in gravidanza alle complicanze delle infezioni respiratorie virali, tra cui l’influenza H1N1 e la SARS-CoV-2 (Raj et al., 2014; Alberca et al., 2020) . L’evidenza suggerisce che le risposte immunitarie indotte dal vaccino possono anche differire in gravidanza (Saeed et al., 2020), con alcuni studi che dimostrano un aumento meno robusto dei titoli post-vaccino nelle donne in gravidanza rispetto alle donne non gravide in risposta all’influenza H1N1 e Tdap vaccini (Fortner et al., 2018; Schlaudecker et al., 2018).

Entrambi i vaccini COVID-19 mRNA (Pfizer/BioNTech, Moderna) e il vaccino Ad26-vector (Janssen) sono altamente immunogenici nelle popolazioni non gravide (Walsh et al., 2020; Chu et al., 2021; Stephenson et al., 2021), generando titoli anticorpali specifici anti-SARS-CoV-2 post-vaccinazione nella maggior parte dei partecipanti allo studio (Walsh et al., 2020). I dati emergenti suggeriscono che le persone in gravidanza sviluppano una risposta sierologica ai vaccini mRNA COVID-19 che è paragonabile ai controlli non gravidi in età riproduttiva (Beharier et al., 2021; Collier et al., 2021; Gray et al., 2021; Prabhu et al., 2021). In una coorte di 84 donne in gravidanza, 31 in allattamento e 16 non gravide in età riproduttiva, i titoli indotti dal vaccino mRNA di SARS-CoV-2 Spike e il dominio legante il recettore (RBD) IgG, IgA e IgM erano equivalenti tra tutti i gruppi (Gray et al., 2021).

I titoli anticorpali indotti dal vaccino non differivano per trimestre di vaccinazione e la seconda dose di vaccino, ovvero la dose “boost”, ha aumentato le IgG specifiche per SARS-CoV-2 nel sangue materno e nel latte materno. Un’analisi sierologica dei sistemi della risposta immunitaria umorale negli stessi partecipanti ha dimostrato una cinetica ritardata del legame di FcR e delle funzioni effettrici anticorpali sia nelle persone in gravidanza che in allattamento rispetto alle donne non gravide, evidenziando l’importanza della stretta aderenza al programma prime/boost per raggiungere la piena immunità in questa popolazione vulnerabile (Atyeo et al., 2021a).

Entrambi gli studi hanno anche suggerito differenze nella risposta immunitaria umorale al vaccino Pfizer/BioNTech rispetto al vaccino Moderna, inclusa una risposta immunitaria IgA più robusta e titoli e funzioni anticorpali più elevati indotti da Moderna rispetto al vaccino Pfizer/BioNTech (Atyeo et al., 2021a ; Gray et al., 2021). Non è chiaro se ci siano implicazioni cliniche di queste sottili differenze tra il vaccino Moderna e il vaccino Pfizer/BioNTech, ma la robusta risposta immunitaria umorale a entrambi i vaccini mRNA COVID-19 suggerisce che entrambi potrebbero essere altamente efficaci in gravidanza.

In un’altra coorte di 122 persone in gravidanza che avevano ricevuto almeno una dose di vaccino mRNA prima del parto, tutti i partecipanti hanno dimostrato evidenza di risposta anticorpale IgG specifico per SARS-CoV-2 entro 4 settimane dopo la prima dose di vaccino (Prabhu et al., 2021). ). Presi insieme, questi dati suggeriscono che le persone in gravidanza e in allattamento possono sviluppare una risposta sierologica al vaccino paragonabile alle controparti non gravide, con una risposta IgG simile all’aumento del vaccino come nei controlli non gravide.

Se i vaccini COVID-19 generano una risposta anticorpale anti-SARS-CoV-2 equivalente o maggiore contro il virus SARS-CoV-2 rispetto a quegli anticorpi generati dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 in gravidanza merita ulteriori indagini. In uno studio su 84 partecipanti in gravidanza e 31 in allattamento, i titoli anticorpali specifici anti-SARS-CoV-2 indotti dal vaccino erano significativamente più alti in tutti i partecipanti rispetto a quelli indotti dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 durante la gravidanza.

In questa coorte, i partecipanti con infezione naturale erano sintomatici e noti per essere infetti da 4 a 12 settimane prima della quantificazione del titolo, in modo che i tempi della quantificazione degli anticorpi fossero comparabili per le vaccinate in gravidanza e le persone in gravidanza con infezione naturale (Gray et al., 2021) . Questo significativo aumento della risposta anticorpale dopo la vaccinazione COVID rispetto all’infezione naturale in gravidanza è stato osservato anche in una potenziale coorte di 103 donne, che includeva 30 partecipanti in gravidanza che hanno ricevuto il vaccino mRNA durante la gravidanza e 28 partecipanti infettati da SARS-CoV-2 in gravidanza. (Collier et al., 2021).

Non solo il titolo anticorpale, ma anche la funzione anticorpale è una considerazione chiave nella valutazione della protezione anticorpale indotta dal vaccino sia per la madre che per il neonato. Due studi hanno valutato la funzione anticorpale nelle donne in gravidanza e in allattamento rispetto alle donne non gravide che ricevono i vaccini mRNA COVID-19 (Atyeo et al., 2021a; Collier et al., 2021). Entrambi hanno dimostrato una simile fagocitosi dei neutrofili dipendente dall’anticorpo picco-specifica (ADNP), deposizione del complemento anticorpo-dipendente (ADCD) e fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente (ADCP) in donne in gravidanza e in allattamento completamente vaccinate rispetto alle persone non gravide.

Nel confrontare i profili funzionali degli anticorpi specifici per il picco dopo le dosi “prime” e “boost” nelle persone in gravidanza con i controlli in allattamento/non gravide, Atyeo e colleghi hanno identificato differenze iniziali nelle risposte al dosaggio che suggeriscono una funzionalità anticorpale alterata dopo la dose “primaria” in soggetti in gravidanza, che sono migliorati in seguito alla dose “boost” (Atyeo et al., 2021a). 

Entrambi gli studi hanno anche suggerito differenze nella risposta immunitaria umorale al vaccino Pfizer/BioNTech rispetto al vaccino Moderna, inclusa una risposta immunitaria IgA più robusta e titoli e funzioni anticorpali più elevati indotti da Moderna rispetto al vaccino Pfizer/BioNTech (Atyeo et al., 2021a ; Gray et al., 2021). Non è chiaro se ci siano implicazioni cliniche di queste sottili differenze tra il vaccino Moderna e il vaccino Pfizer/BioNTech, ma la robusta risposta immunitaria umorale a entrambi i vaccini mRNA COVID-19 suggerisce che entrambi potrebbero essere altamente efficaci in gravidanza.

In un’altra coorte di 122 persone in gravidanza che avevano ricevuto almeno una dose di vaccino mRNA prima del parto, tutti i partecipanti hanno dimostrato evidenza di risposta anticorpale IgG specifico per SARS-CoV-2 entro 4 settimane dopo la prima dose di vaccino (Prabhu et al., 2021). ). Presi insieme, questi dati suggeriscono che le persone in gravidanza e in allattamento possono sviluppare una risposta sierologica al vaccino paragonabile alle controparti non gravide, con una risposta IgG simile all’aumento del vaccino come nei controlli non gravide.

Se i vaccini COVID-19 generano una risposta anticorpale anti-SARS-CoV-2 equivalente o maggiore contro il virus SARS-CoV-2 rispetto a quegli anticorpi generati dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 in gravidanza merita ulteriori indagini. In uno studio su 84 partecipanti in gravidanza e 31 in allattamento, i titoli anticorpali specifici anti-SARS-CoV-2 indotti dal vaccino erano significativamente più alti in tutti i partecipanti rispetto a quelli indotti dall’infezione naturale da SARS-CoV-2 durante la gravidanza.

In questa coorte, i partecipanti con infezione naturale erano sintomatici e noti per essere infetti da 4 a 12 settimane prima della quantificazione del titolo, in modo che i tempi della quantificazione degli anticorpi fossero comparabili per le vaccinate in gravidanza e le persone in gravidanza con infezione naturale (Gray et al., 2021) . Questo significativo aumento della risposta anticorpale dopo la vaccinazione COVID rispetto all’infezione naturale in gravidanza è stato osservato anche in una potenziale coorte di 103 donne, che includeva 30 partecipanti in gravidanza che hanno ricevuto il vaccino mRNA durante la gravidanza e 28 partecipanti infettati da SARS-CoV-2 in gravidanza. (Collier et al., 2021).

Non solo il titolo anticorpale, ma anche la funzione anticorpale è una considerazione chiave nella valutazione della protezione anticorpale indotta dal vaccino sia per la madre che per il neonato. Due studi hanno valutato la funzione anticorpale nelle donne in gravidanza e in allattamento rispetto alle donne non gravide che ricevono i vaccini mRNA COVID-19 (Atyeo et al., 2021a; Collier et al., 2021). Entrambi hanno dimostrato una simile fagocitosi dei neutrofili dipendente dall’anticorpo picco-specifica (ADNP), deposizione del complemento anticorpo-dipendente (ADCD) e fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente (ADCP) in donne in gravidanza e in allattamento completamente vaccinate rispetto alle persone non gravide.

Nel confrontare i profili funzionali degli anticorpi specifici per il picco dopo le dosi “prime” e “boost” nelle persone in gravidanza con i controlli in allattamento/non gravide, Atyeo e colleghi hanno identificato differenze iniziali nelle risposte al dosaggio che suggeriscono una funzionalità anticorpale alterata dopo la dose “primaria” in soggetti in gravidanza, che sono migliorati in seguito alla dose “boost” (Atyeo et al., 2021a).

Nel loro studio osservazionale che includeva 30 individui in gravidanza, 16 in allattamento e 57 non gravide, Collier e colleghi hanno anche valutato le risposte immunitarie cellulari ai vaccini mRNA COVID-19, quantificando la percentuale di produzione di IFN-γ specifica per il picco da parte delle cellule T CD4, Cellule T di memoria centrale CD4, cellule T CD8 e cellule T di memoria centrale CD8.

Questo studio ha riportato risposte immunitarie cellulari comparabili ai vaccini COVID-19 in donne in gravidanza, in allattamento e non gravide e ha dimostrato che i vaccini mRNA hanno generato risposte umorali e cellulari contro le varianti SARS-CoV-2 di interesse B.1.1.7 e B.1.351.
Presi insieme, questi dati supportano una solida risposta immunitaria umorale e cellulare ai vaccini mRNA COVID-19 in individui vaccinati durante la gravidanza, sebbene data la cinetica anticorpale ritardata osservata nelle donne in gravidanza rispetto alle persone non gravide, l’aderenza ai programmi di vaccino mRNA prime/boost raccomandati può essere particolarmente critico in gravidanza per ottenere un’immunità paragonabile a quella nelle popolazioni non gravide (Atyeo et al., 2021a).

Ad oggi, nessun gruppo ha ancora riferito sulla risposta anticorpale al vaccino Janssen specificamente nelle persone in gravidanza e in allattamento.

Dati recenti che studiano la risposta immunitaria cellulare e sierologica indotta dal vaccino in individui precedentemente infettati da SARS-CoV-2 indicano una risposta robusta alla prima dose di vaccino sia negli anticorpi circolanti che nelle cellule B di memoria antigene-specifiche (Goel et al., 2021 ; Krammer et al., 2021).

Uno studio su operatori sanitari precedentemente infetti da SARS-CoV-2 rispetto a operatori sanitari vaccinati non infetti ha trovato prove che dopo la somministrazione di una singola dose di vaccino, la risposta umorale in individui con una storia di infezione da SARS-CoV-2 è maggiore della risposta in partecipanti precedentemente non infetti che hanno ricevuto una seconda dose (Anichini et al., 2021).

Data la risposta sierologica relativamente debole all’infezione naturale nelle persone in gravidanza (Edlow et al., 2020; Gray et al., 2021), studiando sia la risposta sierologica che cellulare ai vaccini COVID-19 in persone precedentemente infettate da SARS-CoV-2 durante la gravidanza sarà fondamentale per lo sviluppo di ulteriori raccomandazioni riguardanti il ​​dosaggio del vaccino in individui che sono stati infettati durante la gravidanza.

Protezione alla nascita: trasferimento di anticorpi transplacentare materno-fetale dopo la vaccinazione

Rispetto alle popolazioni pediatriche e adulte, la somministrazione del vaccino nei neonati è stata meno efficace nel ridurre i decessi correlati alle infezioni (Amenyogbe et al., 2015; Kollmann et al., 2017). La compromissione dell’immunità indotta dal vaccino nei neonati è stata attribuita alla natura potenzialmente tollerogenica del sistema immunitario neonatale (Yu et al., 2018), alla natura meno funzionale delle cellule immunitarie neonate (Lee e Lin, 2013; Yu et al., 2018 ), e un’immunità ridotta a causa della presenza di anticorpi materni preesistenti (Feunou et al., 2016; Saso e Kampmann, 2017).

L’immunizzazione materna – una strategia di sanità pubblica volta a potenziare il trasferimento materno-fetale di anticorpi protettivi – ha dimostrato un potenziale significativo nel fornire immunità protettiva per il neonato prima della capacità del neonato di generare una robusta risposta immunitaria alla vaccinazione. Gli agenti patogeni presi di mira dalle strategie di immunizzazione materna includono agenti patogeni respiratori che possono essere pericolosi per la vita dei neonati, come la pertosse, e agenti patogeni comuni dannosi sia per le persone in gravidanza che per i neonati, come il virus dell’influenza (Dabrera et al., 2015; Forsyth et al., 2015; Maertens et al., 2016).

Vaccini materni efficaci provocano una significativa risposta immunitaria antigene-specifica nella madre che viene efficacemente trasferita al feto o al neonato, per via transplacentare o attraverso il latte materno. Vari fattori possono influire sul successo delle strategie di immunizzazione materna. Studi epidemiologici incentrati sulle diadi corrispondenti madre-feto hanno scoperto che l’entità dell’immunità trasferita varia significativamente in base all’antigene (Palmeira et al., 2012; Fu et al., 2016) e dati recenti indicano meccanismi di setacciamento placentare unici che popolano il bambino con gli anticorpi protettivi più funzionali nei primi giorni di vita (Jennewein et al., 2017; Jennewein et al., 2019; Atyeo et al., 2021b).

I dati emergenti dimostrano la presenza di IgG anti-SARS-CoV-2 nel sangue del cordone ombelicale a seguito della vaccinazione materna con vaccini mRNA, con rapporti di trasferimento anticorpale (cioè rapporto tra anticorpi materni e anticorpi del sangue cordonale) che mostrano una forte correlazione con entrambi i livelli di anticorpi materni, tempo trascorso dalla vaccinazione e se una o entrambe le dosi erano state ricevute (Gray et al., 2021; Mithal et al., 2021; Prabhu et al., 2021; Rottenstreich et al., 2021). In un’analisi dei titoli dell’anticorpo neutralizzante (NAb) in 10 diadi materna:cord, NAb era rilevabile in 8 su 10 neonati; di quei neonati con NAb non rilevabile, una madre non aveva ancora ricevuto la seconda dose di vaccino e una madre era a soli 7 giorni dalla seconda dose al momento del parto (Gray et al., 2021).

Non è ancora completamente chiaro se la vaccinazione materna possa essere sintonizzata per modellare la quantità e la qualità degli anticorpi somministrati al bambino. La tempistica della somministrazione del vaccino durante la gravidanza sembra influenzare il trasferimento di anticorpi dalla madre al cordone ombelicale per i vaccini raccomandati di routine in gravidanza, come i vaccini Tdap e l’influenza stagionale emoagglutinina (HA) (Eberhardt et al., 2016; Cuningham et al., 2019) .

Sebbene la somministrazione del vaccino antinfluenzale sia programmata per ottimizzare l’immunità materna rispetto alla stagione influenzale piuttosto che per ottimizzare l’immunità neonatale tramite trasferimento placentare, è stato notato che la somministrazione del vaccino antinfluenzale nel terzo trimestre determina titoli neonatali maggiori rispetto alla somministrazione nel secondo o primo trimestre (Schlaudecker et al., 2018; Cuningham et al., 2019).

Al contrario, il vaccino Tdap è raccomandato per la somministrazione in ogni gravidanza esclusivamente per ottimizzare la protezione del neonato contro la pertosse (ACOG, 2018). Analogamente ai risultati osservati per il vaccino antinfluenzale, è stato osservato un trasferimento ottimale di anticorpi anti-pertosse con la vaccinazione alla fine del secondo e all’inizio del terzo trimestre (Eberhardt et al., 2016; Healy et al., 2018).

È importante sottolineare che le risposte generate dal vaccino alla proteina della pertosse e all’HA possono differire dalle risposte ai vaccini COVID-19 in gravidanza, poiché l’HA e la proteina della pertosse sono tipicamente antigeni di richiamo, cioè l’ospite ha una certa memoria immunologica a causa di precedenti sforzi di vaccinazione o esposizione, mentre la vaccinazione COVID-19 in gravidanza può suscitare una risposta immunitaria de novo a un agente patogeno mai visto prima dall’organismo.

Sebbene limitato da un piccolo numero e alle persone in gravidanza vaccinate principalmente nel terzo trimestre, studi recenti hanno dimostrato che la tempistica della vaccinazione sembra svolgere un ruolo nel trasferimento dell’anticorpo transplacentare dell’anticorpo anti-SARS-CoV-2 in individui in gravidanza non precedentemente infettati. con SARS-CoV-2 (Gray et al., 2021; Mithal et al., 2021; Rottenstreich et al., 2021).

In uno studio su 27 donne in gravidanza vaccinate, è stato identificato un rapporto medio di trasferimento anticorpale specifico anti-SARS-CoV-2 di 1,0, con un’associazione positiva identificata tra rapporto di trasferimento e latenza dalla vaccinazione al parto (latenza media di 6 settimane nel coorte) (Mithal et al., 2021). In uno studio su 20 donne in gravidanza che hanno ricevuto il vaccino mRNA BNT162b2 in Israele, i titoli del sangue cordonale anti-S e anti-RBD erano direttamente correlati con l’aumento del tempo trascorso dalla prima dose di vaccino mRNA, tuttavia i rapporti di trasferimento placentare erano complessivamente bassi (da 0,3 a 0,4 per anticorpi anti-RBD e anti-S-specifici, rispettivamente), probabilmente a causa della latenza di consegna del vaccino più breve di circa quattro settimane (Rottenstreich et al., 2021).

In uno studio che confrontava i rapporti di trasferimento cordone:materno di anticorpi suscitati dal vaccino rispetto a quelli provocati dall’infezione, il trasferimento transplacentare era paragonabile tra gli individui infettati con SARS-CoV-2 all’inizio della gravidanza (15-30 settimane) e quelli vaccinati con il vaccino mRNA BNT162b2 in il terzo trimestre (Beharier et al., 2021), portando i ricercatori a ipotizzare che gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 generati dall’infezione naturale possono richiedere un intervallo di tempo maggiore per transitare al sangue cordonale rispetto a quelli generati dalla vaccinazione del terzo trimestre.

I dati emergenti indicano l’importanza del dominio di legame del recettore Fc (FcR) nel reclutamento della risposta immunitaria innata in COVID-19 (Schäfer et al., 2021), nonché nel trasferimento selettivo dell’anticorpo transplacentare di anticorpi altamente funzionali (Wilcox et al. al., 2017; Jennewein et al., 2019; Clements et al., 2020; Atyeo et al., 2021a).

Simile alle osservazioni su persone in gravidanza infette da SARS-CoV-2 (Atyeo et al., 2021b), nel loro studio su individui in gravidanza/allattamento che ricevono il vaccino mRNA durante la gravidanza e l’allattamento, Atyeo et al. ha identificato che la vaccinazione durante la gravidanza ha portato all’arricchimento di anticorpi leganti FcGR3a altamente funzionali specifici per RBD nel sangue cordonale, nonostante titoli specifici anti-SARS-CoV-2 del cordone complessivamente inferiori rispetto ai titoli materni (Atyeo et al., 2021a). Sono necessarie analisi più complete dei fattori che influenzano la capacità di neutralizzazione e la funzionalità degli anticorpi trasferiti per via transplacentare indotti dal vaccino (ad es. analisi oltre i soli titoli anticorpali), per comprendere appieno come la vaccinazione materna contro SARS-CoV-2 potrebbe proteggere il neonato.

Protezione dopo la nascita: trasferimento materno-infantile dell’immunità indotta dai vaccini nel latte materno

È noto che il latte materno contiene immunoglobuline materne protettive che contribuiscono allo sviluppo del sistema immunitario del bambino (Atyeo e Alter, 2021; Rio-Aige et al., 2021). Sebbene le persone in allattamento siano state escluse dagli studi sui vaccini, molte hanno ricevuto il vaccino durante la sua prima uscita al pubblico e sono state incluse negli studi osservazionali.

 In uno studio su 84 persone in allattamento che hanno ricevuto il vaccino Pfizer/BioNTech a due dosi, il 61,8% dei campioni di latte materno degli individui è risultato positivo per IgA specifiche anti-SARS-CoV-2 2 settimane dopo il primo e l’86,1% 4 settimane dopo il primo (1 settimana dopo il boost) (Perl et al., 2021).

I livelli di IgG specifiche anti-SARS-CoV-2 sono rimasti bassi per le prime 3 settimane, ma sono aumentati alla settimana 4 e alle settimane 5 e 6, il 97% dei campioni di latte materno è risultato positivo (Perl et al., 2021). Sebbene questo studio non abbia valutato l’attività di neutralizzazione di per sé, rapporti precedenti hanno dimostrato che gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 del latte materno da infezione naturale hanno una capacità neutralizzante, che è fortemente correlata ai titoli di IgA anti-RBD (Pace et al., 2021) .

Risultati simili sono stati riportati nella valutazione del latte materno ottenuto da 31 partecipanti all’allattamento che hanno ricevuto i vaccini Pfizer/BioNTech o Moderna mRNA, in cui è stata identificata una robusta induzione di IgG, IgA e IgM anti-SARS-CoV-2-specifici nel latte materno in seguito alla prime, con un aumento delle IgG del latte materno, ma non di IgA o IgM, in seguito al boost (Gray et al., 2021).

La durata della protezione mediata da anticorpi fornita dagli anticorpi derivati ​​dal latte materno nei neonati e nei lattanti non dovrebbe durare molto oltre il periodo dell’allattamento al seno, poiché gli anticorpi IgA rilasciati dalla mucosa non hanno la durata degli anticorpi IgG nel sangue (Atyeo e Alter, 2021). 

Questi dati sono particolarmente rilevanti nella progettazione di strategie per aiutare nella protezione dei neonati vulnerabili, come i neonati nati prematuri o quelli che sono altrimenti immunocompromessi, in comunità con alta prevalenza di SARS-CoV-2 o in famiglie in cui la capacità di isolarsi da i membri della famiglia infetti possono essere compromessi.

link di riferimento: https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fcimb.2021.735394/full


Ulteriori informazioni: i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno maggiori informazioni su COVID-19 e sulla gravidanza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.