Metilgliossale, un componente bioattivo nel miele di Manuka mostra proprietà virucide contro SARS-CoV-2

0
96

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università del Qatar ha dimostrato che il metilgliossale (MG), un componente bioattivo nel miele di manuka, mostra proprietà virucide contro il coronavirus SARS-CoV-2 in vitro.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sul sito web dell’Università e non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria da parte di terzi. https://qspace.qu.edu.qa/handle/10576/24398
 
Ad oggi non esiste un trattamento antivirale approvato per la malattia COVID-19. Nonostante un massiccio programma di vaccinazione globale, sta gradualmente venendo alla luce nonostante massicci insabbiamenti , censure e controllo delle narrazioni COVID-19, ora c’è un numero crescente di infezioni tra i completamente vaccinati con ricoveri a causa della gravità della malattia e persino morti.

Si prevede che man mano che emergono più sottovarianti Delta e altre varianti immunitarie evasive, la pandemia prenderà presto una svolta più catastrofica. Al momento più di 242,9 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dal coronavirus SARS-CoV-2 e più di 4,94 milioni di persone sono morte, con la sola America che ha registrato finora più di 751.000 decessi per COVID-19. https://www.worldometers.info/coronavirus/
 
Gli scienziati sono alla disperata ricerca di antivirali adatti che non siano tossici per il corpo umano a differenza dei due grandi candidati antivirali farmaceutici che potrebbero essere approvati dalla FDA non più statunitense.
 
Numerosi studi passati hanno dimostrato che il miele di Manuka ha un effetto virucida/antivirale.
 
Il metilgliossale (MG), un componente bioattivo nel miele di Manuka, ha attività antivirale in vitro. La metilgliossale (MG) può modificare i residui di arginina nei domini funzionali delle proteine ​​spike virali e nucleocapside, con conseguente perdita di carica, misfolding proteico e inattivazione.
 
L’obiettivo del team di studio era quello di caratterizzare l’attività antivirale del miele di Manuka contro SARS-CoV-2 in vitro.
 
Per lo studio Manuka Honey-COVID-19, SARS-CoV-2 wild-type con titoli di molteplicità di infezione (MOI) 0,1 e 0,05 sono stati incubati con diluizioni seriali doppie di 250+ miele di Manuka (equivalenti a 250-31 µM) in terreno di infezione (Dulbecco’s Modified Eagle Medium + 2% siero fetale bovino + 100 unità/ml di penicillina + 100 µg/ml di streptomicina) per 3 h.
 
Il controllo SARS-CoV-2 trattato con miele di Manuka e non trattato è stato incubato con colture confluenti di cellule Vero in vitro per 1 h, le colture lavate con soluzione salina tamponata con fosfato e incubate in un terreno di infezione fresco a 37 ° C per 4-5 giorni fino al 70% delle cellule di controllo del virus ha mostrato un effetto citopatico.
 
Il team di studio ha anche studiato l’effetto dell’eliminazione di MG nel miele di Manuka con l’aminoguanidina (AG; 500 µM) sull’attività virucida.
 
L’attività antivirale di MG è stata valutata mediante analisi della dose infettiva di coltura tissutale mediana (TCID50). L’analisi dei dati è stata effettuata mediante regressione logistica. TCID50 (media ± SD) è stata dedotta per interpolazione.
 
I risultati dello studio hanno mostrato che il miele di Manuka diluito ha inibito la replicazione di SARS-CoV-2 nelle cellule Vero.
 
SARS-CoV-2 è stato incubato in miele di Manuka diluito in terreno a 37 ° C per 3 ore prima di aggiungerlo alle cellule Vero.
 
È stato riscontrato che le diluizioni del miele di Manuka fino a 125 µM di equivalenti di MG hanno completamente inibito l’effetto citopatico di SARS-CoV-2 mentre gli equivalenti di 31,25 µM e 62,5 µM di MG hanno avuto un effetto limitato.
 
La regressione logistica e l’interpolazione dell’effetto citopatico hanno indicato che il TCID50 = 72 ± 2 µM MG equivalenti per MOI di 0,1. Lo scavenging precedente di MG mediante aggiunta di AG ha portato a livelli di replicazione del virus equivalenti a quelli osservati nel controllo del virus senza AG.
 
I risultati dello studio hanno mostrato che il miele di Manuka ha attività antivirale contro SARS-CoV-2 quando incubato con il virus in terreni privi di cellule a non più di ca. 40 volte diluizioni di grado 250+.

L’attività antivirale è stata inibita da AG, coerentemente con l’effetto antivirale mediato da MG. Le diluizioni di miele di Manuka negli equivalenti di MG hanno avuto un effetto antivirale simile rispetto all’autentica MG, coerente anche con il contenuto di MG del miele di Manuka che media l’effetto antivirale.
 
Sebbene il miele di Manuka possa inattivare SARS-CoV-2 nel terreno di coltura privo di cellule, la sua attività antivirale in vivo per applicazioni diverse dall’applicazione topica può essere limitata a causa del rapido metabolismo della MG da parte del sistema della gliossalasi e della limitata biodisponibilità della MG orale.
 
Il team di studio sta conducendo ulteriori ricerche su come affrontare queste limitazioni e sfruttare il potenziale utilizzo del metilgliossale (MG) nel miele di Manuka per aiutare con COVID-19.


Potenziale effetto del miele e dei suoi componenti principali sulle complicanze degli organi vitali del coronavirus

I coronavirus sono in grado di stimolare diversi mediatori infiammatori, che portano a varie disfunzioni d’organo tra cui l’ARDS. Il miele ei suoi componenti principali hanno attività antifibrotica riducendo l’espressione dei mediatori infiammatori coinvolti nell’infezione polmonare. È stato scoperto che il miele abbassa i livelli di prostaglandine (PG) E2,8 PG2a,83 trombossano B284 e aumenta i prodotti finali di ossido nitrico.

Queste proprietà potrebbero aiutare a spiegare alcune proprietà biologiche e terapeutiche del miele, in particolare come agente antibatterico o cicatrizzante.46 Inoltre, si suggerisce che il miele potrebbe essere efficace contro il virus respiratorio sinciziale umano (RSV) inibendo la replicazione virale.42 Polmonare la fibrosi è una grave conseguenza dell’infezione da COVID-19 associata all’ARDS.

Inoltre, il COVID-19 può influenzare il sistema respiratorio e indurre l’ARDS a secernere mediatori infiammatori correlati alla fibrosi polmonare come il fattore di crescita trasformante beta (TGF-β) e IL-1β. Infatti, la crisina potrebbe inibire la risposta infiammatoria cellulare migliorando la via di segnalazione di NF-kB e la risposta fibrotica in un modello di ratto di danno polmonare acuto indotto da virus.85

Inoltre, la crisina ha ridotto l’infiammazione, la deposizione di collagene, i livelli di malondialdeide (MDA) nel polmone in un modello sperimentale di fibrosi polmonare indotta da bleomicina.86 Inoltre, è stato dimostrato che il kaempferolo riduce l’infiammazione polmonare e la fibrosi nel modello sperimentale di silicosi. 87

In alcuni pazienti con COVID-19, è stato osservato edema polmonare accompagnato da una diminuzione dell’attività dei canali epiteliali del sodio e del canale ionico della proteina E sulle cellule epiteliali polmonari.88 Inoltre, la crisina ha inibito l’alfa-naftiltiourea (ANTU ) edema polmonare indotto nel modello animale attraverso la regolazione delle risposte infiammatorie e dello stress ossidativo/nitrosativo.89

Inoltre, possono verificarsi disturbi cardiovascolari nei pazienti con COVID-19 a causa dell’infiammazione sistemica. È stato dimostrato che il miele riduce il grado di infiltrazione delle cellule infiammatorie e preserva la morfologia della fibra miocardica nel modello di attacco cardiaco.90 In un modello di ratto, è stato scoperto che la crisina ha un effetto protettivo sulla struttura delle fibre miocardiche in caso di isoproterenolo indotto infarto miocardico acuto.91

La crisina ha modulato le funzioni emodinamiche e ventricolari nell’infarto miocardico acuto indotto da isoproterenolo in un modello di ratto attraverso la diminuzione dello stress ossidativo e anche invertendo la legatura arteriosa e l’inibizione del recettore gamma attivato dal proliferatore dei perossisomi (PPAR-γ). 

Il trattamento con la crisina ha anche portato a un miglioramento del recettore per i prodotti finali della glicazione avanzata (RAGE), dell’inibitore delle espressioni del fattore nucleare kappa B (IKK-β) e del fattore nucleare kappa B (NF-κB) e dei livelli di TNF-α. Più interessante, la crisina esercita una protezione cardiovascolare riducendo gli indici di apoptosi.91-95

La connessione tra COVID-19 e danno renale non è chiara. Tuttavia, è stato riscontrato che alcuni pazienti con infezione da COVID-19 mostravano segni di danno renale senza precedenti anamnesi. Ci sono alcune prove che collegano l’infezione da COVID-19 al danno renale:

1) la capacità del coronavirus di attaccarsi alle cellule renali ed entrare nella cellula,

2) la diminuzione dell’ossigeno nel sangue,

3) l’induzione di infiammazione sistemica,

4) la formazione di coaguli nel flusso sanguigno che possono bloccare i vasi sanguigni nel rene.

Inoltre, il miele e i suoi componenti principali possono essere efficaci per l’infiammazione renale associata al trattamento COVID-19. È stato riportato che l’acido rosmarinico ha migliorato la pressione sanguigna inibendo l’attività dell’enzima di conversione dell’angiotensina nel modello a 2 reni 1-clip nei ratti.96

Inoltre, la crisina ha mostrato un effetto terapeutico inibito contro la CKD indotta da adenina in un modello murino di ischemia cerebrale focale/danno da riperfusione sopprimendo la via di segnalazione NF-κB.97 È stato suggerito che la formazione di coaguli nei vasi sanguigni piccoli e grandi possa essere un fattore importante in insufficienza d’organo e morte per COVID-19 e che l’inibizione della formazione di coaguli può essere efficace contro insufficienza d’organo e morte per COVID-19.98

In questo contesto, i test in vitro e in vivo hanno confermato gli effetti inibitori del miele e dei suoi componenti principali sull’aggregazione piastrinica e sulla coagulazione del sangue.99-106 Ad esempio, i modelli in vitro, in vivo ed ex vivo hanno mostrato l’effetto antitrombotico e effetto anticoagulante della quercetina.103

In effetti, diversi studi hanno riportato che la quercetina diminuiva, come per altri polifenoli naturali (resveratrolo, curcumina, ginkgo biloba e mirtillo), la pressione diastolica potenziando l’attivazione di eNOS, la produzione di ossido nitrico107,108 e l’attività della trombina , formazione di coaguli di fibrina e coagulazione del sangue attraverso la modulazione della cascata coagulativa.103

È stato riscontrato che la quercetina e l’apigenina riducono l’aggregazione indotta da collagene e adenosina difosfato (ADP) nel plasma ricco di piastrine per 2 settimane in volontari sani.104 Inoltre, l’acido rosmarinico ha esercitato un lieve effetto antitrombotico sebbene inibisse l’aggregazione piastrinica e l’attività fibrinolitica in ratti anestetizzati con legatura stretta nella vena cava inferiore sotto la vena renale sinistra.105

Gli effetti antitrombotici dell’acido caffeico sono stati studiati su arteriole e venule cerebrali di topi mediante microscopia intravitale e anche in vitro. Inoltre, l’acido caffeico è stato in grado di inibire la trombosi mediata dalle piastrine mediante l’attivazione di p38, chinasi segnale-regolate extracellulari (ERK) e chinasi N-terminali c-Jun (JNK) e ha portato ad un aumento dei livelli di adenosina monofosfato ciclico (cAMP). e una diminuzione dell’espressione della P-selectina e dell’attivazione dell’integrina αIIbβ3.106

Potenziale effetto del miele e dei suoi componenti principali sull’interazione Coronavirus con le vie di segnalazione Nrf2

L’espressione dei geni antiossidanti dipendenti dal fattore 2 (Nrf2) correlato al fattore nucleare eritroide 2 è notevolmente ridotta nei pazienti COVID-19. Gli stimolatori di Nrf2 possono inibire la replicazione di SARS-CoV2 e anche l’espressione dei geni infiammatori correlati.109 Studi precedenti hanno indicato l’effetto antiossidante mediato da Nrf2 del miele e dei suoi componenti principali in varie malattie.

A questo proposito, è stato riscontrato che il miele stimolava la segnalazione di Keap1/Nrf2 nell’epidermide e induceva il recupero della barriera epidermica.110 Il miele migliorava significativamente l’ipertensione attraverso la stimolazione di Nrf2 nel rene di ratti ipertesi.111 Nei macrofagi murini esposti ai lipopolisaccaridi (LPS ), Carthamus tinctorius L. honey ha indotto le espressioni di Nrf-2/Heme Oxygenase-1 (HO-1), portando all’inibizione dell’infiammazione.112 La crisina ha migliorato l’infiltrazione dei neutrofili e altri danni patologici polmonari attraverso la modulazione della via Nrf2 dipendente dallo stress ossidativo nei polmoni di ratti esposti alla carragenina.113 Crisina, luteolina e apigenina hanno protetto gli epatociti primari di ratto contro lo stress ossidativo attraverso la modulazione della via di segnalazione Nrf2.114

Per quanto riguarda gli effetti stimolatori del miele sulla segnalazione Nrf2, questo agente naturale può avere un potenziale effetto per combattere la SARS-CoV2.

link di riferimento: https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/1559325820982423


Nel tentativo di utilizzare il miele come uno dei trattamenti contro il COVID-19, è necessario sfruttare le proprietà antivirali del miele. Fin dall’antichità si ritiene che il miele sia una preziosa cura contro gli agenti patogeni respiratori, compresi i virus che causano la tosse [26]. 

Diversi studi hanno mostrato l’attività antivirale del miele contro un’ampia gamma di virus come il virus dell’herpes simplex (HSV), il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), il virus respiratorio sinciziale (RSV), il virus della varicella-zoster (VZV), l’adenovirus e i virus dell’influenza. 27,28,29,30,31].

Inoltre, il miele possiede anche capacità antinfiammatorie ed è riconosciuto come un potente potenziatore immunitario, che lo integra come rimedio efficace per ridurre la gravità delle malattie virali [32,33,34]. Tuttavia, il potenziale terapeutico del miele contro il COVID-19 non è stato ancora studiato. Sebbene molte persone credano che l’effetto antivirale del miele possa funzionare contro SARS-CoV-2 e/o svolgere un ruolo immunomodulatore nei pazienti COVID-19, il potenziale meccanismo d’azione è ancora poco chiaro.

Pertanto, vale la pena chiarire scientificamente questi punti, sulla base di rapporti precedenti. In questa recensione, descriviamo i potenziali effetti del miele come rimedio naturale per supportare la nostra continua lotta contro il COVID-19.

Le proprietà medicinali del miele

Sebbene ci siano diversi tipi di miele di varie api produttrici, la composizione chimica di 100 g dei mieli comunemente consumati include circa il 64,9-73,1% di carboidrati, 35,6-41,8% di fruttosio, 25,4-28,1% di glucosio, 16,9-18% di acqua, 1,8 –2,7% di maltosio, 0,23–1,21% di saccarosio e 0,50–1% di proteine, vitamine, amminoacidi e minerali [35].

I mieli mostrano variabilità nella composizione chimica associata all’origine botanica e geografica, alle specie di api e al clima [36]. La maggior parte delle proprietà medicinali dei mieli era associata ai loro composti fenolici antiossidanti che variano tra i mieli, tipicamente in base all’origine floreale del miele [35].

I composti fenolici sono metaboliti secondari delle piante presenti nel miele con diverse strutture chimiche tra cui acidi fenolici e polifenoli (ad es. flavonoidi). Nonostante la variabilità nella composizione chimica dei mieli, i flavonoidi più abbondanti sono apigenina, quercetina, luteolina, crisina, kaempferolo, galangina, genisteina, pinocembrina e pinobanksina, mentre gli acidi fenolici più abbondanti sono acido gallico, acido clorogenico, acido siringico, acido vanillico, acido p-cumarico, acido p-idrossibenzoico e acido caffeico [35].

Sulla base della fonte floreale, ci sono mieli monofloreali (da un’unica fonte floreale) e multifloreali (da diverse fonti floreali). La maggior parte dei mieli sono monofloreali, prodotti comunemente dalle api del genere Apis e denominati in base alle rispettive specie vegetali (ad es. miele di Manuka).

I mieli prodotti da api senza pungiglione (genere Meliponinae) sono comunemente multiflorali [37]. Tuttavia, quale tipo di questi due mieli può esprimere potenzialità terapeutiche superiori (basate principalmente sulla sua attività antiossidante) è ancora oggetto di studio. Uno studio su 10 differenti mieli uniflorali e multiflorali ha mostrato che le attività antiossidanti, in base al loro contenuto fenolico, di alcuni mieli uniflorali (es. nettare-melata > tiglio > colza > verga d’oro > acacia) hanno mostrato una minore attività antiossidante [38].

Finora, l’intero processo di assorbimento, metabolismo ed escrezione, che potrebbe essere valido per tutti i composti fenolici, richiede ancora un chiarimento. Sebbene i meccanismi alla base della biodisponibilità dei composti fenolici siano stati affrontati in pochi studi, solo alcuni di questi studi si sono concentrati specificamente su quei composti derivati ​​dal miele [39,40].

L’utilizzo dei composti fenolici del miele nella pratica clinica è spesso ostacolato dalla loro bassissima biodisponibilità e assorbimento [41]. La comprensione della farmacocinetica dei composti fenolici inizia con il metabolismo del fenolo, che dipende dalla reazione di idrolisi.

Questa reazione può essere eseguita dalla lattasi florizina idrolasi e dalle -glucosidasi citosoliche chiamate enzimi β-endoglucosidasi e sono presenti nell’intestino tenue [42]. Questi enzimi sono responsabili della catalizzazione della β-idrolisi dello zucchero nei composti fenolici glicosilati in modo che possano essere assorbiti dall’intestino tenue [43]. Alcuni composti contengono zuccheri che ne impediscono l’assorbimento ma sono deglicosilati da enzimi della microflora presente nel colon. I metaboliti finali possono essere assorbiti o escreti attraverso le feci o i reni [43].

Miele come potenziatore del sistema immunitario

È noto che il miele è un potenziatore immunitario che migliora la proliferazione dei linfociti T e B, stimola la fagocitosi e regola la produzione di citochine pro-infiammatorie vitali dai monociti, come il fattore di necrosi tumorale (TNF), l’interleuchina 1 beta ( IL-1β) e IL-6 [32,33].

D’altra parte, il miele ha anche mostrato un’attività antinfiammatoria che inibisce l’espressione di queste citochine proinfiammatorie [34]. Questo duplice ruolo immunomodulatore del miele è stato attribuito alle sue proprietà antiossidanti [34,44], che prevengono e gestiscono lo stress ossidativo (Figura 3). L’attività antiossidante del miele è positivamente correlata al suo contenuto di composti fenolici [45].

Molecole 25 05017 g003
Figura 3. Il principale del danno ossidativo e il ruolo degli antiossidanti nell’eliminazione dei radicali liberi. (A) I radicali liberi generati da fonti endogene, a concentrazioni limitate, sono considerati importanti per la regolazione della maturazione cellulare, oltre al loro ruolo nella difesa immunitaria. Concentrazioni eccessive di queste molecole instabili possono derivare da condizioni di malattia e fonti esogene, e quindi portare a danni ossidativi (squilibrio tra le concentrazioni di radicali liberi e antiossidanti). Questo stato si traduce in danno/morte cellulare in base alla reattività estremamente elevata dei radicali liberi con molecole cellulari vitali tra cui lipidi, amminoacidi, proteine ​​e DNA. (B) Gli antiossidanti sono necessari per fermare il danno ossidativo neutralizzando i radicali liberi. Possiedono questo ruolo unico grazie alla loro capacità di dare un elettrone ai radicali liberi che hanno elettroni spaiati per renderli stabili e non dannosi. ROS, specie reattive dell’ossigeno; RNS, specie reattive dell’azoto (adattato da Al-Hatamleh et al., 2020 [36]).

Secondo la letteratura attuale, la gravità dell’infezione da COVID-19 è correlata alla linfocitopenia e i pazienti deceduti per COVID-19 avevano una conta linfocitaria inferiore rispetto ai sopravvissuti [46,47]. Questi dati suggeriscono che l’attività antivirale mediata dai linfociti è scarsamente efficace contro il COVID-19.

Nonostante la linfocitopenia, è stata riportata evidenza di un rilascio esagerato di citochine pro-infiammatorie (cioè IL-1 e IL-6) nel corso della sindrome respiratoria acuta in pazienti infetti da COVID-19, aggravando il decorso clinico della malattia [48 ].

Pertanto, si prevede che il miele svolga un ruolo vitale nel rafforzare il sistema immunitario come trattamento di supporto per i pazienti infetti da COVID-19 e anche per misure preventive per individui sani (Figura 4).

Molecole 25 05017 g004 550
Figura 4. Potenziali meccanismi d’azione del miele come agente immunomodulatore. Questi meccanismi si basavano sull’attività antiossidante del miele. Questa attività inibisce lo stress ossidativo e determina l’arresto del danno ai componenti cellulari vitali (lipidi, aminoacidi/proteine ​​e DNA), che promuove la proliferazione e l’attivazione dei linfociti. D’altra parte, l’inibizione delle proteine ​​chinasi attivate da mitogeni (MAPK) e del fattore nucleare kappa-enhancer della catena leggera delle cellule B attivate (NF-kB) provoca complicati meccanismi cellulari terminati con la soppressione dei geni pro-infiammatori , e quindi blocca l’espressione di citochine pro-infiammatorie. Inoltre, l’attività antiossidante riduce anche il rilascio di acido arachidonico, che provoca l’ossidazione dei fosfolipidi di membrana,

D’altra parte, gli studi hanno dimostrato che gli antiossidanti potrebbero modulare le vie di trasduzione del segnale cruciali per le risposte cellulari tra cui infiammazione, sopravvivenza, proliferazione cellulare e morte, che sono influenzate dallo stress ossidativo [50,51]. Ad esempio, il fattore 2 correlato al fattore nucleare eritroide-2 (Nrf2) può essere modulato dagli antiossidanti, il che si traduce nell’attivazione di alcuni candidati del gene bersaglio di Nrf2 (ad esempio, Nrf2, SLC48A1, SLC7A11, p62, HO-1, e geni Bcl-2) che controllano la difesa antiossidante e l’autofagia [52].

Inoltre, l’inibizione delle fosfodiesterasi (PDE), che può derivare dall’attività antiossidante, promuove il sistema di secondo messaggero dell’AMP ciclico intracellulare (cAMP). Pertanto, l’attivazione della proteina legante l’elemento di risposta del cAMP (CREB) prende di mira i geni e la via della proteina chinasi attivata da AMP (AMPK), che è il regolatore chiave dell’autofagia ed è anche coinvolta nella regolazione della via Nrf2 [52].

Complessivamente, le potenziali attività di potenziamento immunitario degli antiossidanti del miele non si limitano solo a indurre la proliferazione e l’attivazione dei linfociti e a inibire la produzione di citochine pro-infiammatorie, ma possono anche indurre meccanismi autofagici. Pertanto, promuovere queste tre risposte immunitarie potrebbe aiutare a combattere il COVID-19.

L’attività antivirale del miele

Sebbene le attività antimicrobiche del miele siano state ben studiate contro molti batteri e funghi [53,54], le sue attività antivirali necessitano ancora di un’ampia esplorazione in modo che possa essere utilizzato come prevenzione e trattamento delle infezioni virali.

Nel 1996 Zeina et al. ha suggerito che il miele ha attività antivirale contro il virus della rosolia nelle cellule renali di scimmia infette (cellule Vero) in vitro [55]. Dopo quattro giorni di incubazione, 1 ml di miele (in un intervallo di concentrazioni da 1:1 a 1:1000) era sufficiente per uccidere 1 ml di virus nella coltura in tutte le concentrazioni (da 10 a 109 virus/mL) senza causare qualsiasi citotossicità contro le cellule stesse [55].

A una concentrazione di 500 µg/mL, il miele ha mostrato la più alta attività antivirale contro l’HSV in vitro con una diminuzione della carica virale a una concentrazione di 100 µg/mL [27]. Inoltre, il miele si è dimostrato efficace nell’uso topico per il trattamento di lesioni cutanee ricorrenti causate da HSV [56]. Inoltre, è stata segnalata in vitro l’attività antivirale di ‘Manuka’ (dai fiori dell’albero di mānuka) e di mieli di trifoglio contro VZV [28].

Un altro studio ha dimostrato che i mieli tra cui Manuka, Soba, Kanro, Acacia e Renge hanno effetti antivirali e il miele di Manuka è il candidato antivirale più potente contro il virus dell’influenza A/WSN/33 (H1N1) nel rene canino coltivato Madin-Darby ( MDCK) linea cellulare [29]. Inoltre, estratti di miscela di miele, aglio e zenzero (HGG) hanno mostrato attività antivirale contro gli isolati del virus dell’influenza A ed è paragonabile al farmaco antivirale standard Amantadina [57].

Questo studio in vitro ha mostrato che l’HGG ha inibito la replicazione di H1N2 nelle cellule mononucleate del sangue periferico umano (PBMC) e ha promosso la proliferazione cellulare [57].
Precedenti rapporti su pazienti infetti da HIV hanno mostrato che il consumo di miele aiuta a rafforzare la loro immunità attraverso l’aumento della proliferazione dei linfociti e generalmente migliora il loro stato ematologico e biochimico (ad es., livelli di eritrociti, emoglobina, piastrine, neutrofili, rame e proteine) [ 58,59,60].

Nel frattempo, un altro studio ha anche dimostrato che il consumo di miele nei soggetti HIV positivi non solo aumenta la conta dei linfociti T CD4, ma diminuisce anche la carica virale [61]. Un’altra ricerca in vitro sul miele di Manuka è stata condotta da Zareie, che ha esaminato la sua attività antivirale contro RSV [31]. Gli esperimenti di inibizione e neutralizzazione hanno mostrato un significativo effetto inibitorio sulla progressione dell’infezione da miele attraverso l’inibizione della replicazione virale e il numero di copie di mRNA di due geni virali [31].

È stato riferito che il metilgliossale, un composto nel miele, funge da agente antivirale per l’HIV [62,63]. Il metilgliossale colpisce la fase avanzata dell’infezione dell’HIV, dove blocca l’assemblaggio e la maturazione del virione [63].
È noto che i prodotti finali della glicazione avanzata (AGE) del DNA e delle proteine ​​danno origine a un importante precursore della permeazione cellulare “metilgliossale”.

Il metilgliossale reagisce con i gruppi amminici liberi della lisina e dell’arginina e con i gruppi tiolici della cisteina, formando AGE [64]. Pertanto, livelli più elevati di metilgliossale sono stati associati a una disfunzione del sistema della gliossalasi, la via più importante per la disintossicazione del metilgliossale, che è correlata a varie malattie tra cui diabete, disturbi cardiovascolari, cancro e problemi del sistema nervoso centrale [65].

Recentemente, gli studi hanno dimostrato che il contenuto di metilgliossale del miele è responsabile di gran parte delle proprietà antimicrobiche del miele. È stato dimostrato che il metilgliossale inibisce efficacemente la crescita dei batteri gram-positivi e gram-negativi.

Questi effetti inibitori sono stati ben scoperti e sono iniziati quando i livelli di metilgliossale hanno raggiunto 0,3 mM nei terreni, causando alterazioni nella struttura delle fimbrie e dei flagelli batterici, che limiterebbero l’aderenza e la motilità dei batteri [66]. Tuttavia, non ci sono informazioni che descrivano con precisione i meccanismi di attività del metilgliossale contro i virus. Nella sezione successiva, vengono ulteriormente discussi i potenziali meccanismi delle proprietà antivirali del miele.

collegamento di riferimento: https://www.mdpi.com/1420-3049/25/21/5017/htm

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.