Le emozioni degli uomini fluttuano tanto quanto quelle delle donne

0
55

Contrariamente agli stereotipi di genere ampiamente diffusi, le donne non sono più emotive degli uomini, affermano i ricercatori. 

Sentimenti come entusiasmo, nervosismo o forza sono spesso interpretati in modo diverso tra i due sessi. È ciò che significa essere “emotivi” per uomini contro donne, e fa parte di un nuovo studio dell’Università del Michigan che dissipa questi pregiudizi.

Ad esempio, un uomo le cui emozioni fluttuano durante un evento sportivo è descritto come “appassionato”. Ma una donna le cui emozioni cambiano a causa di qualsiasi evento, anche se provocata, è considerata “irrazionale”, afferma l’autore senior dello studio Adriene Beltz, assistente professore di psicologia all’UM.

Beltz e i colleghi Alexander Weigard, assistente professore di psichiatria UM, e Amy Loviska, studentessa laureata alla Purdue University, hanno seguito 142 uomini e donne per 75 giorni per saperne di più sulle loro emozioni quotidiane, sia positive che negative.

Le donne sono state divise in quattro gruppi: uno in bicicletta naturale e altri tre che utilizzano diverse forme di contraccettivi orali.

I ricercatori hanno rilevato fluttuazioni nelle emozioni in tre modi diversi, quindi hanno confrontato i sessi.

Hanno trovato differenze minime o nulle tra gli uomini e i vari gruppi di donne, suggerendo che le emozioni degli uomini fluttuano nella stessa misura di quelle delle donne (sebbene probabilmente per ragioni diverse). 

“Inoltre, non abbiamo trovato differenze significative tra i gruppi di donne, chiarendo che alti e bassi emotivi sono dovuti a molte influenze, non solo agli ormoni”, ha detto.

I risultati hanno implicazioni oltre la gente comune, dicono i ricercatori. Le donne sono state storicamente escluse dalla partecipazione alla ricerca in parte a causa del presupposto che le fluttuazioni dell’ormone ovarico portano a variazioni, specialmente nelle emozioni, che non possono essere controllate sperimentalmente, dicono. 


Credenze comuni riguardo alle differenze di genere nelle emozioni

Le percezioni delle differenze di genere nella risposta emotiva costituiscono uno degli stereotipi di genere più robusti che ci siano (Fabes e Martin, 1991; Fischer, 1993; Grossman e Wood, 1993; Hess et al., 2000; Plant, Hyde, Keltner e Devine, 2000; Timmers, Fischer e Manstead, 2003). In effetti, la convinzione che le donne siano più emotive degli uomini è stata etichettata come uno “stereotipo principale” (Shields, 2003). Uomini e donne, individui più anziani e più giovani, così come individui provenienti da una vasta gamma di background culturali, credono che le donne siano più emotive degli uomini (Belk & Snell, 1986; Birnbaum, Nosanchuk, & Croll, 1980; Heesacker et al., 1999; Hess et al., 2000).

Sebbene questa convinzione sia particolarmente pronunciata per l’espressione comportamentale delle emozioni (Fabes e Martin, 1991; LaFrance e Banaji, 1992), viene applicata a diverse componenti emotive, inclusa l’intensità dell’esperienza emotiva (Fischer, 2000; Johnson e Shulman, 1988 ; Plant et al., 2000; Robinson, Johnson, & Shields, 1998).

Con l’eccezione della rabbia e forse dell’orgoglio, questa convinzione si generalizza attraverso una gamma di emozioni positive e negative distinte come felicità, paura, disgusto e tristezza (Birnbaum et al., 1980; Briton & Hall, 1995; Fabes & Martin, 1991 ; Grossman & Wood, 1993; Kelly & Hutson-Comeaux, 1999; Shields, 2003). Pertanto, la convinzione che le donne siano più emotive degli uomini è fortemente sostenuta e pervasiva tra gli individui, tra i domini di risposta emotiva e tra le diverse emozioni.


Risultati empirici riguardanti le differenze di genere nelle emozioni

Gli studi empirici sulle differenze di genere nelle emozioni hanno prodotto risultati molto meno coerenti di quanto ci si potrebbe aspettare sulla base delle convinzioni popolari. In accordo con le credenze popolari, ci sono alcune prove che nel dominio dell’espressione emotiva, le donne mostrano più emozioni degli uomini (Brody, 1997).

Tuttavia, le segnalazioni di emozioni misurate in altri domini sono meno semplici. Alcuni studi sull’esperienza emotiva auto-riferita indicano che le donne possono effettivamente essere più reattive emotivamente degli uomini (Bradley et al., 2001; Fujita et al., 1991; Lucas & Gohm, 2000; Seidlitz & Diener, 1998).

Un limite di questi studi è che la maggior parte si è affidata a metodi di autovalutazione, che li rendono vulnerabili agli effetti degli stereotipi di genere perché chiedono agli individui di riportare le proprie esperienze in modo retrospettivo (Grossman & Wood, 1993; Hess et al., 2000). Quando i pregiudizi retrospettivi e stereotipati vengono rimossi da questi rapporti, le differenze di genere nella risposta emotiva tendono a scomparire (Barrett, Robin, Pietromonaco e Eyssell, 1998; Robinson et al., 1998) o emergono solo relativamente tardi nella risposta emotiva, dopo l’offset degli stimoli emotivi (Gard & Kring, 2007).

Gli studi che utilizzano risposte fisiologiche agli stimoli emotivi, che si ritiene siano meno soggetti ai pregiudizi associati al self report, offrono la possibilità di chiarire i risultati contrastanti della letteratura sul self-report. Studi di questa natura solo a volte supportano l’idea che anche le donne siano emotivamente più reattive degli uomini in termini di reattività psicofisiologica (Bradley et al., 2001; Kring & Gordon, 1998; Labouvie-Vief et al., 2003), e sembrano esserci altrettante segnalazioni che non indicano l’esistenza di differenze di genere nella risposta (Katkin e Hoffman, 1976; Kelly, Tyrka, Anderson, Price e Carpenter, 2008; Vrana e Rollock, 2002).

Un altro dominio di risposta che ha suscitato interesse sono le risposte cerebrali e, in particolare, l’attività nelle regioni neurali correlate alla risposta emotiva, come l’amigdala. Sebbene sembrino esserci differenze di genere nella lateralità dell’amigdala che risponde in relazione alla memoria successiva (Cahill et al., 2001; Cahill, Uncapher, Kilpatrick, Alkire e Turner, 2004) la letteratura non è chiara per quanto riguarda le differenze di genere nella risposta complessiva .

Ci sono state segnalazioni di una maggiore attività dell’amigdala negli uomini rispetto alle donne (Hamann, Herman, Nolan e Wallen, 2004; Schienle, Schafer, Stark, Walter e Vaitl, 2005) ma alcuni dati meta-analitici non mostrano differenze di genere nella reattività emotiva nell’amigdala (Wager et al., 2003).

Colmare il divario tra concezioni comuni e risultati empirici

Se le differenze di genere (tipicamente) non emergono negli studi sulla reattività emotiva, come possiamo spiegare il consenso diffuso sul fatto che ci siano differenze di genere nella risposta emotiva? E come spiegare le marcate differenze di genere nei disturbi affettivi? Esistono almeno due possibili spiegazioni.

La prima possibilità è che uomini e donne in realtà non differiscano nella loro risposta emotiva. Da questo punto di vista, le apparenti differenze di genere nella risposta emotiva sono un’illusione creata da stereotipi così pervasivi da influenzare le relazioni dei partecipanti sulle risposte emotive proprie e degli altri. Se così fosse, gli studi che impiegano misure soggettive dell’esperienza dovrebbero osservare le differenze di genere, ma gli studi che utilizzano misure implicite dell’emozione, o misure oggettive dei cambiamenti fisiologici e neurali dovuti all’emozione, non dovrebbero mostrare differenze di genere. Questo, tuttavia, non è ciò che vediamo.

Una seconda possibilità è che la risposta emotiva, misurata nella maggior parte di questi studi, sia una funzione di due processi dissociabili: reattività emotiva e regolazione delle emozioni. Se così fosse, le differenze di genere nella risposta emotiva potrebbero derivare da differenze nella reattività emotiva di per sé, o da differenze nel modo in cui tali emozioni sono regolate, o da qualche interazione tra reattività emotiva e regolazione delle emozioni. Per questo motivo, l’incoerenza in letteratura è dovuta alla variazione nel grado in cui i diversi paradigmi sperimentali consentono i contributi relativi della reattività emotiva e della regolazione delle emozioni.

Differenze di genere nella regolazione delle emozioni

Se la reattività emotiva si riferisce ai processi che determinano la natura e la forza della risposta emotiva inalterata di un individuo, la regolazione delle emozioni si riferisce ai processi che gli individui usano per influenzare la natura di quelle emozioni e come le emozioni vengono vissute ed espresse.

La regolazione delle emozioni può essere deliberata o abituale, conscia o inconscia e può comportare cambiamenti nell’entità, nella durata o nella qualità di una o più componenti di una risposta emotiva. Le strategie di regolazione delle emozioni possono prendere di mira le proprie emozioni o quelle di un altro individuo, in una varietà di momenti nel processo di generazione delle emozioni (Gross, 2007). Poiché la regolazione delle emozioni è un processo continuo, la traiettoria complessiva di una risposta emotiva può essere caratterizzata tanto dagli effetti della regolazione quanto dagli effetti della reattività “pura”.

Un candidato particolarmente interessante per esaminare le differenze di genere nella regolazione delle emozioni è la rivalutazione cognitiva. La rivalutazione cognitiva, quando utilizzata per sottoregolare la propria risposta emotiva negativa, si riferisce alla riformulazione o ricontestualizzazione di uno stimolo negativo in termini meno emotivi (Giuliani & Gross, in stampa). La rivalutazione cognitiva è un punto focale appropriato perché questo tipo di regolazione delle emozioni è stato studiato sistematicamente in contesti sperimentali che consentono la separazione tra reattività e regolazione emotiva.

Prove convergenti provenienti da diversi studi hanno dimostrato che la rivalutazione riduce efficacemente l’affetto negativo misurato dall’esperienza emotiva auto-riferita (Gross, 1998), dalla risposta di allarme modulata affettivamente (Jackson, Malmstadt, Larson e Davidson, 2000) e da altri fattori fisiologici periferici. misure (Eippert, Viet, Weiskopf, Birbaumer, & Anders, 2007). Inoltre, gli individui che riferiscono di utilizzare la rivalutazione più frequentemente nella vita di tutti i giorni sperimentano meno affetti negativi e meno sintomi depressivi (Gross & John, 2003).

Una letteratura emergente sulle basi neurali della regolazione delle emozioni ha confermato ed esteso il ruolo della rivalutazione come strategia efficace per la down-regulation degli affetti negativi (Ochsner & Gross, 2005). L’attività nelle regioni del cervello sensibili alle emozioni, come l’amigdala e l’insula, è effettivamente down-regolata dalla rivalutazione.

Contemporaneamente, le regioni della corteccia prefrontale che sono state implicate nel controllo cognitivo e nella memoria di lavoro diventano più attive durante la rivalutazione (Eippert et al., 2007; Goldin, McRae, Ramel e Gross, 2008; Kim & Hamann, 2007; Levesque et al. , 2003; Ochsner, Bunge, Gross, & Gabrieli, 2002; Ochsner et al., 2004; Phan et al., 2005). Questi studi hanno portato alla concettualizzazione sempre più comune della risposta emotiva come risultato di un’interazione tra regioni sensibili alle emozioni come l’amigdala e l’insula e le regioni di controllo cognitivo prefrontale (Urry et al., 2006).

Nonostante il potenziale valore di distinguere tra reattività emotiva e regolazione delle emozioni, la maggior parte degli studi sulle differenze di genere nelle risposte emotive che utilizzano stimoli sperimentali non affrontano se agli individui è consentito influenzare con sforzo le loro risposte emotive nel corso dell’esperimento.

Di conseguenza, la maggior parte delle segnalazioni di differenze di genere nei compiti emotivi può essere il risultato a valle dell’interazione naturale tra la reattività emotiva e la manipolazione di tale reattività mediante la regolazione delle emozioni. Questa fusione di reattività e regolazione rende difficile discernere la vera natura delle differenze di genere nella risposta emotiva.

Poiché pochi studi in letteratura separano sperimentalmente la reattività dalla regolazione, non è noto quanto le differenze di genere precedentemente riportate nella risposta emotiva riflettano le differenze di genere nella reattività, nella regolazione o in entrambe. Sfortunatamente, la maggior parte degli studi progettati per separare la reattività dalla regolazione hanno utilizzato solo donne (Eippert et al., 2007; Goldin et al., 2008; Harenski & Hamann, 2006; Kim & Hamann, 2007; Ochsner et al., 2002, 2004) o non ha confrontato uomini e donne (Phan et al., 2005; Urry et al., 2006; van Reekum et al., 2007).

A nostra conoscenza, nessuno studio sperimentale ha permesso a uomini e donne di dimostrare la loro rispettiva reattività naturalistica agli stimoli emotivi negativi insieme alle loro capacità di utilizzare la regolazione cognitiva per sottoregolare quelle risposte emotive negative. Gli studi sulle differenze individuali indicano che uomini e donne riferiscono di utilizzare la rivalutazione con frequenza comparabile nella vita di tutti i giorni (Gross e John, 2003; Gross, Richards e John, 2006).

Tuttavia, questi studi sulle differenze individuali hanno almeno due limiti cruciali. In primo luogo, questi studi utilizzano misure di autovalutazione soggette a pregiudizi stereotipati. In secondo luogo, misurano solo la frequenza con cui gli individui usano queste strategie nella vita di tutti i giorni, il che potrebbe non parlare della capacità di un individuo di usare una particolare strategia di fronte alle istruzioni per farlo.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5937254/


Ricerca originale:  accesso aperto.
“Poche prove dell’influenza del sesso o dell’ormone ovarico sulla variabilità affettiva” di Adriene Beltz et al. Rapporti scientifici

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.