I contenuti nutrizionali e di peso più visti su TikTok perpetuano una cultura della dieta tossica tra adolescenti e giovani adulti

0
87

Una nuova ricerca dell’Università del Vermont rileva che i contenuti più visti su TikTok relativi a cibo, nutrizione e peso perpetuano una cultura della dieta tossica tra adolescenti e giovani adulti e che le voci degli esperti mancano in gran parte nella conversazione.

Pubblicato oggi su PLOS One, lo studio ha rilevato che i messaggi normativi sul peso, l’idea che il peso è la misura più importante della salute di una persona, predomina in gran parte su TikTok con i video più popolari che glorificano la perdita di peso e posizionano il cibo come mezzo per raggiungere la salute e magrezza.

I risultati sono particolarmente preoccupanti data la ricerca esistente che indica che l’uso dei social media negli adolescenti e nei giovani adulti è associato a un’alimentazione disordinata e a un’immagine corporea negativa.

“Ogni giorno, milioni di adolescenti e giovani adulti vengono nutriti con contenuti su TikTok che dipingono un quadro molto irrealistico e impreciso di cibo, nutrizione e salute”, ha affermato la ricercatrice senior Lizzy Pope, professoressa associata e direttrice del programma didattico di dietetica presso l’UVM .

“Rimanere bloccati nella perdita di peso TikTok può essere un ambiente davvero difficile, soprattutto per i principali utenti della piattaforma, che sono i giovani”.

Lo studio è il primo a esaminare i contenuti relativi alla nutrizione e all’immagine corporea su larga scala su TikTok. I risultati si basano su un’analisi completa dei primi 100 video di 10 popolari hashtag relativi a nutrizione, cibo e peso, che sono stati poi codificati per temi chiave. Ciascuno dei 10 hashtag aveva oltre un miliardo di visualizzazioni quando lo studio è iniziato nel 2020; gli hashtag selezionati sono cresciuti in modo significativo con l’espansione della base di utenti di TikTok.

“Siamo rimasti continuamente sorpresi da quanto fosse prevalente il tema del peso su TikTok. Il fatto che miliardi di persone guardassero contenuti sul peso su Internet la dice lunga sul ruolo che la cultura della dieta gioca nella nostra società”, ha affermato la coautrice Marisa Minadeo, che ha condotto la ricerca come parte della sua tesi di laurea all’Uvm.

Negli ultimi anni, il Dipartimento di Scienze della Nutrizione e dell’Alimentazione dell’UVM si è allontanato da una mentalità normativa sul peso, adottando un approccio inclusivo del peso all’insegnamento della dietetica.

L’approccio è incentrato sull’utilizzo di indicatori di salute e benessere non di peso per valutare la salute di una persona e rifiuta l’idea che esista un peso “normale” raggiungibile o realistico per tutti. Se la società continua a perpetuare la normatività del peso, dice Pope, stiamo perpetuando il pregiudizio grasso.

“Proprio come le persone sono di altezza diversa, abbiamo tutti pesi diversi”, ha detto Pope. “La nutrizione inclusiva di peso è davvero l’unico modo giusto per guardare all’umanità”.

La nutrizione inclusiva di peso sta diventando popolare come una valutazione più olistica della salute di una persona. In qualità di utenti di TikTok, Minadeo e il suo consulente Pope erano interessati a comprendere meglio il ruolo di TikTok come fonte di informazioni sull’alimentazione e sui comportamenti alimentari sani.

Sono rimasti sorpresi di scoprire che i creatori di TikTok considerati influencer nello spazio della nutrizione accademica non stavano intaccando il panorama generale dei contenuti nutrizionali.

Bianchi, adolescenti e giovani adulti rappresentavano la maggior parte dei creatori di contenuti analizzati nello studio. Pochissimi creatori sono stati considerati voci esperte, definite dai ricercatori come qualcuno che si è auto-identificato con credenziali come dietista, medico o formatore certificato.

“Dobbiamo aiutare i giovani a sviluppare capacità di pensiero critico e la propria immagine corporea al di fuori dei social media”, ha affermato Pope. “Ma quello di cui abbiamo veramente bisogno è un ripensamento radicale di come ci relazioniamo con il nostro corpo, con il cibo e con la salute. Si tratta davvero di cambiare i sistemi intorno a noi in modo che le persone possano vivere una vita produttiva, felice e sana”, ha affermato Pope.

Definire i social media
È stato riconosciuto che i gruppi di coetanei di adolescenti influenzano i comportamenti di salute degli individui, inclusa la dieta [1]. Durante l’adolescenza, i comportamenti alimentari sono influenzati dagli impatti dei pari, come le norme sociali percepite che possono creare pressioni uniche tra pari [2,3]. L’influenza peer-to-peer sui comportamenti sanitari è stata documentata nelle interazioni faccia a faccia [4]; tuttavia, pochi hanno studiato l’influenza dei social media sui comportamenti alimentari durante l’adolescenza.

I social media sono stati definiti come qualsiasi sito di social networking che consente contenuti interattivi generati dagli utenti che consentono la condivisione di immagini, idee, video, musica o commenti su forum Internet (ad es. Facebook), blog e microblog (ad es. Twitter), e piattaforme di hosting di fotografie o video (ad es. Instagram, YouTube o TikTok) [5]. Individui o gruppi di persone possono comunicare, collaborare e connettersi in tempo reale tramite SMS, video o telefono ovunque sia disponibile il Wi-Fi.

I canali di social media, come Facebook o YouTube, sono stati avviati all’inizio degli anni 2000. Tuttavia, il primo sito Web riconosciuto come la prima piattaforma di social media è stato chiamato Six Degrees, abbreviazione di Six Degrees of Separation, ed è stato lanciato nel 1997. Nel 2018, YouTube, Instagram e Snapchat sono stati identificati come le piattaforme online più popolari utilizzate da adolescenti dai 13 ai 17 anni [6]. I contenuti generati dagli utenti su questi canali possono consentire lo sviluppo di autonomia, identità e relazioni interpersonali tra pari, un segno distintivo dell’adolescenza [7].

I social media sono un canale efficace per coinvolgere gli adolescenti [8], una popolazione target che è stata difficile da coinvolgere nella pratica della salute pubblica. Può essere utilizzato per influenzare, informare e persuadere. Le app mobili dei social media hanno portata, utilizzo e coinvolgimento globali [9]. In un precedente rapporto globale, circa l’85% degli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni in Europa, America Latina, Stati Uniti e Corea del Sud ha riferito di aver utilizzato un sito Web di social media [10].

Su un campione di 4460 studenti delle scuole superiori turchi nel 2019, l’88% possedeva uno smartphone e il 100% aveva un account sui social media [11]. L’effetto contagio – la rapida comunicazione di un’idea che è diventata virale tra i colleghi sulle piattaforme dei social media – è stato riconosciuto come un modo efficace per promuovere comportamenti sanitari [12-15]. Intento comportamentale, maggiore conoscenza e maggiore consapevolezza sono attributi positivi dei post di cibo salutare sui social media che influenzano gli utenti [16-18].

L’uso estensivo dei social media, insieme ad altri mezzi di intrattenimento, è stato associato al consumo di cibi malsani, principalmente a causa di comportamenti di spuntino. In particolare, Albert ha scoperto che l’uso dei social media e di altri media di intrattenimento in un campione di studenti delle scuole medie per lo più latinoamericani (68%) era correlato negativamente al consumo di frutta e verdura (r=–0,065) ed era fortemente correlato all’assunzione di fast food e cibo spazzatura (r<0,200) [19].

In un recente rapporto, Chau et al hanno concluso che i social media erano un canale promettente per la prevenzione dell’obesità negli adolescenti e nei giovani adulti [20]. Dato che ricerche più recenti hanno rivelato che il 95% degli adolescenti dai 13 ai 17 anni possiede uno smartphone, il 51% usa Facebook, il 69% usa Snapchat, il 72% usa Instagram e l’85% usa YouTube [21], un esame dell’influenza dei pari , tramite i canali dei social media, sui comportamenti alimentari è giustificato. Tuttavia, nessuna revisione fino ad oggi ha dimostrato l’influenza dei pari sui comportamenti alimentari tramite le reti di social media tra gli adolescenti.

Influenza dei social media e comportamenti alimentari
Un’analisi dei social network delle influenze delle relazioni tra pari di adulti e di persona ha indicato che comportamenti alimentari disadattivi (cioè disturbi alimentari) possono essere influenzati dalle amicizie [22]. Le norme sociali, così come il supporto sociale reale e percepito, possono essere alla base delle influenze dei pari relative alla pratica del mangiare. I gruppi di pari e il tipo e il grado di influenza dei pari possono modellare il proprio rapporto con il cibo. L’influenza dei pari sui comportamenti alimentari può estendersi dall’influenza di persona all’influenza dei social media.

I risultati di un campione rappresentativo a livello nazionale statunitense di giovani adulti, di età compresa tra 19 e 32 anni, hanno rivelato un’associazione tra un volume elevato e la frequenza del coinvolgimento delle piattaforme di social media (ad esempio, Facebook, Twitter, Google+, YouTube, LinkedIn, Instagram, Pinterest, Tumblr , Vine, Snapchat e Reddit) e problemi alimentari [23]. Tuttavia, è stato notato che alcuni dei canali di social media più popolari influenzano i disturbi alimentari disadattivi (cioè non patologici) così come un’alimentazione sana adattativa (cioè patologica).

Le piattaforme di social media (ad es. Facebook e YouTube) e le app di intervento nutrizionale di gioco mobile (ad es. Food Hero) dimostrano utilità tra le popolazioni di giovani adulti per aumentare la consapevolezza, aumentare la conoscenza, influenzare le convinzioni intrinseche e motivare atteggiamenti [23]. I canali dei social media, tra cui Facebook, YouTube e Snapchat, sono stati riconosciuti dagli adolescenti per aver fornito supporto peer-to-peer a un’alimentazione sana attraverso la condivisione di informazioni e l’offerta di supporto sociale [24]. Questa revisione di scoping mirava a chiarire il ruolo dell’influenza dei pari attraverso i canali dei social media sui comportamenti alimentari tra gli adolescenti di età compresa tra 10 e 19 anni.

Risultati principali della discussione
La letteratura sugli interventi sui social media potenziati dai pari per i comportamenti alimentari è nelle sue fasi nascenti. Questa revisione di scoping mira a colmare il divario nella letteratura ea rivedere le prove sull’influenza degli ambienti dei social media migliorati peer-to-peer sui comportamenti alimentari tra i giovani adolescenti di età compresa tra 10 e 19 anni.

Contenuti sul comportamento alimentare auto-riportati generati dagli utenti sui social media, soppiantati da riconoscimento di immagini, diari alimentari, app mobili per l’assunzione di nutrienti o dati sincronizzati con dispositivi indossabili, come fotocamere incorporate negli occhiali, consentono la raccolta passiva di dati con un utente minimo fardello; questi dati potrebbero essere integrati nei social media al fine di creare prove mediche a supporto del processo decisionale. Il nostro articolo dimostra che l’influenza dei social media sui comportamenti dietetici richiede una notevole quantità di lavoro aggiuntivo da aggiungere al corpo delle prove mediche scientifiche sul campo.

Holmberg e colleghi [26] hanno riportato rappresentazioni positive di un’alimentazione sana promossa dagli adolescenti. Le immagini di frutta e verdura ingrandite e focalizzate per un’immagine possono porre l’accento sul cibo raffigurato, a causa del fascino visivo e degli attributi positivi. Poelman et al forniscono un esempio di un sistema di tracciamento alimentare digitale che potrebbe essere incorporato nelle app dei social media per capire come le scelte alimentari sono influenzate dall’ambiente alimentare del mondo reale [33].

Un’altra opzione è l’uso di app mobili digitali per la registrazione degli alimenti, come FitNinja (Vibrent Health), con un software di riconoscimento delle immagini per raccogliere il contenuto di nutrienti; questi sono stati trovati strumenti accettabili per le registrazioni alimentari digitali dell’assunzione di cibo nel mondo reale [34]. Inoltre, i post di cibo condivisi, come frutta e verdura contrassegnati da Mi piace tra le reti di utenti negli ambienti dei social media, possono rappresentare il rafforzamento di comportamenti nutrizionali positivi o di qualsiasi valenza come comportamenti positivi e apprezzati [35].

La pubblicità commerciale su Facebook e Twitter, come descritto da Thaichon e Quach [30], può sminuire il coinvolgimento degli adolescenti, poiché gli adolescenti possono cercare di dichiarare la propria indipendenza al di fuori del mainstream; inoltre, queste piattaforme sono rivolte ai gruppi di età più avanzata. Le piattaforme di social media possono consentire agli adolescenti un ambiente digitale per la licenza creativa, l’identità personale e l’autonomia durante un lasso di tempo in cui stanno trascendendo nella prima età adulta e lontano dall’influenza dei genitori [7].

Inoltre, Instagram e Snapchat, lanciati rispettivamente nel 2010 e nel 2011, sono app di messaggistica i cui primi utenti sono quasi una generazione più giovani degli utenti di Facebook. Facebook potrebbe non essere così riconoscibile, dato il suo inizio con una coorte universitaria nel 2004, una generazione che attualmente si avvicina alla mezza età.

L’influenza dei pari tramite i social media potrebbe essere un canale efficace per coinvolgere questa popolazione tipicamente difficile da raggiungere su argomenti relativi alla salute, compresi i comportamenti sanitari. Le reti di social media erano un ambiente coerente per coinvolgere gli adolescenti con messaggi di alimentazione sana [36]. L’appeal visivo era una forte caratteristica di coinvolgimento che ha influenzato gli utenti sia positivamente che negativamente. Sfortunatamente, la pubblicità dei fast food è anche pervasiva e influente sui canali dei social media rivolti agli adolescenti, il che potrebbe avere conseguenze negative sullo stato di peso e su altri rischi di malattie croniche [37].

Facebook è stato il social network più comune segnalato, nonostante la crescente popolarità di Instagram e Snapchat su Facebook tra gli adolescenti [6]. Solo uno studio svedese [26] ha analizzato la percezione del cibo da parte degli adolescenti su Instagram. Ciò potrebbe essere dovuto al ritardo nella ricerca. Un vantaggio potrebbe essere che quando gli adolescenti si allontanano da Facebook, potrebbero essere meno esposti al marketing commerciale di fast food comunemente riportato su quel canale di social media.

I post su un’alimentazione sana possono riflettere un cambiamento di stile di vita ambizioso tra le persone nella fase di contemplazione verso un’alimentazione sana. Kinard [38] e Holmberg et al [27] hanno scoperto che gli adolescenti e gli adulti obesi e in sovrappeso avevano maggiori probabilità di interagire con post di cibo sano che con post di cibo spazzatura malsano su Instagram e Facebook [38]. Allo stesso modo, Holmberg et al [25] hanno commentato che frutta e verdura erano rappresentate in un modo favorevole che connotava l’appetibilità. Il marketing per la promozione della salute di cibi sani può aiutare a ispirare un cambiamento comportamentale salutare poiché gli utenti sono attratti dal fascino visivo.

Poiché le norme sociali vengono modificate in un ambiente digitale, potrebbe essere necessario un attento monitoraggio delle pressioni dei pari. Le pressioni dei coetanei sui social media possono influenzare gli ideali dell’immagine corporea [39] che potrebbero portare a comportamenti alimentari disadattivi e scarso benessere.

Interventi salutari sui social media per comportamenti alimentari degli adolescenti Interventi su più fronti con componenti di persona e social media hanno riportato una perdita di peso riuscita tra i partecipanti [40] e un aumento dei sentimenti di supporto sociale nelle popolazioni adolescenti [32].

Kulik e colleghi [32] hanno riferito che il social networking crea un supporto sociale tra pari per la perdita di peso in combinazione con un intervento di persona. Il supporto tra pari può offrire agli adolescenti uno spazio sicuro per condividere la vulnerabilità emotiva, dove possono relazionarsi e confidarsi con i coetanei, fungendo anche da fonte di responsabilità per obiettivi dietetici salutari.

Allo stesso modo, è stata riscontrata una significativa perdita di peso a seguito di un intervento di perdita di peso che ha utilizzato la messaggistica privata e gli SMS di Facebook tra un gruppo eterogeneo di studenti universitari [41]. Inoltre, Barragan et al hanno scoperto che le piattaforme di social media (ad es. Facebook, Twitter e YouTube) hanno aumentato le conoscenze sull’assunzione di calorie in eccesso dalle bevande zuccherate e hanno aumentato l’intenzione autodichiarata di ridurre il consumo di bevande zuccherate [16]. Inoltre, i forum di discussione online sono serviti come fonte di supporto per la salute mentale per il recupero dei disturbi alimentari e la prevenzione delle ricadute [29].

Le informazioni nutrizionali possono aumentare la consapevolezza e promuovere l’alfabetizzazione nutrizionale quando il contenuto è verificato. Messaggi contrastanti nei media sulla salubrità di determinati alimenti possono essere fuorvianti per il pubblico [42]. Inoltre, le informazioni dietetiche condivise sui social media sono spesso disallineate con le linee guida dietetiche nazionali e le raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza.

I contenuti nutrizionali sui social media devono essere accurati e coinvolgenti per evitare del tutto la confusione e lo scetticismo dei consumatori nei confronti dei consigli dietetici [43]. Professionisti della salute pubblica, educatori nutrizionali e ricercatori devono collaborare con inserzionisti del settore alimentare, influencer dei social media e leader del marketing sociale per garantire che i consumatori siano accuratamente informati, in particolare per le popolazioni vulnerabili come gli adolescenti.

Effetti negativi dei social media sui comportamenti alimentari degli adolescenti I
social media possono influenzare cattive abitudini alimentari e comportamenti alimentari disadattivi. Thaichon e Quach [30] hanno riportato un’associazione tra adolescenti australiani in sovrappeso e obesi e un comportamento intento a mangiare fast food a causa di pubblicità visualizzate su Facebook.

La pubblicità di incentivi combinata con fast food e soda approvata dai loro colleghi può rafforzare la promozione di scelte alimentari malsane. Inoltre, due studi europei [29,31] hanno coinvolto gli adolescenti sui comportamenti alimentari disadattivi legati ai disturbi alimentari. Gli utenti si sono scambiati suggerimenti e strategie per comportamenti alimentari bulimici o anoressici, promulgando comportamenti alimentari dannosi e diete estreme.

Limiti della letteratura attuale
Sfortunatamente, questi studi non aiutano a comprendere il ruolo dell’influenza o dell’impatto dei social media nel cambiamento del comportamento alimentare nel mondo reale nei gruppi di coetanei adolescenti. Le misurazioni dell’effettivo cambiamento del comportamento devono essere studiate insieme alle campagne di marketing sui social media (ad esempio, il comportamento di acquisto e l’assunzione di cibo).

Hawkins et al [44] hanno riferito che le norme e le preferenze percepite riguardo al mangiare tra un campione di studenti universitari inglesi (età media 22 anni) su Facebook erano predittive del consumo effettivo di cibo degli utenti [44]. Le norme sociali percepite dagli utenti di Facebook erano predittive dell’effettiva assunzione di frutta e verdura da parte degli utenti e le norme sociali percepite erano predittive del consumo effettivo di snack e bevande zuccherate dei partecipanti. Inoltre, MySpace e Reddit non sono stati inclusi come piattaforme di social media nell’elenco dei termini di ricerca. L’omissione di MySpace può spiegare la ridotta rappresentanza di neri e altri gruppi di minoranze razziali ed etniche.

Direzioni
future La ricerca futura dovrebbe enfatizzare il rigore metodologico per chiarire l’influenza dei pari sul cambiamento del comportamento alimentare. È necessaria un’ampia quantità di ricerca nel campo, comprese misure oggettive dell’assunzione dietetica effettiva con interventi sui social media e analisi dei social network degli agenti di cambiamento dell’influenza dei pari sui risultati del comportamento alimentare.

In uno studio pilota che ha esaminato se promuovere i peperoni rossi tramite un influencer dei social media su Instagram aumenterebbe l’effettiva assunzione di verdure tra gli adolescenti nei Paesi Bassi, non è stato riscontrato alcun effetto sull’effettiva assunzione dietetica degli utenti [45]. È necessario un lavoro aggiuntivo per comprendere l’influenza della trasmissione e dell’adozione del comportamento peer-to-peer negli ambienti dei social media.

La mancanza di prove mediche appropriate per supportare il processo decisionale potrebbe essere risolta con più studi di ricerca che utilizzano i canali dei social media insieme a misure obiettive di comportamento alimentare. Gli strumenti di controllo della posizione geografica dei social media potrebbero basarsi su questo approccio.

Inoltre, il controllo dei fatti sui contenuti generati dagli utenti e l’uso di fonti alimentari credibili sui social media possono essere discutibili. La verifica del contenuto delle informazioni nutrizionali [18] può anche essere influenzata dalla percezione dei legami di amicizia [46]. Anche i gradi percepiti di connessione e misurazione, o la loro mancanza, dei risultati sulla salute sono limitazioni quando si comprende l’utilità dell’uso dei social media per i comportamenti di salute degli adolescenti [46].

La ricerca futura potrebbe includere anche Snapchat e altre nuove piattaforme che ora sono ampiamente utilizzate dai giovani [6]. TikTok è anche una popolare piattaforma di social media rilasciata nel 2016 da ByteDance.com che sta guadagnando popolarità, in particolare durante la pandemia globale di COVID-19. Questo servizio di social networking per la condivisione di video è iniziato in Cina e ha guadagnato popolarità negli Stati Uniti nel 2018 dopo la fusione con musical.ly. Il canale dei social media consente agli utenti di creare brevi video di sincronizzazione labiale, di danza e comici [47].

I giovani razziali ed etnici di colore sono sottorappresentati in studi di questo tipo. Solo Kulik et al, che hanno condotto uno studio negli Stati Uniti, includevano i giovani delle minoranze; nel loro studio su Facebook come complemento a un intervento di perdita di peso di persona, il 20% del campione era afroamericano e il 21% erano partecipanti di altri gruppi di colore [32]. Poiché i giovani non ispanici neri (22%) e ispanici (26%) sperimentano tassi di obesità costantemente più alti rispetto ai loro omologhi bianchi (14%) [48], sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere l’impatto dell’influenza dei social media sui comportamenti alimentari negli adolescenti di colore.

Le disparità di salute razziali ed etniche vissute dalle persone di colore danno origine a un’accresciuta necessità di un marketing salutare mirato attraverso i canali dei social media per coinvolgere i giovani. I giovani delle minoranze razziali ed etniche sono pesantemente presi di mira per il marketing di fast food [49,50] e le comunità di colore tendono ad essere inondate da paludi alimentari (cioè, un’abbondanza di ristoranti fast food concentrati in un codice postale).

Pertanto, al fine di agire contro questi messaggi pubblicitari ipercalorici e poveri di nutrienti [51], sono necessari approcci culturalmente personalizzati per promuovere comportamenti alimentari salutari tra questa popolazione [52]. Inoltre, l’alfabetizzazione sanitaria è stata identificata come un determinante sociale chiave della salute tra gli adolescenti [53]. Un’accurata alfabetizzazione sanitaria correlata alla nutrizione trasmessa attraverso foto, immagini video e testo è fondamentale per affrontare le comorbidità legate alla dieta tra i giovani adolescenti di colore.

La ricerca futura dovrebbe valutare il ruolo del coinvolgimento dei social media con gli agenti di cambiamento dei pari influencer negli interventi di cambiamento del comportamento alimentare. La pervasività dell’uso dei social media tra gli adolescenti richiama l’attenzione su un canale di comunicazione che non può essere ignorato. Inoltre, la tecnologia dei telefoni cellulari che consente l’accesso tramite touchscreen ai social media può aumentare la capacità degli agenti di cambiamento peer influencer che potrebbero essere più potenti dei precedenti media stampati o televisivi.

Nel regno dei social media, l’evidenza dall’analisi dei social network indica che i peer influencer sono agenti di cambiamento del comportamento sanitario efficaci basati su stili di leadership dei pari, connessione con i social network e modelli di comunicazione tra l’agente di cambiamento peer influencer e il destinatario finale [54].

Anche prima della popolarità globale dei social media, i peer influencer erano agenti del cambiamento molto apprezzati. Gli agenti di cambiamento tra pari erano il quadro di prevenzione dell’HIV più comunemente usato, poiché era più probabile che gli agenti di cambiamento tra pari fossero riconosciuti per le loro qualità di leadership [55].

Le differenze di genere possono anche essere esplorate nella ricerca futura sull’influenza degli adolescenti sui comportamenti alimentari negli ambienti dei social media. Il costante coinvolgimento del telefono cellulare offre un mezzo tecnologico che potrebbe non solo coinvolgere gli adolescenti sui comportamenti alimentari, ma potrebbe anche supportare l’adozione di comportamenti di cambiamento mirati.

collegamento di riferimento: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8212626/

Ricerca originale: accesso aperto.
” I messaggi normativi sul peso predominano su TikTok: un’analisi qualitativa del contenuto ” di Marisa Minadeo et al. PLO UNO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.