L’integrazione di vitamina D può ridurre il rischio di gravità COVID-19 

0
52

Un nuovo studio condotto da ricercatori americani della Johns Hopkins University, dell’Università del Michigan, dell’Università di Chicago e del St John Fisher College ha dimostrato che l’integrazione di vitamina D può ridurre il rischio di gravità del COVID-19 e persino ridurre la diffusione della SARS-CoV-2.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista peer reviewed: Scientific Reports

https://www.nature.com/articles/s41598-022-24053-4

L’integrazione di vitamina D durante la pandemia è stata associata a una significativa riduzione del 20% e del 28% dei tassi di COVID-19 confermati in laboratorio rispettivamente per la vitamina D3 e  la vitamina D2  .

La vitamina D3  è stata associata a una significativa riduzione del 33% della mortalità entro 30 giorni dall’infezione da COVID-19.

Questa diminuzione della mortalità correlata a COVID-19 è identica al 33% osservato nei dati andalusi per il calcifediolo quando prescritto 15 giorni prima del ricovero e simile alla riduzione del 25% associata alla mortalità per il colecalciferolo 21 . Per la vitamina D2 la  riduzione associata della mortalità è stata del 25%, ma non è risultata statisticamente significativa.

Queste riduzioni del rischio associate sono sostanziali e giustificano esplorazioni e conferme più significative utilizzando RCT. Ciò è particolarmente importante dati gli alti tassi di carenza di vitamina D nella popolazione statunitense e COVID-19.

C’erano anche notevoli differenze nei nostri risultati tra i nostri sottogruppi di pazienti. In primo luogo, rispetto ai pazienti bianchi, i pazienti neri a cui è stata somministrata vitamina D3 hanno sperimentato una maggiore riduzione associata dei tassi di infezione da COVID- 19  rispetto ai controlli rispetto ai pazienti bianchi (diminuzione del 29% rispetto a una diminuzione del 18%).

Livelli sierici più bassi di vitamina D non hanno spiegato questo risultato. Tuttavia, questi risultati suggeriscono che l’espansione dell’integrazione di vitamina D può potenzialmente ridurre le disparità razziali negli esiti di COVID-19.

Sono necessarie ricerche future per determinare il meccanismo mediante il quale l’integrazione di vitamina D è più efficace tra i pazienti neri.

Anche i livelli sierici basali di vitamina D e il dosaggio cumulativo hanno moderato l’effetto del  trattamento con vitamina D3 . In particolare, i pazienti con livelli sierici più bassi che ricevevano dosaggi più elevati di vitamina D 3  hanno sperimentato la maggiore riduzione associata dell’infezione.

In risposta a questi risultati, i medici potrebbero prendere in considerazione la possibilità di prescrivere regolarmente vitamina D 3  a pazienti con livelli carenti per proteggerli dall’infezione da COVID-19 e dalla relativa mortalità. Il dosaggio di 50.000 UI può essere particolarmente vantaggioso.

Quando estrapoliamo i nostri risultati per l’integrazione di vitamina D 3  all’intera popolazione degli Stati Uniti nel 2020, ci sarebbero stati circa 4 milioni di casi in meno di COVID-19 e 116.000 morti evitate.

Abbiamo calcolato questi valori applicando la nostra riduzione media stimata del 20% dell’infezione e del 33% della mortalità dopo l’infezione per la vitamina D 3  a un totale di 19.860.000 casi e 351.999 decessi fino al 2020 29 .

Nel VA, ci sono stati 343.094 casi e 14.981 decessi noti fino al 2/10/2021. Applicando le nostre stime al VA, dove ci sarebbero 69.000 casi in meno e 4900 decessi in meno tra marzo 2020 e ottobre 2021 30 .

Questi calcoli retrospettivi possono essere prudenti date le possibili riduzioni della trasmissione di COVID-19 dovute alla riduzione del rischio della popolazione generale derivante da un’integrazione più ampia.

Al contrario, queste stime possono anche essere gonfiate se la popolazione dello studio presentava una prevalenza più elevata di bassi livelli sierici di vitamina D rispetto alla popolazione generale a causa della corrispondenza del punteggio di propensione all’integrazione.

Tuttavia, date le nostre scoperte, l’assenza di gravi effetti collaterali e l’ampia disponibilità di vitamina D3 a  basso costo, la vitamina D3 rappresenta  un’opportunità unica per ridurre la diffusione e la gravità della pandemia di COVID-19.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.