Il danno d’organo persiste nel 59% degli individui 1 anno dopo il COVID-19

0
242

I sintomi di COVID lungo, noti anche come sequele post-acute di COVID-19, sono ben documentati, 1,2  ma la storia naturale è scarsamente caratterizzata, sia dai sintomi che dalla compromissione degli organi o dalla funzione. 3–5 

Tra 3762 individui con sospetto o confermato COVID-19, i sintomi debilitanti sono durati oltre 35 settimane, con affaticamento, dispnea e disfunzione cognitiva i più frequenti. 6 

Nella più grande clinica COVID lunga del Regno Unito, i pazienti non ospedalizzati hanno richiesto un rinvio specialistico a tassi simili ai pazienti ospedalizzati ed erano più propensi a segnalare dispnea e affaticamento, con una ridotta qualità della vita correlata alla salute (HRQoL). 7

 Uno studio statunitense su 270.000 individui post-COVID-19 ha mostrato che un terzo presentava sintomi persistenti a 3-6 mesi (più comuni dei sintomi post-influenzali basati su una coorte abbinata con fattori di rischio altrimenti simili), probabilmente a causa di fattori di rischio specifici per organo piuttosto che effetti virali generali e potenzialmente informazioni sullo sviluppo di trattamenti efficaci. 8

Il COVID lungo può essere collegato alla gravità della malattia iniziale in alcuni pazienti ospedalizzati, ma i fattori prognostici non sono né definiti né studiati sistematicamente nei pazienti non ospedalizzati. 7–9  Per condurre prove di possibili terapie per COVID lungo, abbiamo bisogno di stratificazione per sintomi o indagini. 3 

I nostri dati provvisori di risonanza magnetica (MRI) in 201 individui hanno mostrato una lieve compromissione d’organo nel cuore, polmoni, reni, fegato, pancreas e milza, con compromissione a singolo e multiorgano rispettivamente nel 70% e nel 29%, 4 mesi dopo COVID 19. 9  È stata dimostrata l’utilità clinica di queste metriche MRI per condizioni croniche e multisistemiche. 10,11

 Sintomi in corso più gravi di dispnea e affaticamento sono stati associati a miocardite ( p  < 0,05) 9 , ma i sintomi e le manifestazioni multiorgano non sono stati correlati.

Nel Regno Unito e in altri paesi, le risposte del sistema sanitario e della ricerca sono iniziate su larga scala. 12  Tuttavia, i percorsi clinici dei pazienti non sono chiari e non esistono ancora terapie comprovate e basate sull’evidenza, né nei sottogruppi né nella popolazione COVID lunga complessiva. Le menomazioni a singolo e multiorgano necessitano di indagini a medio e lungo termine per valutare l’utilizzo delle risorse e le esigenze del sistema sanitario.

Negli individui con COVID lungo, abbiamo quindi studiato in modo prospettico quanto segue:

1. Sintomi, compromissione d’organo e funzionalità nell’arco di 1 anno, in particolare relativi a dispnea continua, disfunzione cognitiva e HRQoL.

2. Associazioni tra sintomi e danno d’organo.

Risultati

Un totale di 536 individui (età media 45 anni, 73% donne, 89% bianchi, 32% operatori sanitari, 13% ricoveri per COVID-19 acuto) hanno completato la valutazione di base (mediana: 6 mesi dopo COVID-19); 331 (62%) con compromissione d’organo o riscontri accidentali hanno avuto un follow-up, con carico sintomatologico ridotto rispetto al basale (numero mediano di sintomi 10 e 3, rispettivamente a 6 e 12 mesi).

Dispnea estrema (38% e 30%), disfunzione cognitiva (48% e 38%) e scarsa qualità della vita correlata alla salute (EQ-5D-5L <0,7; 57% e 45%) erano comuni a 6 e 12 mesi, e associato al genere femminile, all’età più giovane e alla compromissione di un singolo organo. La compromissione di un singolo e multiorgano era presente nel 69% e nel 23% al basale, persistendo rispettivamente nel 59% e nel 27% al follow-up.

Conclusioni

La compromissione d’organo persisteva nel 59% di 331 individui seguiti a 1 anno dopo il COVID-19, con implicazioni per i sintomi, la qualità della vita e la salute a lungo termine, segnalando la necessità di prevenzione e cura integrata del COVID lungo.

Discussione

In questo studio prospettico del Regno Unito su COVID lungo in gran parte non ospedalizzato, abbiamo quattro nuove scoperte. Innanzitutto, confermiamo la compromissione multiorgano a 6 e 12 mesi nel 29% delle persone con COVID lungo, con sintomi persistenti e funzionalità ridotta. In secondo luogo, nonostante alcune associazioni tra compromissione d’organo e sintomi, al momento non ci sono prove sufficienti per distinti sottotipi di COVID lunghi. 

I biomarcatori del sangue, l’attuale standard di cura, non hanno mostrato alcuna relazione con la presentazione clinica. In terzo luogo, i sintomi, le analisi del sangue e la risonanza magnetica multiorgano quantitativa non hanno previsto la traiettoria o il recupero. In quarto luogo, dimostriamo la fattibilità di una valutazione multiorgano scalabile in contesti non acuti nel contesto della pandemia.

Diversi studi confermano la persistenza dei sintomi in individui con COVID lungo fino a 1 anno. 16  Aggiungiamo ora che tre persone su cinque con COVID lungo hanno una compromissione in almeno un organo e una su quattro ha una compromissione in due o più organi, in alcuni casi senza sintomi. L’impatto sulla qualità della vita e sul tempo libero dal lavoro, in particolare negli operatori sanitari, è una delle maggiori preoccupazioni per gli individui, i sistemi sanitari e le economie. 17 

Molti operatori sanitari non avevano malattie precedenti (2% diabete, 2% malattie cardiache e 22% asma, che possono svolgere un ruolo fisiopatologico 18 ) ma su 172 di questi partecipanti, 19 erano ancora sintomatici al follow-up e fuori dal lavoro per una mediana di 180 giorni. Abbiamo bisogno di un confronto con analisi simili di altri lunghi studi COVID e altre condizioni a lungo termine, 19  con notevoli implicazioni sulla pianificazione della forza lavoro. 

Ci sono stati metodi eterogenei per indagare sul COVID lungo, qualitativo 20,21  o quantitativo, 5  o sondaggi sui sintomi 6  rispetto a studi di coorte. 4,22  La maggior parte della ricerca si concentra ancora sui singoli organi. 23–25 L’entità del lungo carico di COVID richiede un’azione per sviluppare, valutare e attuare indagini, trattamenti e riabilitazione basati sull’evidenza 26  (ad es. STIMULATE-ICP e altri studi 4 ).

Si ipotizza che le malattie metaboliche, comprese le malattie epatiche non alcoliche e il diabete, svolgano un ruolo nella patogenesi del COVID-19 grave e forse del COVID lungo. 27  Osserviamo associazioni con marcatori di disfunzione epatica e aumento del rischio di sintomi in individui di sesso femminile e obesi con COVID lungo, che sono stati mostrati in precedenza. 28,29  Il deterioramento cognitivo sembra svilupparsi nella storia naturale del COVID lungo in alcuni pazienti. Tuttavia, i meccanismi alla base della condizione o della sindrome rimangono sfuggenti. Non abbiamo trovato prove di sintomi, esami del sangue o risonanza magnetica per definire chiaramente i sottotipi lunghi di COVID.

Abbiamo osservato la risoluzione dei sintomi a 12 mesi nel 29% delle persone con COVID lungo, in particolare con sintomi cardiopolmonari e sistemici, in linea con altri studi longitudinali. 5,13,19  I nostri risultati sulle riduzioni della HRQoL e del tempo di lavoro rafforzano la ricerca precedente e sono preoccupanti, nonostante il miglioramento nel tempo. La ricerca futura deve considerare le associazioni tra sintomi, compromissione multiorgano e funzione in coorti più ampie, consentendo una più chiara stratificazione e valutazione dei trattamenti.

Lo studio COVERSCAN è stato avviato all’inizio della prima ondata della pandemia di COVID-19, quando la valutazione e l’indagine faccia a faccia e la ridotta capacità del sistema sanitario erano le principali preoccupazioni per i pazienti e gli operatori sanitari. Nel Regno Unito e in altri paesi, il COVID lungo comporta un elevato onere di indagini e utilizzo dell’assistenza sanitaria in tutte le specialità e mancano percorsi di cura definitivi. 

Mostriamo la fattibilità, l’accettabilità e la scalabilità di un protocollo di risonanza magnetica multiorgano rapido (40 minuti) per la pratica e la ricerca. Oltre alla valutazione clinica di routine e agli esami del sangue, COVERSCAN può escludere l’insufficienza d’organo in percorsi di cura integrati e multidisciplinari. 30  Tale valutazione MRI ha una potenziale applicazione oltre la pandemia per la valutazione e l’indagine multi-sistema, anche in contesti con risorse inferiori.

Registrazione dello studio: ClinicalTrials.gov Identificativo: NCT04369807

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of the Royal Society of Medicine.
https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/01410768231154703

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.