I ricercatori hanno trovato un’associazione significativa tra l’infezione da COVID-19 e un aumentato rischio di sviluppare l’herpes zoster (HZ)

0
272

La pandemia di COVID-19 ha causato preoccupazione diffusa e ha avuto un impatto sulla salute di milioni di persone in tutto il mondo. Sebbene l’attenzione principale sia stata posta sugli effetti acuti dell’infezione da COVID-19, vi sono prove crescenti che il virus possa anche avere conseguenze a lungo termine sulla salute.

Un recente studio condotto da Yi-Chen Chen e colleghi ha trovato un’associazione significativa tra l’infezione da COVID-19 e un aumentato rischio di sviluppare l’herpes zoster (HZ), noto anche come fuoco di Sant’Antonio. In questo articolo, discuteremo i risultati di questo studio di coorte retrospettivo ed esploreremo le potenziali implicazioni di questa associazione.

Herpes zoster: una panoramica

L’herpes zoster (HZ), comunemente noto come fuoco di Sant’Antonio, è un’infezione virale causata dalla riattivazione del virus varicella-zoster (VZV), responsabile della varicella. Dopo che una persona si riprende dalla varicella, il virus rimane inattivo nel corpo e può riattivarsi anni dopo come HZ. L’HZ è una condizione dolorosa caratterizzata da eruzioni cutanee o vesciche che di solito compaiono su un lato del corpo.

La condizione può portare a complicazioni a lungo termine, come la nevralgia post-erpetica (PHN), che è caratterizzata da dolore persistente che può durare mesi o addirittura anni dopo che l’eruzione è guarita. HZ è stato anche associato ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, come ictus e infarto miocardico (IM).

Il rischio di sviluppare l’HZ aumenta con l’età e si stima che 1 persona su 3 svilupperà l’HZ nel corso della vita.

Associazione tra COVID-19 e Herpes Zoster

Yi-Chen Chen e colleghi hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo per studiare l’associazione tra l’infezione da COVID-19 e il rischio di sviluppare l’herpes zoster. Lo studio ha incluso 2.442.686 pazienti a cui era stato diagnosticato il COVID-19 tra gennaio 2020 e marzo 2022. I ricercatori hanno seguito questi pazienti per una mediana di 6 mesi dopo la diagnosi di COVID-19 per determinare se avessero sviluppato l’herpes zoster.

I risultati dello studio hanno mostrato che l’incidenza dell’herpes zoster era significativamente più alta tra i pazienti con COVID-19 rispetto alla popolazione generale. In particolare, l’incidenza dell’herpes zoster era 1,67 volte superiore nella coorte COVID-19 rispetto a un gruppo di controllo di individui che non avevano COVID-19. L’aumento del rischio di herpes zoster è stato osservato in tutti i gruppi di età, ma era più alto tra i pazienti di età pari o superiore a 50 anni.

Implicazioni dell’associazione tra COVID-19 e Herpes Zoster

L’associazione tra COVID-19 e herpes zoster ha diverse potenziali implicazioni. In primo luogo, suggerisce che il COVID-19 potrebbe avere effetti a lungo termine sul sistema immunitario, il che potrebbe aumentare il rischio di sviluppare altre infezioni virali. In secondo luogo, sottolinea l’importanza di monitorare i pazienti con COVID-19 per lo sviluppo dell’herpes zoster e fornire un trattamento appropriato se necessario.

I risultati di questo studio hanno anche implicazioni per lo sviluppo del vaccino. I vaccini contro l’herpes zoster sono disponibili e sono raccomandati per gli adulti di età pari o superiore a 50 anni. Tuttavia, l’efficacia di questi vaccini nei pazienti con COVID-19 non è chiara. È possibile che l’infezione da COVID-19 possa influenzare la risposta immunitaria al vaccino contro l’herpes zoster, il che potrebbe influire sulla sua efficacia. Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare questa possibilità.

Per ridurre il rischio di HZ e dei suoi problemi di salute associati, sono disponibili diversi vaccini. Il vaccino più comunemente usato è il vaccino contro lo zoster vivo, raccomandato per gli adulti di età pari o superiore a 50 anni. Questo vaccino è altamente efficace nella prevenzione dell’HZ e può anche ridurre la gravità dei sintomi se si verifica l’HZ. Inoltre, farmaci antivirali come aciclovir, valaciclovir e famciclovir possono essere usati per trattare l’HZ e ridurre il rischio di complicanze.

Herpes zoster e rischio vascolare a lungo termine

Un recente studio di coorte retrospettivo pubblicato nel febbraio 2023 sulla rivista Scientific Reports (s41598-023-29667-w) ha studiato la relazione tra fuoco di Sant’Antonio e rischio vascolare a lungo termine.

Nell’attuale analisi, abbiamo studiato se la sofferenza di un episodio acuto di HZ è associata a un aumento del rischio vascolare a lungo termine utilizzando un ampio database computerizzato HMO. Sebbene non siano riusciti a raggiungere la significatività dopo 5 anni di follow-up, i nostri risultati mostrano comunque che l’infezione da HZ tendeva verso un aumento del rischio a lungo termine di eventi ischemici nella nostra coorte, inclusi eventi cerebrovascolari e coronarici. Il rischio di MACCE era del 19% più alto tra i malati di HZ nel primo anno di follow-up e questo rischio è stato mantenuto per almeno 4,4 anni dopo l’episodio. Non è stato influenzato dalla somministrazione di agenti antivirali durante l’episodio HZ.

Precedenti studi hanno riportato principalmente un aumento del rischio di ictus a breve termine (settimane o mesi) dopo un episodio HZ. Schink et al.8 hanno dimostrato che il rischio di ictus aumentava nella prima settimana dopo l’infezione da HZ e poi diminuiva nel successivo periodo di follow-up di 6-12 mesi. Minassiant et al.9 hanno osservato un aumento dell’incidenza di ictus poche settimane dopo l’infezione da HZ e un graduale declino del rischio di ictus nelle settimane successive.

Sreenivasan et al.10 hanno riportato un picco nell’incidenza di ictus 2 settimane dopo l’infezione da HZ analizzando un vasto database (4,6 milioni di iscritti) in Danimarca, seguito dalla moderazione di questo rischio per un periodo di 1 anno. Un modello simile di aumento del rischio di ictus nelle settimane successive all’infezione da HZ e quindi di diminuzione del rischio durante i mesi successivi è stato dimostrato anche da Langan et al.11. 

Anche una meta-analisi condotta da Liu et al.12 che riassume i dati di otto studi ha mostrato un aumento a breve termine del rischio di ictus seguito da un calo di tale rischio dopo l’infezione da HZ, con il più alto livello di rischio durante le prime 2 settimane (rischio rapporto [RR]: 2,36), con il RR che scende a 1,56, 1,17 e 1,03 rispettivamente a 1, 3 e 6 mesi.

È interessante notare che Marra et al.13 non hanno trovato alcuna associazione tra HZ e ictus in un lungo intervallo di follow-up di 3 anni. Il rischio precoce di ictus post-HZ e IMA è stato attribuito a uno stato di ipercoagulabilità causato da anticorpi autoimmuni protrombotici come la formazione di anticardiolipina durante l’infezione da HZ14, complessi immunitari circolanti e infiammazione sistemica15.

Nel loro studio retrospettivo, Breuer et al. hanno mostrato che l’HR per TIA e IM ma non per l’ictus era aumentato in tutti i pazienti con HZ16. Tuttavia, i pazienti HZ inclusi in questo studio presentavano un numero significativamente maggiore di fattori di rischio cardiovascolare (diabete, ipercolesterolemia, ipertensione, fumo) rispetto ai soggetti di controllo abbinati, il che rappresentava un importante bias nel follow-up a lungo termine degli eventi vascolari nei soggetti HZ.

Questo si può dire anche dello studio danese summenzionato sebbene entrambi gli studi abbiano identificato il rischio di ictus e TIA come più alto in coloro la cui HZ si è verificata sotto i 40 anni10,16. Sebbene il nostro studio non abbia segregato i gruppi di età, il nostro robusto metodo di aggiustamento ha mitigato questo pregiudizio e ci ha fornito un’analisi più neutra degli effetti a lungo termine dell’HZ su tutti i principali eventi avversi cardiaci e cardiovascolari, inclusi ictus, TIA, IM.

Nel loro studio prospettico, Curhan et al. hanno dimostrato risultati simili alle nostre osservazioni e hanno mostrato un’implicazione a lungo termine dell’HZ nell’ictus e nella malattia coronarica 17. Sebbene abbiano basato la loro analisi su informazioni auto-riportate sull’HZ senza considerare il trattamento, i nostri risultati ampliano i loro risultati e insieme implicano che il l’aumento del rischio non è limitato al sistema cerebrovascolare ma rappresenta invece un livello elevato di rischio sistemico cerebrovascolare e coronarico 16.

È difficile determinare dai nostri risultati se questo aumento del rischio sia causato dall’evento HZ, potenzialmente derivante da alterazioni infiammatorie e protrombotiche che possono persistere per anni, o se l’episodio HZ sia invece un marker per un aumento del rischio vascolare, con i pazienti che presentano una maggiore rischio vascolare quando si è esposti a HZ.

Sebbene studi precedenti sugli esiti cardiovascolari a breve termine7,11,18,19 e a lungo termine10 dopo l’uso di antivirali nei pazienti HZ abbiano mostrato effetti positivi significativi, i nostri risultati tendono a mostrare l’effetto opposto, suggerendo persino un esito negativo dei trattamenti antivirali a lungo sopravvivenza a lungo termine. 

Questo dovrebbe essere messo in prospettiva poiché il disegno del nostro studio non ci ha permesso di rivedere informazioni dettagliate riguardanti le opzioni di trattamento, i piani di trattamento o la compliance terapeutica dei pazienti per un periodo di follow-up di 15 anni. Tuttavia, dovremmo anche considerare che nella pratica clinica, gli agenti antivirali sono più frequentemente somministrati a pazienti HZ con condizioni di comorbilità sottostanti. 

Sebbene abbiano ricevuto un trattamento nella fase acuta dell’infezione, gli effetti residui a lungo termine dell’HZ potrebbero aver avuto un impatto negativo sulla già fragile omeostasi vascolare in questi individui, ulteriore diminuzione della sopravvivenza a lungo termine. Pertanto, riteniamo che sia più ragionevole interpretare l’HZ come un marker di alto rischio vascolare piuttosto che un fattore causale.

Lo studio attuale ha alcune limitazioni. In primo luogo, la definizione del caso si basava su dati raccolti a livello amministrativo, lasciando i casi di pazienti HZ non diagnosticati non registrati nel database. Tale classificazione errata può potenzialmente ridurre la dimensione dell’effetto verso l’ipotesi nulla. In secondo luogo, i nostri dati non includevano lo stato di vaccinazione HZ, che potrebbe essere una limitazione dato che la letteratura recente ha mostrato un ridotto rischio di sequele neurologiche post-infezione nei pazienti vaccinati 20.

In terzo luogo, poiché il nostro studio si è concentrato principalmente sull’impatto dell’HZ sugli effetti vascolari e non comprendeva informazioni dettagliate su vaccinazioni e trattamenti, è stato possibile raccogliere solo dati limitati sull’influenza a lungo termine delle terapie HZ sulle patologie cardiovascolari. Infine, i dettagli clinici mancanti, come la posizione del dermatoma HZ, hanno precluso qualsiasi analisi approfondita del tipo di esposizione o delle sue implicazioni. Tuttavia, il nostro studio ha alcuni punti di forza degni di nota.

Questo è il primo studio a esplorare il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti HZ rispetto ai pazienti non HZ per un periodo di 15 anni. Inoltre, l’impostazione unica di un sistema sanitario centralizzato con un unico ospedale terziario che cura tutti i pazienti acuti nella regione consente la valutazione affidabile del rischio vascolare in una coorte molto ampia di pazienti.

I risultati del nostro studio suggeriscono che HZ è un marcatore di rischio vascolare a lungo termine. Sulla base della nostra osservazione, i medici dovrebbero considerare di rivalutare il profilo di rischio vascolare dei pazienti che si stanno riprendendo da HZ. Sono necessari ulteriori studi per determinare come una storia di HZ dovrebbe essere incorporata nei calcolatori del rischio cardiovascolare e per valutare l’impatto a lungo termine dei vaccini e delle strategie di mitigazione su tale rischio.

Conclusione

Lo studio condotto da Yi-Chen Chen e colleghi fornisce la prova di un’associazione tra l’infezione da COVID-19 e un aumentato rischio di sviluppare l’herpes zoster. Questa associazione ha diverse potenziali implicazioni per la salute a lungo termine dei pazienti con COVID-19, nonché per lo sviluppo del vaccino. Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare i meccanismi alla base di questa associazione e per determinare le strategie più efficaci per prevenire e curare l’herpes zoster nei pazienti con COVID-19.


collegamento di riferimento: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/jmv.28745

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9911591/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.