Integratori sportivi intrisi di droghe illegali: i ricercatori riscontrano livelli allarmanti di frode

0
236

Da quando la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha vietato l’efedra dagli integratori alimentari nel 2004, l’industria degli integratori ha cercato composti botanici alternativi per promuovere il potenziamento sportivo.

Questi composti includono estratti di Rauwolfia vomitoria contenenti α-yohimbina, metilliberina, halostachina, turkesterone e octopamina, tutti commercializzati per i loro effetti stimolanti o anabolizzanti.

Tuttavia, la FDA non approva questi ingredienti per l’efficacia o la sicurezza prima della loro introduzione e le ispezioni hanno rivelato problemi di qualità di produzione tra i produttori di integratori, come l’incapacità di stabilire l’identità, la purezza o la composizione del prodotto finale.

Per affrontare queste preoccupazioni, questo studio mira a determinare l’accuratezza delle etichette degli integratori alimentari che dichiarano la presenza di R. vomitoria, metilliberina, halostachine, octopamina e turkesterone.

Metodi

I prodotti integratori alimentari sono stati selezionati per questa serie di casi se erano etichettati come contenenti uno dei cinque ingredienti specificati. I ricercatori hanno acquistato tutti i prodotti online e sono stati esclusi quelli che non elencavano uno dei cinque ingredienti. La polvere di questi integratori alimentari è stata ricostituita in metanolo e analizzata utilizzando la spettrometria di massa a tempo di volo quadrupolare per cromatografia liquida per identificare e quantificare i cinque ingredienti e tutti gli ingredienti vietati dalla FDA.

Risultati

Dei 63 prodotti acquistati, sei non hanno elencato nessuno dei cinque ingredienti mirati, lasciando 57 prodotti per l’analisi. Tra questi, 13 sono stati etichettati per contenere R. vomitoria, 21 metilliberina, 8 turkesterone, 7 halostachine e 8 octopamina.

Sorprendentemente, 23 prodotti su 57 (40%) non contenevano alcuna quantità rilevabile dell’ingrediente etichettato. Per i prodotti che contenevano l’ingrediente elencato, la quantità effettiva variava in modo significativo, da un minimo dello 0,02% a un massimo del 334% della quantità indicata.

Solo sei prodotti (11%) contenevano una quantità di ingrediente inferiore al 10% rispetto a quella indicata in etichetta. Inoltre, 7 prodotti su 57 (12%) contenevano almeno un ingrediente proibito dalla FDA.

Lo studio ha identificato cinque diversi composti proibiti dalla FDA, tra cui 1,4-dimetilamilamina, deterenolo, octodrina, oxilofrina e omberacetam. Dei prodotti analizzati, sei contenevano uno di questi ingredienti proibiti, mentre un prodotto conteneva un allarmante mix di quattro diversi ingredienti proibiti.

Discussione

I RISULTATI DI QUESTO STUDIO SONO PREOCCUPANTI, POICHÉ L’89% DELLE ETICHETTE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI DICHIARAVA IN MODO INESATTO GLI INGREDIENTI PRESENTI NEI PRODOTTI.

Ciò si discosta in modo significativo dagli studi precedenti condotti prima del divieto dell’efedra da parte della FDA, che hanno dimostrato che il 50% dei prodotti conteneva efedra entro il 10% della quantità indicata. Uno studio più recente sul contenuto di caffeina negli integratori sportivi ha rilevato che il 45% dei prodotti conteneva quantità di caffeina entro il 10% della quantità indicata sull’etichetta. Al contrario, questo studio evidenzia che solo l’11% dei prodotti ha elencato accuratamente gli ingredienti effettivi, mentre i restanti prodotti mancano dell’ingrediente dichiarato o contengono quantità imprecise.

Inoltre, i limiti dello studio dovrebbero essere riconosciuti, tra cui la piccola dimensione del campione, l’analisi di un solo campione per marca e l’attenzione agli integratori contenenti i cinque ingredienti mirati. Queste limitazioni possono sollevare interrogativi sulla generalizzabilità dei risultati ad altri ingredienti botanici negli integratori sportivi e se le quantità degli ingredienti potrebbero variare anche tra i lotti all’interno della stessa marca.

Conclusione

Alla luce dei risultati, i medici dovrebbero consigliare ai consumatori di prestare attenzione quando considerano integratori che affermano di contenere ingredienti botanici con effetti stimolanti o anabolizzanti. Lo studio dimostra che la maggior parte delle etichette degli integratori alimentari non dichiara accuratamente i propri ingredienti e alcuni prodotti contengono persino farmaci proibiti dalla FDA. Ciò richiede un controllo e una regolamentazione più intensi nel settore degli integratori alimentari per garantire la sicurezza dei consumatori e l’efficacia del prodotto.


Abbreviazioni: 1,4-DMAA, 1,4-dimetilamilamina; NA, non applicabile; ND, non rilevato;
NP, non possibile (stima non possibile data la mancanza della quantità dichiarata di ingrediente in etichetta).
un estratto di R vomitoria è stato considerato non rilevato se le analisi non hanno rilevato almeno 5 alcaloidi R vomitoria comuni (ovvero rauwolsine, ajmaline, serpentinine, yohimbine e reserpine), con un limite di rilevamento di 10 ng/mL per ciascun alcaloide.
b Il meccanismo d’azione dell’omberacetam è sconosciuto; è commercializzato in Russia come Noopept. Il farmaco non è mai stato approvato per l’uso negli Stati Uniti.
c L’ingrediente è dichiarato sull’etichetta.
d Octodrine è stato commercializzato come parte di un farmaco orale multicomponente in Germania. Il farmaco non è mai stato approvato per uso orale negli Stati Uniti.
L’1,4-DMAA è un analogo della 1,3-dimetilamilamina, un’ammina simpaticomimetica introdotta negli inalatori nasali negli anni ’40 negli Stati Uniti. L’1,4-DMAA non è mai stato approvato come farmaco per l’uso negli Stati Uniti o altrove.

f L’ingrediente non è stato dichiarato sull’etichetta.
g Per i prodotti turkesterone, ND significa non rilevato, con un limite di rilevamento di 25 ng/mL.
h Per i prodotti alostachina e octopamina, ND significa non rilevato, con un limite di rilevamento di 50 ng/mL.
i Deterenol è un β-agonista precedentemente disponibile in Europa come preparazione oftalmologica per il trattamento del glaucoma. Non è mai stato approvato per l’uso dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.
j L’oxilofrina è un farmaco sviluppato in Europa negli anni ’30 con effetti di stimolazione cardiaca simili all’efedrina. Il farmaco non è mai stato approvato per l’uso dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.


link di riferimento: https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2807343

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.